BANNER-ALTO2
A+ A A-

Torniamo bambini, sfogliamo la margherita

Vota questo articolo
(0 Voti)

margheritaVi ricordate, amici, quel bel giochino che facevamo nelle soleggiate giornate primaverili quando nelle aiuole, nei giardini, negli argini dei fossati cominciavano a spuntare quei fiorellini bianchi dai tanti petali? Raccoglievamo una margheritina e staccavamo ad uno ad uno i petali e ad ogni strappo ripetevamo, alternativamente, le parole: mi ama, non mi ama. Amici, sfogliamo la margheritina pure adesso come facevamo una volta anche se siamo avanti negli anni. Ma al posto delle paroline mi ama, non mi ama, mettiamo la Tav, perché ogni santo giorno i politici, i giornali, le televisioni parlano soltanto di questo grave problema La Tav si farà o non si farà? Di Maio dice di no, Salvini dice di sì. Chi dei due sta dicendo la verità? S’ode a destra uno squillo di tromba, a sinistra risponde uno s   quillo. Ieri sera i due Ministri e Vice Presidenti del Consiglio si sono incontrati ancora una volta a Palazzo Chigi alla presenza del Premier Prof. Conte, del Ministro Toninelli e di tanti tecnici per discutere del problema. E’ stato un incontro infruttuoso, molto lungo, è durato più di 5 ore. Conclusione, non hanno risolto un bel nulla come al solito. E neppure questa volta, malgrado le sue buone intenzioni, il Premier Conte, è riuscito a risolvere il contrasto che esiste tra il Movimento 5 Stelle e la Lega, alleati di governo. Ieri sera c’è stato un incontro ma domani ci potrebbe essere uno scontro che potrebbe sfociare anche nella crisi di Governo, e che porterebbe ad uno scioglimento del Parlamento, Mattarella permettendo, e direttamente a nuove elezioni. Hanno parlato a lungo, ma anche questa volta il problema Tav è stato rimandato. Nessuna decisione è stata presa,hanno bisogno di ulteriori incontri e intanto il tempo passa. Ma alla fine la crisi di Governo non c’è perché nessuno la vuole. Salvini e Di Maio non vogliono lasciare il posto che occupano, hanno paura di andare a casa perché sanno benissimo cosa sarebbe il loro futuro: una lunga coda all’Ufficio Postale per compilare il modulo del Diritto di Cittadinanza. All’unisono hanno detto:-Troveremo la quadra, il Premier farà una sintesi-. Si uniranno magari oggi, domani, dopodomani, fra un mese, magari fino alle elezioni Europee. Gli italiani sono stanchi d’aspettare. Di Maio dovrà pur dire con chiarezza Si oppure No. Così non si potrà andare avanti. Una decisione bisogna pur prenderla e subito, perché l’Italia sta perdendo la faccia e anche i milioni di euro messi a disposizione dall’Europa se non si da subito inizio ai bandi per l’Alta velocità. Ma a Di Maio, come abbiamo visto, la Tav non interessa poi tanto, perché sa che il Movimento 5 Stelle è sempre stato contrario alla realizzazione e quindi sta facendo di tutto per non realizzarla e per non scontentare e dividere il Movimento. Se dicesse di sì subito alcuni Senatori potrebbero votare contro i provvedimenti del Governo e altri si dimetterebbero e a questo punto a Palazzo Madama il Governo non avrebbe più una maggioranza. Alla domanda di alcuni giornalisti:- Ma la Tav si farà- Di Maio così ha risposto:- Concentriamoci sul Reddito di Cittadinanza-. E Salvini cosa dice?-: Non cambio idea. La Tav si farà -. Ha riconosciuto, però, che la situazione è al limite della crisi di Governo, ma non ha nessuna intenzione come del resto Di Maio a rompere con gli alleati. E allora arrivati a questo punto quale sarebbe la via d’uscita? Un referendum popolare. Ma per indire una consultazione elettorale ci vorrà del tempo, in ogni caso se ne parlerebbe in autunno inoltrato. Campa cavallo che l’erba cresce. Li abbiamo votati, ora teniamoceli. Abbiamo voluto la bicicletta ed ora zitti e mosca. Pedaliamo, pedaliamo!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy