A+ A A-

tarantella-660x330Ritorna a Le CASTELLA un appuntamento ormai entrato nel cuore degli appassionati provenienti da tutta la Regione, il "LE CASTELLA TARANTELLA WEEK" con la sua quarta edizione che dopo un’anteprima il 27 e 28 Maggio 2017 partirà ufficialmente il 31 Maggio per concludersi il 4 Giugno.

Un esempio di iniziativa “dal basso” che mira allo sviluppo del territorio unendo le forze tra diverse realtà con la costituzione di un comitato ad-hoc tra i commercianti di Le Castella, Calabria Sona, l’associazione CULT, la Marasco Comunicazione, l’associazione Amici Promotion Project, Il Comune di Isola Capo Rizzuto e il comitato della festa patronale sotto la guida di Don Fortunato Morrone. Un chiaro esempio di collaborazione trasversale per un obiettivo condiviso e utile per la comunità sia sotto l’aspetto culturale che di ritorno economico e promozionale per il territorio. 

Un appuntamento che tra musica, canti, animazione, concerti, stage, corsi e tanti eventi pomeridiani porta la cultura popolare in uno dei contesti turistici più belli d’Italia. La formula vincente è quella di unire il grande richiamo turistico di Le Castella a tanti eventi che promuovono e valorizzano la nostra cultura popolare, 5 giorni che aprono la stagione turistica puntando sulle risorse immateriali quali la nostra tradizione, la nostra musica e la nostra cultura.

Il “LE CASTELLA TARANTELLA WEEK” nei tre anni precedenti ha significato riuscire a coinvolgere oltre 15.000 persone nelle giornate del festival, con circa 200 artisti provenienti dal SUD inseriti negli appuntamenti distribuiti dal mattino fino a tarda notte tra le vie di Le Castella. E’ riuscito a raccontarsi attraverso i social (con oltre 1.000.000 di visualizzazioni) e attraverso i media (con format televisivi ad-hoc seguiti da migliaia di persone e gli interventi radiofonici dedicati).

Ricco il programma che prenderà il via il 31 Maggio e che prevede ogni giorno nel pomeriggio corsi di PIZZICA PIZZICA e di TARANTELLA (gratuiti, tenuti da Emy Vaccari e Fabio Chiera) e Musica tradizionale itinerante con i TARANTELLANOSTOP e suonatori di CARDETO. Il primo giorno avrà il suo culmine alle 21.30 con una grande “festa a ballo” che radunerà suonatori e ballerini da tutta la regione per una grande “rota” popolare. 

Una delle novità di quest’anno è rappresentata dalla “piazzetta del cantastorie” realizzata con la collaborazione di Fulvio Cama e L'unione dei Cantastorie dove artisti da tutto il sud racconteranno e cunteranno ogni giorno storie diverse. 

L’1 Giugno sarà la giornata “ROSA” con tutti gli eventi dedicati alla donna e contro la violenza di genere, con il coinvolgimento di artiste sul corso principale per concludere con il concerto finale alle 22.00 di Antonio Grosso e le muse del Mediterraneo e il loro progetto #improntarosa. Il 2 Giugno sarà la giornata del “PALIO del POPOLO” con squadre provenienti da tutta la Regione che si sfideranno in divertenti giochi popolari. La giornata si concluderà con il concerto degli ETNO PHATOS (VIBO) e NUOVI TARI’ (CATANZARO).

Il 3 Giugno ritorna la notte bianca che, vista l’occasione, coinvolgerà anche i tifosi di calcio in una visione in piazza della finale di Champions league e una sagra “Italo-Spagnola”. A seguire il concerto di Ciccio Nucera e la notte bianca con la seconda edizione del riuscitissimo contest di freestyle per i più giovani con ospite d’onore KENTO rapper che lega il suo nome a tanti progetti internazionali non ultimo quello con i KALAFRO. 

il 4 Giugno ultima giornata ricca di iniziative e con una grande session finale alle 19 con tutti i musicisti coinvolti nell’evento. 

Durante le giornate, approfittando anche del ponte festivo, tutte le attività commerciali e turistiche riserveranno condizioni particolari in occasione del festival…un motivo in più per seguire il festival e passare momenti indimenticabili nel paradiso di Le Castella.

Leggi tutto... 0

Ci risiamo: Ancora una volta la nostra martoriata terra di Calabria finisce in prima pagina sui giornali e come prima notizia sui telegiornali regionali e nazionali.

 

La Calabria è nell’occhio del ciclone.

Le mani della ‘ndrangheta fanno cospicui affari sulla pelle dei poveri migranti e milioni di euro destinati al Cara di Isola Capo Rizzuto vengono dirottati in Svizzera.

 

Questo famoso centro di accoglienza, forse uno dei più grande in Italia, per gli inquirenti era diventato “il bancomat” di una cosca mafiosa.

Del losco affare sono coinvolti finanche il Sindaco del luogo ed il Parroco, difeso ad oltranza dai suoi parrocchiani, perché, secondo le indagini, collaboravano con i mafiosi.

Prete, Sindaco, boss, volontari, confraternita di Isola Capo Rizzuto che sfruttano l’accoglienza.

 

Tutti assieme, secondo l’ultima inchiesta della magistratura e delle forze dell’ordine, ad abbuffarsi con i soldi dello Stato.

Gli inviati speciali dei vari giornali e telegiornali sono piombati come falchi in questo luogo meraviglioso e conosciuto anche all’estero.

Una grande insegna li ha accolti all’ingresso del paese: Benvenuti ad Isola Capo Rizzuto, Comune del sole e dell’accoglienza.

Sì del sole e dell’accoglienza, perché la bella cittadina è inondata di sole e circondata da un mare meraviglioso e poi centinaia e centinaia di migranti vengono accolti ogni anno che sono fuggiti dagli orrori delle guerre e dalle persecuzioni nei loro paesi d’origine.

 

Gli inviati sono stati accolti dai ragazzini del luogo che su motorini sgangherati senza targa e senza casco scorazzano per le vie del paese.

E i vecchietti, seduti sulle panchine che osservano senza fiatare. E poi tantissimi giovani di pelle nera nel centro di accoglienza costato allo Stato, cioè a noi contribuenti, 14 milioni di euro.

Chi gestisce il centro?

Una cooperativa “la Misericordia” fornisce al popolo dei gommoni che approdano in Calabria tutto il necessario, dai vestiti ai pasti, dall’alloggio all’assistenza sanitaria e spirituale.

Adesso è intervenuta la Magistratura.

E il gestore è stato accusato di vari reati.

 

L’operazione è stata chiamata “Jonny” che ha portato al fermo di 68 persone.

Gli indagati sono accusati di vari reati, tra cui, associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, malversazione ai danni dello stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture. Dalle indagini è emerso altresì che le persone incriminate controllavano, a fini di lucro, la gestione del Centro di Accoglienza per migranti CARA di Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto.

 

NdR Ringraziamo la continua attenzione di Francesco alle cose di "casa nostra". Ma vogliamo ricordare che in Calabria ci sono persone come Gratteri ed i suoi "soldati di Giustizia" grazie ai quali possiamo mostrare anche la Calabria onesta che opera per la legge , la giustizia, la verità!

Leggi tutto... 0

San Luca è famosa per aver dato i natali allo scrittore Corrado Alvaro, ma è anche tristemente nota per la faida di San Luca, culminata nella strage di Duisburg, cittadina della Germania occidentale, in cui, nella notte tra il 14 e il 15 agosto del 2007, furono uccise sei persone.

 

Nel Comune reggino di San Luca nessuna lista è stata presentata per l’elezione di sindaco e Consiglio comunale del 2017.

L’ente era stato sciolto nel 2013 per mafia.

Nel 2015, anno in cui si tennero le amministrative, si presentò una sola lista, Liberi di Ricominciare, che non raggiunse il quorum utile.

“A San Luca si sono convinti di essere colpevoli e per questo si sono cosparsi il capo di cenere, hanno scelto la rinuncia totale.

Una sopportazione che si trasforma in non scelta.

È una resa che è peggio di tutto".

Così lo scrittore Gioacchino Criaco commenta con amarezza quella che definisce “l'ennesima occasione persa per San Luca”

"Si dice che i commissari prefettizi abbiano bene amministrato - risponde all'Agi l'autore di "Anime nere" - ma non si può rinunciare solo perché si ritiene che ci sia un bravo commissario a governare".

 

Criaco è originario dell'Aspromonte e alcune settimane fa aveva espresso il suo pensiero anche su Facebook dopo l'inaugurazione di un campo di calcio che aveva richiamato autorità di governo ed i riflettori della stampa sulla cittadina.

"San Luca - afferma - si è ormai convinta di avere un peccato collettivo da scontare e da anni, religiosamente, sopporta ogni tipo di reprimenda, accoglie con gioia variegati profeti del bene, accetta consigli, asseconda progetti che arrivano da fuori".

Affidarsi a un commissario prefettizio, per quanto bravo, dice Criaco, "è una sconfitta"; è, aggiunge, “la convinzione che la salvezza arriverà da fuori".

 

Per lo scrittore “un popolo che non discute, non si interroga, non protesta, non è più un popolo” e lo Stato che si propone come salvatore "ha già fallito".

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy