loading...
A+ A A-

Il Consiglio dei Ministri riunitosi mercoledì 8 agosto 2018 sotto la presidenza del Presidente Prof. Giuseppe Conte, Segretario il Sottosegretario alla Presidenza On. Giancarlo Giorgetti, nella seduta n. 14 ha deliberato, su proposta del Ministro dell’interno Sen. Matteo Salvini,

lo scioglimento del Consiglio comunale di Siderno (Reggio Calabria), a norma dell’articolo 143, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267

Ecco cosa scrive la maggioranza del comune:

“A tre anni dall’insediamento della maggioranza, che ha appoggiato il sindaco Fuda nelle elezioni di maggio 2015, è giunta la notizia dello scioglimento del consiglio comunale per infiltrazione mafiosa, da parte del Consiglio dei Ministri, che ha gettato amministratori e consiglieri nel più profondo sconforto.

La compagine che ha governato Siderno fino all’8/8/2018 era certamente estranea a comportamenti ed ideologie mafiose, ma vedeva nella onestà, lealtà amministrativa, trasparenza, correttezza, nei principi di buona amministrazione il proprio faro ed il fine per cui valeva la pena lavorare.

Nei tre anni di amministrazione, molte cose sono state fatte e molte altre si trovano nel cantiere della “Fabbrica di Pietro”, alcune in dirittura d’arrivo che, purtroppo, probabilmente non vedranno la luce.

Tutto il lavoro svolto dal sindaco e dalla sua maggioranza è stato portato avanti nonostante le mille difficoltà e tensioni create da un clima politico non sempre sereno.

Al momento lo sconcerto è dovuto soprattutto al fatto che, non essendo ancora stato notificato il decreto di scioglimento, non siamo nelle condizioni di conoscere le motivazioni che hanno portato a tale decisione, per cui non solo il sindaco e la sua maggioranza sono del tutto ignari di quanto ruota attorno a loro, ma un’intera comunità viene additata e colpita da un’onta terribile, senza sapere neanche il perché.

È fuori dubbio che sentiamo il dovere di capire cosa è successo al fine, soprattutto, di difendere la comunità e, per tale motivo, indiciamo una conferenza stampa per sabato 11 agosto 2018 alle ore 11.00 presso la sala del consiglio comunale di Siderno.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

La maggioranza uscente”

Leggi tutto... 0

Tutto inizierà stasera venerdì 27 luglio al calar del sole. In Italia alle ore 20,24.

Una eclissi prima parziale e poi totale

L’eclissi totale però durerà ben 103 minuti per la precisione dalle 21:30 alle 23:13.

In queste quasi due d’ore, nuvole permettendo, l’eclissi sarà perfettamente visibile da ogni punto d’Italia.

Ma cosa è l’eclissi di Luna?

E’ quel fenomeno che si verifica ogni volta che la Terra si interpone tra il Sole e il nostro satellite naturale, ossia quando la Luna passa attraverso il cono d’ombra proiettato dalla Terra nello Spazio.

Quando la Luna si trova solo in parte oscurata dalla presenza del nostro pianeta, si parla ovviamente di eclissi parziale, mentre l’eclissi è totale quando sulla Luna scende la completa oscurità.

Ma la cosa più straordinaria è che vedremo una straordinaria luna rossa.

La responsabile della colorazione della Luna, infatti, è l’atmosfera terrestre: i raggi luminosi provenienti dal Sole vengono infatti diffusi (ossia sparpagliati) dall’atmosfera, ma in modo diverso a seconda della colorazione, ossia della loro frequenza e lunghezza d’onda.

I colori più diffusi sono infatti quelli tra il blu e il violetto – e questo è il motivo per cui di giorno il cielo ci sembra blu – mentre quelli delle tonalità del rosso vengono appena deviati e possono raggiungere anche la superficie della Luna, illuminandola quindi con una debole luce rossa.

Non solo la Luna, però! Stasera ci sarà modo di vedere Marte che illuminato dal Sole, dovrebbe essere visibile anche a occhio nudo.

Sarà uno degli astri più luminosi del cielo e avrà una colorazione rosso rubino.

Nel cielo saranno complessivamente visibili, anche senza strumenti particolari, 4 pianeti: oltre a Marte, ci si potrà divertire a identificare Venere, Giove e Saturno.

Perché è un eclissi da record

Con la sua durata di un’ora e 43 minuti, sarà l’eclissi totale più lunga del Ventunesimo secolo, circa 40 minuti più duratura della media.

Tutto a causa della posizione della luna all’apogeo ( circa 406mila chilometri).

Un buon binocolo non è indispensabile ma utile.

Una buona macchina fotografica non è indispensabile ma utile.

Già a occhio nudo si riuscirà a vedere bene la Luna e a scorgere anche Marte.

Bene anche uscire dalle aree più inquinate.

Meglio uscire dalle città e raggiungere un’area poco abitata

Buona visione.

Ah, non dimenticate di interessare i vostri bambini.

Leggi tutto... 0

Il giorno uno e due luglio di ogni anno si celebra nel nostro paese la festa in onore della Madonna delle Grazie.

La devozione dei sampietresi e degli amanteani alla Vergine Maria ha origine antichissima e si perde nella notte dei tempi.

 

 

 

Si raccontano di Lei prodigi e fatti miracolosi che hanno dello straordinario e del sensazionale.

Le nostre nonne ce li raccontavano durante le serate invernali intorno ai focolari scoppiettanti. Li avevano appresi dalle loro mamme.

Si dice che la Vergine sia apparsa per primo ad un pastorello che si trovava nella stalla ad accudire gli animali.

La Vergine gli parlò e gli disse di dire alla gente del luogo che erigessero in suo onore una chiesa proprio sul posto dove si trovava la stalla.

La gente non gli credette e fu varie volte messo alla prova.

Un giorno riuscì ad aprire la porta della stalla con un fil di paglia.

Quando poi i sampietresi scettici ed increduli trovarono un dipinto della Madonna che ora si trova in una nicchia sopra l’Altare Maggiore e si resero conto della veridicità del racconto del pastorello, tolsero dalla stalla le bestie ed eressero una chiesa intitolandola alla Madonna delle Grazie.

Da allora questa chiesa è meta di continui pellegrinaggi, è diventata un luogo di culto e di preghiera.

Subì enormi danni durante i terremoti che sconvolsero la Calabria, ogni volta però fu restaurata ed abbellita.

Si raccontano ancora altri miracoli operati dalla Vergine Maria.

Ha fatto guarire un bambino che i medici avevano dato già per morto.

Non pioveva da molti mesi e il raccolto dei campi era completamente distrutto.

I fedeli si rivolsero alla Vergine e un 6 maggio di tantissimi anni fa portarono la Statua della Madonna in processione attraverso i campi.

Era una giornata di sole, nessuna nuvola in cielo che potesse annunziare una pioggia imminente. Molti ridevano e scherzavano, tra i quali un Regio Carabiniere della Stazione di Amantea venuto a San Pietro per mantenere l’ordine pubblico.

Dicevano:-Un pezzo di legno non poteva fare miracoli e da un cielo azzurro non poteva scendere la pioggia-. Improvvisamente un lampo squarciò il cielo azzurro.

Seguì un tuono fragoroso.

Il cielo si oscurò all’improvviso e dopo pochi minuti una pioggerellina benefica incominciò a cadere lentamente continuando per tutta la giornata.

La festa della Vergine inizia col suono delle campane a festa e con alcuni spari di mortaretti. Poi si da inizia alle Sante Messe mattutine e verso le 18,30 alla processione della Statua per le vie del paese.

La processione è accompagnata dalla banda musicale di Amantea. Una volta dalle bande più rinomate pugliesi. Al ritorno la Santa Messa solenne in Piazza. In serata si esibiscono in Piazza IV Novembre i complessi musicali.

Alla fine i soliti fuochi artificiali.

La devozione alla Madonna delle Grazie negli ultimi anni si è particolarmente estesa, grazie all’opera dei Padri Francescani Conventuali del Convento di San Bernardino in Amantea, grazie anche alla collaborazione dei fedeli sampietersi e alla fattiva partecipazione degli abitanti di Amantea e dei paesi vicini.

La Madonna delle Grazie è stata sempre la più venerata e ne danno testimonianza la massiccia partecipazione alla novena e alla Santa Messa serale.

I Comuni di San Pietro e di Amantea, per l’occasione, mettono ogni anno a disposizione dei fedeli che vogliono raggiungere la chiesa due scuolabus.

Fino agli anni settanta si svolgeva in piazza una grande fiera di merci e bestiame, ora scomparsa. La grande piazza, le vie adiacenti, le strade, invase dalle bancarelle e dagli animali erano una festa di colori, di voci, di suoni, di scenette piene di un loro sapore paesano.

Veniva da Amantea il signor Sicoli Alberto a vendere i suoi famosi gelati.

E Ricuzzo Morelli in una grande bagnarola di alluminio ricoperta di ghiaccio veniva a vendere le sue famose gassose.

Nella fiera le nostre contadine barattavano i prodotti agricoli con stoffe e suppellettili per la casa, oppure vendevano gli animali da cortile.

L’occasione della festa offriva ai giovani il pretesto di iniziare il dialogo amoroso che avveniva spesso negli incontri voluti o casuali tra una bancarella e l’altra.

Le voci dei rivenditori si confondevano col suono delle campane, della banda musicale, coi canti dei pellegrini, coi nitriti degli asini, con lo scoppio dei mortaretti. L’anima della festa della Madonna delle Grazie era tutta lì, nei colori delle bancarelle disseminale lungo le vie, nelle grida festose dei bambini attorno ai venditori di mandorle tostate, di palloncini colorati, di giocattoli, di ninnoli e anche nell’odore acre delle salsicce che venivano arrostite.

Era dunque una festa popolare anche se per molti versi doveva essere una festa religiosa con i suoi riti, i suoi tempi, le sue tradizioni e le sue caratteristiche immutabili: sparo dei mortaretti, arrivo e sfilata della Banda Musicale per le vie del paese, suono festoso delle campane, celebrazione del rito eucaristico, incanto, processione, giuochi popolari, volo delle mongolfiere, sparo dei fuochi d’artificio.

Programma religioso: dal 23 giugno inizio novenario, ore 18,30 recita del Santo Rosario e alle ore 19,00 celebrazione della Santa Messa. Domenica 1 luglio: Sante Messe: Ore 9,30 ; 11,30; 19,00. Lunedì 2 luglio: Sante Messe: ore 7,00; 9,00; 11,30; ore 20,00 al termine della processione in Piazza Santa Maria delle Grazie. Dal 28 giugno le Celebrazioni saranno presiedute dal Predicatore Fra Ugo Maria Brogno , Frate minore cappuccino e Missionario della Misericordia con nomina papale con sede in Belvedere.

Programma civile: 1 luglio ore 21,00: Spettacolo in Piazza con canti e musica Cristiana “Maria figlia di Sion” diretto da Fra Ugo Maria Brogno. 2 luglio Spettacolo musicale con Mimmo Cavallaro in concerto. La Banda musicale “Città di Amantea” accompagnerà la processione per le vie del paese. Al termine della Santa Messa solenne grande spettacolo di fuochi di artificio eseguiti dalla ditta Galluccio Pirotecnica di Rossano. Le vie del Paese saranno illuminate dalla ditta Tonino Spina di Lago, mentre l’addobbo della chiesa sarà eseguito dalla ditta Montagnese di Vibo Valentia.

Leggi tutto... 0
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy