BANNER-ALTO2
A+ A A-

Amantea - Stanotte un ennesimo incidente stradale nei “soliti” e soli 200 metri di strada della parte sud della città tirrenica.

 

Parliamo della parte finale del tratto di strada che porta dal Distretto sanitario alla statale 18 lato sud. Un tratto di strada sul quale si è chiesto inutilmente di indagare per capire le ragioni del fatto che molte delle auto che lo percorrono, in particolare quando piove, non riescono a tenere la strada e sbandano.

E stanotte pioveva.

Il giovane conducente della Fiat Punto percorreva questo tratto di strada ed aveva passato il primo punto critico ( quello immediatamente ad ovest del sottopasso della SS18) e si accingeva a percorrere la salitella che immette sulla statale in direzione Campora San Giovanni quando non riuscendo più a tenere la strada e sbatteva violentemente sul muretto laterale destro che mostra in più parti i segni degli impatti di altre auto.

Un impatto violento dimostrato dal fatto che l’air bag scoppiava, così proteggendo il conducente da un possibile urto con il volante.

Notevoli i danni nella parte anteriore destra della Punto con piegatura del cofano e sostanziale rottura del parafango.

Vista l’ora notturna l’auto è stata lasciata nei pressi del luogo dell’incidente dove ancora si trovava stamattina.

Teste oculare ci riferisce che il conducente non avrebbe subito danni fisici.

Ma andiamo alle ragioni probabili dell’incidente.

La carreggiata mostra un abbassamento consistente perso l’esterno e che può essere una della cause di questo e di altri incidenti similari.

Probabilmente se aggiunta alla scarsa visibilità della zona non illuminata.

Pubblicato in Primo Piano

Torna alla ribalta il paesino di Fiumefreddo Bruzio dove nei giorni scorsi è stato compiuto il brutale omicidio di Maria Vommaro.

Un altro morto ed un ferito graveGiuseppe De Luca, di 83 anni, residente in Fiumefreddo Bruzio che era alla guida di un motocarro

Grave ed immediatamente trasportato d'urgenza all'ospedale "Annunziata" di Cosenza il passeggero del motocarro, Pietro De Luca di 77 anni anch'egli di Fiumefreddo Bruzio

A scontrarsi con il motocarro un Suv

Il conducente del suv è rimasto illeso.

L’incidente è avvenuto sulla statale 18, in località Destro, nei pressi del supermercato L’Ancora

Immediati i soccorsi.

Sul posto sono intervenuti oltre gli agenti della polizia stradale di Paola, allertati dai primi soccorritori, e il personale del 118.

Lo scontro è avvenuto intorno alla 17,45

Secondo le voci raccolte nella immediatezza dell’incidente la causa dello scontro sarebbe dovuta ad una immissione non regolare del motocarro sulla statale 18

Nelle prossime ore la dinamica dei fatti potrebbe assumere carattere defininitivo.

Pubblicato in Longobardi

Incide Auto VespaEcco l’ennesimo incidente sulla SS18, stavolta tra un auto ed una vespa.
Fortunatamente danni di lieve entità ed a quanto nessun problema per conducenti e passeggeri.

 

Erano passate da poco le 18.30.

Una Peugeot veniva da Via Monte Bianco e doveva attraversare la SS18.

Lì c’è lo stop ( anche se non si vedeva la segnaletica orizzontale c’era comunque quella verticale) perché si tratta di una strada interna che deve dare la precedenza alla statale.

Dalla sua sinistra proveniva una vespetta condotta da un giovane.

La Peugeot infatti riporta i danni sulla fiancata sinistra cioè da dove proveniva il motoveicolo.

Il ragazzo ci ha dichiarato che si è vista l’auto davanti ed ha rischiato di andare a sbattere frontalmente.

Il suo intuito lo ha spinto invece a sterzare improvvisamente verso destra in modo da evitare l’urto frontale

Ed infatti la vespetta porta lievi danni sulla fiancata sinistra

Questa manovra istintiva lo ha tutelato .

L’urto maggiore probabilmente lo ha avuto alla spalla ma il ragazzo robusto sembra non averne molto risentito.

Lamentava invece dolore al ginocchio che ha attinto l’auto

Sono prontamente intervenuti i carabinieri di Amantea che hanno verbalizzato il tutto.

vespetta media

Pubblicato in Cronaca

E siamo a 2. In pochissimo tempo.
E vale la pena di fare qualche riflessione sulla tangibile ed incontestabile pericolosità della SS18.

 

Altro che sicurezza da photored ! Il problema, ci pare, è quello di una strada che non è più acconcia a sostenere il forte traffico locale e quello di transito nord-sud e viceversa e che deve essere o trasferita od ampliata ad almeno 4 corsie!.

Ma andiamo all’incidente.

La zona è quella dell’ingresso del Giudice di pace posto lato monte e quindi accessibile solo da chi viene da sud, vista la striscia di mezzeria continua, ma invece usato continuamente anche da chi viene da nord e solo perché l’accesso sulla vecchia SS18 risulta inspiegabilmente ancora chiuso! E nessuno parla!

Una Volkswagen guidata da una signora sembra stesse per svoltare a sinistra per entrare nell’area nella quale è presente l’ufficio del Giudice di Pace di Amantea.

Una smart con alla guida Mastroianni Michelino si accingeva a sorpassare la Volkswagen ferma al centro strada.

Nella manovra la parte anteriore destra della smart urtava con la parte anteriore sinistra della Volkswagen e capitombolava per effetto dell’urto stesso restando in mezzo alla carreggiata di sinistra

Il traffico restava per qualche tempo bloccato

Immediato l’intervento del 118

Altrettanto immediato l’intervento della Polizia Stradale, dei Vigili Urbani ( presenti il vigile Provenzano ed il comandante Caruso) e dei carabinieri della locale stazione CC al comando del maresciallo Marco Tommasi.

Il giovane Mastroianni Michelino estratto dalla smart veniva dolorante trasportato presso il nosocomio di Paola immediatamente soccorso dalla datrice di Lavoro Miriam Bruno

Sembra comunque che le sue condizioni non siano gravi

Le due auto sono state prelevate dalla Sicurcar di Viola & Suriano presso la cui officina sono ancora depositate.

Per quanto l’ufficio del Giudice di pace stia per chiudere ( e con esso l’ultimo ufficio statale in Amantea ) chiediamo alle forze politiche sensibili agli aspetti reali della sicurezza ( e non a quelli meramente virtuali ed economici) di chiedere la urgente convocazione della commissione consiliare competente che inizi un processo di valutazione degli aspetti connessi alla SS18 ed alla sua fruizione , ma da allargare immediatamente ad altre sensibilità e ad altre intelligenze.

 

 

GALLERIA FOTOGRAFICA - Realizzata da Riccardo Clemente

 

Pubblicato in Cronaca

La Statale 18 è molto più in vista del centro storico.

Ed allora gli operai se devono pulire è meglio che vadano sulla SS18.

Chi vuoi che vada al centro storico prima di agosto e sempre che arrivino i turisti?

Li abbiamo visti subito dopo la frazione di Campora SG, lato Amantea

Ma abbiamo visto che un po’ più avanti c’è un mare di lavoro da fare

Per esempio il canneto della seconda foto ed ancora altro

Non solo ma ricordiamo che dopo il ponte sull’Oliva c’è ancora l’albero caduto sula strada.

Parliamo del vecchio pino ormai seccato che piegato su se stesso dorme lì in attesa di essere rimosso da qualcuno.

Ma perché il comune destina gli operai delle cooperative a pulire la SS18 e non le vie interne del paese alcune della quali sono in stato di forte abbandono.

Valeva davvero la pena di concordare con l’ANAS l’aggravio dei costi manutentivi delle ripe stradali ?

E la famosa e misteriosa delibera con la quale si è assunto tale onere era davvero legittima?

È stato istituito lo specifico capitolo previsionale dei costi? O siamo in presenza della solita delibera senza copertura finanziaria?

Ma davvero era utile assumere tali non lievi costi se poi, come scriviamo spesso, non abbiamo nemmeno i soldi per sostituire i segnali stradali vecchi ed arrugginiti che fanno brutta mostra di se anche sulla statale 18?

Tutto per installare i photored ?.

Stentiamo a crederci, ma vorremmo essere smentiti.

Ci scrive l’attento amico Nuvoletta :

Ieri l'ennesimo tamponamento di auto sulla S.S. 18 in prossimità della concessionaria tutto moto. No, non è colpa dei photored.

C'è chi si ferma sulla carreggiata per buttare il sacchetto della spazzatura nei bidoni.

C'è chi si ferma dai venditori ambulanti abusivi che nessuno vede, soprattutto la Domenica.

C'è chi parcheggia davanti alla banca con le 4 frecce di emergenza (sarà la crisi).

C'è chi usa la S.S. 18 come parcheggio 24h.  

C'è chi parcheggia sui marciapiedi zona Ragioneria, zona Eurospar ecc.

Poi ci sono i mega tabelloni pubblicitari che posso distrarre gli automobilisti.  

Insomma, tanti cittadini utilizzano il territorio comunale come se fosse di loro proprietà.

Pochi però conoscono l'art. 23 del c.d.s.

Lungo le strade o in vista di esse è vietato collocare insegne, cartelli, manifesti, impianti di pubblicità o propaganda, segni orizzontali reclamistici, sorgenti luminose, visibili dai veicoli transitanti sulle strade, che per dimensioni, forma, colori, disegno e ubicazione possono ingenerare confusione con la segnaletica stradale, ovvero possono renderne difficile la comprensione o ridurne la visibilità o l'efficacia, ovvero arrecare disturbo visivo agli utenti della strada o distrarne l'attenzione con conseguente pericolo per la sicurezza della circolazione

Ndr. Nuvoletta è sempre attento a quanto avviene ad Amantea e segnala con costanza le cose che non vanno.

A lui aggiungiamo noi:

-che le auto che viaggiano verso sud( dopo il semaforo di via Lava Gaenza) per svoltare nelle traverse ad est ( Via Ferrara, Via Vulcano, Via Etna, Via Staccia, ecc), se non nelle aree a parcheggio dei negozi, si fermano in mezzo alla strada come se si trattasse di una strada interna e non della più lunga Statale italiana ( collega Salerno con Reggio Calabria). Eppure c’è la striscia continua! Basterebbe vietare la sosta su Via Dogana e lasciare questa strada( l’unica che collega il nord ed il sud del paese) a doppio senso di circolazione per ridurre la fruizione della Statale. Ma questo riteniamo sarà molto difficile con questi amministratori.

-che i semafori bloccano il traffico che riparte da fermo e molto spesso con estrema lentezza, così che le auto no bloccate dai semafori arrivando a maggiore velocità è facile determinino i tamponamenti;

Certo che i cassonetti sulla Statale sono una prerogativa tutta amanteana e si preferisce questa ubicazione a quelle interna all’abitato proprio perché lontana dalle abitazioni ( così i cittadini non sentono la puzza)

Certo ancora che sulla statale il commercio ambulante può essere esercitato per una sola ora mentre nella nostra cittadina viene svolto per l’intera giornata

Se Nuvoletta voleva dire che siamo proprio a terra non si può contestare ,anzi forse siamo “sottoterra”

Pubblicato in Cronaca

Durante la campagna elettorale si ascolta la gente molto più di quanto non si fa normalmente.

Non solo ma nello stesso periodo la gente esprime più facilmente i suoi problemi perchè se ne trovi soluzione.

Uno di questo è il traffico dei TIR sulla SS18.

Un problema, questo, sentito molto ad Amantea che è attraversata dalla statale proprio nel centro abitato.

Tre, almeno, gli aspetti segnalati.

Il primo è l’inquinamento acustico, il secondo è l’inquinamento atmosferico da polveri sottili, il terzo è la pericolosità di autocarri pesanti come i TIR che viaggiano dal nord verso il sud e viceversa.

In particolare, poi, quando i TIR viaggiano in gruppo e diventano veri e propri treni peraltro insuperabili.

Un tempo il comune di Amantea emanò una ordinanza che ne vietava l’uso ed il divieto venne fatto rispettare.

Ora pur essendo ancora vigente detta ordinanza nessuno la fa rispettare.

Non solo ma mai nessuna indagine ufficiale( salvo una del comune di Amantea) sull’ inquinamento acustico venne effettuata dagli organi tecnici competenti

E tantomeno sono stati mai effettuate indagini sull’inquinamento atmosferico da polveri sottili ed altri inquinanti.

L’uso, ancora, della SS18 da parte dei TIR induce un forte consumo del manto stradale che diventa più facilmente intransitabile e produce forte rumore e finanzio vibrazioni

I semafori infine sono un altro problema. I grossi automezzi sono costretti a fermarsi provocando forte rumore.

E similmente producono rumore quando ripartono.

Le ultime amministrazioni si sono totalmente dimenticate di questo problema ( e non solo) arrivando addirittura a proporre i photored di notte, all’insegna di tutto pur di fare soldi.

Un cambiamento di linea quindi si impone. O via i TIR come riteniamo od almeno la valutazione tecnica dei danni alla salute che essi producono .Continuare a sottovalutare il problema è sciocco! Molto sciocco!

Pubblicato in Politica

L'incidente avvenuto presso l'ingresso del Giudice di Pace, l'auto è completamente distrutta, ma fortunatamente il conducente è salvo, ma poteva andare molto peggio.

Amantea. Arrivo davanti all’ingresso dell’Ufficio del Giudice di pace. A piedi e dopo aver lasciato la mia auto davanti all’Albergo Delle Canne. I vigili urbani di Amantea sono sulla statale 18 a dirigere il forte traffico.

Il pullman della Preite è fermo sulla statale 18. Rocco Pellegrino, l’autista, va avanti e dietro verso i Carabinieri di Amantea che stanno conducendo gli accertamenti sull’incidente.

Proprio all’ingresso della strada interna una Toyota Corolla.

Totalmente distrutta. La parte posteriore dell’auto non è nemmeno riconoscibile. Il parafango posteriore è rimasto attaccato all’autobus. Il tettuccio dell’automezzo è deformato come nelle auto che hanno ricevuto un impatto disequilibrato a destra.

Gli airbag laterali destri sono infatti scoppiati

L’autoambulanza è appena andata via dopo aver compiuto i necessari accertamenti sulle persone coinvolte nell’incidente.

Mi informo meglio.

L’auto è quella di Salvatore Manna, dipendente comunale in servizio presso il Comando della Polizia Municipale ed addetto proprio alle contravvenzioni al CdS.

Lo scorgo .Non sembra avere danni evidenti. Il personale del 118 dopo un accertamento preliminare non ha ritenuto di portarlo al più vicino nosocomio di Paola

Mi sembra in forma. “Come stai, gli chiedo?” E lui abbozza un lieve sorriso. Ma si vede che com’è normale è ancora frastornato dalla botta. Una botta terribile a sentire gli astanti. Peraltro l’auto è stata trascinata per diversi metri.

Ma Salvatore aveva come necessario la cintura e la botta dal di dietro lo ha spinto fortemente verso lo schienale.

Forse per questo se l’è cavata alla grande.

Ma nessuno avrebbe pensato ad un esito così felice guardando l’auto distrutta, praticamente da buttare via se vista dal cofano, intatta se la guardi dal davanti.

Qualche minuto dopo arriva il maresciallo Antonino Claudio Vivona comandante la stazione di Amantea insieme ad un altro maresciallo della locale caserma ed ambedue intervengono per la buona soluzione dell’incidente.

Stanno compilando il CID.

Salutiamo tutti ancora sorpresi di un incidente così brutto e per fortuna senza danni alle persone.

Le auto si riparano o si comprano.

Pubblicato in Cronaca

Per circa un mese e fino al 28 febbraio 2014 il tratto di statale 18 da Paola ad Amantea sarà interessato alla ripresa del tappeto bituminoso che si presenta ammalorato in tantissime parti per causa delle intense piogge

Questo dice il comunicato dell’Anas senza spiegare perché le piogge avrebbero ammalorato solo il tratto da Paola ad Amantea e non anche quello a nord di Paola

In realtà c’è da ritenere che questo tratto Paola Amantea sia stato più usato di quello a nord per causa delle deviazioni del traffico autostradale.

Ma ecco, integrale, il comunicato:

Calabria: Anas, limitazioni a transito su Ss 18 'Tirrena Inferiore'

(ASCA) - Catanzaro, 29 gen 2014 - L'Anas comunica che '' fino al 28 febbraio 2014 sarà istituito un senso unico alternato, regolato da impianto semaforico, su tratti saltuari della strada statale 18 ''Tirrena Inferiore'', tra i km 318,000 e 353,450, nei comuni di Paola, San, Lucido, Longobardi, Belmonte Calabro e Amantea in provincia di Cosenza.

Il provvedimento si rende necessario per lavori di pavimentazione e ripristino del piano viabile ammalorato a seguito delle intense precipitazioni atmosferiche.

Il senso unico alternato sarà attivo dalle ore 7:00 alle ore 19:00.

L'Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale e' consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all'applicazione 'VAI Anas Plus', disponibile gratuitamente in ''App store'' e in ''Play store''. Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv e il numero 841-148 ''Pronto Anas' per informazioni sull'intera rete Anas''. red/gc

Pubblicato in Longobardi

La Statale 18 è per i calabresi tirrenici la via dell’amore. Su questa arteria lavorano decine e decine di giovani prostitute italiane, europee ed extra europee.

Al massimo, finora, la vecchia ordinanza del sindaco Tonnara ( non più ripetuta da Vadacchino) ma limitata ad Amantea.

Di ieri l’altro invece l’arresto di un venticinquenne bulgaro Stoyanov Stoyan indiziato di sfruttamento della prostituzione.

È stato tratto in arresto dagli uomini della Sezione Investigativa del Commissariato di polizia di Lamezia Terme perché indiziato dei reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Da circa due mesi , infatti, l’attenzione degli investigatori era stata indirizzata su una serie di reati contro il patrimonio, specie furti in esercizi commerciali, commessi lungo i paesi della costa tirrenica lametina.

“Nel corso delle indagini veniva eseguito attento monitoraggio di una serie di personaggi di nazionalità bulgara stabilitisi nel comune di Gizzeria e sospettati anche di far parte di una banda dedita ai furti.

Gli appostamenti hanno consentito di appurare che un gruppo di bulgari gestiva in maniera sistematica le attività di prostituzione lungo la SS 18, accompagnando le donne sul posto, compiendo attività di vigilanza nei pressi dei luoghi e provvedendo al prelievo delle donne. Tutte le attività di indagine svolte di pedinamento ed osservazione venivano documentate con foto e riprese video che testimoniano la sistematicità nella gestione dell’attività illecita.

Nella serata di ieri lo Stoyan, già identificato in più occasioni nel corso delle indagini, è stato bloccato nei pressi di località Torrevecchia e, alla luce delle gravi evidenze probatorie, tratto in arresto per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, essendo emerso anche che parte dei cospicui incassi giornalieri veniva corrisposto all’uomo.

All’esito delle indagini svolte è stata inoltrata una dettagliata informativa alla Procura della Repubblica Lamezia Terme ( Sost. Proc. Dr. Maffia ) e lo Stoyan è stato associato alla Casa Circondariale di Lamezia Terme”

Ora tocca agli sfruttatori delle prostitute che lavorano sulla SS18 nei tratti di Nocera-Falerna-Amantea.

BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy