loading...
A+ A A-

Italiani: un popolo di falsi ed imbroglioni di Francesco Gagliardi

Vota questo articolo
(1 Vota)

Fino ad ieri il popolo italiano andava fiero perché veniva considerato da tutti come un popolo di eroi, di santi, di navigatori e di poeti.

Poi col passare degli anni si era aggiunto il titolo di 60 milioni di commissari tecnici della nazionale di calcio.

 

Oggi il titolo che va per la maggiore e che dovrebbe farci riflettere e vergognare è: un popolo di falsi professionisti.

Quante storie dobbiamo registrare purtroppo ogni anno e quanti processi vengono celebrati nei Tribunali contro persone per frode sulla professione.

Basta guardare la trasmissione “Striscia la notizia” per renderci conto.

Quante storie ci racconta l’inviato di “Striscia” e quante verità vengono a galla.

Perché c’è sempre un’altra storia dietro a quella che vediamo.

Quanti personaggi hanno fatto carriera negli ospedali, nelle cliniche private, nei laboratori, nella scuola, nei tribunali, nei pubblici uffici senza averne i titoli e senza che nessuno se ne fosse accorto. Quando poi la verità viene fuori per sbaglio, i colleghi e le colleghe dei furfanti rimangono basiti e cadono dalle nuvole.

Ma era così bravo!

Esercitava la professione con scienza e con coscienza!

Era sempre presente sul lavoro!

Tutti dicevano che era sempre gentile con tutti!

Ogni anno in Italia vengono scoperte e denunciate migliaia e migliaia di persone che esercitano una professione abusiva e il piccolo esercito dei falsi e degli imbroglioni si ingrossa sempre di più.

Vi ricordate la storia di quel primario dell’ospedale San Nicola Pellegrino di Trani scoperto per caso quando ha presentato le carte per andare in pensione?

Erano tutte false.

E di quella dottoressa di Lecce scoperta dopo aver esercitato la professione di ginecologia all’ospedale per diversi anni senza avere mai conseguito la laurea in medicina e chirurgia?

Aveva frequentato l’Università di Bari soltanto due anni e superato appena cinque esami.

Aveva cominciato la professione sostituendo i colleghi durante le ferie estive.

E poiché tutto era andato per il verso giusto e si era dimostrata capace e tutti la riempivano di lode ,continuò ad esercitare la professione per diversi anni.

Con vera faccia tosta aveva finanche appeso la laurea falsa nello studio ben attrezzato dove riceveva le pazienti.

E la storia di quella signora napoletana che aveva fatto credere al padre ed ai familiari che si era laureata in Legge e che non li aveva invitati il giorno della laurea perché si sarebbe agitata troppo? Ha affrontato centinaia e centinaia di cause perdendone soltanto una.

Ma questa causa persa l’ha portata alla rovina.

Non ha avuto il coraggio di dire al suo assistito che avevano perso la causa e si inventò una bugia: il Tribunale di Napoli gli aveva riconosciuto un lauto indennizzo.

Non era vero e lei, purtroppo, questi soldi glieli doveva dare e non li aveva.

Alla fine non ha resistito e si è autodenunciata.

L’unica causa persa l’ha portata alla rovina.

Il giorno che ha deciso finalmente di dire tutta la verità al padre, al marito, ai figli, ai colleghi,, le è crollato tutto il mondo addosso: il marito l’ha lasciata, gli amici ed i colleghi sono spariti.

Nella nostra provincia di Cosenza e proprio in un paese molto vicino al nostro alcuni anni fa una ragioniera ha sostituito il fidanzato medico per diversi mesi visitando e prescrivendo medicinali con ricette, timbri e firme vere.

Il giochetto ha funzionato alla perfezione per diversi mesi, ma poi i Carabinieri hanno scoperto il tranello e hanno messo fine alla vicenda.

Al medico e alla fidanzata, in fondo, è andata benissimo perché il Gip ha respinto la richiesta di arresti domiciliari, sospendendo dalla professione il medico, quello vero, soltanto per due mesi. Negli anni 70 a Cosenza venne scoperto un professore molto stimato ed affermato anche nel campo della politica e che aveva insegnato per diversi lustri presso l’Istituto Magistrale “Lucrezia della Valle” senza aver mai conseguito la laurea in Lettere.

Tutti questi falsi medici, avvocati, odontoiatri, professori, spesse volte vengono a galla perché denunciati o nel momento in cui presentano i documenti per andare in pensione, altrimenti nessuno li avrebbe mai beccati.

In fondo rischiano poco e poi una laurea finta si può comprare spendendo pochi spiccioli.

Anche nella nostra regione una laurea finta si può sempre comprare in una stamperia clandestina. Le condanne che vengono inflitte dai Tribunali sono lievi e i falsi medici, avvocati, professori le accettano ben volentieri.

Ma la vera condanna per loro, però, non è quella penale e pecuniaria, è quella della vergogna e dell’isolamento.

Gli amici spariscono, la moglie o il marito divorziano, i figli si allontanano, i colleghi non li salutano più, la gente li guarda con disprezzo.

Alcuni non hanno retto e si sono suicidati, altri hanno ucciso genitori, figli, mariti o moglie.

La finta avvocatessa di Napoli, invece, di fronte alla verità, ha deciso di affrontarla.

Ed ha fatto benissimo. In fondo è stata davvero una brava avvocatessa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Meteo - Paola

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy