BANNER-ALTO2
A+ A A-

pompaLeggendo questo titolo si potrebbe pensare che si tratti di un articolo di nicchia, il cui interesse è limitato ad una stretta cerchia di addetti ai lavori. Non è così, o meglio, non più.

Le pompe sommerse sono utilizzate in molti ambiti: nell’ approvvigionamento idrico e nello smaltimento residenziale delle acque, in agricoltura per gli impianti di irrigazione e nelle industrie per gli impianti di pressurizzazione e di scarico. Vi sembra che sia ancora qualcosa che riguarda pochi? Basta guardare i dati sulla migrazione giovanile dalle città alle campagne per rendersi conto che non sia così. Centinaia di ragazzi laureati hanno deciso di abbandonare le metropoli e la prospettiva di impieghi precari in azienda per aprire start-up agricole o semplicemente per vivere in mezzo alla natura. Anche loro avranno, probabilmente, pensato che le pompe sommerse fossero macchine con le quali non avrebbero mai avuto a che fare. Eppure, ora che si sono stabiliti nella loro nuova casa in mezzo ai campi oppure hanno appena ottenuto il loro appezzamento di terreno si rendono conto che le condutture municipali sono lontane oppure che, se vogliono vedere la propria coltivazione crescere rigogliosa, avranno bisogno di pompe idrauliche. Nello specifico di pompe sommerse per pozzi.

Ecco che scatta il panico: cos’è una pompa sommersa? Mi serve una pompa sommersa per acque chiare o per acque nere? Dove la compro? Dove posso chiedere assistenza nel caso di guasti? Quali sono i prezzi e le caratteristiche?

Non preoccupatevi: in questo articolo daremo una breve risposta a tutte queste domande. In questo modo avrete almeno capito a chi rivolgervi e perché vi serve una pompa. Per il resto è sempre consigliato chiedere consigli agli esperti. Dove si trovano gli esperti? I rivenditori a cui vi rivolgerete avranno sicuramente un team di esperti che sapranno guidarvi all’acquisto.

Che cos’è una pompa sommersa?

Una pompa sommersa è una pompa idraulica. Che cos’è una pompa idraulica? È una macchina che serve per spostare liquidi da un punto ad un altro. Niente di difficile, vero?

Lasciamo stare tutta la spiegazione tecnica che chiamerebbe in causa Archimede e tante formule. In ogni caso vi basta sapere perché serve a voi.

Pompe sommerse e sommergibili. Google si è sbagliato o c’è una differenza?

Avete appena cercato su Google “pompe sommerse” e vi siete trovati davanti risultati riportanti la dicitura “pompa sommergibile”. Se state pensando che siano sinonimi o un semplice tocco artistico del copywriter di turno vi sbagliate. Si tratta di due pompe diverse: quella sommergibile è una pompa completa (motore + corpo pompa)che è pensata per essere inserita per intero nel pozzo o nell’autoclave. La pompa sommersa è invece la sola parte idraulica della pompa.

Pompe sommerse per acque nere e acque chiare. Questioni di colore e di residui.

Dopo aver capito il perché dovrete capire il come. Vi serve una pompa sommersa, d’accordo. Ma di che tipo? Le pompe sommerse si dividono principalmente in due categorie: pompe sommerse per acque nere o reflue o fecali e pompe sommerse per acque chiare. Questa distinzione si effettua in base al tipo di liquidi che devono essere movimentati dalla pompa. Se si tratta di acque per approvvigionamento residenziale, per l’irrigazione agricola o per un laghetto artificiale si parla di acque chiare. Così vengono definite quelle acque che presentano una parte piccolissima di solidi in sospensione. Attenzione: acque chiare non è sinonimo di potabili!

Le pompe sommerse per acque nere sono, invece, pensate per trasportare liquami, acque di scarico, liquidi oleosi e densi. Se avete una fossa biologica o un pozzetto avrete bisogno di una pompa per acque nere. Se utilizzerete una pompa per acque chiare, in questo caso, la romperete in breve tempo perché non è progettata per supportare i residui contenuti.

Ora che avete acquisito delle conoscenze teoriche è tempo di passare all’azione: comprare una pompa sommersa. Il primo consiglio è: affidatevi alle marche leader del settore. Se state pensando che così facendo sarete schiavi del marketing e che vi farete ingannare dalla pubblicità e comprerete una pompa che costa il doppio di un’altra senza alcuna ragione, se non un nome, fermatevi e riflettete. Queste aziende quali Lowara, Caprari e Pedrollo hanno una storia lunga alle spalle, producono pompe sommerse da molto prima che voi nasceste. Ora, voi magari non siete degli esperti, ma certamente degli esperti avranno comprato da loro in questi anni. Pensate veramente che ognuno di loro abbia utilizzato per un impianto una pompa e pur trovandola scadente abbia continuato ad acquistarne? Pensate che se fossero dei prodotti con un pessimo rapporto qualità/prezzo non sarebbero già spariti? Non stiamo parlando di Smartphone, per i quali, al limite, potrebbe valere il discorso del bene posizionale e dell’ubriacatura di massa. Si parla di pompe sommerse. Nessuno continuerebbe a comprarle se non fossero di qualità, resistenti e funzionali. Avete mai visto qualcuno vantarsi al bar della propria pompa sommersa?

Non fatevi guidare esclusivamente dal feticcio del risparmio. La pompa al prezzo più basso non è detto che sia la pompa adatta. Ecco qual è il principio al quale ispirarsi: scegliere una pompa che risolva il vostro problema. Partite da qui. Avete bisogno di portare acqua potabile in casa? Allora vi servirà una pompa sommersa per pozzi artesiani. Avete bisogno di portare via le vostre acque di scarico? Scegliete una pompa sommersa per acque reflue. Dovete costruire il vostro impianto di irrigazione? Che distanza c’è tra il pozzo e il punto in cui dovete portare l’acqua? Calcolate bene la portata di cui avete bisogno.

Pompe sommerse Lowara, Caprari e Pedrollo

Lowara coniuga innovazione e tradizione, materiali ultra-resistenti anche ad acidi e agenti corrosivi e motori a basso consumo. I modelli principali Lowara per pompe sommerse per pozzi in acciaio inox sono quelli della linea 4GS: la 4GS11M, 8GS40,4GS22 ,8GS11/B, 8GS15/B e 8GS30. Utilizzate per gli impianti agricoli e industriali, queste pompe sono relativamente economiche, con prezzi che vanno dai 200 euro per una pompa sommersa (parte idraulica) ai 500 euro circa.

Caprari , azienda di produzione idraulica industriale, è un gigante italiano nella produzione delle pompe sommerse. Utilizzate nei grandi impianti pubblici e privati, le pompe Caprari sono pensate per offrire il massimo della prestazione in ogni condizione. La serie più venduta delle pompe Caprari è la E4XP, la cui resistenza all’abrasione è garantita dal Defender, tecnologia brevettata della casa italiana.

Pedrollo nasce per rispondere all’esigenza di portare acqua nei centri abitati che non hanno collegamenti alle reti idriche. Da quel giorno l’azienda ha continuato a crescere e a sviluppare prodotti di alta qualità. Il cuore della loro produzione sono le pompe sommergibili per acque nere. Pedrollo produce pompe dall’ottimo rapporto qualità/prezzo largamente accessibili dal punto di vista economico.

Leggi tutto... 0

Lo sviluppo tecnologico consente a ognuno di noi di usufruire di una serie di sistemi di sicurezza capaci di proteggere nel migliore dei modi le abitazioni private, ma anche uffici e negozi. Un investimento non troppo elevato è sufficiente per comprare una porta blindata adeguata alle esigenze che si desidera soddisfare. Ma come deve essere scelta la porta blindata?

Guida all'acquisto delle porte blindate

Quando si fa riferimento alle porte blindate, si parla di porte rinforzate progettate e realizzate per riuscire a resistere ai tentativi di effrazione che potrebbero essere attuati da malintenzionati. Le porte vengono distinte in base alla classe anti-effrazione a cui appartengono: un sistema che va dalla classe 1 alla classe 6. Le porte di classe 1, in particolare, offrono un livello di tutela minimo e riescono a resistere unicamente agli scassinatori meno esperti. Le porte di classe 2, invece, sono in grado di resistere all'azione di coltelli e tenaglie di piccole dimensioni, e sono consigliate per la protezione degli uffici. Passando alle porte di classe 3, viene garantita la resistenza nei confronti di ladri con più esperienza e di strumenti come i piedi di porco. Le porte di classe 4, poi, resistono a scalpelli, trapani e seghe, mentre le porte di classe 5 sono consigliate per le gioiellerie e le abitazioni che vengono ritenute ad alto rischio. Infine ci sono le porte di classe 6, che corrispondono al grado di sicurezza più elevato, e infatti sono impiegate per proteggere le ambasciate e le banche. 

Qual è la porta blindata più adatta per una casa?

In linea di massima, per un appartamento che fa parte di un condominio ci si può accontentare senza problemi di una porta blindata di classe 3. Una porta di classe superiore, invece, è raccomandata solo nel caso di una villetta a schiera, di una casa indipendente o di un'abitazione a rischio, per esempio situata in una zona isolata di campagna. Vale la pena di tener presente, in ogni caso, che una porta blindata da sola non può essere sufficiente per garantire un livello di sicurezza ottimale; essa, infatti, deve sempre essere abbinata all'adozione di un sistema di antifurto.

Guida all'acquisto dell'antifurto

Sono tre le tipologie di impianto di allarme per cui si può optare: un antifurto senza fili; un antifurto cablato; un antifurto sia senza fili che cablato. I sistemi filari sono i più tradizionali e richiedono, per la loro installazione, la manodopera di un tecnico esperto; la loro peculiarità è rappresentata dal fatto che ciascun dispositivo è connesso da un cavo. Nei sistemi wireless, invece, non ci sono fili: questi sono gli impianti più diffusi al giorno d'oggi, non solo per una questione di praticità ma anche per semplici ragioni estetiche. La funzionalità è il punto di forza più evidente di questi prodotti, che possono essere installati senza difficoltà anche da chi non è un addetto ai lavori. L'altra faccia della medaglia, tuttavia, va identificata nel rischio di avere a che fare con segnali disturbati: per evitare tale pericolo, comunque, è sufficiente puntare su un prodotto di qualità. Infine, come detto, ci sono gli impianti misti, in cui alcuni device con filo sono affiancati ad altri che ne sono privi. 

Naturalmente, è sempre poco consigliabile optare per un antifurto finto, sperando unicamente nel loro effetto deterrente. Non è detto, infatti, che la sola presenza di telecamere basti a dissuadere i topi di appartamento più organizzati: gli svaligiatori più esperti non si lasciano certo intimorire da soluzioni di questo tipo.

Quali sono gli altri accorgimenti da seguire per aumentare la sicurezza della casa?

Partendo dal presupposto che nella scelta di un antifurto è sempre meglio prediligere un modello avanzato dal punto di vista tecnologico che possa essere gestito e controllato anche a distanza, è importante sapere che il livello di sicurezza della casa in cui si vive è determinato anche dalle azioni che si compiono giorno dopo giorno. Per esempio, non è mai un'idea intelligente quella di lasciare all'interno dell'appartamento oggetti di valore elevato, a maggior ragione nel caso in cui non si disponga di casseforti appropriate in cui conservarli.

Nell'eventualità in cui ci si allontani da casa, anche se solo per un periodo breve, è opportuno non farlo sapere, per esempio tramite un messaggio lasciato nella segreteria telefonica: un'occasione così ghiotta, con l'abitazione sguarnita, sarebbe un vero e proprio invito a nozze per i malintenzionati. Più in generale, è necessario evitare di lasciare qualsiasi indizio che faccia intuire che l'appartamento è vuoto: da bandire, per esempio, sono i messaggi lasciati sulla porta di ingresso. Sarebbe auspicabile poter contare su un rapporto di collaborazione con i vicini di casa, così da potersi aiutare gli uni con gli altri. Infine, attenzione a come vengono utilizzati i social network, dove sarebbe meglio non pubblicare foto in cui ci si mostra dall'altra parte del mondo: anche in questo caso i ladri ne potrebbero approfittare per una visita indesiderata, soprattutto ad agosto con le città vuote.

Leggi tutto... 0

665famiglia-condizionatoreSe si vive in zone in cui d'estate fa particolarmente caldo allora diventa indispensabile possedere un buon impianto di condizionamento. Non solo, l'installazione di condizionatori diventa un ottimo investimento anche per chi possiede una casa al mare e che affitta durante i mesi estivi.
Oggi infatti una delle prime domande che vengono poste quando si sta cercando una casa per passare le vacanze estive è proprio se l'abitazione in questione è dotata di condizionatori.
Ed ecco che diventa fondamentale scegliere un buon impianto che coniughi potenza, risparmio energetico e silenziosità.
Nella scelta dell'impianto, oltre a valutare questi tre fattori, molti sono spesso indecisi tra un impianto mono split oppure dual split o, in genere, multi split.
Soffermiamoci un attimo su quelli multi split e cerchiamo di analizzare l'aspetto relativo alla installazione condizionatori dual split prezzi.

Cosa sono i condizionatori dual split e qual è il loro prezzo

Spesso i termini mono split e dual split lasciano un po' interdetti soprattutto coloro che non sono esperti di impianti di condizionamento.
In realtà è tutto molto semplice:

  • • Gli impianti mono split prevedono un solo condizionatore collegato ad un'unica unità esterna;
  • • Gli impianti dual split prevedono invece due condizionatori collegati ad un'unica unità esterna.

Qual'è la differenza? Che in un bilocale composto da zona giorno e una camera da letto se si opta per un impianto mono split occorrerà comprare due condizionatori collegati ognuno ad una unità esterna mentre se si sceglie un impianto dua split i due condizionatori interni saranno collegati ad un'unica unità esterna.
I condizionatori dual split sono progettati per funzionare autonomamente, per cui si può decidere di farli funzionare entrambi o di accenderne solo uno e lasciare spento l'altro. L'unica cosa che occorre tenere presente è la potenza dell'impianto dual split, nel senso che quella indicata per l'unità esterna è la potenza complessiva dell'impianto. Per capire meglio cerchiamo di fare un esempio e prendiamo il caso che l'impianto abbia una potenza complessiva di 18mila BTU; se vengono accesi entrambi i condizionatori contemporaneamente ognuno funzionerà con una potenza di 9mila BTU ma se per rinfrescare la zona giorno, visto le sue dimensioni, occorre una potenza maggiore (ad esempio 12mila BTU) il singolo condizionatore potrà funzionare in maniera ottimale solo se acceso singolarmente.
I prezzi d'istallazione condizionatori dual split sono maggiori rispetto ad un impianto mono split ma variano a seconda della ditta a cui ci si rivolge. Alcune ditte infatti fissano un prezzo, per la canalizzazione interna, calcolato al metro quadro mentre altre preferiscono applicare tariffe forfettarie.

Installazione condizionatori dual split: come scegliere il giusto professionista

Una volta scelto l'impianto di condizionamento rimane il problema più rilevante, ossia la scelta del professionista che deve installarlo.
Instapro è la piattaforma di origine olandese che ha come obbiettivo quello di agevolare l'incontro tra la domanda degli utenti e l'offerta delle imprese che prestano servizi di ristrutturazione per la casa.
Il suo utilizzo da parte dell'utente risulta particolarmente semplice, anche per chi non è un internauta esperto; basta infatti iscriversi alla piattaforma e compilare la richiesta di preventivo presente online, nel modo più dettagliato possibile, a questo punto tutti i professionisti della zona verranno allertati e potranno inviare i loro preventivi nel giro di 1-2 giorni lavorativi.
L'utente, ricevuti i preventivi, potrà rendersi conto dei prezzi in media applicati per il servizio e scegliere il professionista che fa al caso suo.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy