BANNER-ALTO2
A+ A A-

E’ il filo della luce che tiene il palo?

Si!

La base del palo è totalmente arrugginita.

Al punto che si è infilata nella parte che è stata annegata nella carreggiata.

Il palo si è inclinato ed infatti si è appoggiato alla colonna di mattoni.

 

 

 

 

Insomma, dopo la segnalazione di un cittadino, siamo andati in Via Elisabetta Noto Angolo via Potame, scoprendo che non è più il palo che tiene i fili della luce, ma esattamente il contrario.

Roba che, come si dice ad Amantea ,“ baste na venticata…..”

Segnaliamo la cosa alla pubblica amministrazione suggerendo che si provveda con immediatezza alla verifica della stabilità del palo medesimo ed alla sua eventuale urgente sostituzione.

Anzi suggeriamo che si disponga con immediatezza la verifica della stabilità di tutti i pali della pubblica amministrazione

E poi appena possibile anche alla loro pitturazione.

Leggi tutto... 0

Pubblichiamo una foto di uno strano ragno giallo trovato ad Amantea.

Il ragno ha impaurito chi lo ha trovato.

Nessuno lo aveva mai visto prima.

Facile supporre la fine fatta fare a questo misterioso ragno.

 

 

 

 

 

 

Da una ricerca pur frettolosa fatta su internet non ci è stato facile scoprire di che ragno si tratti

Affidiamo così la foto ad internet nella speranza che essa venga vista e che qualche entomologo ci dia specifiche e migliori indicazioni.

Intanto ci piacerebbe sapere se si tratti di un ragno più o meno velenoso

E poi sapere da dove proviene e come può essersi trovato ad Amantea

Leggi tutto... 0

E va sempre peggio. Ditelo al PD, ditelo al Papa, ditelo al M5s.

Ditelo anche a Conti! Chissà se ne parla la costituzione.

Ditelo anche a Mario Oliverio. Chissà che decida di liberare la calabria della sua presenza politica..

 

 

 

 

 

 

Dall’8,5% della Provincia autonoma di Bolzano al 52,1% della Sicilia e al 46,3 di Calabria e Campania: sono questi i numeri che attribuiscono all’Italia il record europeo di disparità in materia di quote di persone a rischio povertà misurate a livello di regioni.

È quanto emerge dal primo 'European regional social scoreboard’realizzato dal Comitato europeo delle Regioni (CdR) per monitorare le situazioni e i progressi delle oltre 280 regioni Ue in ambito sociale.

Il capitolo dedicato alle persone a rischio povertà ed esclusione sociale (dati Eurostat 2017) evidenzia la singolare situazione dell’Italia a cui appartengono sia il primo posto della classifica Ue (Bolzano), che l’ultimo (Sicilia).

Servono «azioni mirate a livello locale» poiché «è evidente come, da sola, la politica di lotta alla povertà a livello nazionale non sia sufficiente» recita il rapporto.

Dal documento emerge anche come siano italiane tre delle cinque regioni con le performance peggiori in Ue. Solo la bulgara Severozapaden (46,7%) separa la Sicilia dal terzultimo posto di Campania e Calabria, entrambe al 46,3%. La media europea è del 22,8%.

Dati poco confortanti per l’Italia emergono anche se si guarda all’evoluzione storica dei dati.

Tra le regioni europee, la Provincia autonoma di Trento ha avuto il maggiore aumento, in termini di punti percentuali, di persone a rischio povertà ed esclusione tra il 2014 e il 2017: dal 13,6% al 19,3%.

Seguono Abruzzo (da 29,5% a 34,8%) e Marche (da 19,6% a 24,9%).

«Gli squilibri locali e regionali sono forse il più importante ostacolo alla realizzazione di un’Unione veramente coesa», ha dichiarato il presidente del CdR, Karl-Heinz Lambertz.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy