loading...
A+ A A-

I carabinieri lo hanno fermato in Francia.

Prima ha colpito a bastonate l'amico che gli aveva aperto le porte di casa sua.

Poi, minacciandola con un coltello, ha violentato la sua compagna.

Quindi, per garantirsi una via di fuga rapida, ha rubato la loro auto ed è espatriato.

La sua latitanza, però, è stata interrotta dai carabinieri che lo hanno trovato e fermato.

Un ragazzo di ventinove anni, residente a Turbigo, è stato arrestato dai militari di Legnano ad Annecy, in Francia, in esecuzione di mandato di arresto europeo per violenza sessuale, rapina e spaccio di droga emesso dal Tribunale di Busto Arsizio.

Il ventinovenne, stando alle indagini, la notte tra il 21 e il 22 novembre scorsi si sarebbe scagliato contro una coppia di italiani - ventisei anni lui, diciannove lei -, che lo stavano ospitando nel loro appartamento di Turbigo.

L'arrestato, dopo aver venduto cocaina al ventiseienne, lo avrebbe preso a bastonate per stordirlo e avrebbe poi abusato della sua compagna, puntandole contro un coltello.

Il tutto, hanno ricostruito gli investigatori, mentre nella stanza accanto dormiva un bimbo di un anno e mezzo, figlio delle vittime.

Dopo l'aggressione e lo stupro, il ragazzo avrebbe rubato l'auto della coppia e sarebbe andato in Francia.

Lì, in cooperazione con la polizia transalpina, i carabinieri lo hanno arrestato il 23 novembre, mentre dormiva a bordo della macchina rapinata.

Il ventinovenne è stato estradato nel pomeriggio di martedì 12 dicembre e portato nel carcere Le Vallette di Torino.

Ci daranno del razzista se vi diciamo che era un tunisino?

Leggi tutto... 0

italia-nord-sudLa signorina Ceccardi è un Sindaco leghista di un paese medio piccolo toscano, Cascina in provincia di Pisa, l’unico ad essere amministrato dalla Lega Nord. L’altro giorno è intervenuta ad Agorà, il programma di RAI3, e ha provato a spiegare agli altri partecipanti alla trasmissione sul perché i medici che lavorano negli ospedali e nelle strutture mediche del Nord dovrebbero essere pagati più di quei dottori che lavorano nelle strutture mediche del Sud. Ha detto che lei non ce l’ha con i calabresi, però, secondo lei, i medici calabresi sono meno preparati dei medici del Nord. Quelli del Nord meritano uno stipendio più corposo perché non solo lavorano in strutture migliori ma anche perché sono più preparati e più competenti. Addirittura ha affermato, parlando di malasanità, che i medici del Sud lasciano finanche i bisturi negli stomaci della gente. Gli ospiti nello studio televisivo non hanno condiviso quello che il Sindaco leghista ha affermato, la quale, non contenta, ha continuato imperterrita a criticare i medici calabresi e la sanità in Calabria che non è proprio un’eccellenza. Gli altri partecipanti hanno ribattuto che ci sono nel mondo tanti medici calabresi che operano nelle strutture pubbliche e private con grande competenza. Sono stati costretti a lasciare la loro terra perché le strutture in Calabria sono inadeguate non perché incompetenti. Di fronte alle obiezioni dei partecipanti alla trasmissione e del conduttore il Sindaco così ha concluso:- In Calabria, anche per i casi di malasanità, ci sono medici meno bravi che in Emilia Romagna -. In quella trasmissione avrebbe dovuto partecipare qualche medico calabrese per ribattere alle menzogne e alle calunnie di questo sindaco ignorante e razzista in cerca di visibilità e di qualche voto. Le elezioni nazionali sono vicine e forse si sta preparando alla competizione. Ma il Sindaco lo sa che i più grandi scandali della sanità succedono al Nord? E lo sa che molti malati del Sud che vanno a curarsi al Nord in genere ritornano nella propria terra chiusi in una bara?

Questo Sindaco non è nuovo alle provocazioni. Il 13 settembre u.s. si è scagliato contro i ragazzi africani che emigrano nel nostro paese. Ospite nella trasmissione su La 7 “L’aria che tira”, la prima cittadina avrebbe voluto sapere dove questi ragazzi hanno lasciato le madri, le sorelle, le fidanzate, le mogli e perché sono venuti da soli e si è scagliato contro il parroco don Biancaloni che li ha accolti in parrocchia e poi portati a fare i bagni in piscina. Don Biancaloni ha cercato di rispondere ma lei non ha sentito ragione.

Leggi tutto... 0

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

“Un’atmosfera intima e raccolta ha fatto da cornice, ieri 12 dicembre, alla presentazione del libro “Il Corpo nella Demenza: la Terapia Espressiva Corporea Integrata”, scritto dalla psicologa e terapeuta espressiva corporea Elena Sodano e pubblicato dalla Maggioli Sanità. La location scelta è stata quella della libreria Punto e a Capo dove, davanti ad un folto pubblico, l’autrice ha dialogato con la giornalista Terri Boemi.

L’evento, svolto grazie alla sensibilità dimostrata da Paola Tigani Sava, si è arricchito con la presenza del giornalista, musicista ed attore Marcello Barillà, reduce dalla partecipazione al docufilm “Uscirai Sano”, di Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino.

Più che la semplice presentazione di un libro, l’evento è stato un vero e proprio viaggio, che ha condotto il pubblico nei meandri di esperienze che si allontanano dall’ambito meramente professionale e s’intrecciano al modo in cui ognuno di noi si pone verso l’altro e verso sé stesso.

Infatti, la metodologia TECI (Terapia Espressiva Corporea Integrata), unica in Italia, accuratamente descritta nel manuale “Il Corpo nella Demenza”, implica il coinvolgimento totale del terapeuta che abbraccia ed accetta la malattia del paziente, con il quale instaura una relazione profonda che affonda le sue radici nell’intima essenza di una persona che non può più comunicare con le parole e lo fa mediante il corpo.

Il metodo TECI cerca proprio di creare un nuovo modello di comunicazione basata sul risveglio della memoria corporea, ossia tutto il bagaglio di esperienze compiute dal paziente durante la sua vita, che possono essere risvegliate mediante nuovi contatti corporei e movimenti che spesso si traducono in una danza e che riescono anche a promuovere una stimolazione cognitiva.  

TECI è il metodo per la cura ed il contenimento naturale delle demenze utilizzato tutti i giorni dall’équipe multidisciplinare della Ra.Gi. Onlus, all’interno dell’unico Centro Diurno di questa tipologia situato a Catanzaro ed autorizzato dalla Regione Calabria.

La giornalista Terri Boemi lo ha definito «un luogo dell’infanzia ritrovata.

Questo perché in questo spazio – ha proseguito la moderatrice -, il grigio spettro della malattia scompare per lasciare il posto a sorrisi, abbracci, emozioni.

La demenza non è più uno stigma, ma soltanto un tratto di diversità, di unicità e vedere i pazienti che ringraziano gli operatori permette di cogliere la simbiosi che si è creata tra di loro».

E la simbiosi tra paziente e terapeuta è una delle caratteristiche di TECI perché, come ha spiegato Elena Sodano «questo metodo di cura implica una contaminazione tra due persone, tra due anime in cui il terapeuta, spogliandosi del suo ruolo deve nutrirsi della follia del suo paziente, calarsi nei suoi panni, abbracciare il suo punto di vista.

Tutto questo non è facile – ha proseguito la dottoressa Sodano - perché l’uomo ha dimenticato di essere un animale relazione che per vivere ha bisogno di affetto e ha creato delle barriere che ostacolano la relazione con l’altro.

Sovrastrutture che il Teci terapeuta deve infrangere.

“Il Corpo nella Demenza”, scritto con un linguaggio semplice e coinvolgente, lancia proprio questo messaggio: quello di andare oltre gli stigmi, oltre gli schemi mentali e guardare alla demenza come un percorso di vita alternativo, diverso in cui la persona che ne è affetta deve ritrovare la gioia di stare al mondo.

Un mondo di cui è ancora parte, secondo delle logiche nuove, che gli altri devono accettare.

Concetti che, nel corso della serata, sono stati ribaditi con la lettura di alcuni brani del libro e anche con il racconto di esperienze vissute.

Una delle più incisive è stata quella raccontata da Marcello Barillà, che nel docufilm sulla storia dell’Ospedale psichiatrico di Girifalco, ha interpretato il ruolo di uno degli ospiti della struttura, costretto ad un soggiorno di trentasei lunghi anni. Barillà ha ammesso di essere riuscito a recitare bene quella parte solo dopo avere annullato ogni distanza tra sé e il personaggio, facendo completamente sua storia di quest’ultimo, il suo dolore.

Questo è ciò che accade tra il paziente affetto da demenza e il Teci terapeuta.

Infine Elena Sodano ha sottolineato che «in una società in cui le demenze stanno assumendo i tratti di una vera pandemia, mentre la ricerca non ha ancora prodotto delle cure risolutive, il metodo TECI rappresenta semplicemente un’alternativa al non far nulla e il primo passo verso il cambiamento nella cura di queste patologie è riconoscere che le persone affette da demenza hanno il diritto di esprimersi liberamente, senza contenzioni che mortifichino la loro essenza».  

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy