loading...
A+ A A-

fieraduDurerà fino a giovedì 22 febbraio la 23esima edizione di Gulfood, la più grande fiera annuale dedicata al food degli Emirati Arabi Uniti. La manifestazione di Dubai, iniziata domenica 18 febbraio, accoglie più di 5mila espositori e si rivolge ai professionisti dell'industria alimentare e del beverage: si tratta del primo appuntamento internazionale di rilievo del 2018, con oltre 120 padiglioni nazionali, tra i quali quelli della Slovacchia, della Serbia e dell'Estonia, presenti per la prima volta. A confermare il prestigio della kermesse la presenza annunciata di diversi funzionari governativi e ministri, ma anche capi di Stato, che andranno ad affiancarsi alle associazioni di categoria impegnate nella sottoscrizione di accordi commerciali.

I padiglioni riguarderanno otto settori differenti: quello della carne; quello delle bevande; quello del benessere; quello dei cereali; quello dei legumi; quello dei grassi e degli oli; quello del latte e dei formaggi; quello dei grandi marchi di tutto il mondo. Una delle novità di maggior interesse è rappresentata dalla Gulfood Discover Zone, vale a dire una zona esclusiva nella quale gli espositori hanno l'opportunità di mostrare e di far conoscere i propri prodotti più nuovi. I finalisti dei Gulfood Innovation Awards (che intendono premiare l'innovazione e le eccellenze che contraddistinguono l'industria del food and beverage del territorio) saranno presentati proprio in questo settore.

Tra gli appuntamenti confermati della fiera, ecco l'Emirates Culinary Guild International Salon Culinaire, che come ogni anno si presenta come il concorso più grande al mondo per chef singoli. Interessante anche la fiera di alimenti Halal più grande del mondo, cioè l'Halal World Food. Trixie LohMirmiand, vice presidente senior della rassegna, ha sottolineato come Gulfood possa essere considerata la piattaforma più importante della regione per il settore alimentare e per quello delle bevande, grazie alla sua capacità di attirare un gran numero di visitatori provenienti dal Medio Oriente e, al tempo stesso, di generare transazioni in grande quantità.

Per le aziende italiane come Megam, Gulfood nei prossimi anni potrebbe costituire una vetrina importante: per il momento, tuttavia, il sito della manifestazione non propone una traduzione in lingua italiana, a dimostrazione degli ampi margini di miglioramento possibili in questo scenario. Perché scegliere Dubai come vetrina? Per esempio perché nel 2010 le importazioni degli Emirati Arabi Uniti hanno superato i 3.6 bilioni di dollari, e nello stesso periodo il porto di Dubai era uno dei primi dieci al mondo per transazioni. Insomma, un'occasione che vale la pena di cogliere.

Leggi tutto... 0

adozione1Per conoscere l'adozione a distanza è necessario, prima di tutto, compiere una precisazione di carattere terminologico: più che di adozione, infatti, sarebbe corretto parlare di sostegno a distanza. Infatti l'adozione ha valenza sociale e giuridica, oltre che affettiva, in quanto prevede di dare a un minore che è stato abbandonato o che è orfano di tutti e due i genitori una nuova famiglia. Con il sostegno a distanza, invece, non c'è valenza sociale o giuridica: semplicemente si fornisce un aiuto economico a un minore, ma anche a una persona maggiorenne. 

Ma come si può adottare - o sostenere - un bambino a distanza? Una volta individuata l'organizzazione che si vuol prendere come riferimento per l'intera pratica, il sostegno viene attivato: il sostenitore riceve una scheda di presentazione del bambino o del ragazzo che beneficia del suo aiuto, insieme con una sua fotografia. Anno dopo anno, gli uffici dell'organizzazione provvedono a informare il sostenitore dei progressi scolastici che il bambino ha raggiunto e forniscono notizie a proposito della sua vita. Chi lo desidera ha la possibilità di scrivere alle persone che aiuta, inviandogli auguri di buon Natale o di buon compleanno, ma anche mandandogli disegni, lettere, e così via, in modo tale da provare a costruire un rapporto affettivo per via epistolare.

Non solo: volendo si può decidere anche di spedire dei regali, come per esempio cappellini, magliette, album da colorare, eccetera. Le donazioni in genere sono mensili, e i soldi versati contribuiscono alla realizzazione di vari progetti, ma anche a soddisfare i bisogni primari del bambino. Ognuno può decidere di far durare il proprio sostegno a distanza per il lasso di tempo che reputa più opportuno, dal momento che non esiste un limite minimo. Vale la pena di tener presente, comunque, che le organizzazioni coinvolte di solito lavorano a progetti a lungo termine, il che vuol dire che è necessario un impegno costante nel tempo: non ci sono vincoli né obblighi, comunque, perché il sostegno a distanza è sempre il frutto di una libera scelta individuale.

Nel momento in cui si vuol sospendere il sostegno, è sufficiente farlo presente all'organizzazione. I soldi versati, per altro, possono essere detratti o donati, a differenza di quel che accade per le donazioni che vengono effettuate in contanti.

Una delle organizzazioni a cui ci si può rivolgere a questo scopo è Aleimar: consultando il suo sito web si possono scoprire tutte le informazioni di cui si ha bisogno a tal scopo.

Leggi tutto... 0

ondoNegli ultimi tempi si parla continuamente dei cosiddetti “cervelli in fuga” ovvero di splendidi studenti e laureati che stanchi delle finte promesse di contratti di lavoro o di assunzioni, preferiscono o meglio, sono costretti ad andare via dall’ Italia. Dal momento è aumentata la richiesta di poter fare esperienze all’estero, sono stati istituite diverse organizzazioni che offrono agli studenti o ai neolaureati la possibilità di trascorrere un anno fuori dall’Italia.

Uno stage all’estero permette allo studente di realizzarsi, di essere indipendente, di crescere e migliorarsi sia dal punto di vista linguistico che formativo.

L’Inghilterra rimane sempre un’ottima scelta per chi vuole imparare o migliorare la lingua straniera. Secondo una recente indagine pare che siano sempre di più gli italiani in questi ultimi anni, in cerca di un’esperienza lavorativa all’estero, con lo scopo di poter allargare le proprie vedute e intraprendere una carriera internazionale.

Sicuramente la meta preferita dagli italiani è l’Inghilterra, e le offerte di lavoro nelle grandi città non mancano di certo. Molto spesso la scelta cade proprio sul Regno Unito per il semplice fatto che anche le pratiche burocratiche necessarie per potersi trasferire sono molto semplici rispetto a qualunque altro Stato. Diverso il caso in cui si voglia fare un’esperienza lavorativa negli Stati Uniti, dove, per qualsiasi tipologia di lavoro occorrerà avere un visto ad hoc e in aggiunta, in alcuni casi sarà altresì necessaria una referenza del datore di lavoro. Per chi invece vuole andare a lavorare in Australia, ( buona parte degli italiani ambisce per questa meta) le politiche di immigrazione sono molto simili a quelli presenti in America, l’unica differenza è che si potrà ottenere un tipo di visto più semplice: il visto vacanza lavoro che permette ai giovani che non abbiano ancora compiuto i 30 anni, di vivere in Australia per un massimo di un anno.

Tuttavia, qualunque sia la professione che si vorrà fare, bisognerà conoscere alla perfezione l’inglese, altrimenti sarà un po’ difficile riuscire ad entrare nel mondo del lavoro per perseguire una carriera lavorativa.

E allora cosa bisogna fare al riguardo? E’ molto semplice: per chi ha intenzione di migliorare la propria lingua straniera il consiglio è quello di frequentare un corso personalizzato che verrà stilato a sua volta in base alle proprie esigenze.

Lo stage di lavoro all’estero permette agli studenti dai 16 ai 25 anni che intendono arricchire il proprio Curriculum Vitae, di lavorare e migliorare al contempo stesso la lingua estera. E’ un ottimo modo per poter non solo apprendere una lingua straniera ma grazie ad essa riuscire ad entrare nel mondo del lavoro in modo molto più facile.

Forse non tutti lo sanno, ma le aziende richiedono nella maggior parte dei casi la padronanza di una seconda lingua e se non si ha, difficilmente si riuscirà ad intraprendere una carriera professionale di tutto rispetto. E allora perché non dare ora una svolta alla propria vita?

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy