BANNER-ALTO2
A+ A A-

L’estate è ormai finita ed è tempo di scelte politiche

La gente ancora oggi si sta ponendo insistentemente la domanda “Cade, non cade?”. Ovviamente riferita alla giunta.

 

 

 

Un amministratore mi ha assicurato la sopravvivenza della giunta Pizzino( &c) per tutti i 5 anni del mandato elettorale.

“Ma come può durare qualcosa che non fa quasi niente?” ha chiesto un amico presente.

A tal punto gli ho ricordato l’effetto della bicicletta con la quale “già andando pianissimo si innesca l’effetto giroscopico delle ruote, ossia inizia quella capacità dinamica di un corpo di rimanere sul proprio asse quando inizia a girare su se stesso”

Si! Se le ruote girano velocemente la giunta rimane in piedi ed arriva anche prima.

Ma resta in piedi anche andando piano, soprattutto se la strada possa diventare una discesa come sembra potrebbe avvenire se viene approvato il bilancio consolidato.

Ovviamente resta la possibilità di una foratura, evento che può sempre verificarsi.

E se cade il primo, rischiano di cadere tutti gli altri.

E qualche foratura è già avvenuta.

Più di una.

Senza offesa per nessuno, le ricordiamo.

Un consigliere è stato posto gli arresti e si è immediatamente ed elegantemente dimesso. Intimamente pensiamo che alla fine sarà assolto non sembrando sussistere alcun elemento atto ad una pronuncia sfavorevole nei suoi confronti.

Un assessore trascinato in un giudizio, ora giunto in cassazione, si è anche lui immediatamente ed elegantemente dimesso ed immediatamente è stato sostituito in giunta.

Un altro, infine, è stato posto ai domiciliari ed il sindaco gli ha revocato l’ incarico di assessore.

Ma non è stato sostituito nella giunta che ancora oggi manca di un elemento.

Una assenza non compresa. Da nessuno. Né dagli elettori, né dalla opposizione, e nemmeno da chi nella maggioranza aspetta una opportunità politica.

Tanto più dopo la recente pronuncia del Tdl che, sembra- ci dicono fonti qualificate-, abbia sollecitato l’interesse del nuovo Prefetto.

Che cosa significa non è dato sapere ma sembra che un suo intervento possa essere solutivo anche per la sopravvivenza della Giunta Pizzino inducendo l’atteso rimpasto.

Non chiedeteci chi sostituirà Emma Pati .

Le indicazioni sono diverse.

Una parla di Caterina Ciccia che poi sarebbe sostituita nella carca di presidente del consiglio da Enzo Giacco…...

L’altra ………. Ne parliamo dopo la festa di San Francesco.

Pubblicato in Politica

Ecco cosa si legge su il corrieredella calabria:

«La politica di Amantea ha “boicottato” la Guarimba»

La parola magica dell’estate calabrese ormai da diversi anni è: festival.

 

 

Ce ne sono di tutti i tipi: finanziati dagli enti pubblici, autofinanziati; intellettualmente impegnati, accalappia-turisti.

Nord e sud della regione, Jonio o Tirreno; non c’è città, borgo o angolo che rinunci alla nuova “industria culturale”.

E finita l’estate arriva poi il momento di fare i conti con il pallottoliere.

Ma, tirate le somme, gli “obiettivi” (raggiunti o meno) di fine stagione arrivano puntuali.

Ad Amantea, Giulio Vita, ideatore de La Guarimba film festival non le manda a dire agli amministratori della sua città. «Abbiamo reperito fondi per realizzare un festival internazionale a ingresso libero con una proposta per adulti e per bambini, abbiamo portato turismo da tutta l’Italia e da fuori.

E l’amministrazione intanto ci ha solo messo bastoni tra le ruote, insultandoci, invitandoci ad andarcene a Belmonte, “perdendo” le nostre richieste, mettendo in discussione l’impatto culturale ed economico del festival, non facendo manutenzione in uno dei parchi più belli del mondo.

Non solo non sono venuti manco un giorno ma neanche ci hanno fatto i complimenti per essere riusciti a fare il pienone ogni sera con una proposta di cinema indipendente».

«Fino al 29 luglio non sapevamo se avevamo o meno il permesso di poter realizzare l’evento – dice Giulio Vita –. Il protocollo che avevamo firmato per fare in modo che tutta la parte burocratica fosse completa risultava essere smarrito.

Ho chiamato il sindaco per chiedergli come fosse possibile una cosa del genere e mi ha invitato a “trasferire” il mio festival a Belmonte».

La Guarimba Film Festival, propone agli spettatori dei cortometraggi scelti nel corso dell’anno, ma non solo: nei giorni della manifestazione si svolgono anche incontri e workshop apprezzati soprattutto dagli stranieri che raggiungono la città tirrenica.

Con il passare del tempo il festival del cinema è entrato nella rete degli eventi patrocinati dal ministero dei Beni culturali e proprio il bollino del ministero è stato utile per fare in modo che tutto venisse realizzato secondo programma.

«Il sindaco – continua Vita – si è rimangiato quello che mi aveva detto solo quando è stato contattato da Roma.

Noi nel frattempo abbiamo pulito il “parco della Grotta” (dove avvengono le proiezioni, ndr) con i nostri volontari e anche per questo siamo stati “contestati”.

Siamo andati aventi autonomamente riuscendo a fare lo stesso il festival».

Concetta Veltri, assessore al turismo di Amantea, sul trattamento riservato agli organizzatori de La Guarimba replica senza troppi giri di parole.

«Tutti gli organizzatori sono stati trattati allo stesso modo.

Avevamo come amministrazione un obiettivo: risparmiare, e su questa linea abbiamo lavorato affinché si riuscisse a svolgere un cartellone estivo andando incontro alle esigenze di tutti».

E l’ideatore de La Guarimba scocca una frecciatina anche sul consistente numero di eventi svolti a Campora San Giovanni con le relative spese per il palco e le sedie.

«Se ci accusano che tutte le attività culturali si sono spostate nella zona di Campora San Giovanni posso dire tranquillamente – continua l’assessore – che non è vero.

Il calendario degli eventi lo testimonia, come Comune abbiamo fornito il supporto logistico e se c’è stata una sorta di ridimensionamento degli eventi siamo cresciuti in qualità».

In principio fu Albertino, poi Malgioglio, infine nessuno dei due.

Alla notte bianca di Amantea, (evento storico della città) Dj Albertino e Cristiano Malgioglio dovevano fare da animatori, ma non si sono presentati.

A dire il vero il primo ad essere contattato è stato il disc jokey che però dopo aver letto del suo ingaggio il giorno di Ferragosto scrive sul suo profilo: «È una notizia falsa, starò a casa mia».

L’assessore alla cultura spiega l’accaduto come ci sia stato un disguido tra i manager.

«Non organizziamo la Notte bianca con soldi dell’ente ma attraverso i fondi regionali della legge 13 e del bando cultura.

Del secondo bando –continua l’assessore Veltri – non abbiamo ancora notizia.

Si tratta comunque di accordi che prendono i manager e ci siamo ritrovati a pochi giorni dall’evento a dover rinunciare a Dj Albertino per delle incomprensioni».

Ma a saltare è stato anche il “rincalzo” Cristiano Malgioglio; a frenare l’arrivo del “ciuffo bianco” più in voga del momento è stato un mal di gola.

Nessuno dei due arriva ad Amantea e i cittadini mugugnano.

Un malessere che Giulio Vita riassume in poche battute. «Quando si dà colpa ai cittadini invece di ammettere le proprie colpe, mi sale una risata amara perché questa terra sì che può cambiare ma per farlo voi ve ne dovete andare e chiedere scusa di questa estate oscena.

Noi guarimberos siamo qui per lavorare seriamente. Speriamo non avere gli stessi problemi l’anno prossimo»

Michele Presta

Ecco cosa scrive Tommaso Signorelli:

Carissimo Sindaco, tutti avvertiamo che per te e la tua Amministrazione è il momento più difficile....a distanza di un anno e 2 mesi dal vostro insediamento, il FALLIMENTO POLITICO AMMINISTRATIVO è un dato di fatto....ne’ puoi affermare nel tuo articolo che “Amantea ha bisogno di una svolta”....queste dichiarazioni le hai già fatte un anno fa in campagna elettorale....

NESSUNO TI CREDE PERCHÉ TROPPE SONO STATE LE PROMESSE FATTE DA TUTTI VOI alla città di Amantea e ad oggi, state passando come la PEGGIORE AMMINISTRAZIONE DI TUTTI I TEMPI....

IL PAESE È ALLO SBANDO TOTALE....

LA SPORCIZIA REGNA SOVRANA IN TUTTO IL TERRITORIO,

CI SONO ZONE DI AMANTEA E CAMPORA SENZA ACQUA POTABILE,

IL COMANDO DELLA POLIZIA MUNICIPALE È SOTTO DIMENSIONATO, QUELLE POCHISSIME UNITÀ CHE LAVORANO NON POSSONO CONTROLLARE UN TERRITORIO VASTO COME IL NOSTRO, LA VIABILITÀ È DISASTROSA,

CI SONO ZONE DELLA NOSTRA CITTÀ COMPLETAMENTE AL BUIO (sia nel centro cittadino che nelle zone periferiche),

LE SPIAGGE LIBERE SONO IN CONDIZIONI PESSIME,

LE PERIFERIE ABBANDONATE A SE STESSE....

Volutamente mi fermo qui perché c’è un elenco che non finisce mai....e non puoi sempre COPRIRTI CON IL DISSESTO...ne eravamo tutti al corrente il giorno in cui abbiamo deciso di candidarci.....oggi IL DISSESTO NON PUÒ E NON DEVE essere la tua ancora di salvataggio....

Nel tuo comunicato affermi che “non accetti la restituzione delle deleghe da parte di qualunque amministratore in carica”....anche in questo dimostri di non essere coerente nei confronti di chi si è candidato nella tua lista ed è risultato essere determinante per la tua elezione a Sindaco....parlo di Giusta Rocco e Robert Aloisio.....nei loro confronti e dei loro elettori credo che hai sbagliato....

Concludo con una proposta pubblica:

Per il bene della nostra amata terra, fai un rimpasto di GIUNTA e nomina 5 Assessori Esterni.

Ti garantisco il mio sostegno e quello del Gruppo che rappresento in Consiglio Comunale.

Se realmente vuoi dare una svolta NOMINA una Giunta fatta da persone ESPERTE E COMPETENTI....

gli attuali Assessori, sono tutti bravi ragazzi ma devono fare prima un po’ di esperienza come Consigliere Comunale....se i tuoi ASSESSORI vogliono veramente bene alla CITTÀ dovrebbero fare tutti un passo indietro e collaborare con ASSESSORI ESPERTI....

AMANTEA, IN QUESTO MOMENTO STORICO, NON PUÒ AVERE UNA GIUNTA FORMATA SOLO SULLA BASE DI UN CONSENSO ELETTORALE.....PER DI PIÙ IN ORDINE CRONOLOGICO.....

SE FAI QUESTO AVRAI IL MIO SOSTEGNO DALL’ESTERNO....COME SEMPLICE CONSIGLIERE COMUNALE (meglio precisare).

Viceversa se continui con il TIRARE A CAMPARE STAI FACENDO UN DANNO IRREPARABILE ALLA NOSTRA SPLENDIDA CITTÀ....

Pubblicato in Primo Piano

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa del PD

“Un anno di consiliatura del Segretario PD Amantea Enzo Giacco

 

 

 

 

 

Venerdì 29 giugno 2018 alle ore 20.00 in Piazza Calavecchia - presso la cantina Amarcord – il Segretario del Partito Democratico di Amantea, Enzo Giacco, terrà una conferenza per tirare le somme del primo anno di consiliatura.

L’occasione sarà utile per fare il punto su quanto fatto in merito alle politiche culturali, all’associazionismo, agli stimoli offerti alle politiche socio-assistenziali e socio-sanitarie del Poliambulatorio cittadino, allo sport ed alla gestione delle strutture comunali, alla regolamentazione dei vari aspetti della vita dell’Ente comunale.

Sarà un momento anche per riflettere sulle azioni che dovranno caratterizzare il futuro dell’azione amministrativa, anche con riferimento agli stimoli che il Partito Democratico ha voluto dare nelle ultime settimane.

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

Amantea, 23 giugno 2018                                                     PD AMANTEA

Pubblicato in Politica

Poliambulatorio di AmanteaContinua l’importante azione della Direttrice distrettuale Angela Riccetti in favore delle cittadine e dei cittadini di Amantea.

Nei prossimi giorni, infatti, saranno avviate le attività di screening per la prevenzione del tumore del colon retto, rivolte alla popolazione maschile e femminile assistita compresa fra 50 e 69 anni. A tal riguardo sono già state inoltrate agli utenti le lettere personalizzate nelle quali è indicata la modalità di accesso allo screening.

Nel mese di luglio, inoltre, sarà presente presso il Poliambulatorio di Amantea l’Unità mobile di mammografie per lo screening del cancro della mammella, rivolto alla popolazione femminile nella fascia di età compresa fra i 50 ed i 60 anni.

A breve, ancora, grazie ad un protocollo di intesa con l’Azienda Ospedaliera, sarà possibile eseguire anche il test per la ricerca di HPV, per la popolazione femminile in età compresa tra i 30 ed i 64 anni, di fondamentale importanza per la prevenzione del cancro della cervice uterina.

Nella consapevolezza che l’attività di screening oncologico ha maggiore valore se rivolta alla più ampia porzione possibile di popolazione, l’Azienda Sanitaria di concerto con l’Amministrazione Comunale ha organizzato – per il 23 giugno 2018, alle ore 19.00 nella sala consiliare del Comune di Amantea - una giornata di sensibilizzazione che ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dell’importanza dei programmi di prevenzione oncologica ed alla quale parteciperanno il Sindaco Mario Pizzino, il Delegato al Poliambulatorio Enzo Giacco, il Direttore Generale Raffaele Mauro, la Direttrice del Distretto Angela Riccetti, la Responsabile dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico Distretto Tirreno Franca Santelli, la Responsabile dell’Osservatorio screening Asp CS Anna Giorno, il gastroenterologo Mauro Maglia e l’infermiere Pietro Vaccaro dell’Ufficio screening Asp CS, il Responsabile della Radiologia del Distretto Tirreno Antonio Lopez, i radiologi Franco Crispino e Maria Berardelli, la Responsabile Consultorio familiare di Amantea Carmela Sesti, ed il gastroenterologo dell’Ospedale di Praia a Mare Antonio De Lio.

L’obiettivo è quello di realizzare interventi di prevenzione oncologica attivamente offerti, a titolo totalmente gratuito, alla popolazione residente per tutto il percorso diagnostico e terapeutico.

Si tratta di iniziative di grande rilevanza, frutto delle positive sinergie tra Azienda Sanitaria e Amministrazione Comunale, che affrontano il tema dell’assistenza e della prevenzione in un’ottica di evoluzione, anche culturale, del sistema socio-sanitario e socio-assistenziale.

Si comunica, infine, che a breve – per come richiesto dal Consigliere Giacco – sarà avviato presso il Poliambulatorio cittadino uno sportello di cittadinanza attiva che avrà il compito di raccogliere e filtrare le istanze provenienti dai cittadini con l’obiettivo di armonizzare sempre più le attività poliambulatoriali con le istanze avanzate dalla popolazione e con le specificità che emergono dal territorio.

L’Amministrazione Comunale di Amantea

Il Distretto Sanitario del Tirreno

Pubblicato in Primo Piano

Si è svolto ieri sera un interessanti tavolo di confronto tra l’associazione commercianti di Amantea, “rinforzata” da un rappresentante dell’ associazione commercianti di Campora San Giovanni, e l’amministrazione comunale.

Per l’amministrazione comunale erano presenti il Sindaco Mario Pizzino, l’Assessore Concetta Veltri e l’assessore Luca Ferraro.

Un incontro di forte collaborazione nell’interesse della comunità amanteana e camporese.

Diversi i temi trattati.

Molti i punti di incontro, diversi quelli sui quali sono emerse distanze, non si sa quanto e se colmabili.

O commercianti hanno ricordato all’amministrazione di avere chiesto la possibilità di acquistare i ticket per le strisce blu da offrire gratuitamente ai propri clienti.

Una buona cosa per meglio fidelizzare i propri clienti evitando le contravvenzioni troppo tempestive

Una buona cosa per sterilizzare ogni forma di reattività, talvolta anche poco logica, da parte degli utenti del sistema commerciale amanteano ai quali le strisce blu garantiscono i parcheggi.

Lamentano i commercianti la mancanza di una positiva risposta

Un punto invece non accettato e fortemente contestato dai commercianti sono i tutor-autovelox posti sulla SS18 che dovrebbe essere percorsa alla risibile velocità di 50Kmh per garantire la sicurezza dei pedoni in particolare della località Acquicella.

Una velocità che rallenterebbe fortemente il flusso auto veicolare con creazione di inaccettabili file di auto.

Una velocità che comporterebbe il tempo minimo di 15 minuti per attraversare la SS18 amanteana!

Semafori a parte !

E senza capirne le ragioni!

Proprio per valutare le possibili forme di difesa , ad ogni livello, è stata chiesta al sindaco una copia del decreto Prefettizio e che non è stato pubblicato.

E non si esclude un formale accesso agli atti della Prefettura ai sensi delle legge 241/90.

Il traffico in buona sostanza è stato l’argomento principe della ampia, serena, approfondita e produttiva discussione.

La serenità e produttività dell’incontro è confermato anche dal fatto che l’associazione ha fortemente chiesto l’impianto di una attenta cartellonistica per la migliore conoscenza dei valori del territorio e per la migliore visitabilità della città

È stato sollecitato anche l’impianto della segnaletica d indicazione dei parcheggi di Via E Noto, eventualmente della scuola media così da permettere alla utenza extra amanteana un parcheggio prossimo a Via Margherita durante gli orari di isola pedonale.

Altri temi trattati sono stati la pulizia del territorio da garantirsi con sanzioni educative.

A tal proposito si è chiesto la attuazione di un fattivo sistema di videosorveglianza.

Altri argomenti trattati sono stati il bilancio sul quale sono state poste molte domande ed il turismo.

Il sindaco Pizzino e gli assessori veltri e Ferraro hanno offerto tutte le indicazioni utili ad un confronto costruttivo .

L’ANCRI è l’Associazione Nazionale dei Cavalieri al Merito della Repubblica Italiana.

Stamattina a Cosenza si è svolta la manifestazione

Alle 9.30 i rappresentanti delle 74 Sezioni Territoriali italiane si sono riunite in piazza Biliotti con il Tricolore e i gonfaloni dell’ACRI di tutte le regioni partecipanti.

E’ seguito lo spostamento a piedi per corso Mazzini, piazza Kennedy, piazza 11 settembre con arrivo in piazza dei Bruzi, sede del Comune di Cosenza.

Alle 11.15 è stata deposta una Corona di Alloro al Monumento ai Caduti in piazza della Vittoria che, per la circostanza, assume una valenza significativa per la ricorrenza del centenario della vittoria della prima guerra mondiale ’15-’18.

Subito dopo, nella piazza antistante il Comune si è tenuta la cerimonia di chiusura del Raduno.

Sono seguiti i saluti istituzionali del Prefetto Gianfranco Tomao, del Questore Giancarlo Conticchio e del Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto.

Sono seguiti gli interventi del Presidente dell’Ancri e di altre personalità.

Per noi Francesco Gagliardi che ci ha inviato le foto della giornata.

Eccole.

Per il comune di Amantea il sindaco Mario Pizzino che pur tra tantissimi impegni istituzionali è riuscito a trovare il tempo di essere presente in nome e per conto della città di Amantea.

Francesco Gagliardi richiama la favoletta di Esopo del lupo e dell’agnello…

Ma ecco cosa scrive :

“Le ultime vicissitudini giudiziarie di Franco La Rupa e i due articoli apparsi su Tirreno News di Francesca Menichino e di Tommaso Signorelli che chiedono le dimissioni del Sindaco Pizzino, eletto democraticamente con una schiacciante maggioranza nella tornata elettorale dell’11 giugno dello scorso anno, mi hanno indotto a fare alcune considerazioni e riflessioni.

Ma come? dirà qualcuno. Cosa ci azzecchi tu che sei di San Pietro in Amantea!

Calma, ragazzi. Non vi agitate. Ho tutte le carte in regola per parlare di Amantea e interessarmi dei suoi problemi.

Mio padre era nato a Cannavina, quindi era un “Mantioto” come voi.

I miei nonni paterni abitavano a Cannavina e quando sono morti, sono stati seppelliti nel cimitero di Amantea.

Mio padre riposa in pace in un cimitero lontano dalla sua terra natia che amava tanto perché emigrò giovanissimo in America e lì morì e fu sepolto nel cimitero cattolico di Ebensburg, cittadina dello Stato della Pennsylvania.

Io sono nato in Amantea. Sì, in Amantea, perché nel lontano 1933 San Pietro in Amantea era una frazione di Amantea.

Quindi, per un diritto acquisito ( i giuristi lo chiamano Jus) sono un “Mantioto” pure io a tutti gli effetti ed allora marginalmente e occasionalmente potrò anche occuparmi dei problemi della mia cara e nobile città di Amantea che mi ha dato i natali oltre a quelli dei miei avi.

E se a qualcuno non piacerà, pazienza. Non legga lo scritto.

Detto ciò, a questo punto mi è venuta alla mente la bella favoletta di Esopo che voi tutti certamente conoscete e che forse avete studiato alla scuola media: Il lupo e l’agnello.

Il lupo vide l’agnello ad un ruscello che beveva e gli venne voglia di mangiarselo con qualche bel pretesto. Mi sporchi l’acqua!

Ma io sono sotto e tu sei sopra, rispose il povero agnellino.

Sei mesi fa hai parlato male di me. Ma che dici, sono ancora giovane e sei mesi fa non ero nato.

Tuo padre lo scorso anno parlò male di me. Quali colpe avrebbe potuto avere il povero agnellino se suo padre avesse davvero parlato male del lupo?.

Tuo padre mi è stato nemico e tu, per colpa sua, patirai la pena di ogni cosa.

Ma guarda un po’ che tipo di ragionamento che ha fatto il lupo. Per colpe non sue ora dovrebbe finire sbranato dal lupo famelico.

Infatti il lupo lo volle mangiare comunque.

C’è un antico proverbio che recita:- Se un uomo potente ti vuole nuocere, facilmente troverà causa Ma veniamo al nostro caso.

La Menichino e il Signorelli ( che io non conosco. Il Sindaco l’ho conosciuto solo una volta in occasione di una presentazione di un libro nella Sala Consiliare di Amantea ) hanno in mente di ottenere un vantaggio, quello di ottenere le dimissioni del Sindaco Pizzino, democraticamente eletto dai cittadini di Amantea e quindi si inventano pretesti, e non è possibile farli desistere.

Signorelli ha chiesto le dimissioni del Sindaco (vedi nota del 14 aprile) e le ha chieste per l’ennesima volta.

Lui ha scritto:- Per il bene di Amantea -. E quale pretesto ha avanzato? Il Sindaco Pizzino durante la campagna elettorale dello scorso anno si era vantato di avere un candidato esterno di nome La Rupa.

E chi sarebbe questo Franco La Rupa?

E’ un ex Sindaco di Amantea e un ex Consigliere Regionale della Calabria.

La Rupa, come tutti sanno, è stato arrestato alcuni giorni fa ma poi il giorno successivo è stato rimesso in libertà per oscure vicende che risalgono addirittura al 2005 quando venne eletto per la prima volta Consigliere Regionale, se non vado errato con la lista dell’On. Mastella l’Udeur.

Ma anche la Sig.ra Menechino, consigliere di minoranza e capolista della lista Movimento 5Stelle nelle ultime elezioni amministrative, ha subito chiesto le dimissioni del Sindaco Pizzino appena saputa la notizia che La Rupa era stato arrestato.

Subito così ha scritto:- …La Rupa, incandidabile per via delle note giudiziarie, è stato rimesso in gioco da Mario Pizzino ed altri. La lista che guida la città di Amantea ha apertamente rivendicato di ispirarsi all’amico Franco ed ora che Franco è finito in galera dovrebbe fare una sola cosa: andarsene a casa in fretta. Sindaco: Dimettiti subito-.

Ma quali colpe ha il Signor Sindaco di Amantea delle vicende giudiziarie di Franco La Rupa?

Se Franco ha sbagliato, è lui e soltanto lui il responsabile. Cosa ci azzecca, direbbe Di Pietro,il Sindaco e l’Amministrazione Comunale!

Un consiglio vorrei darvi. Fate opposizione vera, forte, continua in seno al Consiglio Comunale e poi, fra quattro anni, presentatevi alla cittadinanza e dite quello che avete fatto in Consiglio, quello che avreste voluto fare e quello che ha fatto o non ha fatto il Sindaco in carica.

I cittadini di Amantea che non sono fessi sapranno scegliere e valutare: Mandare a casa il Sindaco uscente o mandare al Comune uno di voi.

Al Comune si va con libere elezioni non con le dimissioni di un Sindaco, solo perché amico fraterno di un cittadino colpito dalla Giustizia.

Parla Tommaso Signorelli

Sindaco PIZZINO, per l'ennesima volta, per il bene della CITTÀ di AMANTEA DIMETTITI.....

Tu che dici di essere un ALTO FUNZIONARIO DELLA PREFETTURA DI CATANZARO e nello stesso tempo ti sei vantato dai palchi di avere un CANDIDATO ESTERNO di nome LA RUPA FRANCO non hai altre possibilità se non le DIMISSIONI....

La lista azzurra, così come confermato da FULVIO CHILELLI, è stata voluta fortemente da FRANCO LA RUPA....

La maggior parte dei tuoi Assessori e Consiglieri Comunali, compreso te, si ispiravano a FRANCO LA RUPA e PRENDEVANO DIRETTIVE proprio dall'ex CONSIGLIERE REGIONALE tant'è che ogni giorno dovevano interloquire con lui o con il SINDACO ESTERNO FACENTE FUNZIONE e non perdevano mai occasione di dimostrarlo (Vedi la PARATA Processione del VENERDÌ SANTO...una vergogna).

MENO MALE CHE L'AMMINISTRAZIONE LA RUPA/PIZZINO/PD DOVEVA PORTARE FUORI DAL TUNNEL LA NOSTRA AMATA CITTÀ.....

SINDACO DIMETTETEVI.............

Riceviamo e pubblichiamo:

“Le dichiarazioni di Chilelli apparse oggi sulla stampa affermano, chiaramente e indiscutibilmente, la presenza e la guida “esterna” della lista Azzurra da parte di Franco La Rupa.

Ricordiamo tutti che il candidato sindaco delle 5 del mattino, Mario Pizzino, aveva ringraziato dai palchi elettorali l’onorevole La Rupa, il diciassettesimo uomo della Lista Azzurra, ma subito dopo le elezioni e a maggior ragione dopo l’arresto di Socievole e La Rupa, aveva negato l’evidenza e la realtà.

Oggi Chilelli dice “la lista Azzurra l’ho voluta fortemente io, insieme all’amico Franco La Rupa”.

Più chiaro di così si muore, o si potrebbe finire in galera!

Cosa potrà dire adesso Mario Pizzino?

Anche a qualche giorno di distanza della chiusura delle indagini a carico di La Rupa e Socievole accusati di voto di scambio e tentata estorsione?

In realtà la verità la conosciamo tutti e Fulvio Chilelli la ribadisce senza vergogna.

Dichiara Chilelli, di avere sostenuto e di sostenere questa amministrazione da cui ha ottenuto l’incarico di responsabile dell’ufficio di piano destinato a gestire milioni di euro.

Senza vergogna si parla di accordi, cordate, verosimilmente di “apparato che rema contro e di funzionari che si guardano e dicono no, io questa cosa non la faccio”, di spartizione delle deleghe tra consiglieri in base al numero dei voti presi e non alla competenza, insomma la decadenza della politica in tutti i suoi aspetti.

Quello che non sapevamo era che Pizzino era stato allontanato, cioè non era Pizzino che in un impeto di legalità non voleva La Rupa, ma era La Rupa che non voleva Pizzino!

Certo di amore contrastato si sarà trattato, mentre i due livelli di ciò che è lecito e di ciò che non lo è si intersecano, ai danni di una comunità che da un lato appare rassegnata, ma dall’altro ha scelto in massa alle ultime elezioni politiche il cambiamento e il M5s che però accordi, scambi, minacce e quant’altro hanno visto fermarsi al 22% delle comunali.

Era il 26 giugno quando il M5s in Consiglio ha votato contro la convalida di tali eletti che non meritano affatto di guidare la città di Amantea, e oggi dopo quasi un anno questo lo possiamo ribadire non solo per le “compagnie ed i comportamenti” elettorali ma anche per un’amministrazione quasi invisibile e dannosa, i cui risultati tra manutenzione, decoro, servizi, bilancio, tutela del lavoro e delle fasce deboli, sono sotto gli occhi rassegnati dei cittadini.

Basterebbero due cose su tutto: la scuola media su cui l’amministrazione è immobile e l’assessorato che non c’è, quello al bilancio in un comune in dissesto.

Tra l’altro proprio in questi giorni abbiamo scoperto che il Ministero dell’Interno ha inviato otto pagine di osservazioni, dando due mesi di tempo al Comune e su questo vi aggiorneremo nei prossimi giorni, mentre il sindaco tace.

Per non dire di altre indagini che dopo quelle sul voto di scambio, dopo quelle di Giusta, riguardano un assessore della giunta Pizzino e diversi funzionari del Comune.

Abbiamo chiesto chiarimenti e notizie anche attraverso il tavolo anticorruzione, ma non abbiamo ancora ottenuto nessuna risposta.

Tant’è.

Buona Pasqua a tutti.

Gruppo consiliare M5s Amantea

Francesca Menichino

Francesca Sicoli

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy