loading...
A+ A A-

Amantea non ha la esclusiva dell’insabbiamento della imboccatura del proprio porto!

No! Succede anche a Cetraro dove da ieri notte un'imbarcazione a vela di circa 43 piedi (13 metri), iscritta al registro navale di Napoli, si è arenata la scorsa notte nel tentativo di entrare nel porto, laddove il fondale è basso, senza controllarlo con l'ecoscandaglio.

Ora la barca risulta incagliata vicino al faro che segnala l'imboccatura del porto.

Nella mattinata un'imbarcazione della capitaneria ha tentato senza successo di trainarla nel bacino portuale.

Ora si è in attesa del rientro di qualche altra imbarcazione più potente che liberi la deriva dalla sabbia.

I fondali all'imbocco del porto si sono tanto ridotti da costituire un serio pericolo alla navigazione e manca una segnaletica adeguata a tutela della sicurezza dei diportisti.

Come dire : Se Atene piange, Sparta non ride.

Storie di porti del Tirreno cosentino!

Insomma se Amantea si trova, spesso, in una situazione disastrata, Cetraro non gode di certo una vita migliore.

Ne prenda atto Mario Oliverio e provveda.

Amantea non può restare senza porto.

Leggi tutto... 0

Due tedeschi entrambi sessantenni partiti da Marina di Camerota (Salerno) viaggiavano sul Tirreno diretti ad Atene

Per il forte maltempo l’imbarcazione si è trovata in difficoltà ed ha pensato di trovare rifugio nel porto di Cetraro.

Purtroppo non sono riusciti nell’intento e la loro barca è stata sbattuta contro gli scogli dai forti marosi che imperversavano sul Tirreno cosentino.

Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia costiera e i carabinieri.

La barca si è anche rovesciata

Dopo lo schianto sugli scogli, uno dei diportisti, un sessantenne, è stato salvato e portato in ospedale.

La persona tratta in salvo è stata ricoverata all'ospedale di Cetraro e dimesso in mattinata.

Nessuna notizia, invece, dell'altro, le cui ricerche sono in corso e che al momento è considerato disperso.

Secondo quanto raccontato dall'amico, durante il naufragio l’altro navigante era già caduto in mare e senza il giubbotto di salvataggio.

Le motovedette della capitaneria e un elicottero della Guardia costiera stanno cercando il disperso.

Leggi tutto... 0

In sintesi la pubblica accusa rappresentata dal procuratore della Repubblica di Paola Pierpaolo Bruni che aveva istruito l'inchiesta assieme al procuratore aggiunto Vincenzo Luberto , ha chiesto 113 anni di carcere

Parliamo della dell'inchiesta "Plinius 2" che vede coinvolti esponenti della criminalità dell'alto Tirreno cosentino, in particolare la cosca Valente-Stummo, ma anche ex esponenti della pubblica amministrazione del Comune di Scalea che si sta svolgendo nel Tribunale di Paola.

Queste le richieste avanzate

Luigi De Luca (15 anni);

Umberto Petrolungo (14 anni);

Alvaro Solazzo (12 anni);

Francesco Saverio La Greca (10 anni);

Cantigno Servidio (9 anni);

Mario Stummo (9 anni);

Maria Francesca Bloise (8 anni);

Francesco De Luca (8 anni);

Angela Faraco (8 anni);

Rodolfo Pancaro (8 anni);

Lido Franco Scornaienchi (6 anni);

Giuseppe Silvestri (6 anni).

Dopo la requisitoria del pubblico ministero hanno parlato i difensori

L’avvocato di Francesco La Greca ha chiesto e ottenuto l'acquisizione di alcune intercettazioni telefoniche.

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy