BANNER-ALTO2
A+ A A-

ENZOsi dimette da presidente delle commissioni consiliari n 1, e n 4 e da quella statuto e regolamenti. Ignote le ragioni. Certo si tratta di una scelta forte che denota uno stato di malessere inusuale. In particolare per Giacco che è il più politico della giunta pizzino. Proprio per questo deve essere successo qualcosa. E vista la sua nota sulla pro loco non si può escludere che tutto sia nato dal difficile incontro avuto con la stessa pro loco. Un incontro sul quale non è stato emanato alcun comuni ma che sappiamo essere stato movimentato. Distinte e distanti le posizioni delle due parti. Posizioni che sembra abbiano lasciato solo il presidente del consiglio comunale senza alcuna presa di posizione da parte della giunta.

Quella del pro loco è una storia che non finisce né qui né così. E c'è qualcuno che pensa e dice che era meglio se restava silente come è stata in questi ultimi anni. Mah!

Pubblicato in Politica

quota-100COSENZA – In un mese è cresciuta ulteriormente la voglia di pensionamento in Calabria. Oltre mille calabresi hanno sposato “Quota 100”, il decreto legge 4/2019 che consente ai lavoratori che raggiungono entro il 31 dicembre 2021 62 anni e 38 anni di contributi di accedere alla pensione. Nella pomeriggio di venerdì scorso l’Inps ha pubblicato sul sito l'aggiornamento delle domande presentate.

Dalle 3404 richieste pervenute all'istituto di previdenza l'8 marzo (LEGGI LA NOTIZIA), si è passati adesso a 4405.

In testa alla classifica continua ad esserci saldamente Cosenza e la sua provincia con 1.734 domande (LEGGI DELLA PARTENZA SPRINT DI COSENZA). A seguire Reggio Calabria dove, al momento, sono 1120 i lavoratori che hanno chiesto l’anticipazione della pensione. Poi c'è Catanzaro con 926, Crotone con 322 e Vibo Valentia con 303. Sinora in tutta Italia sono stati oltre 86 mila i lavoratori a richiedere l’adesione a “Quota 100”.

Una valanga di richieste che non ha pari nelle statistiche delle ultime riforme previdenziali in Italia. Da settimane ormai è un vero e proprio assalto ai patronati: è il modo preferito dagli italiani per presentare le richieste, mentre pochissimi sono quelli che sanno districarsi da soli tra moduli e tabelle. Tra le domande di pensionamento, infatti, 112.558 sono state presentate attraverso gli enti di patronato e 7.408 sono state avanzate direttamente dai cittadini. Salde al comando, nella classifica dei centri urbani con il maggior numero di richieste avanzate, le grandi città metropolitane. Roma si conferma in testa alla serie: 8,343 domande presentate. Seguono Napoli e Milano.

LEGGI DELLA SODDISFAZIONE DI MATTEO SALVINI

Nella profilazione dei cittadini aderenti a "Quota 100", inoltre, l'Inps ha rilevato come la componente maggiore di essi, 51.545 contribuenti, abbia un'età compresa tra i 63 ed i 65 anni. Dietro, con 38.112 documenti inoltrati, gli under 63, seguiti poi dagli over 65 con 22.901 istanze. Rispetto ai dati precedenti c'è una novità. I lavoratori dipendenti con 40.049 domande presentate hanno superato quelli appartenenti alla gestione pubblica che si fermano a 38.124 richieste. Nel complesso, secondo l'Inps, gli uomini hanno presentato 82.758 domande contro le 29.800 avanzate dalle donne. Secondo le previsioni, il numero delle domande è destinato ad aumentare anche nelle prossime settimane

fonte notizia quotidianodelsud.it

Fine modulo

Pubblicato in Primo Piano

biagioAttenzione succede ad Amantea

Ormai la situazione interna al nostro Comune ha raggiunto un livello così inaccettabile che i cittadini di Amantea non ne possono più.

Diversi cittadini mi riferiscono di un malessere diffuso tra chi si reca in Comune per interloquire con il ragioniere comunale spesso assente durante la settimana perché, pare, distaccato presso altro Comune della provincia di Catanzaro.

Sul sito del Comune, però, non risulta presente alcun avviso in merito e ancor più grave, se confermato, non è neanche pubblicata la delibera con la quale si autorizza il distacco verso altro Comune.

Spero che qualcuno all'interno dell'Amministrazione comunale faccia chiarezza su questa situazione, anche perché non è possibile che in un Comune come il nostro con carenza grave di Personale si continuano ad autorizzare distacchi presso altri Comuni.

Pubblicato in Politica

polizia-municipaleÈ storia ormai vissuta e scritta quella di una polizia municipale brillante nei risultati ma anche come nel caso nelle indagini investigative. Brillante perché mostra la forte attenzione al territorio ed alle cose che vi succedono. Non fanno finta di non vedere, non fanno finta di non capire, non chiudono gli occhi. Meritano di essere pubblicamente lodati dalla giunta comunale, senza se e senza ma e subito. La polizia municipale ha infatti posto sotto sequestro una ampia area collinare sulla quale si stava realizzando un fabbricato totalmente abusivo ed addirittura senza alcun progetto. E tutto è nato dalla osservazione di  mezzi che portavano cemento. Non ci sta la polizia a dormire e così come quando si vuole fare sul serio si seguono e si arriva. Con sorpresa si trova un inizio di fabbricato di circa 600 mq

Da qui la segnalazione alla procura ed il sequestro dell'area. Bravi

Pubblicato in Cronaca

lungo amanteaMentre si fanno i salti mortali cercando di dar dignità e decoro alla città impiegando al meglio i nostri pochi operai a disposizione, tra mille difficoltà e tantissime esigenze a cui dare risposta, il vandalo di turno distrugge più della forza del mare.
Spero che la ragione possa prendere il sopravvento ed è per questo che chiedo l'aiuto dei cittadini perbene, che fortunatamente sono tantissimi.
Notevoli sono gli sforzi per dare un nuovo look al lungomare cittadino che l'Amministrazione Comunale, con l'assessorato al Manutentivo e le squadre dei lavoratori comunali, dei lavoratori in mobilità, della cooperativa e degli operatori del servizio civile guidati in modo impeccabile dall'assessora Caterina Ciccia, sta cercando di espletare.
È necessario diventare sentinelle per la legalità.
È molto più semplice ed economico non sporcare che pulire, è molto più saggio mantenere integri gli angoli dove i nostri figli insieme ai propri genitori possano giocare e godersi la bellezza del mare e della spiaggia senza i pericoli dei veicoli, che distruggere quello che con sacrificio si cerca di edificare.

Pubblicato in Politica

pizzino mario amantea 2017La città si interroga

Sarà approvato il bilancio? Continuerà la giunta il proprio lavoro? Arriverà a conclusione questa amministrazione? Domande alle quali è difficile dare una risposta univoca. E poi le risposte sono orientate dai personali interessi politici. E così c'è chi spera che pizzino resti e c'è chi spera di andare alle elezioni. E poco importa che la situazione dell'ente sia seria, molto seria. Ci fa credere ciò la quasi totale mancanza di una forte opposizione, di riflessioni sulla gravità della situazione. Quasi che lasciando sbagliare questa giunta domani i suoi componenti potranno far parte incontestati delle prossime liste elettorali. Ed a pagare saranno come sempre la città e la parte buona degli amanteani

Pubblicato in Primo Piano

Mario-Pizzino-sindaco-di-Amantea-minLa notizia che il ministero abbia convocato a sorpresa le elezioni per il comune di Lamezia terme, porta a credere che a Roma qualcuno abbia deciso di voler bene ad amantea. E di soprassedere alla bocciatura del bilancio ed al conseguente scioglimento del consiglio ed indizione di elezioni. 

Si prende tempo e giustamente. Bocciare il bilancio oggi sarebbe stato inconcludente. E peraltro avrebbe imposto la nomina di una commissione in gran parte confliggente con lo stesso lavoro degli Ispettori. Un lavoro di cui non si sa nulla, di cui nessuno dice nulla, né la maggioranza, né la minoranza. Una sola certezza che è quella che per ora la giunta pizzino andrà avanti, affronterà la prossima estate e poi si vedrà. Anche se rumori ad oriente e ad occidente sembrano agitarsi

Pubblicato in Politica

A IanniPalarchioSono due posizioni possibili ma assolutamente distanti ed alternative. Ed aspettarsi da parte di chiunque una risposta sembra difficile. Deciderà la Corte dei conti che chiamerà qualcuno alle sue responsabilità. Vedremo.

Attenzione, carissimi concittadini purtroppo la consigliera Menichino ha pubblicato attraverso il proprio profilo facebook informazioni che potrebbero essere inesatte e che possono creare seri problemi alle famiglie nel prossimo futuro. 

Mi riferisco al video fatto per quanto riguarda l’Idrico 2013 nel quale afferma palesemente che le bollette arrivate a casa dopo l’1 Gennaio 2019 sono nulle in quanto sono trascorsi “a suo dire” i termini di prescrizione, generando probabilmente false speranza negli utenti di vedersi azzerato il debito che hanno nei confronti del comune di Amantea per quanto riguarda l’idrico 2013. 

Per correttezza, mi trovo costretto a pubblicare una recente sentenza della cassazione,non per stabilire se la consigliera Menichino dice il giusto oppure sta dicendo una castroneria addossandosi responsabilità  non indifferenti ma per farsi che ognuno possa leggere quanto stabilito recentemente dalla Cassazione e farsene un’idea. 

In sintesi sembrerebbe che la prescrizione parte dal termine indicato dal comune (con apposita determina) come data di scadenza per la riscossione del ruolo (data in cui i versamenti avrebbero dovuto essere effettuati).

 P.S. Io naturalmente ho trovato questa sentenza, potrebbero essercene altre che rafforzano o smentiscono quanto qui descritto (ma che io non sono riuscito a trovarle). Sicuramente però posso affermare che la vicenda è controversa e non così semplice come descritto dalla Consigliera Menichino. Attenzione, Attenzione, Attenzione.

Pubblicato in Politica

caneSiamo nella principale via Margherita

I ragazzi stanno attenti a dove mettono i piedi. Il marciapiede è pieno di cacca. Si pensa di cane. Ma di un cane molto grosso. Non sappiamo con il buio serale se essa cacca sarà avvertibile come di giorno. Certo non è un bel vedere. Ed ancora peggio è che il proprietario non abbia ripulito. Amantea non merita certamente questo.

multiNella riunione con i vertici della Cgil si è parlato di fabbisogno del personale dell'Ente comune (al fine soprattutto della urgente sostituzione delle figure professionali in pensione o prossime a tale soglia) e della situazione delle poche risorse umane impiegate sul territorio amanteano dalla società partecipata pubblica Lamezia Multiservizi.
L'amministrazione Comunale rimane dell'avviso che le società interamente pubbliche, specialmente quelle che si occupano della gestione integrata del ciclo dei rifiuti, vadano tutelate e salvaguardate, ed anche qualora si dovesse verificare una procedura fallimentare bisogna incominciare a pensare alla costituzione di una nuova società in house tra Enti locali contermini, capace di occuparsi di diversi servizi essenziali (raccolta, spazzamento, mense e trasporti scolastici, cimiteri, verde pubblico, manutenzione e verde pubblico).
Il democratico confronto è servito a mettere in evidenza l'impiego sistematico da parte della Lamezia Multiservizi di un numero di lavoratori inferiori a quello previsto dal capitolato contrattuale che si ripercuote sull'efficacia ed efficienza del servizio con forte penalizzazione soprattutto delle periferie e con un carico di lavoro eccessivo sugli stessi lavoratori.
Tutela e dignità delle risorse umane attraverso l'assunzione di altre unità lavorative per garantire standards qualitativi della raccolta differenziata è divenuto l'obiettivo condiviso tra Sindacato ed Amministrazione, attraverso
un accordo comunque da raggiungere con la Lamezia Multiservizi Spa tramite concertazione di un tavolo tecnico presso la Prefettura competente.

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy