loading...
A+ A A-

Salta conduttura dell'acqua a Cosenza su Corso Umberto una delle vie principali che ha causato grave disagio agli automobilisti.

La rottura si è verificata stamattina e un forte boato ha fatto spaventare i commercianti della zona.

 

L'asfalto della strada, come del resto si può vedere dalla fotografia, è saltato in aria e una voragine si è formata sulla strada inghiottendo una vettura, una opel bianca, che stava transitando in quel preciso momento .

L'autista è rimasto fortunatamente illeso anche se forte è stato lo spavento.

Sono subito intervenuti i Vigili Urbani che hanno rimosso subito la macchina intrappolata nella voragine, i Vigili comunali che hanno subito deviato il traffico e i tecnici del Comune che hanno subito provveduto a chiudere l'acqua dai serbatoi di Via de Rada e del Merone.

Appena la pressione è diminuita sono intervenute le ruspe di una ditta chiamata dal Comune e si son messe a scavare per trovare il guasto.

L'interruzione dell'acqua, inutile nasconderlo, potrà causare notevole disagio alle abitazioni circostanti. 

Leggi tutto... 0

Cosenza. Dieci giorni di lavoro per sequestrare beni e conti correnti bancari della 61enne, dipendente dell’Asp per avere sottratto indebitamente soldi pubblici all’azienda sanitaria provinciale.

A darne notizia è il procuratore capo della Procura di Cosenza, Mario Spagnuolo.

Alla predetta C.F. viene contestato, il reato di cui all’art. 81 cpv., 61 n.7, 314 c.p., in quanto ritenuta responsabile, quale pubblico ufficiale, dipendente dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza (qualifica ricoperta Assistente Amministrativo Cat. C1), svolgente funzioni amministrative presso la Commissione Medica Locale per patenti di guida di Cosenza, avendone per ragione del suo ufficio il possesso, o comunque la disponibilità, di essersi appropriata della somma complessiva di euro 294.820,00, sottraendola da conti correnti postali intestati alla suddetta Commissione Medica Locale.

Dal 19 novembre scorso e fino alla mattinata odierna, personale della Sezione di Polizia Giudiziaria – aliquota Polizia di Stato – della Procura della Repubblica di Cosenza, ha dato esecuzione agli adempimenti relativi all’Ordinanza di Applicazione di Misura Cautelare Interdittiva e di Sequestro Preventivo, emessa il 12.11.2018 dal GIP presso il Tribunale di Cosenza, nell’ambito del procedimento penale n.652/17 RGNR mod.21, a carico di C.F., di anni 61, dipendente dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza.

In particolare, con l’Ordinanza sopra specificata, il GIP ha disposto la sospensione della predetta C.F. per la durata di mesi dodici, dall’esercizio del pubblico ufficio, nonché il sequestro preventivo, per equivalente, delle somme depositate su conti correnti bancari o postali, di titoli di stato, di titoli azionari ed obbligazionari, certificati di deposito, buoni postali, libretti di risparmio e/o deposito, quote di fondi di investimento, polizze assicurative sulla vita, o comunque di altri strumenti finanziari e/o assicurativi, beni immobili, beni mobili registrati, intestati, o comunque nella disponibilità dell’indagata, fino alla concorrenza della somma di euro 294.820,00.

Nel corso dell’esecuzione del provvedimento, sono stati sottoposti a sequestro preventivo:

  • immobile censito nel Catasto dei Fabbricati del Comune di Cosenza, intestato all’indagata;
  • immobile censito nel Catasto dei Fabbricati del Comune di Cosenza, pertinenza del primo;
  • autovettura Smart Forfour intestata e di proprietà dell’indagata;
  • rapporto di conto corrente e deposito titoli, accesi presso un Istituto di Credito di Cosenza, intestati all’indagata.

L’indagine ha preso il via all’indomani della denuncia sporta agli inizi del 2017 dal Presidente della Commissione Medica Locale di Cosenza, il quale si era visto recapitare una verifica da parte dell’Agenzia delle Entrate, con contestuale contestazione per violazione di norme in materia fiscale, in particolare per quanto attiene il mancato versamento della ritenuta d’acconto per l’anno 2013.

Le successive verifiche svolte in autonomia dal Presidente della Commissione, permettevano di avanzare sospetti sulla dipendente dell’A.S.P. in quell’epoca in servizio presso la Commissione con compiti amministrativi, in particolari quelli relativi alla gestione della documentazione contabile.

Le indagini, durate complessivamente oltre un anno, consistite nell’acquisizione di una mole notevole di documentazione bancaria e conseguenti riscontri in termini di analisi di conti correnti, consentivano di raccogliere concreti ed oggettivi elementi a carico dell’indagata, la quale,  approfittando delle sue mansioni in seno alla citata Commissione,  per assicurarsi un ingiusto profitto, a partire del 2013, aveva apposto la firma falsa del presidente della commissione su svariati assegni (quasi 200) che successivamente si era intestata quale beneficiaria, per poi versarli su un conto corrente nella sua disponibilità, distraendo così tali somme da due conti correnti postali intestati proprio alla Commissione Medica Locale per patenti speciali, il tutto per un importo complessivo superiore a 100.000,00 euro.

Ulteriori e successivi approfondimenti investigativi, permettevano di accertare che il comportamento illecito dell’indagata era risalente anche agli anni antecedenti il 2013, per cui dalle verifiche effettuate in tal senso si accertava l’indebita appropriazione di notevoli somme di denaro a partire dal 2009, in questo caso per un importo complessivo prossimo ai 200.00,00 euro.

La richiesta avanzata dal P.M. titolare delle indagini, è stata pienamente accolta dal GIP nell’Ordinanza Applicativa di Misura Cautelare Interdittiva e di sequestro preventivo emessa il 12.11.2018.

Leggi tutto... 0

“Questa volta è morto e sepolto davvero, Alarico, alla confluenza dei fiumi Crati e Busento, come vuole la favola ottocentesca strumentalizzata dal Sindaco di Cosenza per uno dei suoi insensati megaprogetti.

E l’ha ucciso a buona ragione, seppur tardivamente, il Ministero dei Beni Culturali.

Che sollievo!”

Commenta così l’ultimo atto della saga di Alarico, o meglio dell’ex Hotel Jolly, la senatrice del M5S Margherita Corrado, archeologa e componente della Commissione Cultura del Senato, esprimendo tutto il suo compiacimento, insieme ai colleghi parlamentari cosentini, per la clamorosa novità delle ultime ore.

Al Comune e alla Provincia di Cosenza è stato infatti comunicato l’annullamento in autotutela, da parte della Direzione Generale ABAP, della nota n. 9749 del 7 agosto u.s. a firma del Soprintendente ABAP per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone relativa all’intervento denominato “Riqualificazione della confluenza dei fiumi Crati e Busento e realizzazione del Museo di Alarico”.

Si tratta del documento di generica autorizzazione paesaggistica sulla base del quale il Comune ha avviato la demolizione dell’ecomostro sito ai piedi del centro storico cittadino prima e senza che fosse stato attivato il Tavolo Tecnico preposto alla valutazione condivisa dell’intero progetto da parte di tutti gli attori istituzionali.

Il dirigente romano ha contestualmente avocato a sé, di fatto sostituendosi al suo sottoposto ‘cosentino’, la valutazione dell’intervento suddetto e il rilascio del relativo parere vincolante.

I portavoce del M5S al Parlamento Italiano ed Europeo Corrado, Ferrara, Morra e Orrico, che nei mesi scorsi avevano denunciato con forza le anomalie dell’iter autorizzativo teso a trasformare frettolosamente lo scheletro ridimensionato dell’ex Hotel Jolly in uno spazio espositivo definito a torto museo, in mancanza delle condizioni minime per essere tale, e assai discutibile anche sul piano morfologico ed estetico, plaudono dunque all’iniziativa drastica ma necessaria assunta dal Ministero competente.

“La trasparenza e la correttezza delle procedure amministrative è un presupposto imprescindibile perché l’interesse pubblico possa dirsi tutelato”, chiosano i suddetti parlamentari pentastellati, senza nascondere la loro soddisfazione per quella che reputano un doveroso ripristino della legalità.

Margherita Corrado (M5S Senato)

Nicola Morra (M5S Senato)

Laura Ferrara (M5S Parlamentare Europeo)

Anna Laura Orrico (M5S Camera)

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy