BANNER-ALTO2
A+ A A-

mare corecaNel messaggio imbottigliato, cosa viene richiesto, al Konducator dell’Amministrazione del Comune di Amantea? Che tipo di accadimenti devono essere messi in atto affinché abbiano luogo le azioni tese a sconvolgere la realtà che vede soccombere gran parte dei cittadini? In maniera più semplice: quali sono le espressioni nell’esistenza degli esseri umani, nelle quali si riflettono con forza e con immediatezza l’intera loro essenza e, in riferimento a quest’ultima, gli avvenimenti più tipici?

CORECA ULTIMO ATTO

Chiunque arbitrariamente occupa uno spazio del demanio marittimo, ne impedisce l’uso pubblico o vi fa innovazioni non autorizzate, ovvero non osserva i vincoli cui è assoggettata la proprietà privata nelle zone prossime al demanio marittimo, è punito con l’arresto fino a sei mesi, sempre che il fatto non costituisca un più grave reato il che consentirà alle autorità competenti di procedere nei confronti di chi ha commesso il reato.

Determinazione e riscossione degli indennizzi dovuti per le utilizzazioni senza titolo di beni demaniali marittimi, di zone del mare territoriale e delle pertinenze del demanio marittimo ovvero per utilizzazioni difformi dal titolo concessorio, sono determinati in misura pari a quella che sarebbe derivata dall’applicazione delle normali misure unitarie, maggiorata rispettivamente del duecento per cento e del cento per cento.

Gli indennizzi sono determinati dall’autorità concedente e riscossi, secondo le procedure vigenti in materia, dagli uffici finanziari competenti. Fermi restando i compiti di polizia giudiziaria per i reati commessi sul demanio marittimo che competono alle forze di polizia, si ritiene di precisare quali ed a chi competono gli atti susseguenti alla rilevazione di utilizzazioni del demanio marittimo non conformi alle norme; in pratica a chi compete l’adozione dei provvedimenti sanzionatori.

Ne deriva che ogni qualvolta una utilizzazione del demanio marittimo sia difforme da quella ammessa dalla concessione, l’emanazione dei provvedimenti in autotutela competeranno agli enti delegati come pure nei casi in cui utilizzazioni non autorizzate incidano comunque negativamente sull’uso programmati del demanio marittimo. Di contro, non essendo oggetto di delega, competeranno all’autorità marittima i provvedimenti in autotutela quando gli eventuali abusi incidano sui limiti del demanio marittimo oppure abbiano comportato o possano comportare la realizzazione, da parte di non concessionari, di impianti, manufatti ed opere, ed in ogni caso in cui sia ravvisabile un pregiudizio all’integrità della proprietà statale.

Di conseguenza, data la delicatezza della materia, le autorità regionali o comunali e le autorità marittime operino di intesa al fine di evitare la duplicazione di procedimenti oppure, peggio, che nel convincimento che il procedimento sanzionatorio sia adottato dall’altro soggetto, l’abuso rimanga impunito. Detto questo, torno a scrivere sul bene demaniale rivendicato come proprietà privata dal titolare dell’albergo “La Scogliera” che a seguito di un mio articolo, ha avuto l’ardire e oserei dire l’incosciente temerarietà di recarsi presso l’abitazione di mia madre novantenne e cardiopatica, a lamentarsi del mio “chiedere” alle Autorità competenti di fare luce sulla sedicente rivendicazione.

Rivendicazione, oltre dieci anni fa, che mi risulta essere stata confermata in una lettera dello stesso indirizzata (chiaramente protocollata) al Sindaco di Amantea, al Comandante dei vigili urbani, al Dirigente del settore Demanio e all’Assessorato all’urbanistica. In questa stessa lettera, sempre il gestore dell’albergo “La Scogliera” sembrava affermare di aver mostrato al Comandante dei Vigili, la documentazione attestante la sua proprietà della zona in questione.

Affermazioni che facevano a botte con ciò che scrive l’Avvocato Gino Perrotta in una lettera del 15 maggio e indirizzata a: “Egr. Signor Sindaco del Comune di Amantea”; e p.c al “Comandante dei Vigili urbani” e al “Signor Procuratore della Repubblica Presso il Tribunale di Paola”. L’Avv. Perrotta scrive: “ ….. “il titolare dell’hotel la Scogliera occupa abusivamente e senza pagare alcun canone concessorio l’area antistante il suo hotel rivendicando la proprietà dello stesso”. Lo stesso Avvocato chiude la lettera invitando “gli organi preposti, ognuno per la sua competenza, ad adottare i provvedimenti ritenuti più opportuni”.

Le “affermazioni” del titolare dell’albergo “la Scogliera” facevano altresì a botte con la Visura Storica per Immobile del 16 Aprile 2015, dell’Ufficio Provinciale di Cosenza dell’Agenzia delle Entrate, nella quale si identifica la zona in questione con il “Foglio” 24 e “Particella” 44 intestati al Demanio Pubblico dello Stato Ramo Marina. A questo punto sarebbe opportuno che tutte le Autorità competenti facessero urgentemente il loro dovere, come suggerisce anche l’Avv. Perrotta, sgomberando il campo dalle erbacce e facendo chiarezza una volta per tutte su questa squallida vicenda che bene non può fare alla nostra amatissima città e a tutti gli Amanteani e turisti che adorano Coreca .

Oggi 25 maggio 2024, la sentenza del Consiglio di Stato, che prevede il ripristino della zona in questione, della legalità in questa Calabria alla periferia del vivere civile, il Konducator della città non è riuscito, dopo quasi un anno dalla Sentenza del Consiglio di Stato, a rendere esecutiva la stessa e restituire all’usufrutto della cittadinanza questa madreperla di suolo pubblico. Non trovo più parole adatte a questa “anomalia”.

Gigino A. Pellegrini & G el Tarik

Leggi tutto... 0

clarisse filippoIl palazzo delle Clarisse è in vendita . Siamo arrivati a perdere una delle icone più suggestive di Amantea, forse quella più bella.

È l’ultimo atto della deriva senza fine che sta vivendo questa cittadina sempre più depressa ed abbandonata al suo destino.

Il palazzo delle Clarisse dotato di una bellezza unica conferitagli dal miracolo architettonico di una costruzione a strapiombo sulla roccia sotto la quale si apre la grotta del parco e forma con essa un’immagine unica.

È stato riportato al suo antico splendore quasi 40 anni fa con un esemplare restauro riscoprendo ambienti che nei secoli scorsi erano stati snaturati ed eliminando volumi sovrapposti che nulla avevano a che fare con la struttura originaria.

In tutti questi anni oltre a svolgere una funzione commerciale (un ristorante raffinato e albergo) è stato sede di innumerevoli eventi culturali. Dalle esposizioni di pittura ai concerti, conferenze ed altro. Tanti ruoli che lo hanno reso un’eccellenza della città, un biglietto da visita ed un riferimento culturale.

Certo, il palazzo resterà dov’è, ma non sarà la stessa cosa. Andrà magari in mano ad un magnate russo o un ricco arabo, o forse sarà comprato da una grande società. Chissà.

Sarà come perdere qualcosa della nostra identità, probabilmente sarà più difficile visitarlo o prendere un aperitivo su quel magnifico terrazzo guardando l’infinito.

Perché si è arrivati a questo punto?

Per il degrado e l’inaccessibilità in cui è ridotto il centro storico, quello che nei paesi normali è il primo luogo da visitare per un turista, e ora tagliata in due tronchi, di cui una, quella più antica chiusa sul lato sud dove è avvenuta la frana e l’accesso nord con un divieto di accesso per i non residenti. Più volte ne è stata chiesta la rimozione ma è ancora lì a provocare danni.

Ci sono due aspetti su cui vorrei soffermarmi. L’aspetto culturale e quello economico e sociale. Partiamo dal secondo, per il primo è necessaria una riflessione più ampia.

Nel centro storico a seguito di questa situazione anche altre attività sono state chiuse con perdita di posti di lavoro. Nelle sole Clarisse hanno perso il lavoro 15 persone. Un dramma in un momento di grande crisi.

Ma in realtà Amantea non ha mai considerato la componete culturale come fondamentale per l’economia del paese.

Non si spiega come sia possibile che non esista a Campora un polo archeologico e museale, che l’area del castello sia ancora privata, che non esiste un immobile dedicato dove organizzare esposizioni d’arte e altri eventi. Che in un territorio che si estende per 7-8 km esiste solo la piazza di Campora.

La Calabria è una regione povera e difficile. Dovremmo valorizzare i fattori identitari come elementi di attrazione. Ma abbiamo lasciato che si perdessero e li abbiamo dimenticati. Sono sempre stati considerati di secondo ordine. Delle due culture, quella marinara e quella contadina che sono la nostra origine non rimane nulla, tranne qualche libro, eccellente ma non accompagnato da spazi della memoria.

Il dominio della cultura del commercio ha orientato le scelte della città, soprattutto quando era il centro ricco del comprensorio e aveva poca concorrenza.

Ora le cose sono cambiate ed è evidente l’errore creato dallo squilibrio di questi valori. Oggi Amantea non attrae nessun tipo di investimento, al contrario gli stessi amanteani che possiedono capitali preferiscono investirli fuori. I nostri averi valgono molto meno di qualche anno fa.

Probabilmente è un fenomeno diffuso, ma sembra che da noi quello che è bellezza, la cultura e storia abbia un’importanza minore e per questa mentalità non si sia sviluppato un percorso che ci avrebbe portato ad essere un paese normale.

La mancanza di peculiarità ci rende parte del mucchio. Cosa abbiamo da offrire più degli altri? Il mare? In Calabria ci sono 800 km di costa, in molti casi ben più attrezzata della nostra.

Come se non bastasse, e come se fosse facile oggi ci troviamo di fronte alla peggiore versione di Amantea. Ci vuole talento.

Non c’è una sola cosa che funzioni, non un problema risolto, una città dove è tutto chiuso e quello che è aperto è peggio. Mi riferisco al centro storico, all’unico parco del paese, al lungomare e tante altre cose.

In aggiunta da un po' di tempo si è forzata quest’abitudine di eventi e decorazioni trash (tra l’altro costosi) che ci fanno perdere punti persino all’interno del mucchio.

Le vie cittadine vanno trattate come si tratta col trucco il viso di una donna. Ogni volto ha un codice visivo. Per esaltarne la bellezza si usa con delicatezza per magnificarne alcune parti e correggerne altre.

Qui invece si pensa di fare più colpo usando il trucco dei pagliacci da circo.filippo vita

E così con le manifestazioni che sono diventate rumori e laser. Ma che gente vogliamo attrarre?

Un disagio avvolto da un silenzio assordante, soprattutto da coloro che potrebbero e dovrebbero parlare e lo fanno in privato. Ma in pubblico parlano di argomenti innocui tipo i massimi sistemi, perché c’è sempre qualche favore che si può ottenere…

Spero di sbagliarmi ma ho condotto quasi da solo una specie di battaglia per la scuola media, quando era ancora in fase progettuale, ho denunciato l’indifferenza della gente (con conseguenti risentimenti). Il risultato oggi è alla vista di tutti.

Ripeto, spero di sbagliarmi ma sembra che il centro storico vada verso lo stesso destino. Curiosamente intorno ci gira qualche personaggio già protagonista per il caso Mameli..

Non guardate solo i vostri piccoli interessi. Sarete comunque coinvolti nel declino generale.

FILIPPO VITA

Leggi tutto... 0

ignoraloRoberto Vannacci è un Generale dell’Esercito Italiano che ultimamente ha scritto un libro e che ora è candidato dalla Lega di Salvini in tutta Italia come capolista alle prossime elezioni europee. Come Generale era da tutti sconosciuto, come scrittore, invece, grazie alle contestazioni, alle critiche furibonde e ai commenti negativi nei vari talk show televisivi, è riuscito a vendere migliaia di copie del suo libro”Mondo alla rovescio” e a farsi conoscere da migliaia di italiani. Ha mandato alle stampe addirittura un altro libro “Il coraggio vince”, e sta andando in giro per le varie città italiane a pubblicizzarlo. Ma le contestazioni non mancano. L’altro giorno ha rilasciato una intervista alla “Stampa” e ha rubato la scena a Conte, alla Schleina, alla Presidente del Consiglio Meloni e alla convention dei Fratelli d’Italia a Pescara. Ed è scoppiata, come al solito, la polemica per quello che ha detto:- Classi separate a scuola per i disabili; Mussolini uno statista; Gli italiani hanno la pelle bianca-. Queste frasi, estrapolate dal contesto, hanno fatto indignare l’opposizione e persino i Vescovi italiani. E cosa fa il Pd? Pubblica una foto del Generale con una banda nera e la scritta “Ignoralo”. Non è stato ignorato. Tutti i giornali ne parlano. E così i libri di Vannacci, la sua candidatura alle elezioni europee e l’intervista, hanno oscurato il fantomatico allarme fascista, le diatribe di Conte con la Schlein, i voti comprati e gli arresti in Puglia, Avellino, Palermo e Torino, le contestazioni del 25 aprile, le guerre sanguinarie in Ucraina e a Gaza. Incredibile? E’ vero. Non si parla d’altro nei vari talk show e i principali giornali di oggi così hanno riportato la notizia:- Vannacci shock sui disabili; Bufera su Vannacci; Ossessione Vannacci; Tutti contro Vannacci; Il caso Vannacci scuote la Lega-. Ma questo era il risultato che voleva Vannacci. Il soldato e ora candidato Vannacci è un uomo intelligente, molto scaltro. Ha capito subito che candidandosi con la Lega di Salvini( se ne parlava da più di tre mesi) avrebbe potuto raccogliere migliaia di voti di opinione che sono fuori del bacino nazionale del partito. Avrebbe potuto raccogliere anche i voti delle migliaia di persone che lo vanno ad ascoltare nei cinema e nei teatri e anche di quelli che hanno comprato e letto i suoi libri. Ora si è buttato in politica e non è detto che l’esperienza riesca. Molti più esperti di lui hanno fallito perché non sapevano nulla di politica. C’è riuscito solamente Berlusconi. Ma Salvini lo ha candidato perché spera di raccogliere 700, 800 mila voti in più che scompaginerebbero un paventato flop alle elezioni, ma soprattutto il sorpasso di Forza Italia all’interno della coalizione di centro destra. Spera di portare alle urne quegli elettori che nelle passate elezioni hanno ingrossato il partito del non voto. La sinistra, il Pd e i Vescovi si preoccupano di Vannacci. Ma una rondine non fa primavera. Cosa potrebbe rappresentare un solo Deputato nel Parlamento europeo? Nulla. Non è una minaccia. E come ha scritto giustamente Mario Sechi su “Libero”:- Non è tantomeno una minaccia che accende chissà quale santa barbara-. E Paolo Mieli:- Vannacci sparirà e non avrà nessun ruolo. Ma movinterà la campagna elettorale-. Ha cercato di attirare l’attenzione su di sé. C’è riuscito. Ha fatto impazzire vescovi e sinistra. Un consiglio voglio darvi: Ignoratelo! Non fategli pubblicità gratuita.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy