BANNER-ALTO2
A+ A A-

trendLo scopo di un Trader è, ovviamente, quello di guadagnare. Per farlo è necessario azzeccare il trend giusto. Anticipare un trend, interpretandone il movimento, significa, infatti, poter entrare o uscire dal mercato al momento opportuno così da poter ricavare il giusto guadagno dall’operazione. Ci sono molti metodi per farlo e tutti utilizzano metodi di analisi, interpretazioni dei grafici e altro ancora, che spesso risultano quantomeno difficili da applicare soprattutto per coloro i quali si avvicinano per le prime volte al mercato del Forex. Eppure esiste una strategia piuttosto semplice, ma poco utilizzata dai più, che può essere utile per capire quale sarà l’andamento di un trend: è quella di osservare il suo prezzo di chiusura. Esistono molti metodi per cominciare ad investire e guadagnare nel mercato dei Bitcoin. Dal 2010 ad oggi la crescita di utenti ed investitori è stata esponenziale.

Grazie ad alcune piattaforme infatti, come bitcoin revolution 2019 ognuno di noi, con un piccolo investimento iniziale ( 2 euro, 10 euro, 100 euro) può cominciare a compiere alcune semplici operazioni. Il metodo è molto facile e costantemente monitorato, potrai vedere infatti il tuo profilo ogni volta che vuoi da pc o smatphone in qualsiasi luogo e intervenire in caso di acquisto o vendita. L’automatizzazione del sistema stesso, permette inoltre di lavorare in modo autonomo, seguendo formule matematiche predefinite, senza intervenire anche per lunghi periodi.

Piccole nozioni di Forex

Una delle nozioni basilare del Forex è quella relativa al movimento bullish, un andamento che descrive i livelli dei massimi e dei minimi più elevati di un dato trend definendone così l’andamento al rialzo. Il suo esatto opposto è costituito dal bearish, il movimento che descrive, appunto, un trend che tende al ribasso attraverso il rilevamento dei massimi e dei minimi più bassi. Per verificare l’attendibilità delle oscillazioni dei prezzi ed individuare l’andamento di un trend, non sono necessarie complicate operazioni matematiche, che tra l’altro la maggior parte degli operatori non saprebbe risolvere, ma è sufficiente osservare il prezzo di chiusura che ci consentirà di confermare o negare l’andamento osservato sino a quel momento. In che modo possiamo dunque osservare il prezzo di chiusura per comprendere l’andamento del trend? Il prezzo di chiusura va osservato tenendo conto di tre semplici elementi: • l’apertura: il prezzo della chiusura deve essere superiore di quello osservato all’apertura;

• la posizione sul grafico: la chiusura deve porsi al di sopra della linea mediana all’interno del range della barra;

• la chiusura precedente: la chiusura osservata nel momento di nostro interesse deve risultare maggiore rispetto a quella osservata precedentemente.Come molti di voi avranno intuito le condizioni appena descritte si riferiscono ad un trend al rialzo. Nel caso in cui almeno due di queste tre le condizioni del prezzo di chiusura si verifichino avremo la certezza di trovarci dinnanzi ad un trend al rialzo. Anche nel caso di un trend al ribasso possiamo analizzare tre elementi che ci indicheranno il reale andamento:

• La chiusura deve porsi al di sotto del livello osservato in apertura;

• Osservandone la posizione sul grafico la chiusura deve porsi al di sotto della linea mediana del range del trend;

• Infine, paragonata alla chiusura precedente, la chiusura osservata deve risultare inferiore.

Come è facile osservare il trend al ribasso presenta in chiusura condizioni esattamente opposte di quelle evidenziate per quello al rialzo: la sussistenza di due dei tre elementi presi in considerazione confermerà l’andamento del trend che stiamo osservando, aiutandoci così a decidere come operare nei suoi confronti. Si tratta, come avrete avuto modo di vedere, di un metodo davvero molto semplice, alla portata anche dei meno esperti, ma che garantisce un elevato grado di affidabilità.

Leggi tutto... 0

amazonSono tantissimi i trader che, ogni giorno, decidono di comprare azioni Amazon e di puntare su un colosso tech che non conosce rivali. Se stai pensando di fare questa scelta anche tu, i consigli che abbiamo preparato possono aiutarti a orientarti con maggior consapevolezza.

Sono tantissimi i trader che, ogni giorno, decidono di comprare azioni Amazon e di puntare su un colosso tech che non conosce rivali. Se stai pensando di fare questa scelta anche tu, i consigli che abbiamo preparato possono aiutarti a orientarti con maggior consapevolezza.

Perché comprare azioni Amazon?

La creatura made in USA si è ritagliata un ruolo sempre più importante, continuando a conquistare settore su settore, per quanto riguarda l'ecommerce, e aprendo svariati scenari per le azioni di Amazon.

Cos’è Amazon

Conosciuto come il rivenditore digitale leader al mondo; stiamo parlando del fantastico Amazon.com, it, ES e così via. Fondato a Seattle, Washington e descritto come una società ossessionata dai suoi clienti, l’ecommerce americano è considerato una delle più grandi storie di successo nel mondo. Ha “la più grande selezione della Terra” di prodotti, con categorie che vanno dall’elettronica, alla musica e agli articoli per la casa per l’arredamento, la cura della persona e gli articoli sportivi. Amazon è cresciuto fino a raggiungere una base di clienti di oltre 30 milioni di persone dal lancio nel 1994 e ha guadagnato un enorme fatturato di 135,98 miliardi di dollari nel 2016, diventando la più grande compagnia di Internet al mondo per fatturato.

Amazon e il suo andamento in Borsa

Amazon ha avuto un interessante andamento in Borsa e, probabilmente, uno dei migliori degli ultimi due decenni borsistici USA. Dopo aver avuto ben tre scissioni di azioni, le azioni di Amazon sono passate da 1,50 dollari nel maggio 1997 agli oltre 1.700 dollari oggi. Tuttavia è importante continuare a consigliare di non investire più di quanto ci si può permettere di perdere, in quanto non è sicuro che una simile progressione sia mantenuta anche in futuro, anche se tutto lascia presagire che i presupposti siano utili per conquistare altre posizioni nella straordinaria crescita della capitalizzazione societaria.

Dove comprare azioni Amazon

Amazon è uno dei titoli più noti del Nasdaq e, ovviamente, è possibile acquistare le azioni anche dall’Italia in maniera molto semplice. Se vuoi comprare i titoli hai fondamentalmente due possibilità:

Banca tradizionale: se devi investire cifre importanti, superiori ai 3-4 mila euro, il conto corrente è tendenzialmente migliore perché ti permette di avere tutto sotto controllo insieme alle altre spese. Se, invece, devi investire cifre inferiori non ti conviene comprare in banca perché paghi commissioni elevatissime per comprare: spendere 10-15€ ad operazione allo sportello o 8-10€ per operazioni online se devi investire cifre inferiori a 1000-2000 euro non ti conviene perché le spese superano i potenziali guadagni che puoi ottenere. Inoltre in banca hanno poca voglia di venderti le azioni perché puntano a vendere i loro prodotti finanziari su cui guadagnano di più (a discapito del cliente);

Piattaforma online: esistono diverse piattaforme online che ti permettono di acquistare azioni, il problema è che non tutte sono adatte a principianti o persone con budget medio-basso. In linea generale, però, alcune di queste piattaforme sono da preferire se vuoi investire pochi soldi ed hai iniziato ad investire da poco.

Leggi tutto... 0

pubblicita marIl mercato delle vendite è cambiato con l’avvento della tecnologia, tutti hanno più o meno capito che per vendere bisogna comunicare e per comunicare in maniera efficace bisogna instaurare una conversazione con il nostro target, che è continuamente sul web attraverso i propri device mobile. Per questa ragione è sempre più grande la fetta di mercato aziendale che si affida alle attività di web marketing, SEO e social o affida questi parametri ad agenzie esperte del settore, in qualità di consulenti esterni.

Cosa si intende per attività di Web Marketing

Il Web Marketing è il marketing applicato al mondo del Web con l’obbiettivo di attirare visitatori interessati ai propri prodotti o servizi visibili in rete, al fine di far aumentare le vendite dell’azienda. Esso include social media, motori di ricerca, blogging, video ed email. Tramite il web marketing, infatti, è possibile individuare su quali canali investire tempo e risorse, capire quali sono le campagne di comunicazione da intraprendere per trasformare i propri utenti in clienti fidelizzati, e tanto altro ancora.

Perché il Web Marketing è così importante per le aziende

Perché il web marketing è e sarà sempre più importante nei prossimi anni? La risposta è semplice: noi spendiamo sempre più tempo in internet, sui motori di ricerca, su mobile e sui siti web. Come consumatori, prenderemo le nostre decisioni sempre di più online. Dunque, un’azienda che vuole vendere i propri prodotti e servizi, o vuole aiutare e supportare la propria vendita anche qualora il suo business sia prettamente offline, deve essere in grado di: intercettare i suoi possibili clienti su questi canali online e saper comunicare con loro per influenzare positivamente le decisioni, affinché acquistino prodotti e servizi di questa azienda.

Strumenti di web marketing

Vi sono numerosi strumenti web marketing a disposizione del web marketer per raggiungere gli obiettivi prefissati:

  • Sito web o sito internet: è una struttura di documenti ipertestuali più un database che risiede su un server web di una società di hosting. Un design curato, contenuti di qualità ottimizzati per i motori di ricerca (seo copywriting) e organizzati in modo da assicurare all’utente la massima usabilità sono elementi caratterizzanti. altra importante caratteristica, deve essere responsive, cioè adatto alla visione da mobile e con diversi sistemi operativi (android, IOS, windows);
  • Social network: sono piattaforme tecnologiche che consentono agli utenti di condividere contenuti testuali, immagini, video e interagire tra loro. Social media come Twitter, Facebook, LinkedIn e Pinterest offrono alle aziende enormi opportunità per connettersi con i clienti;
  • Newsletter: sono dei contenuti informativi riguardo le proprie attività che aziende, Organizzazioni ed Enti inviano con periodicità al proprio target audience;
  • Chat: benché poco utilizzate per fare web marketing queste piattaforme web permettano una comunicazione diretta tra persone in tempo reale;
  • Forum: simili ai blog, differiscano da questi per la possibilità oltre che di lasciare commenti anche di iniziare nuove discussioni in linea con le tematiche del forum;
  • Feed RSS: è un servizio online che si occupa di informare un utente sui nuovi contenuti di un sito web senza che questi debba ritornare periodicamente a visitarlo;
  • Campagne di Facebook adv: sono campagne di advertising che si pagano soltanto a click avvenuto, nelle quali si comprano degli spazi su profili estremamente targettizzati.

La figura del Web Marketer

La figura del Web Marketer è diventata centrale per tutte le aziende che vogliono parlare con i propri clienti e massimizzare tutti gli sforzi comunicativi per raggiungere i tanto agognati obiettivi di business.
Secondo il Rapporto SAP condotto da IDC un terzo delle PMI italiane che nell’ultimo anno ha investito in tecnologie innovative ha registrato un aumento del fatturato del 10%. Appare chiaro quanto diventi cruciale per le aziende affidarsi a professionisti del web marketing per le proprie strategie di crescita ed innovazione. Grazie al piano di web marketing è possibile declinare la digital strategy dell’azienda che fa uso di tutti gli strumenti utili a raggiungere gli obiettivi aziendali, dalla seo ai social, dal corporate storytelling all’e-mail marketing.  Il web marketer deve padroneggiare tutti questi campi con competenze.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy