loading...
A+ A A-

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Amantea è ancora la patria degli artisti del mosaico

Martedì, 21 Agosto 2018 20:27 Pubblicato in Primo Piano

Amantea ha una antica storia di mosaicisti.

Tra i tanti indimenticabili Mastro Bruno Bosso ed i figli e mastro Antonio Perna che realizzò una bellissima torre di Pisa.

 

 

Una storia, quella degli artigiani amanteani del legno, che continua ancora oggi con le opere del maestro Giuseppe Zampini.

Giuseppe è nato ad Amantea il 1.5.1947 e in questa cittadina ha sempre vissuto svolgendo la sua attività di falegname.

Ma ha, fin da giovane, covato la passione per i mosaici.

Poi un giorno cadde malato.

Il bravo mosaicista amanteano ebbe bisogno di trovare in sé la forza per superare i momenti difficili della malattia, per esprimere la sua gioia di vivere, per ritrovare quell’amico artista che è rimasto nascosto per tanti anni.

E’ facile in certi casi cadere in depressione, ma Giuseppe non solo aveva (ed ha) intorno una bella famiglia, ma come tanti calabresi una immensa forza d’animo.

E così si propose di dare espressività a quell’arte nascosta per decenni.

La tecnica l’aveva , il legno sapeva dove trovarlo, l’attrezzatura gli era congeniale e così cominciò a tagliare migliaia di tessere policrome da 8 mm ed a dare loro vita.

E quest’anno Giuseppe ha mostrato alcuni suoi capolavori.

Non è piaggeria. Affatto.

Le foto , peraltro, mostrano la qualità delle sue opere, anche se- vi avvertiamo- un conto è una foto, cosa ben diversa la visione dal vivo del mosaico.

Zampini ha dato vita allora al Centro storico di Amantea, a piazza San Pietro, al Ponte di Rialto, al Colosseo, a Piazza Plebiscito di Napoli . Tutti omaggi alle belle città italiane ed ai loro monumenti più suggestivi.

Ma ci sono altre opere ed ognuna è composta da migliaia di tessere policrome in legno di acero,mogano,ebano, castagno, noce, ciliegio, eccetera.

Per vederle oltre che piazza Commercio in Amantea basta telefonare al maestro mosaicista allo 0982 42260 od al 3338170985

E questo articolo vuole semplicemente ricordare quella bella Amantea nascosta ai più e quei begli amanteani silenziosamente ancora presenti ed i loro valori e le loro abilità.

Grazie maestro!

Amantea il centro storico

Napoli Piazza Plebiscito

Venezia Ponte Rialto

Roma Piazza San Pietro

Parla il titolare del locale finito nella bufera dopo i fatti. «Il cittadino dominicano è rimasto per ore nel bar e al ristorante senza lamentarsi di nulla. I dipendenti sono intervenuti nel parcheggio per sedare una lite tra lui e sua moglie. E sua suocera è scivolata per contenerne le furie. Le telecamere di sorveglianza lo mostreranno»

Così dice Roberto Gallo, titolare della Business 3.0 srl. Gallo scrive in merito all’aggressione denunciata da Mercedes Mieses Carlos Josè occorsa nella notte tra il 15 agosto e il 16 agosto 2018, nei pressi del parcheggio del ristorante Riva Comfort Food, di proprietà della stessa società Business. Ecco il testo:

“Preliminarmente si intende elogiare l’equilibrio e la correttezza degli agenti del Commissariato di Polizia di Lamezia Terme che, con grande professionalità, stanno conducendo le indagini e con la quale la scrivente società ha immediatamente collaborato fornendo, senza alcuna riserva e nell’ottica dell’immediata e pronta ricerca della verità storica, la memoria digitale delle riprese di video-sorveglianza dell’area interessata oltre ad indicare i nominativi dei propri dipendenti e delle persone informate sui fatti.

A seguito di riunione aziendale, i nostri dipendenti (anche coloro a cui è stata attribuita la provvisoria incolpazione) hanno ricostruito una dinamica degli eventi totalmente diversa da quella rappresentata dalle dichiarazioni della presunta vittima di aggressione per di più aggravata da motivi razziali.

Di talchè corre l’obbligo di precisare come, in effetti, il sig. Mercedes Mieses Carlos Josè, di cui apprendo il nome dalla lettura delle testate giornalistiche, la sera del 15 agosto 2018 ha in effetti cenato nel mio ristorante, insieme alla propria compagna in stato interessante e alla propria suocera (anche queste notizie, ossia il rapporto di parentela, conosciute dalla lettura della stampa) apprezzando in maniera palese il servizio a lui offerto.

Tant’è che non solo ha gradito il servizio offerto, ma sono stato personalmente avvicinato dalla signora anziana che era con lui (che, come ho detto, ho posteriormente saputo essere la madre della compagna) la quale più volte si è complimentata sia del locale che del servizio e in particolar modo del cibo.

Ma v’è di più, in quanto da plurime indicazioni testimoniali emerge come le presunte persone offese si fossero intrattenute presso il bar Gillian, sempre di mia proprietà, sin dalle 19 del 15 agosto 2018 a bere della birra, per poi recarsi a cena nell’adiacente ristorante Riva.

Gli stessi sono rimasti all’interno del locale dall’inizio della cena (intorno alle 21:30/22:00) sino alle prime ore del mattino del 16 agosto 2018, spostandosi dopo la chiusura del ristorante presso il parcheggio del locale.

Ciò trova conferma, ossia il loro attardarsi presso il mio locale, dalla circostanza che io, ben prima del litigio all’interno del parcheggio, avevo chiuso il ristorante e mi ero diretto presso la mia abitazione per riposare.

Ciò significa che la loro permanenza presso le mie strutture è proseguita sicuramente dopo le 2 del 16 agosto 2018.

Quindi, nonostante il sig. Mercedes Mieses Carlos Josè affermi di essere stato oggetto di alcuni comportamenti sgradevoli, in egual modo ha deciso di trascorrere oltre 5 ore all’interno della mia struttura recettiva, spostandosi dal bar del lido al ristorante per poi sostare nel parcheggio.

E in effetti l’evento narrato dal dominicano si è verificato, non all’uscita dal ristorante, che era chiuso, ma dopo che lo stesso, unitamente alla propria compagna e alla suocera, una volta chiuso il ristorante si era stranamente intrattenuto nel parcheggio ove poi è successo il litigio.

Parcheggio che si trova a pochi metri dal bar Gillian (primo luogo ove le presunte persone offese si sono recate per bere della birra) all’interno del quale v’erano alcune persone, tra cui una dipendente, testimoni oculari dell’accaduto, in grado di smentire il calunnioso racconto della presunta persona offesa – come detto posteriore alla loro sosta presso il ristorante – ove si ribadisce, giammai, il sig. Mercedes Mieses Carlos Josè ebbe a subire delle aggressioni verbali di natura razziale, fatto che, atteso il pieno del locale (all’interno del quale, v’erano degli appartenenti alle forze dell’ordine), sarebbe stato sicuramente notato dagli ospiti o dal sottoscritto che non ha ricevuto alcuna segnalazione in tal senso.

Ecco, facendo un piccolo passo indietro, come in prima istanza il racconto che la presunta persona offesa ha reso circa una presunta discriminazione razziale già patita al momento della cena trova plurime smentite, non solo da parte del sottoscritto (sempre presente e vigile all’interno della struttura), e da parte dei suoi dipendenti ma anche da parte di alcuni appartenenti alle Forze dell’Ordine che, come prima anticipato, quella sera stavano cenando presso il ristorante e che non hanno notato alcunché di anomalo da parte dei miei dipendenti, ma solo la circostanza, a me riferita anche da diversi camerieri, che il dominicano quella sera non solo avesse alzato il gomito, ma che anche avesse avuto atteggiamenti un po’ esuberanti nei confronti della propria compagna, che, nonostante fosse incinta, anche lei aveva bevuto del vino.

Per come riferitomi quella sera gli stessi ebbero a bere al tavolo ben tre bottiglie di Chardonnay Bianco da 75 centilitri, due durante i pasti e una dopo aver bevuto il caffè.

Ciò sembra anomalo per una coppia in attesa di un bambino e in presenza di una signora di settant’anni. Ma non finisce qui, in quanto risulta dallo scontrino e dal report della prenotazione come i detti clienti ordinarono dopo cena altre due bottiglie di Chardonnay Bianco.

In qualunque caso, la prolungata presenza presso i locali (ristorante Riva e Bar Gillian) per svariate ore, per bere e mangiare, cozza inevitabilmente con la parte della sua propalazione, ove lo stesso narra di essere stato oggetto di attacchi razzisti da parte di uno dei camerieri.

Tale dato non solo trova clamorosa smentita nell’oggettiva presenza continuata presso il locale (come detto prova principe della sua falsità, in quanto ove fosse stato sdegnato, avrebbe lasciato il locale o avvisato immediatamente le forze dell’ordine) sia nella circostanza che lo stesso, pur avendomi conosciuto quella sera, mai mi ha chiamato per riferirmi un presunto atteggiamento razzista all’atto del servizio.

Anche il riferimento al dato che i miei dipendenti non gli vollero consegnare la carte dei dolci è altro elemento oggettivo che qualifica nei termini di falsità il suo racconto.

Ciò in quanto il ristorante Riva non possiede la carta dei dolci, proprio perché nel menù generale vi sono indicati genericamente i dolci del giorno che poi vengono rappresentati ai clienti al momento della loro richiesta in quanto variano giorno per giorno, mentre gli unici dolci fissi sono i gelati e i tartufi.

Quindi tutti coloro che, a fine cena o indipendentemente dalla cena, intendono gradire un dolce, ricevono le indicazioni solo verbalmente dal cameriere in base alla disponibilità quotidiana della pasticceria che ci rifornisce i dolci, in quanto, è bene ribadirlo, il ristorante è privo della cosiddetta carta dei dolci.

Ciò smentisce ancora una volta il racconto del Mercedes Mieses Carlos Josè quale, non so a quale scopo, sta cavalcando l’onda del presunto odio razziale per screditare me e la mia impresa economica.

Ed intendo sottolineare come io mi consideri anni luce lontano da logiche di odio razziale in quanto la mia azienda non solo gestisce un mercatino multietnico, ma è quotidianamente a contatto con persone di diverse etnie, tant’è che presso le mie attività sono regolarmente assunti da mesi due operai extracomunitari che mai hanno rappresentato di essere stati oggetto di discriminazione, con i quali, anzi quotidianamente, collaboriamo gomito a gomito.

Personalmente, come sopra anticipato, ho ascoltato i miei dipendenti, le cui posizioni sono al vaglio degli inquirenti, i quali hanno escluso categoricamente di aver aggredito il cittadino dominicano, ma solo di essere intervenuti a difesa della compagna del Mercedes Mieses Carlos Josè il quale litigava animatamente con la stessa.

Mi hanno riferito soltanto di aver cercato di calmare l’odierno denunciante e sono stati da lui aggrediti ed ingiuriati e dunque costretti a difendersi.

Tant’è che uno di loro racconterà come il dominicano sia sceso furioso dalla sua autovettura per aggredirlo, togliendosi l’orologio e risvoltandosi le maniche della camicia, a mo’ di preparazione di una aggressione, sventata solo dalla presenza di altri soggetti intervenuti per contenere la veemenza del dominicano; tra gli intervenuti sottolineo la presenza di un cittadino proveniente dal Marocco, a prova del fatto che non vi è stata alcuna aggressione di carattere xenofoba.

Mentre la suocera ha subìto la lesione (una frattura all’omero, in seguito alla quale è stata operata, ndr) anche lei per contenere le furie del compagno della figlia, dopo essere scivolata.

Ciò ovviamente non è solo frutto del racconto dei dipendenti coinvolti nella vicenda penale attivata dalla denuncia del dominicano, ma è confermato da altri testi oculari che narrano un episodio ben diverso da quello riportato.

Ovviamente, nel precisare che non è questa la sede deputata per celebrare i processi, è doveroso, a distanza di qualche giorno, intervenire a tutela non solo del mio nome e dell’azienda che rappresento, ma di Falerna e soprattutto di tutta la Calabria che mai può essere etichettata e ritenuta regione razzista, proprio per la sua grande capacità di accogliere coloro che sono più sfortunati di noi, ma che con il lavoro e con l’impegno hanno dimostrato di non essere secondi a nessuno.

Concludo il mio comunicato stampa, rappresentando che nei prossimi giorni sarà depositata una denuncia querela nei confronti del cittadino dominicano e nei confronti di tutti coloro che, per avere un momento di notorietà, hanno espresso giudizi ingiuriosi e minacce sui social network e in particolare il sig. V. M. il quale ha riportato la notizia, suscitando una marea di offese nei miei confronti e nei confronti di tutti i calabresi, devastando l’immagine della Calabria, ergendosi a illecito giudice di un fatto ritenuto acclarato, ma che così non è e sarà presto dimostrato.

Sono propri gli ipocriti commentatori dei social che creano un regime di odio e violenza, tant’è che oggi, 20 agosto 2018, alle ore 12:45 sono stato vittima di insulti e minacce da parte di soggetto che mi ha contattato alla presenza di testimoni sulla mia utenza cellulare e proveniente dalla sua utenza cellulare rivolgendomi i seguenti epiteti: «Razzista di merda vieni fuori che ti rompo il culo», ripetendo almeno due volte la frase e poi bloccando la sua utenza ed impedendomi di contattarlo.

Ciò al fine di rappresentare le conseguenze delle azioni illecite poste in essere nei miei confronti.

Si invitano anche i vari rappresentanti delle diverse forze politiche che in alcuni casi hanno espresso, senza sentire alcuna controparte, delle sentenze definitive, condannando in partenza i presunti aggressori sulla base di una unilaterale rappresentazione della vicenda, a visitare il locale e la zona in cui esso è calato (come detto nell’ambito un mercatino multietnico) al fine di valutare l’esistenza effettiva di un pregiudizio razziale.

Fiducioso in una pronta risoluzione della vicenda, che tanto sta infangando la bontà di una terra che ha sempre fatto dell’integrazione un suo carattere distintivo, vi offro queste brevi righe con la speranza che, anche grazie alla visione delle telecamere di videosorveglianza, venga stabilità la verità e ridata la dignità a persone oggetto di epiteti che sicuramente non meritavano.

Roberto Gallo

Per avere il polso della situazione di questa estate 2018 basta recarsi alla stazione ferroviaria poco prima dell’arrivo dei treni che salgono verso il nord.

E’ il 21 agosto e sono circa le 17.00.

L’ampio parcheggio è pieno di auto.

Ed anche il terzo binario è pieno di turisti che lasciano Amantea per ritornare a casa.

Sono decine e decine.

Ed altri stanno arrivando.

Qualcuno dal lungomare accedendo direttamente sul terzo binario.

Ovviamente parliamo di chi è arrivato e riparte con il treno.

Altri usano l’aereo.

Altri ancora sono giunti e ripartono in auto.

Tutti comunque sono andati a leggere il manifesto che Amantea ha collocato sulle pareti della stazione ferroviaria per salutare e ringraziare chi è stato ospite della città, dei suoi alberghi, delle sue seconde case.

Parliamo del manifesto che si trova a fianco all’altro, quello che saluta tutti coloro che giungono ad Amantea per villeggiare.

Parliamo dei manifesti voluti dalla Pro Loco, dalla Amministrazione comunale, dalla associazione degli albergatori e dalle altre associazioni che amano e tutelano la nostra città.

E tutti hanno ritirato dalle apposite cassettiere il testo che riporta le informazioni sulle qualità turistiche e culturali di Amantea, non fosse altro che per ricordare quanto non ancora visto con un inespresso invito a ritornare.

Un sogno?

Forse, ma facile da realizzare se si volesse davvero un tantino bene a questa città e se si avesse ed usasse un tantino di intelligente altruismo.

Buon ritorno alle vostre città, alle vostre case, alle vostre famiglie

Meteo - Tirreno Cosentino

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy