loading...
A+ A A-

Belmonte Calabro, dove la storia si sposa con la magia: di Isabel Choat

Vota questo articolo
(2 Voti)

Ci fu un tempo in cui il Consorzio intercomunale del Basso Tirreno Cosentino ospitava giornalisti e giornaliste e li accompagnava nei suoi vari comuni per farne conoscere le storie, i valori, i paesaggi, la gastronomia e farli diventare nostri araldi.

Per questo ci è difficile, per non dire impossibile, non cogliere l’articolo di Isabel Choat, giornalista, pubblicato sul The Guardian e che parla di Belmonte Calabro e del suo centro storico: eccovelo:

“Sulla costa della Calabria un villaggio da fiaba si sveglia dal suo sonno

Il centro storico abbandonato di Belmonte Calabro è stato trasformato in un luogo magico dove soggiornare, creando un modello di turismo sostenibile nel processo

Le colline erano in fiamme. Era agosto e la vista dal finestrino dell'auto di fumo che si alzava dagli incendi boschivi era drammatica quanto la strada che ci portava verso sud. La "autostrada del sole", più prosaicamente nota come la A2, attraversa le montagne della Calabria attraverso una serie di tunnel e ponti fino alla punta d'Italia.

Molto prima che raggiunga la punta, l' autostrada virare a sud-ovest verso la costa, come se ne avesse abbastanza degli interni robusti.

Questo è stato dove l'abbiamo lasciato, alla ricerca di EcoBelmonte, uno dei due soli diffusi in Calabria, nel centro storico di un villaggio chiamato Belmonte Calabro, dove case in tufo vengono trasformate in alloggi turistici.

La Calabria è una terra di segreti, una roccaforte della mafia della Ndrangheta, con villaggi assonnati e isolati nascosti nelle sue terre selvagge: la regione vanta tre parchi nazionali.

È anche un mistero per i turisti stranieri, il suo fascino meno accessibile e ovvio di quasi ogni altra regione italiana. EcoBelmonte, affacciato sulla costa tirrenica, non fa eccezione.

Per 500 anni i residenti di Belmonte Calabro hanno pescato e coltivato, le loro vite cambiano poco fino agli anni '40, quando i gruppi di abitanti del villaggio si unirono a un'ondata di emigrazione nazionale.

La mancanza di posti di lavoro nel sud rurale ha visto l'esodo continuare, le giovani generazioni se ne vanno sempre.

Il nucleo medievale di Belmonte Calabro è quasi abbandonato; la sua popolazione, una volta 3.000, si è ridotta a soli 30, le sue case sono cadute in rovina.

Uno dei pochi giovani a rimanere è Gianfranco Suriano, che ha ricordi così felici di crescere in un villaggio che si sentiva come "una grande famiglia" che vuole riportare in vita.

Con l'aiuto di alcuni amici, fondò un'associazione senza fini di lucro e iniziò il processo scrupoloso di chiedere ai proprietari che avevano abbandonato da tempo le loro dimore se poteva trasformarle in case di villeggiatura.

Ci sono voluti quattro anni per ripristinare 14 case - riutilizzando materiali trovati come tegole per tetti per creare un focolare e vernici e cemento non tossici.

Il risultato è uno dei luoghi più magici in cui sia mai stato. In questa enclave senza auto, le case sono accatastate saldamente e collegate da vicoli alte appena un metro. Gli archi di pietra rivelano improvvisamente piccoli cortili pieni di fiori; gradini dipinti conducono ad angoli ombrosi.

I vecchi detti calabresi sono dipinti su pareti e porte ... "Il cielo limpido non ha paura di qualche piccolo tuono." La nostra casa, A Parta, era piccola e semplice ma aveva tutto ciò di cui avevamo bisogno.

All'arrivo siamo stati accolti da Gabriella, la moglie di Gianfranco e responsabile del progetto, che ha organizzato la cena per noi nel loro ristorante, U Pimmiduoru e Bellimunti. (Significa pomodoro di Belmonte nel dialetto locale. I pomodori sono grandi qui, letteralmente: possono crescere fino a 2 kg.) Su una terrazza coperta di vite abbiamo mangiato antipasti, poi un piatto di pasta gigante di capperi, melanzane e naturalmente pomodori, seguiti da fichi d'india strappati da tutto il villaggio.

Il giorno seguente continuammo ad esplorare il villaggio, passando accanto al fatiscente Palazzo del Giudice, dove le piante avevano superato i balconi in ferro battuto, oltrepassando la chiesa Madre Maria Assunta fino alla parte alta del paese, dove c'erano alcuni segni di vita moderna : un caffè, auto, un supermercato.

Alle 9 era già caldo e, in quello che divenne un rituale quotidiano, ci dirigemmo verso il relativo fresco del caffè per una granita ghiacciata. In seguito, una vecchia signora ha cercato di coinvolgerci in una conversazione, prima di renderci conto della nostra conoscenza dell'italiano appena estesa oltre la granita e il cappuccino. Ha notato il medico locale dall'altra parte della strada e prima che ce ne rendessimo conto mi stava dando un passaggio al supermercato, il mio compagno e il figlio di sette anni, insistendo per incontrarlo più tardi per un tour.

Dal villaggio, il mare, a poco più di un miglio di distanza, lungo una strada di tornanti, sembrava abbagliante e invitante. Ci siamo uniti agli italiani sulla spiaggia, ma senza ombrello o sedie erano terribilmente mal preparati per il caldo. L'unica opzione era di sguazzare nell'acqua notoriamente limpida.

Sulla costa a sud di Belmonte, le località di Pizzo, Tropea e Scilla spuntano tutte le scatole turistiche: edifici ridicolmente pittoreschi sopra calette di acqua turchese. Al contrario, le lunghe e diritte spiagge di ciottoli a nord sono separate dalle moderne città di mare dalla ferrovia che corre lungo la costa occidentale dell'Italia e dalla strada principale SS18. Qui non ci sono grandi alberghi, nessuna fila di sedie a sdraio, niente pavoneggiarsi o posare - solo famiglie italiane multi-generazionali che hanno fatto giocare e fare picnic con il calore del 40C senza sforzo.

Durante una gita a Pizzo siamo stati sorpresi di trovarci nel bel mezzo di una folla di turisti, schivando gli acquirenti di souvenir che si muovevano lentamente e sollevati per tornare alla tranquillità di EcoBelmonte. Quella notte scoprimmo un altro ristorante, in un vicolo dove i tavoli davano sulla collina e ordinavano penne con ' nduja , la piccante salsiccia calabrese, e il vino delle Cantine Benvenuto, un vigneto più a sud. Chiamata Taverna Intru U Vicu , è anche un B & B, indipendente da EcoBelmonte.

Belmonte Calabro è uno dei sei villaggi storici in cima alla collina a circa un miglio dall'entroterra e appena visibile dalla costa. Un altro, Fiumefreddo Bruzio, è stato nominato uno dei 20 borghi più belli d'Italia l'anno scorso. Nella maggior parte dei paesi, un tale riconoscimento porterebbe un flusso costante di visitatori a mangiare il gelato mentre guardano il mare, e posa per scultura in bronzo della ragazza di Surf Fiume dell'artista Salvatore Fiume.

Siamo arrivati ​​all'ora della siesta, quando le strade erano deserte tranne che per un gruppo di uomini rinchiusi in un acceso dibattito. Hanno urlato, gesticolato e fatto irruzione ... solo per riapparire pochi istanti dopo con una rimonta più passionale dell'ultima. Passarono dieci minuti, 15, poi 20, e ancora infuriavano. Abbiamo guardato dal caffè di fronte, cercando di indovinare la causa del loro turbamento: la politica, un affare? Alla fine, ho chiesto al proprietario del caffè. Segnali stradali, ha detto.

Siamo tornati a EcoBelmonte, o "il nostro villaggio", come avevamo iniziato a chiamarlo in assenza di altri turisti, dove la pace era disturbata solo dalle campane della chiesa e dai frammenti di una telenovela. Senza piscina e senza altre famiglie, temevo che nostro figlio si sarebbe annoiato, ma amava correre liberamente per il villaggio, dicendo che sembrava "essere in una fiaba".

Un pomeriggio, Gabriella lo invitò a decorare alcune tessere con sua figlia, nipote e nipote, e mentre i bambini dipingevano raccontava dei piani per ripristinare altre 14 case nei due anni successivi. Mentre stavamo parlando, un vicino anziano apparve per il suo pomeriggio costituzionale. Elvira ricorda quando il villaggio ospitava centinaia di bambini, costantemente in esecuzione dentro e fuori le case degli altri. Ora, a 85 anni, è felice di vedere le porte aperte, fiori che sbocciano e bambini che giocano ancora una volta.

Foto di J Wildman / Getty Images

 e di Isabel Choat per il Guardian

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

Meteo - Belmonte Calabro

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy