BANNER-ALTO2
A+ A A-

trading-tendenze-e1559907048285Per chi desidera cominciare ad investire qualche risparmio e provare a fare i conti con i mercati finanziari è chiaramente opportuno contattare un consulente e muovere i primi passi ascoltando i consigli dell’esperto. L’investimento in azioni, obbligazioni o titoli non è di immediata comprensione, per cui la miglior cosa da fate è assumere un consulente e farsi creare una strategia di investimento con precisi obiettivi da raggiungere. Se però già conosci il mercato finanziario e pensi di poter muovere i tuoi risparmi autonomamente eccoti qualche consiglio per investire in questo particolare periodo storico.

Mercati e risparmio: dove investire?

Se c’è qualcosa di sempre incerto quello è il mercato finanziario. Per gli investimenti piccoli e privi di rischio puoi optare per mercati che si occupano di riciclo, diritti civili e risparmi delle risorse ambientali. Se desideri trovare qualcosa di più corposo, sembra proprio che l’abbassamento dei tassi di interesse disposto dalla Banca Centrale Europea abbia reso i mutui e i prestiti piuttosto vantaggiosi e che sia un buon momento storico per acquistare un immobile finalizzato all’investimento. Gli italiani lo stanno facendo molto più che l’anno scorso e le stime e le indagini condotte su questo mercato mostrano come l’acquisto prediletto sia orientato verso il trilocale.

Depositi o salvadanai virtuali?

Un metodo di investimento a zero rischio e il conto deposito. Si tratta di un conto corrente “anomalo” sul quale, nel rispetto di determinate condizioni, puoi solamente versare o prelevare. Il deposito versato viene investito e cresce nel tempo anche se molto lentamente. Quindi se hai una piccola fortuna da parte la miglior cosa da fare è suddividerla e destinarne una parte al conto deposito, così da lasciarla crescere nel tempo e tornare a prenderla quando arriverà il momento di utilizzarla per le tue spese o per qualche emergenza economica. Ci sono anche i salvadanai virtuali, molto più immediati dei conti deposito. Questi prelevano silenziosamente dal tuo conto una cifra mensile o settimanale stabilita da te e la mettono da parte. Alcuni salvadanai permettono di impostare precise azioni di prelievo automatico come quella di togliere una percentuale da ogni stipendio, togliere una piccola somma ogni volta che spendi in libri e benessere ecc… Con questi salvadanai puoi partecipare a crowfunding e investire in obbligazioni con piccole cifre e al minimo rischio su brevi periodi.

Investimenti “a rischio”

Il consiglio che anche un consulente finanziario potrà sempre darti è quello di diversificare e di non investire mai il tuo capitale interamente in un mercato. Di investimenti a rischio ce ne sono tantissimi per cui ti basterà studiare quello che più ti attira. Per esempio il Forex, che è il mercato del tasso di cambio di tutte le valute del mondo, è altamente dinamico e parecchio remunerativo ma solo per chi ne conosce i meccanismi. Ci sono poi gli indici a pacchetto, quelli di cui senti parlare al TG sotto il nome di Nasdaq e che raccolgono le quaranta migliori aziende del Paese di riferimento. Infine ci sono le novità, ovvero le aziende da poco quotate in borsa come il bancoposta azionario internazionale. Stando alle informazioni di Fisso Variabile si tratta di una innovativa soluzione finanziaria dai rendimenti interessanti ma dall’elevato rischio e che è un’aggregazione dell’andamento dei mercati globali: un portafoglio diversificato proprio concentrato sui mercati. Di questa novità si sta parlando molto per cui prendi appuntamento con il tuo consulente e valuta se possa fare al caso tuo. Quando vengono lanciate sul mercato nuove proposte è bene essere sempre sul pezzo e agire prontamente

Leggi tutto... 0

buona-1Al giorno d'oggi esistono fortunatamente quegli enti che lavorano per raggiungere scopi socialmente utili senza un guadagno: si tratta delle associazioni “no profit”. Ma quali sono e come funzionano? Cerchiamo di capirlo in modo semplice e diretto!

È necessario precisare come prima cosa che gli enti no profit fanno parte del terzo settore, ossia quello al quale fanno parte le istituzioni e le organizzazioni che si pongono a metà fra il mercato e lo Stato.

Essere un'associazione no profit, cioè senza fini di lucro, non vuol dire necessariamente che non vengano in alcun modo prodotti dei “frutti” in termini economici: anche questi enti possono produrre un attivo, con l'importante differenza che il ricavato non verrà tradotto in profitto, cioè, in poche parole, non sarà distribuito fra i membri della stessa associazione.

Ora che abbiamo tracciato un quadro più o meno esaustivo riguardo a cosa sia in generale un'associazione no profit, cerchiamo di andare più nello specifico trattando gli enti sportivi no profit.

Cosa sono le Associazioni Sportive Dilettantistiche?

Conosciute tramite l'acronimo ASD, le Associazioni Sportive Dilettantistiche sono esattamente quelle che si prefiggono finalità a livello sportivo senza fini di lucro. Perché si determini un'associazione di questo tipo, ci deve essere un accordo di più persone le quali perseguiranno in maniera stabile e continuativa la gestione di una o più attività sportive sotto forma dilettantistica.

È importante sapere che un'Associazione Sportiva Dilettantistica può essere costituita sia sotto forma di ente riconosciuto che non riconosciuto e può ottenere la qualifica Onlus.

Ma affinché in una associazione no profit venga riconosciuto il fine sportivo è necessaria l'iscrizione presso il registro gestito dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), grazie al quale vengono trasmesse puntualmente ogni anno all'Agenzia delle Entrate i dati ai fini di verifica dei presupposti per l'ammissione ai benefici di carattere fiscale.

In genere le ASD sono amministrate da un organo direttivo che viene appositamente eletto da un'assemblea e risponde direttamente ad esso. 

Gestire le spese e i pagamenti per la propria associazione no profit in maniera intelligente

Come è già stato precisato prima, gestire un'associazione no profit non significa non “maneggiare” denaro: è per questo che la cosa più conveniente e saggia da fare è affidarsi ad una carta prepagata che consenta di controllare spese e pagamenti, non smettendo di concentrarsi sulla propria missione no profit.

Ogni denaro risparmiato può essere investito per promuovere la propria causa, tuttavia dover sempre controllare e tenere traccia di ogni entrata e uscita, utilizzando rimborsi, anticipi di cassa e carte di credito può rivelarsi davvero complesso e “distraente” nei confronti del proprio scopo primario.

Carta Soldo 

Fortunatamente esistono carte prepagate, quali ad esempio Soldo, che permettono di continuare a fare tutto questo sia in modo smart sia nella più totale tranquillità e chiarezza. Basterà mettere a disposizione al personale e ai volontari le carte prepagate Soldo, senza alcuna necessità di verifiche di solvibilità individuali. Per i dipendenti dell'associazione sarà possibile spendere per conto di quest'ultima sin dal primo giorno.

Leggi tutto... 0

5Come gestiscono i propri risparmi le famiglie italiane? Rispondere a questa domanda è davvero molto interessante, soprattutto per chi opera nel settore bancario, cerchiamo dunque di fare chiarezza.

Bisogna anzitutto premettere che, semplificando al massimo l'argomento, la ricchezza finanziaria può essere gestita in due modi differenti: attraverso dei semplici depositi su conto corrente, o su altri prodotti analoghi quali il libretto postale, oppure si possono attuare delle forme di investimento.

I depositi su conto corrente

I depositi su conto corrente sono completamente sicuri, anzi è utile sottolineare da questo punto di vista che tutte le banche aderenti al cosiddetto Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi garantiscono la restituzione di risparmi fino a 100.000 euro a tutti i correntisti anche in caso di crack dell'istituto bancario, proprio perché esiste questo fondo che tutela i clienti entro tale limite.

Dal punto di vista della sicurezza, dunque, i depositi in conti correnti e libretti postali sono il massimo, per contro però si tratta di soluzioni del tutto infruttuose, anzi il correntista è tenuto anche a pagare le relative imposte.

I prodotti di investimento finanziario

La gamma degli investimenti finanziari è davvero enorme, e tutte queste soluzioni sono accomunate dal fatto di non essere sicure come sono invece i conti correnti: se si effettuano investimenti finanziari il capitale è da intendersi a rischio.

Ovviamente andrebbero fatte, da questo punto di vista, molteplici distinzioni: ci sono prodotti di investimento a rischio molto basso e altri che, al contrario, espongono il capitale a un forte rischio.

Se si effettuano degli investimenti, tuttavia, il capitale diviene fruttuoso, proprio perché è possibile assicurarsi un interesse; anche da questo punto di vista i prodotti sono molto diversi e nella grande maggioranza dei casi tanto più il rischio è elevato, tanto maggiore è la possibilità di sviluppare dei guadagni.

I dati del 2° Rapporto Aipb-Censis

Il 2° Rapporto Aipb-Censis, che è stato recentemente pubblicato, mette in evidenza alcuni aspetti molto interessanti per quel che riguarda i comportamenti finanziari degli italiani.

Nella grande maggioranza dei casi, infatti, le famiglie italiane optano per i depositi bancari tradizionali, dunque scelgono delle soluzioni a rischio zero ma, allo stesso tempo, infruttuose.

Secondo queste statistiche sono soprattutto le forme di investimento di tipo statale, dunque azioni ed obbligazioni, a registrare un calo.

Nello specifico, è stato rilevato che nell'arco dell'ultimo decennio c'è stata una diminuzione del -6,9% per quel che riguarda gli investimenti obbligazionari e del -12,4% per quel che riguarda quelli azionari.

I perché di questo trend

Alla base di questo trend vi è, probabilmente, il fatto che molti cittadini percepiscono l'Italia come un paese finanziariamente a rischio, tuttavia laddove si parli di investimenti finanziari è necessaria un'analisi più approfondita e più dettagliata.

Nel web sono presenti diversi portali che forniscono un quadro nitido di tali prodotti: nel sito Internet segnaliditrading.net, ad esempio, figurano degli approfondimenti molto dettagliati riguardanti le azioni italiane e, più in generale, la Borsa Italiana.

Non resta che attendere, dunque, per scoprire se gli italiani confermeranno questo loro atteggiamento prudente, optando quindi soprattutto per semplici depositi bancari su conto corrente, o se riprenderanno a considerare con una maggiore attenzione i prodotti finanziari.

La differenza in termini di redditività, d'altronde, è enorme, di conseguenza dinanzi alla possibilità di sviluppare dei guadagni potrebbe anche essere accettato un minimo livello di rischio.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy