A+ A A-

Se Trilussa fosse ancora vivo e, pur romano, avesse abitato alla mantia, forse ci avrebbe regalato una poesia.

Magari una poesia che parlava della lotta che si svolge in tutte le elezioni amministrative dove, con un popolo assente, distratto, abulico, vince, sempre, il candidato che ha amici potenti, dove le regole vengono piegate alle esigenze dei vincenti .

Come avviene nei sogni uno sconosciuto poeta ce ne ha inviato una sua modulata su quella originaria di Trilussa “Er leone riconoscente”

Eccovela:

Ner deserto Amanteano, un Re Leone

che j' era entrato un ago drento ar piede,

chiamò un politico de fama pe' l' operazzione.

- Bravo! - je disse doppo - io t' aringrazzio:

vedrai che sarò riconoscente

d' avemme libberato da ' sto strazio;

qual' é er pensiero tuo? De vince le elezzioni?

Embè, s' io posso te darò ' na mano... –

E in quella notte istessa

mantenne la promessa

più mejo che non si potja fari;

ritornò dar politico e gli disse: - Amico,

di certo te farò vince l’elezzione, e te lo dico

perché me so' magnato tutti l’avversari

PS A giorni ne arriverà un’altra.

Leggi tutto... 0

liscotti-giovanniAvendo letto l’articolo apparso sul sito web “Tirreno News” appare doveroso esprimere il personale disappunto di quanto accaduto, stante sempre le dichiarazioni rese dal genitore il quale, credo non abbia alcun motivo per dire ed affermare il contrario vista la particolare situazione. La mia espressione, nasce non solo da volontario e socialmente impegnato, ma da persona che negli anni scorsi e per circa 11 anni ha fatto parte del c.d. Consiglio di Circolo (o d’istituto in altri casi) delle scuole Amanteane unitamente ad altre valide persone, che si sono battute per il bene degli alunni. In particolare, leggendo l’articolo inerente la presunta “discriminazione”, ritengo doveroso ricordare quanto di seguito dettato dalle norme in vigore oltre a quelle dell’Istituzione scolastica (MIUR), che pur se non espressamente delinea la gita scolastica, dette le condizioni per l’integrazione dei soggetti meno fortunati ai quali bisogna di certo prestare più attenzione anche se per una “uscita fuori porta”, valutandone caso per caso con i relativi genitori la realizzazione:

Organico dei docenti per le attività di sostegno

L’alunno con disabilità è assegnato alla classe comune in cui si realizza il processo di integrazione. Pertanto la presa in carico e la responsabilità educativa dell’alunno con disabilità spettano a tutto il Consiglio di Classe, di cui fa parte il docente per le attività di sostegno. Non a caso, il DPR 970/1975 con cui è stata istituita giuridicamente tale figura professionale (poi meglio caratterizzata nella L. 517/77) lo definisce un insegnante “specialista”, dunque fornito di formazione specifica, che, insieme ai docenti curricolari, sulla base del Piano Educativo Individualizzato, definisce le modalità di integrazione dei singoli alunni con disabilità, partecipandovi attivamente. L’insegnante per le attività di sostegno viene richiesto all’Ufficio Scolastico Regionale dal dirigente scolastico sulla base delle iscrizioni degli alunni con disabilità; la quantificazione delle ore per ogni alunno viene individuata tenendo conto della Diagnosi Funzionale, del Profilo Dinamico Funzionale e del conseguente Piano Educativo Individualizzato, di cui alla Legge 104/92, e dei vincoli di legge vigenti.

Lart. 40 della Legge 449/1997 prevedeva l’attivazione di un posto in organico per il sostegno ogni 138 alunni frequentanti le scuole pubbliche della Provincia. La L. 296/2006 e la L. 244/2007 (Finanziaria 2008) hanno abrogato il predetto criterio per la formazione dell’organico di diritto dei posti di sostegno, individuando un nuovo parametro che, a livello nazionale, non può superare il rapporto medio di un insegnante ogni due alunni con disabilità.
L’articolo 2 del dpr 122/2009, Regolamento per il coordinamento delle norme sulla valutazione degli alunni, prevede che i docenti di sostegno, contitolari della classe, partecipino alla valutazione di tutti gli alunni. Inoltre, qualora un alunno con disabilità sia affidato a più docenti del sostegno, essi si esprimono con un unico voto.

Alunni con disabilità

Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa vigente, attraverso l’integrazione scolastica, che prevede l’obbligo dello Stato di predisporre adeguate misure di sostegno, alle quali concorrono a livello territoriale, con proprie competenze, anche gli Enti Locali e il Servizio Sanitario Nazionale. La comunità scolastica e i servizi locali hanno pertanto il compito di “prendere in carico” e di occuparsi della cura educativa e della crescita complessiva della persona con disabilità, fin dai primi anni di vita. Tale impegno collettivo ha una meta ben precisa: predisporre le condizioni per la piena partecipazione della persona con disabilità alla vita sociale, eliminando tutti i possibili ostacoli e le barriere, fisiche e culturali, che possono frapporsi fra la partecipazione sociale e la vita concreta delle persone con disabilità.
Le Legge 104/92 riconosce e tutela la partecipazione alla vita sociale delle persone con disabilità, in particolare nei luoghi per essa fondamentali: la scuola, durante l’infanzia e l’adolescenza (artt. 12, 13, 14, 15, 16 e 17) e il lavoro, nell’età adulta (artt. 18, 19, 20, 21 e 22). Una ricostruzione dell’iter legislativo riguardante l’integrazione, e dei relativi principi, è presente nelle “Linee guida per l’integrazione degli alunni con disabilità, diramate con nota del 4 agosto 2009.

Il MIUR mette in atto varie misure di accompagnamento per favorire l'integrazione: docenti di sostegno, finanziamento di progetti e attività per l'integrazione, iniziative di formazione del personale docente di sostegno e curriculare nonché del personale amministrativo, tecnico e ausiliare. Organi consultivo e propositivo, a livello nazionale, in materia di integrazione scolastica è l’ Osservatorio per l'integrazione delle persone con disabilità.
A livello territoriale altri organismi hanno il compito di proporre iniziative per realizzare e migliorare il processo di integrazione: i GLIP (“Gruppi di Lavoro Interistituzionali Provinciali”, formati da rappresentanti degli Enti Locali, delle ASL e delle Associazioni dei disabili) e i GLH (“Gruppi di lavoro per l'integrazione degli handicappati”, formati dal dirigente della scuola, dai docenti interessati, dai genitori e dal personale sanitario). Il compito del GLH è particolarmente significativo, in quanto ha la finalità di mettere a punto, tra l’altro, il Piano Educativo Individualizzato, che determina il percorso formativo dell’alunno con disabilità e garantisce un intervento adeguato allo sviluppo delle sue potenzialità.

Certificazione della disabilità

La certificazione di disabilità è il presupposto per l’attribuzione all’alunno con disabilità delle misure di sostegno e di integrazione. Il Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri - 23/02/2006 n. 185 "Regolamento recante modalità e criteri per l'individuazione dell'alunno come soggetto in situazione di handicap, ai sensi dell'articolo 35, comma 7, della legge 27 dicembre 2002, n. 289", all’art. 1 individua per la certificazione dell’alunno con disabilità un “organismo collegiale” appartenente al Servizio Sanitario Nazionale. Da sottolineare inoltre l’art. 2 del DPCM in questione, ove si prescrive che le diagnosi funzionali siano realizzate secondo le classificazioni internazionali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che, tra l’altro, devono indicare l’eventuale particolare gravità della patologia.
Amantea 19.05.2017                                                      Cav. Giovanni LISCOTTI

Leggi tutto... 1

Come noto la Corte di Appello di Catanzaro nomina i presidenti dei seggi elettorali scegliendoli da un apposito albo a domanda.

 

Si tratta di una lavoro impegnativo e di notevole responsabilità per lo svolgimento del quale si percepisce la somma di euro 150,00 ( se va bene al massimo 6 euro ad ora!)

 

Questi i presidenti (se accetteranno l’incarico) che troveremo nei seggi elettorali amanteani:

Seggio numero 1 Osso Luigi

Seggio numero 2 Myriam Argentino

Seggio numero 3 De Luca Francesco

Seggio numero 4 Cuglietta Mirko

Seggio numero 5 Russo Patrizia

Seggio numero 6 Pinnicchia Valentina

Seggio numero 7 Perna Mafalda Francesca

Seggio numero 8 Paradiso Ilenia

Seggio numero 9 Bruni Luisa

Seggio numero10 Morelli Ersilia

Seggio numero11 Aloisio Carmela

Seggio numero12 Politano Daniele

Seggio numero13 Scudiero Assunta

Seggio numero14 Miraglia Giuseppe

 

Segnaliamo una cosa simpatica che ci è saltata agli occhi e che è quella che Campora san Giovanni ha perso il titolo di frazione ed è diventata “contrada”: potenza dell’ italiano!”

Leggi tutto... 0

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy