BANNER-ALTO2
A+ A A-

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Minacce di morte ai militanti crotonesi di Forza Nuova

Lunedì, 09 Settembre 2013 09:35 Pubblicato in Crotone

Il testo della nota stampa di Davide Pirillo Segretario Regionale di Forza Nuova - Calabria

“ Ennesime minacce di morte ai militanti di Forza Nuova, impegnati in questo periodo con iniziative sociali per aiutare gli studenti e le famiglie a combattere concretamente il caro-scuola, tramite il servizio di conto-vendita libri usati. Solita dinamica vigliacca, coperti dall'oscurità notturna tracciano scritte minatorie, vandalizzando i muri all'esterno della nostra sede storica di via libertà, e quel macabro: "l'unico fascista buono è il fascista morto", scritte rinvenute oggi. Io accuso, non tanto chicolpisce materialmente, ma i mandanti per quanto "involontari", altrettanto morali, che rintraccio negli esponenti della sinistra locale, in Sergio Contarino segretario cittadino del PD, lo stesso che ha mandato deliranti comunicati all'indomani della nostra iniziativa contro l'immigrazione davanti le sedi del PD Calabresi; in Pino De Lucia dell'Agorà Kroton che ha rilasciato intervista etichettando negativamente il nostro presidio contro la Kyenge e denigrandoci ai microfoni di RTI; nei Giovani Democratici del PD e le loro feste dell'odio estivo dove espongono striscioni del genere: "ama la musica ed odia il fascismo", come è successo il 30 giugno scorso col patrocinio del Comune di Crotone e del sindaco Peppino Vallone; in tutti quei partiti ed associazioni che si accaniscono continuamente contro FN proponendo un antifascismo ed uno scontro tra giovani di altri tempi, che spesso viene recepito da alcuni individui che lo trasformano in azione. Ne siete responsabili morali e lo sarete ancora di più dal momento che accadrà qualcosa di più serio. Forza Nuova da parte sua come ormai sua linea di condotta, non cercherà lo scontro, e non cadrà nell'ottica degli opposti estremismi, noi abbiamo una rivoluzione da condurre, e lasciamo queste contrapposizioni tra poveri alla politica fallita, che usa l'antifascismo per uscire dall'oblio di popolarità in cui è caduto.

Catanzaro oggi si riempie di aspiranti medici. E’ oggi il giorno in cui a Catanzaro ed in tutta Italia decine di migliaia di giovani si giocano il tutto per tutto per indossare il camice e vivere una vita “felice”. Sarà una battaglia vera e propria, fatta di una lunga qualche per l’accesso al campus universitario catanzarese e perfino di difficoltà per andare al bagno!

Sono solo 10.771 posti i disponibili per l’anno accademico 2013-14 , compresi quelli riservati agli studenti stranieri che, per il solo corso di Medicina, possono essere utilizzati se eventualmente non coperti.

Ma sono 84165 coloro che si sono iscritti al portale Universitaly, condizione per accedere agli esami, anche se coloro che hanno pagato sono “soltanto 74.312. Tra le due fasi si sono persi quasi 10 mila studenti.

Duri e difficili i test.

60 quesiti ai quali rispondere in 100 minuti:

5 di cultura generale,

25 di ragionamento logico,

14 di biologia,

8 di chimica e

8 di fisica e matematica.

La novità è che la graduatoria sarà nazionale.

Il 16 settembre le graduatorie provvisorie

Il 30 settembre quelle definitive

Il 30 verranno pubblicate le graduatorie finali.

2 le possibilità:

a)lo studente potrà essere assegnatario ed in quel caso ha solo 4 giorni lavorativi per iscriversi, per non perdere il diritto all’immatricolazione;

b) oppure potrà risultare tra i prenotati ,il che vuol dire che non ci sono posti nella università da lui prescelta salvo mancate iscrizioni degli assegnatari

Auguri da Tirrenonews.

«Assunzioni mafiose alla Sacal»

Lunedì, 09 Settembre 2013 08:36 Pubblicato in Lamezia Terme

Le accuse forti del sindaco Gianni Speranza e del boss pentito Giuseppe Giampà.

Il Comune lametino si tira fuori dal Cda: azzeriamo la governante.Mentre nell’aeroporto lametino si registrano dati record sul traffico arriva una “bomba” dal Comune lametino: il ritiro dal consiglio d’amministrazione della Sacal. Nella società che gestisce lo scalo il Comune ha il 21%, quota di maggioranza relativa, e chiede l’azzeramento del Cda dopo l’arresto dell’ex vicepresidente Gianpaolo Bevilacqua accusato d’essere affiliato al clan mafioso che controllava Lamezia Est fino a pochi mesi fa. A parlare dell’esponente del PdL è il boss pentito Giuseppe Giampà. Il sindaco di Lamezia Gianni Speranza vuole assolutamente «eliminare qualsiasi ombra sull’aeroporto». Anche perchè secondo lui sono stati assunti dalla Sacal «affiliati di una cosca vibonese». Su questo c’è uno scambio di lettere incandescenti tra Speranza ed il presidente della società Massimo Colosimo. Secondo il boss Giampà, in un interrogatorio del 13 febbraio scorso, il suo clan non aveva influenza sull’aeroporto, perchè il quartiere di Sant’Eufemia è sotto il controllo di Vincenzino “Moretto” Iannazzo. Il boss Giuseppe Giampà ha pure dichiarato che la cosca Iannazzo con l’«appoggio» politico di Bevilacqua, personaggio influente nel PdL avrebbe gestito appalti all’aeroporto, il noleggio auto e alcune assunzioni di comodo.Leggi il seguito sulla Gazzetta del Sud

BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy