loading...
A+ A A-

Mutui usurari. Un importante contributo alla difesa del cittadino

Vota questo articolo
(2 Voti)

Riceviamo e pubblichiamo un altro contributo del nostro amico avvocato Gaspare Francesco Bernardo:

“Arresto della Corte di Cassazione: quando non sono dovuti interessi per mutuo in usura

 

 

 

La continua esigenza dell’essere umano di interagire, per le varie ragioni che proiettano verso il lavoro, lo svago, il bisogno, il costruire, l’appartenere ad un mondo che ti impone di creare il tuo spazio per riconoscerti realizzato, comporta la disponibilità economica necessaria, e costantemente ci si rivolge agli istituti bancari per un prestito.

Tuttavia, il mercato, i rapporti commerciali, confezionano, a volte, situazioni di indebito arricchimento a danno delle persone, che quelle citate ragioni espongono (per lavorare, svagare, bisogno, costruire, creare, dare lavoro ecc.) nella prospettiva di quella semplice “cosa” che si chiama vivere.

Orbene, da Avvocato e da convinto sostenitore del brocardo Dubium Sapientiae Initium, ciò che vorrei indagare in queste righe, rappresenta il paradigma della scoperta di un diritto poco celebrato e, dunque, poco famoso, ma troppo importante per la tutela della persona: il diritto bancario.

Tale “Diritto” costituisce la mescolanza di interessi (è il caso di dire, per come si vedrà) la cui lesione spazia dal Diritto Penale (mia primigenia fissazione) al Diritto Civile.

Nella prateria di norme rivolte all’esercizio dell’attività bancaria orientata all’erogazione dei mutui, il contrasto con specifici lembi normativi, può portare alla commissione del delitto di usura, art. 644 codice penale e, conseguentemente, alla violazione delle norme di diritto civile (art. 1815 c.c.) che governano il rapporto cliente/banca.

Il caso più eclatante è lo sforamento di “quel” tasso soglia trimestralmente indicato dal Ministero del Tesoro, per cui il mutuo oneroso, “beccato” in usura, si converte in mutuo a titolo gratuito, di guisa che non sono dovuti interessi, e quelli già corrisposti devono essere restituiti al cliente.

Com’è noto, sono indicati nel contratto il Tasso Nominale e il TAEG/ISC.

Il primo costituisce il tasso d’interesse praticato, il secondo (Tasso Annuale Effettivo Globale Medio, ovvero Indicatore Sintetico di Costo) rappresenta l’intero costo dell’erogazione del mutuo.

La summa divisio ulteriore da svolgere è quella tra tasso corrispettivo e tasso di mora. Il primo attiene “alla fase fisiologica” del rapporto e costituisce l’onere da sborsare per ottenere la disponibilità della somma mutuata.

Il secondo è eventuale, inerendo alla fase patologica del rapporto, quando non si paga una rata e, dunque, quando v’è inadempimento del mutuatario. Questo tasso, spesso, costituisce una maggiorazione percentuale del primo.

Le difese degli istituti bancari hanno spesso sostenuto l’irrilevanza del superamento, da parte del tasso di mora, della soglia consentita dalla legge, se il cliente, in regola con i pagamenti, non ha mai usufruito di interessi moratori.

Invece, va detto che la legge la legge 108/96 assicura un presidio completo e onnicomprensivo verso l’usura, riguardante costi immediati e costi rimandati (ed eventuali), come può essere il pagamento di una somma maggiore per una rata non pagata. Infatti, due recenti arresti (rectius: decisioni) della Suprema Corte di Cassazione, hanno sancito che il tasso soglia stabilito dalla legge (al di sotto del quale il mutuo è lecito) riguarda sia il tasso corrispettivo che il tasso di mora. Quest’ultimo, benché eventuale perché parametrato all’inadempimento di una rata, mette tuttavia a rischio l’esposizione debitoria del cliente, in quanto eccedente il limite consentito dalla legge sin dalla stipula del contratto. In questo caso, v’è già nel contratto la potenziale usura della posizione debitoria del cliente, nulla rilevando il fatto per cui lo stesso pagherà regolarmente tutte le rate senza ritardi e, dunque, senza interessi di mora.

È sufficiente la potenzialità lesiva del contratto, sin dalla stipula (usura originaria)

Punto di riferimento per noi Avvocati che spieghiamo al cliente come possa ottenere indietro gli interessi pagati per il mutuo, è la sentenza 350 del 2013 della Corte Costituzionale la quale ha sancito che “ai fini dell’applicazione dell’art. 644 c.p. e dell’art. 1815 c.c. comma 2, si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o convenuti a qualunque titolo”.

Entrambi i tipi di “tasso” sono soggetti alle soglie di usura nella loro determinazione.

Per comprendere se un mutuo erogato è in usura è onore del cliente, ai sensi dell’art. 2697 del codice civile, provare i fatti abili a dimostrare la legittimità della propria pretesa, esibendo contratto e successivi estratti conto. A ciò si devono aggiungere gli estratti a scalare e i decreti relativi ai tassi soglia unitamente ad una perizia tecnica dalla quale è evincibile l’usurarietà.

Segnatamente, l’organizzazione dell’esistenza è complessa e necessita di risorse finanziarie, tuttavia è auspicabile sempre non dimenticare la centralità della persona, prima della centralità del cliente, in rapporti contrattuali come il mutuo.

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy