loading...
A+ A A-

La sindaca di Nocera Terinese, Fernanda Gigliotti, denuncia un inciucio ai suoi danni.

Vota questo articolo
(0 Voti)

«Alcuni consiglieri e dipendenti comunali non vogliono farci governare. Ma dovranno prendersi le responsabilità per un eventuale scioglimento del consiglio comunale»

«Il 12 gennaio in consiglio comunale 4 componenti della mia maggioranza, in accordo con la minoranza, hanno bocciato un punto all'ordine del giorno da loro stessi già approvato e deliberato sia in giunta che in consiglio nello scorso mese di dicembre.

E questa è l'ennesima ratifica dell'accordo trasversale tra il mio vicesindaco e la minoranza il cui obiettivo, ormai declinato all'unisono, è diretto a fermare il cambiamento in atto a Nocera, a fermare l'azione di bonifica e riorganizzazione degli uffici e dei servizi comunali, e impedire di fatto una nuova stagione di lavori pubblici programmati e immediatamente cantierabili quali la riqualificazione del quartiere Vivieri e Chianarella, la realizzazione dei marciapiedi davanti alla Chiesa Maria Regina della Famiglia e il completamento dell'urbanizzazione primaria del quartiere Pianeruzzo».

Una «circostanza – spiega –, che si aggiunge ai numerosi atti di scorrettezza e slealtà nei miei confronti, agli attacchi, alle offese e ai tentativi di delegittimazione sistematica, in atto ormai da mesi», che l’hanno «costretta a cambiare il contenuto dell'intervento di oggi pomeriggio, sabato 13 gennaio, che originariamente avevo convocato per informare la cittadinanza e la stampa degli straordinari risultati amministrativi raggiunti dall'amministrazione comunale tra i quali l'approvazione del primo bilancio riequilibrato, l'abbattimento dell'ecomostro, implementazione della differenziata, la ristrutturazione del depuratore consortile, l'ottenimento dei finanziamenti per l'isola ecologica, quelli per il sottopasso del Maris, l'impegno della Regione per la realizzazione delle opere per la difesa costiera etc».

Anziché parlare dei risultati ottenuti, la prima cittadina ha «dovuto invece spiegare e chiarire ai tanti cittadini attoniti e preoccupati, il senso di alcuni comportamenti e delle gravi affermazioni di alcuni componenti della mia maggioranza che, con l'aiuto di alcuni dipendenti comunali, hanno di fatto deciso di non farmi governare, di fare saltare il servizio idrico ed Rsu, di bloccare l'ufficio tecnico e di mettere a repentaglio l'efficienza e l'efficacia della gestione amministrativa». 

«Ma l’amarezza – dice in una nota – più grande è dovere assistere alla mortificazione e al sacrificio del mandato politico affidatoci dal popolo nocerese per difendere e consolidare rendite di posizione che nulla hanno a che fare con il bene comune. 

Per estremo senso di responsabilità, a ciò sollecitata da molti cittadini e dai componenti del gruppo de "Il Paese che Vogliamo”, ho rinviato di una settimana ogni mia personale decisione,  offrendo in tal modo ai consiglieri, agli assessori, ai componenti e ai simpatizzanti del gruppo di Ripartiamo, l'opportunità di rivedere le irresponsabili posizioni assunte e di comunicare con chiarezza e lealtà se vogliono lavorare ancora nell'interesse del paese o se vogliono continuare a giocare con i teatrini di buratti e burattini, prestando il fianco ad altre operazioni "molto poco chiare", assumendosi  con ciò la responsabilità dell’ennesimo scioglimento anticipato del consiglio comunale».

«Dal mio canto – conclude la sindaca –, prima di ogni personale decisione, attenderò un'altra  settimana ancora per favorire la ripresa del dialogo e dei lavori in favore del nostro paese il cui debito del dissesto ha ormai superato la più nera delle previsioni possibili, attestandosi a oltre 40 milioni di euro di cui 22 milioni circa di debiti fuori bilancio, 7 milioni circa di contenzioso e 15 milioni di mutui già contatti dalle giunte precedenti tra i quali ben 5 milioni concessi dal decreto salva imprese, impiegato purtroppo non per pagare i fornitori di beni, lavori e servizi straordinari. prevalentemente per pagare ordinarie forniture  idriche ed elettriche».

Domenica, 14 Gennaio 2018

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

Meteo - Lamezia Terme

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy