loading...
A+ A A-

vacanze calabriaCon l’arrivo dei mesi più caldi cresce la voglia di partire, fuggire dallo stress quotidiano per immergersi in rasserenanti frangenti di spensieratezza. Prima di fare le valigie però, è la meta del viaggio la variabile da definire. Senza biglietto alla mano per destinazioni dal sapore esotico, si possono coniugare il fascino di arte e cultura con il relax di spiagge assolate, gli itinerari montani al divertimento della vita notturna. Come? Esplorando i tesori raccolti nello scrigno delle terre calabre. Ecco i luoghi da non perdere.
Un evergreen delle tendenze viaggi è la ricerca delle spiagge più suggestive. La Calabria dispone di circa 800 km di costa e di alcuni dei paesaggi più incantevoli d’Italia. Uno di questi è la spiaggia di Arco Magno, posta a San Nicola Arcella, piccolo Paese della provincia di Cosenza; il contesto ideale per chi vuole respirare l’atmosfera di una natura incontaminata e gustarsi un panorama che lascia a bocca aperta.
Le spiagge di Grotticelle (Comune Ricadi, Vibo Valentia) presentano l’affascinante contrapposizione tra il verde della flora e il color turchese delle acque, separati da tratti di spiaggia candida. Altre baie da visitare sono Chianalea di Scilla (provincia di Reggio Calabria), Le Castella (Isola di Capo Rizzuto, provincia di Crotone) e Diamante (provincia di Cosenza).
Tra le tendenze viaggi del 2018 non poteva mancare la montagna, e da dove partire se non dal Parco Nazionale della Sila? È la cornice perfetta per trascorrere le vacanze a contatto con una natura lussureggiante. Il parco attraversa tre province (Catanzaro, Cosenza e Crotone) ed è presidio di salvaguardia per una ricchissima varietà di flora e fauna, che dà riparo a daini, cinghiali e persino lupi, animale emblema della riserva.
Il Monte Cocuzzo (in provincia di Cosenza) della Catena Costiera vi assicurerà chilometri di rilassanti passeggiate e soprattutto una vista meravigliosa sulla costa tirrenica e ionica. In caso di scarsa foschia potrete ammirare le Isole Eolie. Gli animi più avventurosi privilegeranno invece le forti emozioni suscitate dalla Ferrata Ramo Imperiale (Cerchiara di Calabria, Cosenza).
Le tendenze viaggi vedono una risalita delle mete artistiche e culturali, dove la Calabria non è certamente seconda a nessuno. Ci sono quattro importanti parchi archeologici nei quali è raccolta una storia che affonda le radici nelle prime colonie greche: stiamo parlando dei parchi di Locri, Capo Colonna, Roccelletta di Borgia e Sibari.
In merito ai musei segnaliamo, tra i più apprezzati, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, il Museo Diocesano e del Codex, il Museo archeologico nazionale di Crotone e la Pinacoteca Civica di Reggio Calabria.
Per la vita notturna poi c’è solo l’imbarazzo della scelta: dal Rebus Club (Staletti, Catanzaro) al Bounty Club (Soverato Marina, Catanzaro), passando per il Calajunco Yatch Club (Reggio Calabria) e Le Club (Locri, Reggio Calabria).

Leggi tutto... 0

ImballaggioCon la diffusione sempre più costante degli e-commerce, gli imballaggi sono destinati ad acquisire un ruolo ancora più importante per garantire la qualità e la sicurezza delle spedizioni. Tanti sono gli aspetti che devono essere presi in considerazione: non solo la scelta dell'imballo protettivo più adatto, ma anche le modalità con le quali i prodotti devono essere confezionati, i materiali che devono essere usati per la chiusura dei pacchi e l'identificazione delle scatole migliori. Ma non è tutto, perché un e-commerce che voglia promuovere il proprio marchio e rafforzare la propria brand identity non può fare a meno di personalizzare le confezioni in cui i prodotti vengono spediti. Infine, un ultimo - ma non per questo meno importante - aspetto che deve essere valutato ha a che fare con la sostenibilità ecologicadegli imballaggi, che devono avere un impatto il più possibile limitato sull'ambiente.

Come personalizzare le confezioni

La scelta di scatole resistenti di cartone su misura è sempre indicata per gli e-commerce che desiderano garantire ai propri clienti un'esperienza appagante a 360 gradi: è per questo motivo che vale la pena di pensare a come possono e devono essere personalizzate le confezioni, anche in funzione del budget che si è disposti a investire a questo scopo. Per quel che riguarda le scatole, per esempio, si può ipotizzare di stamparvi sopra il logo dell'e-commerce insieme con l'Url del sito web; in alternativa, ci si può limitare a personalizzare il nastro. In questo modo, infatti, si ha a che fare con un costo più basso rispetto a quello che dovrebbe essere sostenuto per l'impressione del logo sulla scatola, ma si beneficia comunque di un impatto visivo soddisfacente. Una terza alternativa è quella che prevede di ricorrere agli adesivi: una scelta conveniente sul piano economico che presuppone del lavoro supplementare per gli addetti alla preparazione delle spedizioni, ma che ha il pregio di poter essere modulata in ogni circostanza.

La sensibilità ambientale

Come si è detto, nella progettazione e nella realizzazione degli imballaggi per e-commerce una variabile che non può essere trascurata è quella della loro sostenibilità ambientale: e ciò vale a maggior ragione per tutti quei negozi virtuali che propongono dei prodotti correlati a questo tema, come per esempio cosmetici naturali o alimenti provenienti da agricoltura biologica. In tali situazioni, il ricorso a imballaggi biodegradabili è quasi indispensabile. Non bisogna mai dimenticare che tutti gli imballaggi sono destinati a produrre materiali di scarto in grandi quantità: ogni volta che se ne ha la possibilità, pertanto, è preferibile fare affidamento sulla carta riciclata o sulla plastica biodegradabile. Ovviamente, il sistema più efficace per rispettare l'ambiente è quello che si basa sul riuso.

Come devono essere preparati gli imballaggi

Ma quali sono le caratteristiche fondamentali degli imballaggi? Le componenti che li costituiscono sono essenzialmente tre, a cominciare dalla scatola, che nella maggior parte dei casi è realizzata in cartone. In molti casi ci potrebbe essere bisogno di materiale da imbottitura, come i tradizionali fogli con le bolle o le noccioline di polistirolo, insieme con un imballaggio protettivo che ha lo scopo di evitare le conseguenze negative di eventuali urti o colpi. Per quel che concerne la scatola, è essenziale che le sue dimensioni siano in linea con ciò che è contenuto al suo interno. In teoria, ci dovrebbe essere un margine di circa 5 cm tra il contenuto e il contenitore: è ovvio che più le dimensioni della scatola aumentano e più si ha a che fare con un costo elevato per il volume occupato dal materiale di imbottitura.

Leggi tutto... 0

bonsai-901Prendersi cura del bonsai richiede tempo, dedizione e anche tanta pazienza, ma se si seguono alcuni semplici consigli tutto diventa facile e si può ottenere una pianta bellissima, perfetta per arredare. Per far crescere sana la pianta è necessario, prima di tutto, piantarla in una cassetta che permette alle radici di svilupparsi senza fatica: questo dettaglio aumenta il vigore dell'albero.

Quando la pianta si sarà rinforzata si passa nel vaso, provvisto di buchi per permettere all'acqua di drenare. Il terreno ideale è composto da sabbia grossa o ghiaia, palline di argilla espansa e torba o corteccia, da arricchire con fertilizzanti preferibilmente organici.

La pianta deve essere esposta diverse ore al sole per crescere rigogliosa e necessita anche di alcune opere di manutenzione come potatura e innaffiatura, la prima da eseguire in un determinato periodo dell’anno, la seconda regolarmente e in base alla stagione.

Molto importanti sono gli innesti, grazie ad essi è possibile ottenere sei bonsai magnifici.

Se curato bene, il bonsai diventerà sicuramente magnifico.

Quando potare        

La potatura del bonsai serve per non far perdere alle le foglie nel periodo autunnale perché viene reciso. Il periodo migliore per potare il bonsai è tra settembre e ottobre, quando la pianta, dopo essersi rinvigorita grazie alla luce e all’aria della stagione estiva, può affrontare la potatura.

In genere il periodo migliore cade proprio tra fine settembre e inizio ottobre, quindi l’intervento viene effettuato una volta all’anno, anche se i pennacchi fuori forma e i succhioni possono essere tolti sempre. La potatura può essere fatta secondo diversi stili, ma di solito la scelta migliore è quella di mantenere la forma che ha la chioma al momento dell’acquisto. Per eseguire la potatura basta munirsi di forbici disinfettate.

Quando annaffiare

L’annaffiatura è la parte più importante nella cura dei bonsai. Per capire se la pianta ha bisogno di acqua è necessario toccare il terreno con un dito: se è secco annaffiare il bonsai prestando attenzione a lasciare fuoriuscire l’acqua in eccesso dal foro di drenaggio del vaso. Per non far marcire le radici aver cura di non bagnare eccessivamente il fondo.

Il bonsai necessita di essere innaffiato maggiormente in estate, periodo in cui il terreno non deve mai essere completamente asciutto: per questo è opportuno irrigare la pianta tutti i giorni. In inverno, invece, visto che la temperatura è più bassa e c’è maggiore umidità, va innaffiato con minore frequenza, circa ogni tre giorni. Ricordare però di mantenere il terreno umido in ogni stagione.

Leggi tutto... 0

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy