loading...
A+ A A-

La Befana vien di notte / con le scarpe tutte rotte / con le toppe alla sottana / viva viva la Befana!

E poi un altro antico adagio:- Epifania, ogni festa si porta via.

Riaprono le scuole, i nostri marmocchi di malavoglia ritornano in classe, i contadini incominciano la potatura degli alberi,

 

le massaie si concentrano sulle normali attività e abitudini personali. Ma chi è davvero questa vecchietta così cara ai bambini di tutto il mondo che ancora oggi porta tantissimi regali la notte del 5 gennaio? Mitico personaggio che, secondo l'invenzione popolare e secondo i racconti delle nonne, è una brava vecchietta, anche se molto brutta, che scende nelle nostre case attraverso i comignoli o si infila attraverso i buchi della porta principale portando sulle curve spalle un sacco stracolmo di doni e di giocattoli. Si sposta rapidamente andando a cavallo di una lunga scopa magica. Mette paura solo a guardarla, e vola, vola, penetra nelle case, sa in anticipo chi è stato buono o cattivo. Tutti questi poteri, tuttavia, sono esercitati a fin di bene: la Befana reca i doni. E questa è per noi la cosa principale e più importante. I nostri figli, i nostri nipotini l'aspettano con ansia e preoccupazione e la notte del 5 gennaio immancabilmente appendono, come del resto facevamo noi quando eravamo ancora in tener età, una lunga calza vicino al caminetto. Questo è il poso ideale. Ma per noi non c'erano ancora i regali di oggi così costosi e sofisticati. Nella calza trovavamo qualche castagna, qualche fico, due arance, due mandarini, tre o quattro caramelle al miele Ambrosoli, qualche cioccolatino, alcuni spiccioli, qualche soldatino di stagno. Per i più fortunati una bambola di pezza, un cavalluccio di cartapesta con le rotelline, una macchinina di latta. Ma secondo la leggenda chi è veramente questa brutta vecchietta, col naso adunco, con lo scialle sulle spalle e in mano la lunga scopa magica? I tre Re Magi stavano andando a trovare il Bambino Gesù che era nato in una stalla e portavano in dono oro, incenso e mirra. Avevano smarrito la strada e allora bussarono alla casa di una misera casetta abitata da una persona anziana. La vecchia aprì la porta e si meravigliò perché nessuno aveva osato bussare, prima di allora, alla sua porta sgangherata. I Re Magi le chiesero quale fosse l'esatta indicazione per raggiungere Betlemme e se volesse unirsi a loro. Lei non seppe dare nessuna indicazione e si rifiutò di aggregarsi a loro. Aveva altre cose da fare, molto più importanti. I Re Magi partirono alla ricerca del Bambino. La vecchietta, rimasta sola, capì che aveva sbagliato e subito riempì un sacco di doni e così decise di andare anche lei alla ricerca del Bambino appena nato. Ad ogni bambino che incontrava dava un regalo nella speranza che quello fosse Gesù Bambino. E così ogni anno, lei, la brutta vecchietta, ancora oggi si mette alla ricerca del Bambinello e si ferma in ogni casa dove c'è un bambino. Se il bambino durante l'anno ha fatto il bravo la vecchia lascia qualche regalo, ma se ha fatto il monello lascia un pezzo di carbone.

Detto questo, amici di Tirreno News, lo sapevate che per gli animali la notte del 5 gennaio è una notte magica? Eh sì! Secondo una antica tradizione contadina la notte dell'Epifania gli animali parlano e esprimono pareri sui loro padroni. Ecco perché mia nonna Teresa, mia madre Teodora, la notte della Befana trattavano gli animali del cortile, i maialini, la capretta "Stella" in un modo particolare. Li riempivano di coccole e davano loro da mangiare a sazietà. Ma in questa notte magica non solo gli animali parlano, nelle fontane, nei ruscelli, nei fiumi accadono fatti meravigliosi : al posto dell’acqua scorre vino ed olio. Le piante fioriscono e danno frutti prelibatissimi.

Bisogna, però, fare molta attenzione: non ascoltare gli animali mentre parlano tra di loro, non cercare di raccogliere i frutti maturi, non attingere il vino e l'olio dalle fontane. Si corre il rischio di venire a conoscere le profezie di sciagure e di morte e di essere fulminati all'istante. Amici, ma voi ci credete a queste cose?

Ci credete ancora alla Befana anche se siete adulti? Io ci credo, malgrado sia molto avanti negli anni.

Vi invito, pertanto, a preparare una lunga calza e accogliete con un bel sorriso i doni della Befana che con una lunga scopa magica solca i nostri cieli.

A quelli che non ci credono, a quelli che hanno dimenticato le nostre feste neanche un pezzo di carbone.

Io ancora credo alle nostre tradizioni contadine e ai racconti che ci facevano le nonne accanto ai camini scoppiettanti durante le sere invernali buie e fredde e pertanto, la notte della Befana, appendo una lunga calza di lana alla porta di casa con la speranza che anche per me la Befana possa depositare non un giocattolo ma almeno un paio di guanti di lana, una camicia, un bel maglione.

Leggi tutto... 0

Quattro i destinatari del provvedimento, fra cui tre dirigenti apicali dell’Afor e l’amministratore delegato di CooperFin

Un sequestro preventivo d’urgenza per peculato e turbata libertà degli incanti è stato eseguito dalla Guardia di finanza per ipotesi di reato contestate dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro nei confronti di quattro soggetti, all’esito di complesse ed articolate indagini di polizia giudiziaria, condotte dalla Compagnia di Vibo Valentia.

Il tutto finalizzato a delineare i rapporti intercorsi negli anni 2013 e 2014, tra l’Afor (ora “Azienda Calabria Verde”) e la società finanziaria CooperFin S.p.a.

Le indagini che hanno portato all’operazione denominata “Little John” ed hanno consentito di disvelare rapporti illeciti tra l’amministratore delegato di Cooperfin, Ortensio Marano, 43 anni, di Belmonte Calabro (già coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood") e tre dirigenti apicali dell’Afor, oggi Calabria Verde, che hanno distratto risorse pubbliche per il tramite del “partner finanziario” Cooperfin.

Le Fiamme Gialle, in esecuzione del provvedimento d’urgenza del pubblico ministero hanno sequestrato immobili, auto di lusso e somme di denaro nella disponibilità delle persone coinvolte sino a quasi due milioni di euro, in Calabria e in Campania.

Leggi tutto... 0

Incontro di animazione territoriale

Agricoltori di Amantea, Belmonte Calabro, Longobardi, San Pietro in Amantea.

Saluti Mario Pizzino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Saluti sindaci di Belmonte calabro, Longobardi, San Pietro in Amantea.

Saluti Presidente Gal sts Luigi Provenzano.

Bando 4.1. Contributi alle aziende agricole

 

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy