BANNER-ALTO2
A+ A A-

apollo-11Oggi, 20 luglio 2020, è l’anniversario dell’Allunaggio, i 51 anni dallo sbarco dell’uomo sulla luna.

Una data importante, celebrata nel mondo in modi diversi.

La figura di Neil Armstrong, comandante della missione Apollo 11, e di Buzz Aldrin, mentre il loro compagno Michael Collins controllava il modulo di comando Columbia, è entrata nella storia.

Ma la luna era già nella storia, da sempre.

 

Quel satellite era stato un prezioso alleato del genere umano, con la sua luce che rischiava le notti come regalo del cielo, già prima del fuoco.

 

Le sue fasi avevano insegnato agli umani il concetto di tempo.
Poiché la sua rotazione è sincrona rispetto a quella del nostro pianeta, noi possiamo vederne esclusivamente una faccia, mentre il suo lato “nascosto” è rimasto sconosciuto fino a pochi decenni fa , creando dubbi e domande.


La Luna è anche il simbolo della luce nell’oscurità, della nostra interiorità, di magia.

È legata al ciclo della vita e anche alla femminilità.

È impossibile dire in quante lingue i poeti abbiano cantato la luna.

In tutte le lingue e in tutte le epoche della storia della civiltà.


Uno solo è il satellite naturale della Terra, ma più di mille forse sono le lune che gravitano intorno al pianeta della poesia, della musica, dei proverbi e delle frasi che usiamo quotidianamente.

Dante, come tutti i suoi contemporanei, vi intravedeva i lineamenti di Caino.


Gli Scapigliati, i Crepuscolari e ii Futuristi non l’amarono: Marinetti ne fece l’oggetto di una sua celebre invettiva: “Uccidiamo il chiaro di luna!”.

La luna venne dissacrata, contro il Romanticismo.

Ben altro rappresentava la luna in Leopardi Nell’opera del genio di Recanati la luna è presenza silenziosa, interlocutrice dell’anima, lontana dal dramma umano. Si ritrova nell’Ultimo canto di Saffo; la luna posa “queta” nella Sera del dì di festa; è “graziosa” nell’idillio Alla luna. Raggiunge vette di poesia profondissime, ma infine, come succede agli uomini talvolta di immaginare, la luna si stacca dal cielo e precipita nel prato del pastore Alceta, nello splendido e misconosciuto Frammento XXXVII.

 

Su questa linea si colloca, per esempio, il clima favoloso dell’Assiuolo di Pascoli, (“Dov’era la luna? Ché il cielo / notava in un’alba di perla). La luna a volte partecipa alle vicende umane; altre volte le sovrasta e resta impassibile di fronte al Male e allo sfortunato destino umano.
Luna esistenziale è quella di Ungaretti, che in Veglia ricorda una notte passata “vicino a / un compagno / massacrato / con la sua bocca / digrignata / volta al plenilunio”.


Nella vita di tutti noi, come nella poesia e nella musica, c’è una luna. L’ultima luna di Lucio Dalla rende sospesi anche noi a quei ricami di luce e a quel cielo ignoto. Sì, perchè a dispetto della scienza e dell’allunaggio, la luna continuerà sempre ad essere musica e poesia.

 

fonte: https://www.lamiacittanews.it/

 

Leggi tutto... 0
 morricone

Oggi  6 giugno abbiamo  appreso la notizia della morte del maestro Ennio Morricone ed è stato per tutti noi un momento di grande tristezza.

 

Ci ha lasciato un genio della musica ,le sue musiche hanno segnato un'epoca , più di 500 melodie per film e per la televisione che lo hanno reso celebre e che gli è valso un Oscar alla carriera nel 2007.

 

Film indimenticabili che 

sono diventati immortali grazie alla musica straordinaria del maestro Morricone, dai famosi spaghetti western in collaborazione con un altro grande del cinema : Sergio Leone. Il bello ,il brutto ed il cattivo , Giù la testa ,Per un pugno di dollari per arrivare a Mission,Gli intoccabili,Baaria e tanti altri ancora .

 

Lucido e discreto fino alla fine ha lasciato una lettera toccante per la sua famiglia ed i suoi amici per annunciare la sua morte." Attraverso la sua musica ha reso l'Italia ancora più importante e ne ha rafforzato il prestigio ."  ha dichiarato il presidente Mattarella. 

 

Come tutti i grandi ha lasciato questa vita in modo semplice ricordando i suoi affetti,il suo pubblico ,i suoi amici e il commiato più triste è stato quello dalla amata moglie Maria . Nel.suo necrologio spiega anche delle disposizioni date per funerali privati  . Per un solo motivo : " non voglio disturbare".  

Leggi tutto... 0

mago amaAncora una volta, amici carissimi, mi dovrò occupare di truffa agli anziani, perché malgrado gli avvertimenti e i suggerimenti della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, gli anziani sono le persone più fragili per essere aggirate da fantomatici guaritori e da truffatori di professione. La Guardia di Finanza l’altro giorno ha arrestato non solo un sedicente mago, ma anche la moglie e la figlia per truffa aggravata contro centinaia e centinaia di persone, per auto riciclaggio e utilizzo di denaro di provenienza illecita. Il cosiddetto mago Candido operava nella zona del Lodigiano e pubblicizzava le sue potenzialità paranormali sui vari giornali, con manifesti e cartelloni sui muri delle case e finanche nelle reti televisive. L’uomo si spacciava di poter scacciare spiriti maligni, i malocchi, le jettature e robe del genere. Addirittura faceva credere che era finanche in grado di connettere persone con i cari defunti. E così, sfruttando la buona fede, l’ignoranza e il bisogno di persone anziane instabili psicologicamente, estorceva loro ingenti somme di denaro. Ad una signora di Rimini, vedova, è riuscito a spillare centinaia di migliaia di euro. Con i denari estorti per scacciare via il malocchio il sedicente mago acquistava immobili, auto di grossa cilindrata e beni di lusso. Sapeva alla perfezione come fare fruttare il denaro estorto con l’inganno. E’ stata perquisita la casa dove abita e sono stati sequestrati beni dal valore di tre milioni e 300 mila euro. Una bella sommetta. Si vede che gli affari andavano a gonfie vele. A Castelgerundo, Lodi, era diventato un personaggio famoso, molto rispettato e riverito, un benefattore addirittura. Al Comune ultimamente aveva donato una monovolume Dacia Lodgy.

Non date retta, amici, a questi furfanti. Nessuno vi potrà connettere con i vostri cari defunti. Soltanto la preghiera. Ascoltate i miei consigli. Uno è quello di pregare e di vivere sempre in grazia di Dio. E non credete al malocchio o alla Jettatura. Sono dicerie consolidate nel tempo, utili per truffare la povera gente incredula ed ignorante. Fanno parte della cultura italiana, molto radicata nel Sud e purtroppo ci sono ancora migliaia e migliaia di persone che ci credono. Non cadete, amici, nelle trappole escogitate da questi sedicenti maghi e guaritori. Non date i vostri sudati risparmi ai finti maghi o santoni che promettono di risolvere i vostri problemi. I problemi di salute si risolvono con le medicine e con le visite mediche specialistiche. E se si ha un problema legale si va dall’avvocato non da un fattucchiere.

Ma se proprio non potete farne a meno ecco a voi alcuni espedienti per difendervi dal malocchio o dalla jettatura. Piccoli espedienti, rituali e formule in grado secondo la credenza popolare di allontanare la cattiva sorte. Non dovete spendere molti soldi. Tra le più conosciute quella recitata da Peppino de Filippo nelle vesti del personaggio Pappagone:- Aglio, fravaglie,fattura can un quaglia. Corna, bicorna, cape ‘e alice e cape d’aglio -. Poi ci sono tanti oggetti ritenuti magici, come il ferro di cavallo che dalle nostre parti lo troviamo appeso nel portone di casa, il gobbetto, la corona d’aglio o quella di peperoncino. Ma quello più gettonato è il corno rosso, in napoletano “ O’ curniciello”.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy