loading...
A+ A A-

Elezioni politiche? NO! Solo assalto alla diligenza.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Chi ha avuto il piacere di godere qualche film western ha sicuramente avuto modi di vedere un “Assalto alla diligenza”. Le diligenze con tutti i loro valori viaggiavano regolarmente isolate e poco difese in territori ostili. Facile quindi che venissero attaccate, da banditi americani o indiani-banditi non faceva alcuna differenza. Inutile ogni fuga; i banditi inseguivano la diligenza che non poteva avere la velocità di un cavallo. Veniva sempre raggiunta e spogliata di ogni bene. Il significato era ed è sempre lo stesso : beni e persone indifese erano e sono preda dei delinquenti, degli approfittatori, dei ladri. Nulla sembra cambiato oggi,salvo una cosa. Oggi la principale diligenza è lo stato, e più in piccolo le regioni, le province, insomma tutti gli enti che vivono di fondi pubblici, ma gli assalti sono sempre presenti; anche perché gli sceriffi sono lontani e disattenti, se non collusi.

E così tutti vogliono dallo Stato. Un piccolo esempio di “assalto alla diligenza”? Eccolo.

“Squinzi, presidente di Confindustria, ha presentato il piano del padronato per una crescita di almeno il 2% all’anno, creazione di 1.800.000 posti di lavoro, diminuzione di tre punti del carico fiscale, dal 45,1 al 42,1 % e un aumento reale per le famiglie che vivono di lavoro dipendenti pari a 3.980 euro.

Ci siamo subito chiesti se per caso Squinzi non fosse candidato in qualche lista o non si fosse trasformato in un Babbo Natale fuori tempo massimo, ma è bastato andare avanti nella lettura per scoprire l’arcano.

Il piano infatti prevede l’impiego complessivo di 316 miliardi di risorse pubbliche in cinque anni e avrà efficacia solo se “applicato nella sua interezza”.

E allora andiamo a vedere i suoi contenuti: si parte dal fatto che il presupposto essenziale per la sua riuscita sia la stabilità dei conti pubblici e un rapporto debito/PIL che entro il 2018 deve scendere ben oltre il 110% grazie a dismissioni, flessibilità del lavoro, apertura dei mercati.

Chissà se basteranno i già 50 miliardi annui di tagli alla spesa pubblica che il Governo Monti e l’Unione Europea pretendono in attuazione del Fiscal Compact e del pareggio di bilancio - introdotto nella Costituzione e la cui legge di attuazione è stata votata lo scorso dicembre scorso da tutto il Parlamento, compresi i deputati di IDV e della Lega - o dovremo aggiungerne degli altri?

Ma poiché ciò potrebbe non essere sufficiente, la Confindustria chiede la riscrittura del Titolo V della Costituzione in funzione di un nuovo assetto istituzionale e soprattutto per restringere lo spazio d’intervento dello Stato cui rimarrebbero solo le competenze di interesse nazionale! Oltre naturalmente al superamento del bicameralismo perfetto, la riduzione dl numero dei parlamentari, l’abolizione delle province, l’accorpamento dei piccoli comuni.

Più immediatamente si chiede, oltre alla liquidazione alle imprese dei 48 miliardi di debiti delle amministrazioni pubbliche, un taglio dell’11% del costo del lavoro, l’abolizione dell’IRAP che grava sull’occupazione , la privatizzazione e la liberalizzazione di tutti i servizi pubblici l’effettiva concorrenza tra pubblico e privato nell’erogazione dei servizi sanitari. Proprio una bella faccia tosta alla luce dei disastri combinati dalla sanità privata, che hanno gravato pesantemente sui bilanci regionali e nonostante ciò hanno registrato clamorosi fallimenti e migliaia di licenziamenti. Vogliamo parlare del San Raffaele a Milano, del San Carlo di Nancy a Roma, delle cliniche private degli Angelucci, dei Ligresti dei Rotelli tanto per fare qualche esempio?

Ma la parte migliore spetta al capitolo dedicato alla produttività per la quale si pretende lo stanziamento di un miliardo all’anno per detassare il salario di produttività contrattato in azienda e, dulcis in fundo, una settimana all’anno di lavoro in più, pagata il doppio (bontà loro!), ma totalmente priva di contributi previdenziali e fiscali a carico delle aziende. Si tenta così di estorcere il consenso dei lavoratori con il ricatto del salario creando ulteriori divisioni nel mondo del lavoro, ma soprattutto aumentando lo sfruttamento di chi un lavoro lo ha, mentre non c’è nessuna certezza di investimenti privati o di piani concreti per l’occupazione.

Non mancano poi le richieste di sostegno alla ricerca privata e lo sblocco delle grandi opere.

Ma dove si andrebbero a prendere questi 316 miliardi che in 5 anni dovrebbero permettere la trasformazione dell’Italia? Dall’aumento dell’IVA, e quindi dalle tasche dei cittadini che vedrebbero andare alle stelle i prezzi ancora più di ora, dalle dismissioni e privatizzazioni del patrimonio e dei servizi pubblici, dalla lotta all’evasione, ultimo escamotage per attrarre gli allocchi.

Gli investimenti privati? Dopo, dopo…

La verità è una sola: ancora una volta si vogliono depredare le risorse pubbliche, cercando di trarre profitto dal sociale e dall’ulteriore sfruttamento dei lavoratori, in nome di un futuro migliore per i giovani.

Ce lo avevano detto anche nel 1993, con l’avvio della politica dei redditi e della concertazione. Il cui risultato è stato che oggi il reddito reale procapite è tornato al livello del’86 mentre quello dei consumi al 1998. A buon intenditor… USB Unione Sindacale di Base”

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy