BANNER-ALTO2
A+ A A-

isola ecologica campana 2COSENZA 28 ottobre 2020 - I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Rossano in collaborazione con i colleghi della Stazione Carabinieri di Campana hanno posto sotto sequestro il Centro Raccolta RSU Comunale di Campana ubicato situato in località “Convento” e gestito direttamente dall’ente comunale. I militari dell’Arma Forestale durante il controllo hanno riscontrato diverse irregolarità in violazione alle norme che regolano la gestione di questi specifici siti atti alla raccolta dei Rifiuti in maniera differenziata. In particolare si è evidenziato come non esista zona di conferimento e deposito di rifiuti pericolosi, protetta mediante copertura dagli agenti atmosferici. Inoltre i rifiuti rinvenuti non erano collocati in aree distinte per flussi. Inoltre Su tutta l’area sono presenti i rifiuti eterogenei sparsi alla rinfusa quali plastica, carta, ferro e cavi elettrici oltre ad alcune lastre di eternit e RAEE. Vi erano anche dei container contenenti rifiuti aperti, in alcuni casi con perdite di liquidi sul terreno in altri con rifiuti non suddivisi per le categorie previste. Nell’area oggetto del sequestro non vi è una idonea impermeabilizzazione nelle zone di scarico e non esistono vasche a tenuta per la raccolta di percolato. A seguito del controllo si è proceduto al sequestro del centro raccolta e alla denuncia del Sindaco del Comune di Campana quale legale rappresentante per attività di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi. Dagli accertamenti effettuati si è anche provveduto ad emettere sanzione amministrativa di 5000 euro in quanto non vi è un registro di carico e scarico che possa far risalire alla tracciabilità del rifiuto.

Leggi tutto... 0

Parco della Grotta 2020Sono sempre di più le opportunità offerte dalla GDD Fashion Week ai giovani fashion designer emergenti che vogliono mettersi alla prova e confrontarsi su nuove sfide. L’edizione 2021 del contest ha ufficialmente aperto le iscrizioni lo scorso 16 ottobre.

Due le opportunità: una fase Preview e una fase Finale. La prima è composta da 4 appuntamenti che avranno luogo a Roma, nella location post industriale “HANGAR63” tra dicembre e marzo in pieno rispetto delle normative di sicurezza anti Covid-19. I fashion designer potranno presentare una collezione di tre abiti, da loro realizzata e non necessariamente inedita, con la quale potranno assicurarsi un posto nella fase finale del contest. La seconda fase, quella finale, vedrà gli stilisti approcciarsi ad un tema quanto mai attuale e discusso: “NO GENDER”.

Il Fashion System è ormai pronto ad abbattere ogni vincolo e a varcare la soglia di una nuova era: il fenomeno della moda senza connotazioni di genere è ormai globale. Il “no gender” non si limita infatti a trovare un punto di unione tra i due sessi ipotizzando capi indossabili da entrambi, ma si basa sull’idea che le norme, la lingua e le situazioni sociali dovrebbero evitare di utilizzare il genere come principio di differenziazione e quindi di discriminazione. Il nuovo focus è l’individuo che deve potersi vestire come preferisce senza limitazioni imposte dagli stereotipi di genere. «Quando la dignità dell’uomo viene rispettata e i suoi diritti vengono riconosciuti e garantiti - questo il punto di vista della direttrice artistica Viviana Lorelli - fioriscono anche la creatività e l’intraprendenza, così la personalità umana può dispiegare le sue molteplici iniziative a favore del bene comune».

Il contest è indirizzato a stilisti, studenti presso istituti pubblici e privati di design, moda e modellistica, allievi delle università di moda e delle scuole professionali. Possono partecipare, altresì, gli stilisti che abbiano già aperto un proprio atelier da meno di otto anni. Possono partecipare anche gli stilisti con meno di diciotto anni, purché autorizzati dai propri genitori o da chi ne fa le veci. Tutte le informazioni sulla nuova edizione sono disponibili sul sito www.gddfashionweek.it.

Un’edizione stimolante e quanto mai ricca di opportunità. La giuria tecnica, composta da professionisti e rappresentanti della stampa e del mondo della moda, assegnerà una borsa di studio di 2.500,00 euro. È inoltre prevista la possibilità per ogni singolo sponsor dell’evento di assegnare riconoscimenti ai candidati prescelti.

Tutti gli eventi saranno presenziati e seguiti da professionisti del settore quali giornalisti, blogger, influencer, buyer, stilisti affermati e tecnici del mondo della moda con l’unico scopo di offrire agli stilisti sempre maggiori possibilità per mettere in mostra il loro talento.

GDD FASHION WEEK

Direzione artistica – Press office

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto... 0

sos mammaQuesto è stato il grido di dolore di una bambina di 13 anni. Ha chiesto aiuto alla mamma perché due banditi erano entrati in casa dopo aver rotto i vetri di una finestra, dopo averla legata ad una sedia e messo la casa a soqquadro. Non era vero niente. E’ stata una grossa bugia. La bambina stanca di essere lasciata sola in casa perché i genitori lavorano si è inventato tutto. Non è stata legata, i ladri non hanno rotto i vetri della finestra, non hanno rubato nulla. Ricevuta la telefonata da parte della bambina tutta agitata e sotto shock la mamma si era precipitata in casa avvisando il marito e l’Arma dei Carabinieri. Ha abbracciato la bambina, baciata, coccolata, consolata. Era esattamente quello che voleva, desiderava ardentemente. Desiderava amore, affetto, vicinanza. Quando sono intervenuti i Carabinieri subito si sono accorti che qualcosa non quadrava, hanno incominciato ad avere qualche dubbio sulla rapina. I rapinatori non avevano portato via nulla, la ragazzina non presentava nessun segno ai polsi e alle caviglie, nonostante secondo il suo racconto fosse rimasta legata ad una sedia per più di un’ora. Alla fine, però, tra le lacrime ha dovuto ammettere che si era inventato tutto. Non c’era stata nessuna rapina, non era stata legata ed era stata lei stessa a mettere la casa a soqquadro. Ma perché l’ha fatto? Perché si è inventata questa brutta storia? Era stanca di passare tutti i pomeriggi sola in casa. A causa del Coronavirus era costretta a non vedere nessuno, neppure le sue amichette, le sue compagne di scuola. Sola in casa senza i genitori a guardare la televisione, a chattare sullo smartphone. Non ce l’ha fatta più. Ad un certo punto ha detto basta ai pomeriggi in solitudine, alla televisione, ai giochi tecnologici e ha inscenata la rapina. Con questa ha pensato la bambina convincerò i miei genitori a non lasciarmi più sola in casa. C’è riuscita, però ha commesso un reato. Non è punibile perché la bambina ha solo 13 anni. Ora la cosa più importante è che questa bambina ritrovi la serenità e la spensieratezza dei suoi 13 anni e che i genitori non la lascino a casa mai più da sola.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy