loading...
A+ A A-

TradingChi intende fare del trading professionale si pone spesso delle domande del tipo come si diventa un commerciante, qual è il suo ruolo e come lavora su base giornaliera. Per ognuna di queste, c’è una risposta adeguata e soprattutto convincente.

Per capire il lavoro del commerciante, bisogna sapere che cos'è il trading e come si possono ottenere dei profitti.

I migliori profitti con il trading professionale

 

Tutti i profitti derivano dalla volatilità delle attività finanziarie, che è più semplicemente chiamata rischio. In tal caso il rischio che la banca vinca (o talvolta perda) denaro gioca un ruolo a favore del commerciante. Quest’ultimo, infatti, ha a disposizione due principali opzioni ovvero quella di gestire contemporaneamente il rischio e speculare. Questi due ruoli si svolgono durante la sua professione e, in base al rispettivo dosaggio dell'uno o dell'altro, avrà nomi diversi. In riferimento proprio alla gestione dei rischi, va detto che la loro classificazione si concentra su 5 tipi:

  • •Rischio di Credito
  • •Rischio del Reddito Fisso
  • •Rischio Azionario
  • •Rischio di Cambio
  • •Rischio di Commodity

Il rischio di credito deriva dalla probabilità che un'azienda o uno stato si dichiarino inadempienti sul proprio debito. Il prodotto trattato è simile a un'assicurazione che protegge il compratore da un possibile difetto, vale a dire un evento che renderebbe la società o lo stato incapace di onorare il proprio debito. L'acquirente di questa assicurazione è quindi una persona che ha un credito nei confronti della società o dello stato in questione. Quindi, a seconda delle condizioni economiche o politiche, il prezzo dell'assicurazione varia e i prodotti sono i più recenti sul mercato ed anche quelli in più rapida crescita.

Per quanto riguarda invece il rischio del reddito fisso, in primis occorre specificare che prescinde dal movimento dei tassi di interesse, che sono decisi dalle banche centrali. Se ad esempio si prende in prestito al 5% oggi per un anno e improvvisamente la banca centrale decide di abbassare i tassi al 4% all'anno, il rimorso sarà proprio al 4%, quindi si ottiene una netta perdita di un punto percentuale. Il rischio del reddito fisso è oggi il secondo mercato più grande al mondo in termini di volume. Un contratto con un valore nominale di diverse centinaia di milioni di dollari non è un problema. Si chiama "reddito fisso" o mercato del debito. Questo mercato è principalmente scambiato in swap e obbligazioni, ed è molto più tecnico e matematico, adatto quindi per trader con qualifiche specifiche oltre che professionisti.

Il rischio azionario è sicuramente il più noto ed è legato alle attività delle aziende. Si tratta in pratica di un piccolo mercato rispetto a quello del debito. Gli scambi nominali nell'intervallo da un milione di dollari sono la norma.
Per quanto riguarda la quarta tipologia di rischio va citata quella definita di cambio (FX). Nello specifico è legato ai tassi di cambio e quindi è il più grande mercato del mondo con un volume giornaliero di oltre 2.000 miliardi di dollari, in costante aumento.

Infine, parliamo del rischio di commodity, ovvero un piccolo mercato rispetto a cambi o debito, ma anche in espansione, e legato esclusivamente al prezzo delle materie prime.

 

L’indispensabile presenza di un broker

Per fare del trading professionale e poter gestire il rischio, e nel contempo speculare su mercati finanziari, è necessario avvalersi della consulenza di un broker che metta a diposizione le sue piattaforme, analisti specializzati e i tanti strumenti finanziari atti a consentire di massimizzare i risultati in termini di profitti dopo gli investimenti. Tra questi vale la pena citare il broker Stofs, che fornisce ai suoi affiliati indicazioni giornaliere su prezzi, fogli di calcolo storici su cui è possibile visualizzare la tendenza del mercato a ritroso sia a breve che a lungo termine. Il broker in oggetto, propone tra l’altro conti demo gratuiti per i principianti e le versioni VIP, PRO & Premium, adatte proprio per i trader professionisti che intendono mettere in pratica le loro conoscenze del mercato e le suddette strategie dtrading.

Leggi tutto... 0

euroUn trend di mercato è una direzione generale del prezzo di una particolare coppia di valute, così come specificato sul sito fibogroup.it. Le tendenze dei prezzi delle valute variano in lunghezza tra breve, intermedio e lungo termine. La maggior parte dei profitti Forex, che vengono realizzati con un conto trading demo (per pratica) o in conto reale, sono realizzati seguendo le tendenze di mercato ed è molto importante per ogni trader conoscere i fattori che influenzano questi trend. Una buona comprensione di questi fattori, consentirà al trader di essere meglio equipaggiato nel prevedere i movimenti dei prezzi e trarre profitto dagli scambi.

Fattore 1: i mercati dei capitali

Le prestazioni economiche di una nazione determinano enormemente il valore della valuta di quella nazione e un fattore chiave che influenza la salute dell'economia di un paese è la performance dei suoi mercati dei capitali. Un aumento degli acquisti di azioni e obbligazioni nei settori di un'economia mostra una maggiore fiducia degli investitori nel mettere soldi nel paese.

Tutto questo, in cambio, attira ulteriori investimenti da altri paesi e aumenta la domanda per la valuta di quel paese. Gli investimenti nel mercato dei capitali sono messi in evidenza nelle notizie economiche e finanziarie a livello globale. Quando guardi le notizie, sentirai sempre come stanno andando le azioni e le obbligazioni di una certa nazione. Pertanto, i trader fanno affidamento sui guadagni e sulle perdite del mercato dei capitali per prendere decisioni di entrata e di uscita dagli scambi e queste decisioni cumulative si trasformano in un andamento del mercato Forex. In poche parole, un fiorente mercato dei capitali è un segnale di acquisto per la valuta di quel paese, mentre un mercato dei capitali in calo è un segnale di vendita per la valuta del paese.

Fattore 2: scambi internazionali

La bilancia commerciale di un paese fa riferimento alla differenza tra le importazioni e le esportazioni. Una misura delle tendenze del commercio internazionale è dunque fondamentale. Se una nazione esporta più prodotti e servizi in altri paesi rispetto a quelli importati da questi altri paesi, si dice che ha una bilancia commerciale positiva. Per acquistare beni in un qualsiasi paese, devi usare la valuta di quel paese. Pertanto, se sei straniero, devi cambiare la valuta del tuo paese con quella dei tuoi partner commerciali.

Ciò significa che qualsiasi paese con una bilancia commerciale positiva ha una valuta forte e un aumento nel saldo del deficit commerciale, si traduce in un apprezzamento del valore e della domanda valutaria di quel paese.

Questo comporta una tendenza dei prezzi in cui la valuta cresce di valore. È vero il contrario per un paese che ha una bilancia commerciale negativa.

Fattore 3: la condizione politica

Le azioni della classe politica di qualsiasi paese determinano come le persone vedono la stabilità economica di quel paese. Tali opinioni, influenzano il valore della valuta di quel paese. Quando ci sono eventi politici imminenti che possono causare incertezza, come le campagne elettorali, il valore della valuta di quel paese è destinato a diminuire.

D'altra parte, se un candidato politico ritenuto capace di migliorare l'economia vince un incarico elettorale, è probabile che la valuta del paese si apprezzerà. I trader Forex guardano con attenzione alle attività dei player politici e gli eventi politici che si svolgono in tutto il mondo, e che potrebbero influenzare i prezzi delle valute di quello o quell'altro paese. Un'arena politica stabile porterà a prezzi di valuta stabili.

Una politica con tendenza al miglioramento, comporterà un apprezzamento della valuta di quello stesso paese, mentre una politica volta al peggioramento del clima interno del paese, si tradurrà in una caduta dei prezzi delle valute.

Ci sono molti fattori che influenzano i movimenti dei prezzi delle valute e le tendenze dei prezzi. La maggior parte di questi sono risultati diretti delle azioni del governo e gli effetti di questi fattori possono essere a breve, medio o a lungo termine.

Leggi tutto... 0

markIl Network marketing non è certo una novità, in quanto operano tramite questo particolare metodo di vendita diverse aziende da parecchi decenni. L’ampia diffusione di internet però ha consentito a questo ambito di percorrere nuove strade, riportandolo al centro dell’interesse di molti. Stiamo parlando di un’interessante opportunità di guadagno, aperta a chiunque, senza la necessità di effettuare alcun tipo di investimento iniziale.

Come funziona
Il network marketing, detto anche marketing multi livello, consiste in sostanza nella vendita diretta dei prodotti di una specifica azienda. Il guadagno al venditore deriva da provvigioni dirette sulle vendite effettuate di mese in mese. Oltra a questo è possibile creare una rete di venditori, consigliando l’attività ad altre persone e percependo parte del loro fatturato come ricompensa. Se si lavora in modo continuativo e intenso si può creare una fitta rete di venditori, che permette di ottenere un guadagno mensile anche ingente e, a volte, che ha una connotazione di “sicurezza” nel corso del tempo. Ci spieghiamo meglio: se guadagno solo dalle mie vendite personali, è chiaro che le mie entrate dipendono direttamente da quanto mi impegno. Se creo una rete di 3-4 persone, che vendono i prodotti della stessa azienda, permettendomi di guadagnare un punto percentuale del loro fatturato, ogni mese avrò una piccola entrata, anche quando non mi impegno in alcun modo nelle vendite. Se tale rete si amplia, fino a comprendere alcune decine di persone, anche con un impegno minimo potrò ottenere un guadagno significativo.

Quanto si guadagna
Dalla spiegazione precedente appare chiaro come il guadagno possibile sia praticamente infinito. Però è anche correlato a quante persone si riescono a trovare, che svolgano la nostra stessa attività. Conviene anche ricordare che con il passare del tempo ci sarà un certo turn over, nel senso che qualcuno deciderà di smettere di vendere i prodotti e dovremo cercare di sostituirlo con nuove leve. Per poter ottenere un guadagno di un certo livello sarà quindi necessario cercare un costante ricambio di venditori e sempre nuovi clienti a cui vendere i prodotti. Le percentuali guadagnabili dipendono poi dalla singola azienda che propone il network marketing, perché non esistono regole in questo senso. Per quanto riguarda ad esempio Essens guadagni significativi possono arrivare anche al venditore alle prime armi, come provvigione sui prodotti commercializzati. Spesso se si crea una rete sufficientemente ampia e si vendono molti prodotti si ottengono anche ulteriori bonus, che aumentano i guadagni in modo sensibile.

Gli obblighi
Le leggi italiane vietano alle aziende che propongono questi metodi di vendita diretta di costringere i loro venditori/clienti a fare acquisti periodici, con importi prefissati, o a continuare l’attività anche quando non sono in grado di farlo, o hanno perso interesse. Questo significa che non è necessario decidere di diventare venditori per far parte della rete di consumatori di una ditta che fa network marketing. Si può semplicemente continuare ad acquistare i prodotti che più ci piacciono, utilizzandoli personalmente in famiglia. Se e quando lo si desidera si può avviare l’attività di vendita.

Leggi tutto... 0

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy