BANNER-ALTO2
A+ A A-

COSENZA Che Sergio Tempo (nella foto a colloquio con il governatore Mario Oliverio) non sia il revisore dei conti preferito dalla Regione è piuttosto evidente. Il professionista, che aveva firmato una serie di relazioni piuttosto critiche nei confronti della gestione del Corap, è tra i due revisori non confermati nel novero complessivo dei professionisti designati per vigilare sui conti delle Aziende sanitarie calabresi.

E non ha gradito le scelte del governatore. «I fulmini sono stati ben direzionati – scrive – verso chi è risultato essere “legalmente” troppo ingombrante, l’ennesima dimostrazione di una “distrazione governativa” in seno alla Presidenza della Regione Calabria».

L’obiettivo delle critiche è il presidente Oliverio, che Tempo definisce «distratto», al punto da «non aver constatato che il Collegio sindacale in carica all’Asp di Cosenza è risultato essere a giudizio del ministero dell’Economia e delle Finanze uno dei più efficienti e produttivi d’Italia».

Tempo e la Regione si erano già incrociati davanti al Tar Calabria (che aveva rimesso al proprio posto il commercialista allontanato dal Corap) e, riferisce ancora il revisore, anche alla Provincia, quando Oliverio ne era presidente e Tempo, «a fine triennio fu sacrificato a vantaggio di un soggetto che non poteva essere nominato in quanto aveva già ricoperto la stessa carica per due mandati, come certo potrà aiutare a ricordare l’ex consigliere provinciale, rappresentante del Medio Tirreno e attuale consigliere regionale, o un senatore del Pd calabrese, anch’egli ex consigliere provinciale».

Le contestazioni non finiscono qui. «Come non notare – scrive ancora il commercialista – che degli otto componenti da designare nelle Aziende del Servizio sanitario regionale, solo 2 non sono stati confermati (oltre ad un terzo presso l’Asp di Catanzaro a giusta ragione, avendo esaurito due mandati), di cui uno a Vibo Valentia, dove il revisore, con nomina di competenza del presidente, è stato sostituito poco opportunamente e in aperto conflitto di cariche con il sindaco di Santo Stefano in Aspromonte che è anche componente del Collegio dei revisori della Regione Calabria (organo deputato al controllo della Regione)».

Il secondo degli estromessi è proprio Tempo.

Che rivendica il proprio operato all’Asp di Cosenza, dove «grazie al lavoro certosino del Collegio, con un impegno gravoso, ma oculato e competente, è stato modificato per sempre un “modus operandi” in una maniera che neanche la mia estromissione potrà cancellare.

Né potrà essere annullato il solco di legalità tracciato dal Collegio nel triennio».

«I risultati dei rilievi effettuati e inoltrati agli organi competenti saranno a breve portati a conoscenza dei cittadini –continua Tempo –. Perché la “distrazione” non può essere utilizzata a giustificazione di un atto politico/amministrativo autonomo che, invece, necessita e urge di una motivazione valida, pertinente, circostanziata e plausibile».

È l’annuncio dell’accesso agli atti inoltrato alla Regione per comprendere quali siano «i criteri di selezione e di esclusione». «Non oso pensare – continua il revisore – che la motivazione, certamente non di natura professionale (i curriculum sono testimonianza), né di natura gestionale (il ministero ne è testimone), possa essere solo conseguenza di un rapporto conflittuale tra chi le “nomine” le gestisce per posizione politica e amministrativa e chi gli “incarichi” li onora per etica professionale».

Tempo si sente mortificato e ritiene che l’amministrazione sia stata gestita «alla stregua di una scacchiera.

Sarà interessante – chiosa Tempo – capire, alla fine, chi farà “scacco matto”».

DaIlcorrieredellaCalabria

Leggi tutto... 0

Riceviamo e pubblichiamo:

In questi giorni, ho osservato e soprattutto ascoltato quanto è stato riferito dall’attuale amministrazione di Amantea, rispetto all’impegno profuso per creare le condizioni necessarie per la crescita del nostro territorio.

 

 

 

In particolare, nell’ultima diretta streaming di Zippa29 dove la maggioranza, con notevole carenza di acume politico, si sottoponeva con referenzialità a una parte della minoranza, come dei veri e propri dilettanti allo sbaraglio, ponendosi come pasto prelibato per leoni accorsi all’appuntamento.

Più volte durante la diretta, nei vari passaggi la maggioranza, ha cercato di far credere che per il nostro paese, si sta facendo davvero molto e più volte ci si è vantati per una serie di finanziamenti a pioggia in arrivo.

Sarà pur vero, ce lo auguriamo, ma noi che siamo umili e voliamo bassi, guardiamo alle cose concrete, che poi sono quelle che fanno più scalpore, perché immediatamente visibili a tutti.

In questi giorni, sono rimasto favorevolmente colpito da una delle tante iniziative che si organizzano, ovviamente non nel nostro paese, ma in un comune limitrofo al nostro, Fiumefreddo Bruzio.

In questo comune è attiva la PRO LOCO che, per il periodo natalizio, ha presentato il calendario delle manifestazioni di Natale 2018 con il patrocinio dell’amministrazione comunale.

Si inizia alla viglia dell’immacolata, con gli alunni di ogni ordine e grado, per gli auguri di Natale e con la distribuzione di un piccolo pensiero.

Il sabato successivo concerti natalizi e accensione delle luminarie nel centro storico.

Mercatini di Natale e consegna delle letterine nella casa di Babbo Natale.

Il laboratorio egli Elfi, le fate di ghiaccio, il vicolo degli gnomi, artisti di strada, i mercatini di Natale nel centro storico e tante altre iniziative.

Tutto questo in un piccolo comune limitrofo al nostro, dove evidentemente l’azione amministrativa è certamente stimolante e vincente; una vera promozione turistica per lo sviluppo del proprio territorio, con la sinergia delle associazioni di volontariato presenti e molto attive.

Ora mi chiedo, cosa impedisce ad Amantea di essere una realtà viva come tutte le altre a noi vicine?

Non abbiamo forse un centro storico valido, non abbiamo forse chiese e strutture capaci di offrire il giusto clima natalizio, non abbiamo un corso principale da proporre con luminarie in modo da diventare attrazione, non siamo per caso una realtà turistica importante??

Sarà forse colpa del dissesto, certamente no, evitiamo di prendere in giro la città!!

Dispiace molto ma questo è il prezzo altissimo che certamente stiamo pagando, non avendo un’amministrazione capace e competente, non si è in grado di creare le condizioni per fare uscire Amantea da questo brutto incubo, che dura ormai da troppo tempo.

Non illudiamoci più, pur avendo tante potenzialità, siamo divenuti il fanalino di coda rispetto a tutte le altre realtà a noi vicine.

Lo dico davvero a malincuore, Amantea e i suoi abitanti hanno perso la speranza per un futuro diverso, davvero mai così!!

Bisogna chiudere questo ciclo, fino a quando il comune sarà visto come un “postificio” per pochi, mai avremo una classe politica capace e preparata per amministrare seriamente il nostro paese.

Manca la progettualità che è l’anima dello sviluppo di una realtà operosa come la nostra, mancano le idee, mancano soprattutto le competenze.

Siamo davvero al lumicino, mi appello alle forze sane e produttive di questo paese, svegliamoci prima che sia troppo tardi, non vi accorgete che la situazione sta per diventare irreversibile, alziamo la testa e non pensiamo solo al nostro orticello; se vogliamo davvero salvare Amantea, chiudiamo prima possibile questa pessima stagione di “pressapochismo” amministrativo e ridiamo

Leggi tutto... 0

Sono diversi anni che un gruppo di appassionati presepisti si danno da fare per allestire un grande presepe nella Chiesa del Carmine.

Ora in verità se ne è ridotto il numero.

E’ un problema di età e di acciacchi.

Noi ne abbiamo trovato solo due.

 

Il pittore Rosario Furgiuele e Franco Provenzale.

E pur essendo pochi, comunque, il presepe sta vedendo la luce.

Obbedisce ai canoni usuali dei presepi amanteani.

La grotta, le case, le capanne, i ponti, le scale, le montagne , i pianori.

Un presepe che mostra la profondità del paesaggio, con le montagne in fondo e più lontano il cielo.

Per il momento si sta realizzando la struttura.

Poi saranno dati i colori.

Successivamente sarà posta l’erbetta (la famosa panichella) ed infine i pastori, le pecorelle, la natività.

E’ straordinario come giorno dopo giorno i pochi appassionati artigiani riempiano gli spazi ed i volumi, quasi che avessero avuto sin dall’inizio il disegno complessivo dell’opera, di cui momento per momento pongono in posa i pezzi.

E’ come un film che fotogramma dopo fotogramma viene prima girato e poi montato.

La proiezione però sarà istantanea, ad impatto visuale unico, immediato.

Poi da vicino , angolo dopo angolo, si potranno osservare le vere meraviglie del presepe che sono i particolari curatissimi.

E’ tradizione che il presepe sia pronto per la vigilia dell’Immacolata.

Rosario e Franco ci hanno confermato questa data.

Appena ultimato ve lo mostreremo.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy