loading...
A+ A A-

E’ il drammatico appello che lanciano gli italiani emigrati in Venezuela.

"Le nostre autorità consolari non possono fare nulla, la Comunità italiana in Venezuela è allo stremo, il governo Maduro è ostile, ci stanno massacrando".

Il collegamento Skype con Caracas restituisce l'ansia e l'angoscia degli emigrati italiani - ben oltre la cifra ufficiale, 160 mila, di cui almeno 45 mila provenienti dal Nord Ovest, in particolare dal Piemonte e dalla Liguria - e anche il senso di disperazione, e di abbandono da parte della madre patria.

"Pochissimi parlano della situazione, media e tv, se non quando non si raccolgono i morti per le strade, ma qui è un'agonia lenta.

Molti di noi torneranno appena possibile in Italia, siamo una minoranza oggetto di persecuzione. Abbiamo ragazzi arrestati, minacciano le famiglie di ritorsioni, ci rimproverano di essere al fianco dell'opposizione ma tanti di noi, sino a ieri, hanno pensato solo a lavorare.

Chavez o Maduro, non importava.

Adesso è diverso.

Siamo come in Argentina ai tempi di Videla".

Si sentono esplosioni, nell'audio del pc.

"Mancano farmaci ed i negozi sono vuoti.

Ci sono scontri per le strade.

La polizia ha sbarrato le vie d'uscita di un parcheggio di un fabbricato, qui, cercano qualcuno, lanciano lacrimogeni, siamo bloccati qui dentro".

Chi parla è un quarantacinquenne che, a Caracas, dirige una catena di alberghi-ostelli, frequentati soprattutto da manager e lavoratori stranieri.

"Potrei anche chiudere - racconta -, abbiamo avuto un crollo del 70 per cento, adesso tutti hanno paura delle reazioni del presidente e delle squadre della morte, i Colectivos".

Il governo italiano tiene sotto controllo la situazione, mentre l'appello di papa Francesco di porre la chiesa come mediatore tra Maduro e le opposizioni, che reclamano nuove elezioni, è caduto nel vuoto.

Una domanda alla politica.

Perché l’Italia si preoccupa dei profughi africani ed asiatici e non degli italiani in Venezuela?

Leggi tutto... 0

manutenzione-antincendio

La scena, nei film d’azione, è classica: all’accendersi di una fiammella anche piccolissima, immediatamente tutti gli spruzzatori dell’impianto antincendio del palazzo si attivano contemporaneamente, tanto da far sembrare impossibile che gli incendi possano mai verificarsi. Ma come spesso accade, nei film c’è molto di spettacolare e poco di vero: e per farci dare qualche informazione reale e concreta, soprattutto per quanto riguarda l’importantissimo tema della manutenzione, ci siamo rivolti ai tecnici specializzati di un’azienda del settore, Antincendio Master,

 

Allora: come funzionano davvero gli impianti antincendio?

Va detto, purtroppo: non in maniera drammatica come si vede nei film. I sensori dei rilevatori di fiamma, ossia i dispositivi che permettono agli impianti antincendio di “accorgersi” del fuoco e attivarsi – in realtà sono molto semplici: si tratta di fascette di metallo a bassa temperatura di fusione, montate in modo da bloccare l’uscita dell’acqua su ogni singolo sprinkler – o spruzzatore, in italiano – degli impianti antincendio. Non c’è quindi nessun dispositivo che faccia in modo che una fiammella nel cestino della spazzatura di un ufficio al quarto piano possa far partire l’impianto antincendio dell’ingresso a piano terra - e nemmeno ce ne sarebbe bisogno: il calore delle fiamme fonde le fascette metalliche degli spruzzatori localizzati dove l’incendio sta scoppiando, e fa partire soltanto quelli.

 

E questo cosa significa, a livello di manutenzione?

Questo ha delle ricadute di importanza capitale sulla manutenzione, perché il sistema che abbiamo descritto implica che ogni spruzzatore sia autonomo: non verrà “avvisato” elettricamente o digitalmente dell’incendio, se non è in perfette condizioni, e quindi non partirà. Se il focolaio non viene spento immediatamente, potrebbe essere diventato troppo grande per esser spento facilmente quando entrerà nel raggio d’azione dello sprinkler più vicino, e in ogni caso potrebbe fare danni gravissimi già nel primo divampare. Per questa ragione, la manutenzione degli impianti antincendio deve essere sempre svolta in maniera puntuale e accurata, perché ogni punto critico deve funzionare subito e correttamente in caso di emergenza.

 

E allora quali sono i consigli per quanto riguarda installazione e manutenzione degli impianti antincendio?

Per quanto riguarda l’installazione, sicuramente la questione principale è affidarsi a una ditta specializzata per la progettazione: in questo modo l’impianto sarà disegnato, fin dall’inizio, tenendo conto delle reali problematiche e dei rischi effettivi, senza essere né insufficiente né sovradimensionato.
Per quanto invece concerne la manutenzione, è assolutamente necessario affidarla ad un’azienda del settore, che invii periodicamente tecnici esperti. La manutenzione degli impianti antincendio è infatti un’operazione lunga e complessa, che prevede di controllare singolarmente, come abbiamo spiegato, ogni spruzzatore dell’impianto – operando per aree, così da limitare sempre la zona anche solo temporaneamente non protetta. La pianificazione necessaria a far sì che queste ispezioni siano regolari e quindi garantiscano il perfetto stato dell’impianto, e allo stesso tempo ad assicurare che i rischi vengano ridotti al minimo anche mentre l’impianto è parzialmente disattivato è la migliore garanzia che un’azienda del settore può dare.
Tutte le aziende interessate a tutelarsi dai rischi di incendio possono trovare informazioni utili visitando la pagina impianti antincendio del sito di Antincendio Master, che ringraziamo per il supporto nella stesura di questo articolo.

Leggi tutto... 0

Era evidente che prima o dopo la questione dei migranti sarebbe scoppiata.

Ci siamo!

 

L’Onu prevede che i flussi provenienti dalla Libia non sono destinati a diminuire.

Il papa chiede all’Europa maggiore solidarietà con i migranti.

L’Italia è al limite e minaccia di chiudere i porti alle navi delle ong.

Francia e Spagna, le uniche nazioni europee sul mediterraneo, secondo fonti da Bruxelles riportate dall’Ansa, diranno no all’apertura dei loro scali marittimi alle navi delle ong cariche di migranti.

E Prodi si arrabbia con Macron!

 

Intanto l'Austria blinda il Brennero e Roma convoca l'ambasciatore.

Il ministro degli esteri Kurz: 'Pronti a difendere i nostri confini' schierando l'esercito al Brennero.

Il ministro della Difesa austriaco Hans Peter Doskozil ha annunciato che "molto presto saranno attivati controlli alle frontiere e ci sarà bisogno di un dispiegamento dell'esercito fino a 750 uomini - indispensabile se l'afflusso di migranti dall'Italia non diminuisce".

 

In quest'ambito, sono già stati portati al Brennero quattro mezzi corazzati Pandur delle Forze armate austriache che potrebbero essere impiegati nelle operazioni di controllo sull'immigrazione.

Come scrive l'agenzia austriaca Apa, il dispositivo potrebbe essere attivato nel giro di tre giorni e comprende 750 militari, 450 dei quali saranno messi a disposizione da reparti stanziati nella regione del Tirolo, mentre i restanti verrebbero dal comando militare della Carinzia.

Il ministro degli esteri austriaco Kurz chiarisce: "I preparativi per i controlli alla frontiera con l'Italia non sono solo giusti ma anche necessari. Noi ci prepariamo e difenderemo il nostro confine del Brennero se ciò sarà necessario".

 

Secondo Kurz, l'Unione Europea deve chiarire che un soccorso attuato nel Mediterraneo non è un ticket per l'Europa e i profughi vanno respinti, oppure vanno fermati alle frontiere esterne e vanno portati su isole come Lampedusa.

Il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, alla seduta plenaria del Parlamento europeo, ha sottolineato che con quanto la Commissione europea delibererà oggi in materia di migrazioni "dimostreremo con i fatti che vogliamo rimanere solidali, soprattutto con l'Italia che dimostra un atteggiamento eroico. La solidarietà è d'obbligo".

Intanto l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) dichiara che dall'inizio del 2017 al 3 luglio scorso, un totale di 101.210 migranti e rifugiati ha attraversato il Mediterraneo, quasi l'85% è giunto in Italia (85.183), mentre il resto degli arrivi è suddiviso tra Grecia (9.290), Cipro (273) e Spagna (6.464).

Sempre l'Oim stima a 2.247 il numero di persone morte in mare nello stesso periodo.

Toc, toc. Dov’è l’Europa?

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy