BANNER-ALTO2
A+ A A-

referendum

Risultati referendum sul taglio dei Parlamentari :i risultati ufficiali dello spoglio indicano il Sì’ al 81,21% rispetto al No, mentre l’affluenza è molto bassa con il 37,89% contro il dato nazionale del 54,27%.

 

Referendum taglio dei parlamentari: si sono chiuse alle ore 15:00 le urne, con lo spoglio che è finito molto velocemente, anche per la scarsa affluenza.

 

Stando a quanto emerso dai dati reali, in nostro possesso ad Amantea ha vinto il Sì rispetto al No in questo referendum, con una forbice molto ampia.

 

Il dato finale dell’affluenza alle urne è del 37,89%, contro il dato nazionale del 54,27%, mentre era sotto al 20% alle ore 23 di domenica 20 settembre.

 

Dal momento che si tratta di un referendum confermativo non è necessario raggiungere il quorum affinché sia valido.

 

referendum amantea 2020 , scarica i dati qui

 

 

Pubblicato in Politica

comunicato stampa

La Commissione Straordinaria del Comune di Amantea ha emesso un Comunicato Stampa, in data odierna, in merito alla situazione Covid-19 in città, la stessa viene integralmente riportato.

 

In riferimento alle notizie apparse sulla stampa locale, si ritiene opportuno evidenziare che la situazione sanitaria legata all’emergenza Covid-19 è quella che emerge dalle Ordinanze di isolamento emesse, regolarmente pubblicate sul sito web comunale.

 

Al fine di renderne maggiormente chiara la lettura, comunque, si informa che attualmente le persone affette da Covid-19, tutte asintomatiche, sono 38 di cui una non riconducibile ai focolai inerenti i CAS presenti nel territorio comunale; 105, è invece, il numero di persone attualmente in quarantena a scopo precauzionale, di cui 2 per rientri dall’estero non riconducibili ai focolai CAS.

 

Allo stato, dunque, non si registrano criticità in atto o ipotesi di focolai esterni rispetto ai CAS, tanto che non si è ritenuto necessario procedere all’apertura del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile per la gestione dell’emergenza.

 

È d’uopo altresì precisare che la sorveglianza sanitaria e la conseguente prescrizione di tamponi, compete esclusivamente all’Asp, che sta operando egregiamente. Nel momento in cui l’azienda dovesse fornire un quadro diverso della situazione, la popolazione ne sarà tempestivamente portata a conoscenza.

La Commissione Straordinaria

 

 

Pubblicato in Politica

purpette
Fondi in arrivo per i Comuni Calabresi sciolti per mafia.

È quanto fa sapere Riccardo Tucci, Parlamentare del Movimento 5 stelle, per il quale “in Calabria arriveranno oltre 3,5 milioni di euro per cinque Comuni.

Cirò Marina (1,15 milioni euro), Crucoli (234 mila euro), Amantea (1,1 milioni di euro), Pizzo (727 mila euro) e Briatico (341 mila euro)”.

 

Lo stanziamento milionario, che il Governo ha messo a disposizione dei Comuni in condizioni di dissesto finanziario, i cui organi amministrativi sono sciolti per infiltrazione mafiosa, ai sensi dell’articolo 143 del Tuel.

 

Quelli adottati dal Governo – sottolinea Tucci – sono tutti provvedimenti che incidono fortemente sulla qualità della vita delle persone perché vanno a risanare i bilanci di Enti locali il cui compito è erogare i servizi basilari al cittadino”.

 

La notizia di per sé dovrebbe essere una buona notizia per Amantea e pure la nostra sensazione rimane tutt’altro che positiva, quasi un amaro in bocca come una polpetta avvelenata.

Avremmo voluto fare a meno di questi soldi, evitando una Commissione Straordinaria, lontana dal territorio, oltre che un dissesto finanziario che intacca l’economia ed il sociale.

 

Chiediamo ufficialmente alla Commissione Straordinaria di conoscere la loro volontà su dove hanno intensione di posizionare questa grossa cifra.

 

Magari sul sociale, oppure sui servizi esterni, riteniamo doveroso da parte dell’ente comunicarci la destinazione finale di questa importante cifra, anche in base alla legge 142/1990, che afferma il diritto /dovere delle istituzioni di comunicarei propri intendimenti, quindi diritto all'informazione, diritto di accesso e di partecipazione agli atti, nonché agli strumenti con i quali i poteri pubblici possono comunicare.

 

 

Pubblicato in Primo Piano

rinascita amantea

Abbiamo ricevuto nella tarda serata di ieri il seguente comunicato che vi proponiamo integralmente:

 

Nella giornata di oggi una delegazione del comitato cittadino “Rinascita Amantea” si è recata presso la Casa Comunale per discutere con i vice-prefetti Dott.ssa Antonia Maria Grazia Surace e Dott. Vito Turco e con il funzionario economico finanziario Dott. Berardino Nuovo, di alcune delle problematiche più urgenti che interessano il territorio. L’assenza dei tre commissari, non ha rappresentato un ostacolo alle nostre intenzioni, ma ci ha condotti a procedere su due direttrici:.

 

 

  • la prima è stata quella di fissare un incontro per la prossima settimana con i commissari,
  • la seconda è stata quella di chiedere di essere immediatamente ricevuti dai sub-commissari presenti in loco, la Dott.ssa Scalera e  la Dott.ssa Altomare.

Le questioni affrontate sono state:

  1. 1.SITUAZIONE SCUOLE CAMPORA E AMANTEA
  2. 2.PULIZIA E DECORO URBANO
  3. 3.STRADA INTERROTTA CAMOLI
  4. 4.ANNULLAMENTO FIERA DI AMANTEA

 

Il primo punto posto all’attenzione dei sub-commissari, è stato quello inerente la SITUAZIONE SCUOLA CAMPORA e AMANTEA. Quello che è emerso ad oggi, è che è stato rimodulato il crono-programma alla luce del bilancio e dei finanziamenti previsti sia per la scuola Longo di Campora e sia per la scuola Pascoli di Amantea, crono-programma che al momento è al vaglio della Regione. In nome della trasparenza che i cittadini meritano, chiederemo formalmente copia del PROGETTO PRELIMINARE, DI MASSIMA O ESECUTIVO, prima di poter accedere al relativo crono-programma dei lavori. Questo ci serve anche per verificare l’attendibilità delle dichiarazioni secondo cui i lavori sui plessi in questione verranno effettuati entro fine anno, lavori per i quali è stato predisposto lo spostamento di alcune classi presso il Campus.

Su tali trasferimenti, i sub commissari hanno parlato di DECISIONI PRETTAMENTE SCOLASTICHE ovvero concertate esclusivamente tra Dirigente scolastica e Ufficio tecnico.

 

 

Anche su questo punto abbiamo espresso la nostra contrarietà. Se effettivamente queste decisioni sono state autoreferenziali, chiederemo lumi alla Dirigente scolastica, la quale oltre a concertare le scelte sensibili inerenti i trasferimenti delle aule con l’Ufficio Tecnico, pensiamo e sosteniamo con fermezza che dovrebbe garantire una MAGGIORE PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE, le quali non possono e non devono subire passivamente decisioni definitive in condizioni di subalternità. A verifica di un effettivo coinvolgimento delle famiglie, chiederemo incontro con la Dirigente scolastica per capire in che modalità sono state determinate scelte che influiscono fortemente sulla gestione quotidiana di intere famiglie.

Sempre in merito al trasferimento delle aule, abbiamo anche fatto presente come, anziché spendere 200.000 euro per l’adeguamento del Campus in vista dell’accoglimento di discenti e docenti, sarebbe stato opportuno prendere in considerazione LA STRUTTURA DELL’EX- GIUDICE DI PACE, struttura completamente vuota e sicuramente più funzionale di un Campus che, tra trasferimento uffici comunali e scuole, vede COMPLETAMENTE STRAVOLGERSI LA SUA DESTINAZIONE D’USO.

 

 

Seconda questione affrontata, la PULIZIA DELLA CITTA’ E IL DECORO URBANO di CAMPORA E AMANTEA.  I sub commissari hanno dato rassicurazioni sulla ripresa d’immagine della città grazie alle nuove unità della mobilità che con impegno e dedizione stanno pian piano ripulendo il territorio. A rafforzare la nostra richiesta sul decoro urbano, abbiamo messo in evidenza come non solo il centro cittadino debba essere destinatario di tali interventi, ma tutto il territorio di Campora, Coreca e Amantea, nonché le periferie, MERITANO DIGNITA’ E DECORO. Abbiamo posto all’attenzione dei sub commissari un DOSSIER FOTOGRAFICO sul dissesto idrogeologico, che mostra i vari punti su cui intervenire con urgenza. Un report fotografico di manufatti di protezione, stradali murari e architettonici rischiosi e divenuti pericolanti, i quali possono creare un potenziale rischio per l’incolumità delle persone e l’integrità delle cose. Un report fotografico è stato preparato anche sulla stazione di sollevamento n. 4, parte integrante del collettore fognario Amantea/Nocera, non correttamente custodita, che se manomessa può creare un potenziale rischio per l’ambiente mediante lo sversamento di acque reflue nel sottosuolo e in mare. Per tutte le zone interessate, abbiamo chiesto il ripristino delle normali condizioni di esercizio, nonché la messa in sicurezza dello stato dei luoghi.

La penultima questione affrontata è stata quella riguardante l’URGENTE RIAPERTURA DEL TRATTO URBANO PRINCIPALE nella frazione di Camoli. La strada secondaria attualmente percorribile dai residenti, per un tratto di competenza del Comune di Belmonte Calabro mostra dei limiti strutturali per il quale limita sia la viabilità ordinaria che straordinaria. Inoltre, il tratto di competenza del comune di Amantea è in totale abbandono strutturale (buche, cunette piene di sterpaglia, crescita incontrollata di erba ed arbusti) riducendo ancora di più la carreggiata, già di per sè molto piccola. Il sub commissario ci ha informati che, in merito alla pulizia della strada, il mezzo destinato a tale compito è al momento guasto e sottoposto a riparazione e che nella giornata di domani, o al massimo dopodomani, inizieranno con i lavori di pulizia del percorso alternativo. Per quanto riguarda, invece, la riapertura della strada abbiamo avuto conferma da parte del responsabile dei servizi finanziari Dott. Gaetano Vigliatore, che è stato previsto lo STANZIAMENTO IN BILANCIO DELLA SOMMA DI 30.000 EURO, somma per la quale  l’ing. Stellato  sta predisponendo l’affidamento.

 

 

Ultima domanda ha riguardato l’annullamento della Fiera di Amantea, evento che si rinnova da circa 500 anni, manifestazione seguita e sentita da Amantea e dintorni. L’annullamento di un evento caratteristico per il nostro territorio e di rappresentanza anche di quella che è la nostra offerta turistica, che si tiene tra fine ottobre e inizi novembre e, quindi, fuori tempo massimo rispetto allo stato di emergenza nazionale fissato fino al 14 ottobre, ci è sembrata una decisione assurda. La risposta dei sub commissari è stata che i tempi di organizzazione della fiera prendono circa tre mesi prima dell’effettivo compimento dell’evento, per cui in via preventiva, si è deciso di non iniziare ad investire su una fiera che sicuramente non vedrà realizzazione. OVVIAMENTE IL NOSTRO DISSENSO È CATEGORICO e avrà seguito pratico, poiché guardiamo ai fatti e i fatti ci dicono che ad oggi lo stato di emergenza dura fino a metà ottobre e, data la gravità in cui versano tante attività commerciali della nostra città, PENSIAMO SIA GIUSTO INVESTIRE IN CIÒ CHE PUÒ RIDARE LINFA VITALE AL NOSTRO TERRITORIO E CHE, SOPRATTUTTO, CI RAPPRESENTA DA 5 SECOLi

 

Comitato Cittadino Rinascita Amantea

Pubblicato in Politica

rotatoria eurospin2

Si terrà nei prossimi giorni la cerimonia inaugurale dei lavori di costruzione della rotatoria sulla strada Tirrenica Inferiore ex SS18, all’altezza del vecchio palazzo del Giudice di Pace, all’evento interverranno diversi rappresentanti istituzionali.

 

 

Tratto di strada tristemente noto per i molti incidenti occorsi, anche mortali, negli ultimi anni, avrà luogo, quindi, nei prossimi giorni, la cerimonia inaugurale dei lavori di costruzione di una rotatoria sulla strada statale tirrenica inferiore ad Amantea. questa è la prima rotatoria progettata ed in fase di realizzazione nel basso Tirreno Cosentino.

 

Speriamo non sia l’ultima, infatti una medesima presso lo svincolo di Campora San Giovanni è diventato anch’esso impellente.

 

Alla cerimonia interverranno sicuramente la Commissione Straordinaria del Comune di Amantea, il Presidente della Provincia e l’Assessore Provinciale ai lavori pubblici.

 

Si prevede inoltre la partecipazione di assessori e consiglieri provinciali e regionali, e dei sindaci dell’ambito del Basso Tirreno Cosentino.

 

 

Pubblicato in Primo Piano

campora6

Il quartiere interessato dalla rottura del tubo di acqua potabile si trova all’estremo sud della frazione di Campora San Giovanni, in precisione in via Sardegna, ed il proprietario della foto, inviata stamane alla nostra redazione, ci comunica che ha avvisato l’ufficio tecnico del Comune di Amantea più volte.

 


All'origine delle numerose perdite di acqua, registrate in città nell’ultimo periodo, dovute a rottura della rete di acqua potabile potrebbe essere un mix di fattori, dovuti direttamente o indirettamente alle ondate di caldo registrate negli ultimi 15 giorni.

 

 

Le cause delle rotture sono Probabilmente imputabili a un duplice effetto: da una parte i terreni, resi molto secchi dalla quasi totale mancanza di precipitazioni consistenti da diversi mesi -se si esclude qualche isolato temporale- ma anche da un altro fattore.

Chi lavora nel settore ci spiega meglio cosa sta accadendo, le rotture sono dovute spesso ad un problema di pressione.

 

 

All'inizio dell'estate viene aumentata, per fare fronte a una eventuale maggiore richiesta dovuta a caldo e siccità, ciò mette in forte sforzo lavorativo tutti gli impianti idraulici presenti nel sottosuolo che sono in moltissimi casi arrivati al capolinea.

 

 

A peggiorare le cose il terreno secco, che reagisce alle sollecitazioni meccaniche in modo molto rigido, sollecitando ulteriormente le condutture oramai divenute per molti tratti obsolete, che ne tratti più fragili cedono, causando buche e voragini nel manto stradale.

 

Si prega chi di competenza ad intervenire urgentemente.

Pubblicato in Campora San Giovanni

silvio clemente
“Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.” Martin Luther King

 

Silvio Clemente scrive un post sul suo profilo facebook sulle insufficienze e disservizi del Comune di Amantea, sulla mancata erogazione di cospicue ed incenti somme da elargire alle famiglia in difficolta dopo il covid19 e sulla permanenza dei Commissari Straordinari in città. 

 

La città sta rispondendo alle insufficienze e disservizi del Comune con la messa in campo di iniziative civiche.

Ad Amantea, Coreca e Campora associazioni e gruppi di cittadini hanno ripulito le spiagge, strade e parchi.

Impegno di centinaia di persone che viene vanificato dalla mancanza di continuità che dovrebbe essere assicurata dal Comune.

 

Una risposta all'immobilismo, una risposta allo Stato che amministra il nostro Comune e che purtroppo, al momento scontando anche i ritardi del passato, non è stato in grado di dare una svolta.

Nulla è stato fatto per rendere vivibile la città, in passato meta di turismo di massa.

 

Per la prima volta si segnalano, in maniera diffusa e persistente, episodi prolungati di mancata erogazione dell'acqua potabile, cumuli di immondizie; in vari punti della città.

️Nessuno stimolo che invogli alla partecipazione, anzi finanziamenti persi (vedi quelli del bando scuola), uffici comunali chiusi, la delegazione di Campora senza il servizio di anagrafe e stato civile. 

 

 

Mi stanno arrivando decine di segnalazioni circa la mancata erogazione dei 72 mila euro oltre i 42 mila euro giacenti nelle casse comunale.

Il disagio delle famiglie bisognose aumenta e lo Stato, inviato ad Amantea, latita o comunque si nasconde bene.

Parlare serve a poco. Il giudizio è sui fatti concreti e tangibili. Ad ora, pochi ed insignificanti.

Si continua con una lentezza tipica delle lumache.

Per non dimenticare: nessuno dei parlatori accreditati ha chiesto lumi sulla mancata presentazione della domanda di cui ai fondi PON per arredi scolastici. Altra opportunità persa. 

Fatti tangibili, non chiacchiere.

 

 

Non esistono le condizioni minime per chiedere una proroga di altri 6 mesi.

️Il comune paga mensilmente 6 commissari oltre i 3 per il dissesto.

9 stipendi per una efficienza lontana dalla sufficienza.

Questi i fatti.

Tutto il resto chiacchiere ed apparenze.

Manca la sostanza.

️Le uniche note degne sono quelle che vengono dalla società locale 

Amantea ha diritto di essere riconsegnata, dopo i 18 mesi di scioglimento degli organi rappresentativi, al governo dei suoi cittadini e questo diritto lo sta reclamando con le varie iniziative civiche.

 

 

Pubblicato in Politica

emilio osso

Con Decreto numero 10.325 del 30 luglio 2020 il responsabile della Polizia Locale del Comune di Amantea, avvocato Carmela Chiellino, nonché segretario generale del nostro Ente, decreta che, a partire dal 30 luglio corrente anno fino al 31.12.2020, la carica di vice responsabile del Settore di Polizia Locale al dottor Emilio osso, già dipendente del nostro Comune, con contratto a tempo indeterminato e full time categoria C4, lo stesso secondo il decreto si rende necessario al fine di garantire un corretto funzionamento del settore di Polizia Municipale.

 

Nel decreto menziona la necessità della nomina atta ad individuare all'interno degli appartenenti al Corpo di Polizia Locale una figura che assuma le funzioni di vice responsabile del settore e che possa coadiuvare il Comandate Dottoressa Chiellino nella direzione tecnico-amministrativa.

 

Continua il decreto afferendo che l'affidamento delle funzioni al dott. Osso è stato effettuato al fine di garantire una migliore e più efficiente organizzazione del Comando stesso.

 

Non ci rimane che augurare all’amico Emilio Osso un grande imbocca al lupo.

Pubblicato in Primo Piano

revoca festeSul sito del Comune di Amantea, già da qualche giorno, è apparsa una nota, a firma della Segretaria Comunale Dottoressa Chiellino, che avvisa la popolazione e gli operatori commerciali che per quest’anno le seguenti manifestazioni saranno annullate.

 

16/08 Notte Bianca - Campora San Giovanni

18/08 Notte Bianca - Amantea

Dal 1 al 3/09 Festa San Francesco - Campora San Giovanni

Dal 31/10 al 2/11 Fiera di Ogni Santi - Amantea

 

La decisione è maturata, nelle stanze del Comune di Amantea, forse almeno per l’ultima manifestazione di notevole interesse turistico, commerciale e storico, il pensiero di chi scrive, troppo frettolosamente.

 

E’ chiaro i tempi per organizzare una manifestazione adeguata al periodo che stiamo attraversando era molto lesinata, è anche vero che il virus covid-19, sta cresciendo un pò in tutta Europa ed ancora ci fa un po' paura, ma secondo noi non si è pensato al rovescio della medaglia a partire dagli operatori commerciali ambulanti e non, che grazie a queste manifestazioni commerciali riescono a sopravvivere economicamente.

 

Un secondo aspetto, dato che il nostro è un comune sciolto per infiltrazioni mafiose, almeno secondo il ministero degli interni, è che il nostro territorio ha nel passato avuto gli anticorpi per contrastare chi agisce fuori dalla legalità.

 

Ma per far aumentare e rafforzare questi anticorpi bisogna far aumentare la fiducia nello stato.

 

La pandemia in corso ed il conseguente periodo di lockdown hanno offerto alla criminalità l’occasione quindi per riciclare i cospicui profitti illeciti di cui dispone e di insinuarsi nel circuito dell’economia legale, a maggior ragione ad essere esposte non sono solo, come molte volte erroneamente si crede, le classi sociali più deboli e le famiglie in difficoltà, ma oramai anche le imprese commerciali più grandi e chi opera nel settore del commercio al dettaglio, che sono tentati dal canto delle sirene di coloro che fingono di voler offrire aiuto e sostegno, con l’intento invece di rilevare attività in crisi e non vi è nulla di moralmente più grave che speculare sulla disperazione della gente.

 

La criminalità, sfruttando lo storico radicamento sul territorio in presenza di un forte disagio sociale, in questi frangenti punta ad acquisire un “consenso sociale”, offrendo anche beni di prima necessità a chi ne ha bisogno, proponendosi di fatto come alternativa allo Stato, fingendo di offrire aiuti per poi richiederne la restituzione con i ben noti interessi oppure “assumendo” a basto costo chi lavorando in nero per lavoretti vari si è ritrovato all’improvviso senza alcun sostentamento economico.

 

La nostra è una riflessione basata su una conoscienza legata alle difficolta del commercio ambulante e crediamo che la loro difficolta non sia stata capita, affrontata e supportata né dallo stato, né come si evince dagli organi apicali del nostro Comune.

rotture acqua

 

Riceviamo e pubblichiamo

Vincenzo Vita Carino, ai più conosciuto come il "Maresciallo Vincenzo", punta i riflettori sulle continue interruzioni della linea idrica nel Comune di Amantea.


Per ovviare a questo problema il Comune di Amantea ha deciso di adottare una soluzione tampone, poco o nulla pubblicizzata, ne spiegata alla popolazione, ovvero di interrompere l'acqua durante le ore notturne, dalle 23.00 alle 6.00, per dare la possibilità ai serbatoi comunali di riempirsi durante la notte, così da distribuire correttamente a tutti l'acqua durante la giornata.

Per gli smemorati una soluzione che era già stata adottata ad Amantea durante l'Amministrazione Sabatino, ma quelli erano momenti e tempi diversi ad Amantea c'erano molti turisti e la città di Amantea non era caduta nel dissesto economico, finanziario e sociale.


Come se non bastasse il caldo di questi giorni a rendere difficile la vita, sono arrivate due grosse rotture alla condotta idrica cittadina già segnalate a chi di competenza ci dicono da più di dieci giorni, una in via degli Orti e l'altra in via Ticino.


Il maresciallo Vincenzo ha più volte denunciato agli uffici competenti i continui guasti nelle tubature delle condotte idriche al Comune di Amantea con consequenziale sovente interruzione dell’erogazione dell’acqua.


Ed infatti, il risultato è sotto gli occhi di tutti”, fa notare Vincenzo Vita Carino “la nostra rete idrica è un colabrodo, ma anziché pensare ad un rifacimento totale della rete con nuovi investimenti, per evitare la dispersione idrica, si va avanti con riparazioni di emergenza e medicazioni d’urgenza”.

"Viene spontaneo domandarsi perchè a fronte degli ingenti profitti guadagnati da Sorical, e non solo, dalla vendita dell’acqua ai gestori privati non corrispondono gli adeguati investimenti sulle reti idriche?"


Il tutto a fronte di un servizio non certo efficiente, considerando appunto che a pagarne le conseguenze sono gli utenti privati dell’erogazione dell’acqua da parte del Comune di Amantea, cui si aggiungono i disservizi causati dall’ente Sorical per la integra Calabria.


E’ opportuno applicare “La Carta del Servizi Idrico” di Sorical che fissa i principi ed i criteri per l’erogazione del servizio di fornitura di acqua all’ingrosso.

Inoltre il Comune di Amantea dovrebbe assicurare tutti gli adempimenti, che fanno parte della buona prassi, per fare in modo che il sistema funzioni a regime regolare, in modo da soddisfare la Clientela e avere buona qualità dell’acqua erogata, ma ai noi quella è tutta un'altra storia.

 

 

Pubblicato in Primo Piano
Pagina 1 di 23
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy