loading...
A+ A A-

Scrive Vincenzo Lazzaroli:

“Dopo trent’anni di gestione affaristica e clientelare dell’amministrazione pubblica, manovrata dal solito gruppo di politici (ma questa sarebbe già una parola grossa nel definirli) che tutti conosciamo, è arrivata la resa dei conti.

 

Conti in profondo rosso quelli di Amantea che si scopre, d’un tratto, politicamente incapace di riscuotere i giusti tributi dai suoi cittadini e di non saperlo fare.

È inerme la stessa “dinastia politica” che si è appropriata, in verità, non solo del potere attraverso il voto clientelare, ma anche della morale di parte dei cittadini di Amantea che, bontà loro, hanno deviato dal corso del “dovere civico”, per farsi abbindolare da quello del “risparmio promesso”.

Una pratica che è giusto condannare e stigmatizzare e che, a nostro avviso, non è assolutamente accettabile!!

Sono almeno trent’anni che questi avventurieri della politica hanno affondato economicamente e moralmente la nostra città e lo hanno fatto scientemente, senza scrupolo alcuno; allora, ben venga uno schiaffo così forte e duro, ben venga a svegliarci tutti dal torpore e dalle false promesse del tipo “dammi la bolletta e stai tranquillo”!!

Oggi, pur di salvare la poltrona, ci si nasconde dietro lo scudo del diktat ministeriale e come Ponzio Pilato, ci si lava le mani dal peso delle proprie responsabilità affidando il destino dei cittadini in debito con l’amministrazione alle tenaglie, dure e laceranti, dell’Agenzia delle Entrate.

Ponzio Pilato, dunque, il loro modello di Politico Illuminato; oppure lo struzzo, se vogliamo un modello ancora più cogente alla situazione.

Se ne lavano le mani e sotterrano la faccia, cosa per la verità, che avrebbero dovuto fare autonomamente già da tempo, senza arrecare altri danni al popolo e all’immagine di Amantea.

La scelta, dunque, di affidarsi all’Agenzia delle Entrate per la riscossione e il recupero coattivo di tutti i tributi è azzardata e ne vedremo le conseguenze sulla pelle dei cittadini, ma anche sul tessuto economico della città.

Si poteva e si doveva fare qualcosa di diverso e di meglio, piuttosto che scaricarsi la coscienza chiamando sul campo un terzo attore che, certamente, interpreterà il suo mero ruolo di esattore forzoso.

È mai possibile che non si trovi un modo per mettere in piedi procedure e sistemi di controllo nonché di gestione dei pagamenti, per la materia dei tributi, senza ricorrere alla spada?

A nostro avviso, sarebbe necessario ed essenziale che ai soggetti, coinvolti nel recupero dei tributi, si desse la possibilità di far fronte a quanto dovuto, tenendo conto della condizione patrimoniale, per evitare eventuali situazioni critiche di soggetti manifestamente in difficoltà economiche.

Ci saranno esempi di altri Comuni semplicemente da “copiare”?

Non vogliamo chiedere soluzioni ingegnose o rivoluzionarie, ci basterebbe anche un segno di umiltà nel tentativo di emulare le “best practice” che ci sono in altre realtà urbane.

Allora svegliati gente di Amantea…sveglia e cerca un nuovo corso, che sia veramente nuovo.

Cambiare si può e si deve; si può e si deve scegliere con attenzione le persone che ci rappresentano e si deve anche ripensare il proprio personale rapporto con la città.

La dura e amara realtà.. ahinoi e’ proprio questa, ad Amantea venne il famoso “redde rationem”…

                                                                                                       Vincenzo Lazzaroli”

Leggi tutto... 0

GIUSEPPE GRAZIANO 1Si chiude una vertenza che ha visto in prima linea il CCI insieme ai cittadini

AMANTEA (CS) – Giovedì, 18 Ottobre 2018 – OK della Regione ad un investimento di 3,7 milioni di euro per la riqualificazione del Porto di Amantea. L’importante infrastruttura marittima, strategica per il mercato ittico e turistico, è stata inserita nella graduatoria degli interventi a valere sul POR Calabria 2014-2020. Si chiude, così, una vertenza tra il territorio e la Regione Calabria, durata mesi, e che oggi viene portata a risoluzione grazie e soprattutto alle battaglie politiche condotte da Il Coraggio di Cambiare l’Italia e dai suoi rappresentanti locali.

È quanto fanno sapere il presidente nazionale del movimento, Giuseppe Graziano, ed il coordinatore civico del CCI, Vincenzo Lazzaroli, al termine del lungo e persistente confronto tra cittadini, governo regionale, il già Commissario straordinario della cittadina tirrenica, Anna Aurora Colosimo e l’ufficio comunale Lavori pubblici, che lo scorso anno, nel periodo di commissariamento, ha prodotto, nei termini, la domanda di finanziamento sulla portualità della Regione Calabria.

Portiamo a compimento – dice soddisfatto Lazzaroli – un iter procedurale durato mesi e che oggi, dopo una prima ed ingiusta esclusione dai finanziamenti, vede il Comune di Amantea beneficiario di un importante attribuzione di fondi che saranno utilizzati per superare definitivamente il problema dell’insabbiamento del Porto. Questa struttura può ritornare a vivere grazie al lavoro svolto dal coordinamento cittadino de Il Coraggio di Cambiare l’Italia, con il determinante supporto del presidente Graziano, che nei mesi scorsi si è fatto carico di mediare con il governo regionale e trovare una soluzione quanto più congeniale alle gravi problematiche del porto. Abbiamo lavorato per restituire un futuro ad un’infrastruttura strategica ascoltando le istanze di quanti vivono di mare, diportisti e pescatori in primis, che in questi anni hanno sempre manifestato il  disagio per lo stato di abbandono della darsena. Pur tra le mille difficoltà e nella solitudine delle istituzioni locali – precisa il coordinatore civico del CCI - non ci siamo arresi e abbiamo avviato una persistente attività di sensibilizzazione, instancabile, testarda e decisa mirata a far ripartire una delle opere baricentriche nel quadro economico e di sviluppo del basso Tirreno cosentino.

La vicenda del Porto di Amantea – aggiunge il presidente Graziano – è l’esempio di come un’azione politica che parte dal basso e con il supporto della gente può raggiungere i risultati sperati dai cittadini. Se oggi si ritorna a parlare di prospettive e nuovi orizzonti per questa struttura è perché a monte c’è stato un instancabile lavoro di squadra che ha saputo portare la voce della gente nel cuore delle istituzioni regionali. Tutti ed ognuno, dai cittadini, ai rappresentanti del Coraggio di Cambiare, agli uffici comunali e regionali, finendo alla Giunta regionale, hanno giocato il proprio ruolo determinante per giungere ad un risultato vincente. I nostri referenti sul territorio, con a capo – precisa - l’instancabile Vincenzo Lazzaroli, hanno raccolto le istanze della cittadinanza  degli operatori del mare, che sono state poi portate in seno alla Regione attraverso una persistente attività istituzionale. E questo ha permesso che il progetto di riqualificazione del Porto di Amantea, dapprima riconosciuto urgente ma non finanziabile, fosse inserito poi nel piano di investimenti. Il nostro impegno – ricorda Graziano – non finisce qui. Ora vigileremo affinché i fondi vengano trasferiti al Comune rispetti il crono-programma per evitare il definanziamento dell'opera così che gli amanteani e soprattutto i pescatori e quanti gravitano attorno alla struttura portuale, possano ritornare a fruire di un’opera pubblica – conclude il leader nazionale de Il Coraggio di Cambiare l’Italia - nata proprio per ridisegnare le prospettive di una terra che ha tante potenzialità ancora inespresse. ©CMPAGENCY 

-- 
Ufficio stampa - Il Coraggio di Cambiare l'Italia
Leggi tutto... 0

Si tratta di milioni di euro che dovranno essere pagati dal comune di Amantea e che a quanto pare non rientrano nemmeno nel dissesto e, quindi, dovranno essere pagati per intero senza abbattimenti di sorta, più o meno legittimi.

Milioni di euro che derivano dalla sentenza emessa dal tribunale di Paola giorno 4 ottobre 2018, dopo anni ed anni di causa, sentenza che sarebbe stata notificata stamattina 17 ottobre al comune di Amantea a cura degli avvocati dello stesso Ente.

Parliamo degli avvocati Nunzio Raimondi, del foro di Catanzaro, e Concetta Metallo, del foro di Paola.

Vi starete chiedendo di cosa stiamo discutendo, vero?

Ebbene, parliamo della causa promossa dall’Hotel La Principessa contro il comune di Amantea, la regione Calabria e la provincia di Cosenza per i danni provocati dal Porto di Amantea alla spiaggia a sud . letteralmente scomparsa, e che ha reso impossibile la sua fruizione da parte del complesso turistico

Una vicenda della quale parleremo a lungo, ancora più se, davvero, i cittadini amanteani saranno , come sembra, chiamati a pagare i danni stabiliti dai giudici a favore dei ricorrenti.

Parliamo, come detto, di milioni di euro

Se anche non è stato riconosciuto a favore del ricorrente il danno emergente richiesto e quello di immagine sarà quantizzato nei prossimi mesi ,il lucro cessante assommerebbe a diversi e diversi milioni di euro.

L'importo sarà stabilito dai giudici.

Sembra che gli avvocati romani Manti e Reggio D’Aci ben famosi ad Amantea per aver fatto vincere la causa agli amministratori comunali quando venne sciolto per mafia il consiglio comunale, questa volta non siano riusciti a tutelare gli interessi della città.

Stando alle prime indicazioni sembra che la difesa del comune esercitata da Manti-D’Aci, sia stata orientata a sostenere la incompetenza del magistrato ordinario, spettando, al contrario, il giudizio al TAR, tesi questa non accolta dal tribunale paolano.

Non solo ma sembra che la regione sia stata prosciolta da eventuali responsabilità perché il progetto è stato approvato dal comune, donde la totale responsabilità di quest’ultimo.

Ma, ci chiediamo, possibile che la regione sia diventata solo un ente erogatore senza entrare nel merito dell’opera , quasi che fosse una sorta di cassa depositi e Prestiti dei vecchi tempi ?.

Quasi come se, erogato il finanziamento pubblico, possa mancare ogni forma di attenzione e di controllo?.

Similmente sarebbe stato prosciolto da ogni responsabilità l’ente provincia proprio perché non avrebbe avuto responsabilità alcuna nella valutazione del progetto del porto.

La prima domanda che ci stiamo ponendo è la seguente: Ma chi ha approvato il progetto?

La seconda domanda :Ma chi ha approvato il progetto?

La terza: Ma dove sono finite le prove in vasca fatte eseguire dal comune di Amantea?

La quarta: Ma le prove in vasca avevano dichiarato l’opera eseguibile ed a quali condizioni?

Ci fermiamo qui, per il momento, ma con l’impegno a maggiori riflessioni.

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy