A+ A A-

Belmonte. La minoranza abbandona il consiglio comunale

Vota questo articolo
(0 Voti)

Ecco il comunicato della minoranza di Belmonte Calabro:

Si allega la pregiudiziale integrale della Consigliera Olinda Suriano al Consiglio Comunale, convocato dopo diffida del Prefetto di Cosenza per il 19/04/2017 del Comune di Belmonte Calabro, per l'approvazione del bilancio di previsione 2017/2019.

Si aggiunge che, la maggioranza sollecitata  per rinviare i punti in Consiglio , per una più attenta ed esaustiva informativa da parte dei Consiglieri di minoranza , ha bocciato la proposta ed i Consiglieri di minoranza Pellegrino Giancarlo, Suriano Olinda e Furgiuele Alessio hanno abbandonato i lavori del Consesso.

Si prega di voler pubblicare Grazie .Dott. Giancarlo Pellegrino.

“Al Sig. Sindaco del Comune di Belmonte Calabro Dott. Francesco Bruno

Al Segretario Comunale Dott. Fedele Vena

e p.c. Al sig. Prefetto di Cosenza

Pregiudiziale

Oggetto: Richiesta rinvio Consiglio comunale per il mancato rispetto dei termini prescritti dal Tuel ex art. 174, dallo Statuto del Comune di Belmonte Calabro e dal Regolamento di contabilità, per gli emendamenti al bilancio di previsione 2017-2019.

I sottoscritti Consiglieri, in qualità e nell’esercizio delle funzioni di Consiglieri Comunali del Comune di Belmonte Calabro rappresentano quanto segue.

Premesso che:

- con atto prot. N. 1665 del 6/04/2017 il Prefetto di Cosenza diffidava codesta Amministrazione a voler adottare gli atti di competenza ed approvare il Bilancio di previsione.

- Che con atto protocollo n. 1738 del 13/04/2017, notificato in data 14 Aprile 2017, veniva convocato il Consiglio Comunale in sessione straordinaria per il giorno 19/04/2017 alle ore 19.00, per l’approvazione del Bilancio di Previsione.

- Che in data 14/04/2016 il Capogruppo del Gruppo Politico “Insieme ..Si Può” dott. Giancarlo Pellegrino sollecitava verbalmente, il Sindaco, di provvedere all’invio ed alla consegna della documentazione completa, correlata dai pareri di legge, poiché, la stessa documentazione, di cui non vi era traccia, veniva dichiarata disponibile nella delibera n. 19 del 31.03-2017 al punto 7 (delibera con la quale la giunta approvava lo schema del bilancio 2017-2019 ed i suoi allegati).

-           Che in data 15 aprile 2016 i Consiglieri Comunali di Minoranza, si vedevano costretti ad informare per mezzo pec Il Segretario Comunale, il Sindaco, ed il Responsabile dell’ufficio di Ragioneria, nonché il Prefetto di Cosenza, di non essere ancora in possesso della documentazione richiesta.

-           Che gli stessi Consiglieri più volte hanno sollecitato il Sindaco ed il Consigliere delegato ad una convocazione coerente della competente Commissione Consiliare per la discussione in fase di redazione del bilancio di previsione così come previsto dal regolamento e così come più volte sottolineato in sede di consiglio comunale dallo stesso sindaco. Si specifica, a tal fine, che in data 23-01-2017 in risposta all’atto prot. N. 69 del 09-01-2017 a firma del Sindaco, si comunicava per iscritto la disponibilità per l’approntamento e la discussione dei dati di bilancio.

-           Che giorno 15 Febbraio 2017 i Consiglieri di Minoranza, convocati per la sessione di bilancio 2017-2019, si recavano dal sindaco per esercitare democraticamente il proprio mandato, ancorché privi di una pur minima documentazione contabile informativa della situazione dell’Ente, e lo stesso Sindaco ammetteva l’impossibilità a procedere ad una discussione perché “non era disponibile alcuna documentazione per poter avviare un confronto programmatico”.

-           Che i Consiglieri di minoranza si augurano a tal punto, che la convocazione della conferenza dei Capigruppo, non sia un pretesto formale che bel lungi dal voler promuovere il confronto democratico.

-           Che in data 18-04-2017 alle ore 11.30 veniva inviato al nostro Capogruppo per mezzo PEC dall’ufficio ragioneria del Comune di Belmonte Calabro la relazione dell’organo di revisione.

A tal fine gli stessi chiedono:

-           Se è stato convocato l’organo di revisione per l’odierno consiglio comunale?

-           di conoscere i contenuti della documentazione inviata in data 04-04-2017; 05-04-2017; 09-04-2017, 12-04-2017; 13-04-2017 all’organo di revisore ed i relativi rilievi mossi dall’Organo di controllo.

Si specifica che l’art.174 del d.lgs 267/2000 comma 1 dispone che “ Lo schema di bilancio di previsione, finanziario e il Documento unico di programmazione sono predisposti dall'organo esecutivo e da questo presentati all'organo consiliare unitamente agli allegati entro il 15 novembre di ogni anno secondo quanto stabilito dal regolamento di contabilità”

L’articolo 174 del Dlgs 267 del 2000 affida al regolamento di contabilità dell’Ente l’individuazione di un congruo termine per la predisposizione dello schema di bilancio, degli allegati e della relazione dell’organo di revisione, e per la sua presentazione all’organo consiliare che deve approvare il documento finanziario; inoltre la norma stabilisce che lo stesso regolamento di contabilità dell’Ente deve prevedere al suo interno i termini entro i quali possono essere presentati da parte dei membri dell’Organo Consiliare e della Giunta emendamenti agli schemi di bilancio. È appena il caso di evidenziare, per l’ennesima volta, che il nostro regolamento di contabilità, oramai datato, risulta superato dai diversi interventi del legislatore ed in alcuni aspetti risulta essere addirittura in contrasto con il novellato TUEL!

Ciò che vogliamo ribadire è che i termini in questione sono funzionali all’esercizio incomprimibile delle prerogative dei Consiglieri Comunali le quali, peraltro, debbono esplicarsi in un arco di tempo limitato - ma ragionevole - in quanto strettamente connesso ad un termine finale e ineludibile di approvazione. I Consiglieri di minoranza debbono essere posti in condizione di esercitare la indispensabile funzione di controllo sull’adeguatezza dell’azione politico amministrativa programmata da questa amministrazione che sostiene il Sindaco e l’esecutivo cittadino.

Alcune considerazione vanno fatte :

I Consiglieri Comunali hanno, invero, diritto di iniziativa su ogni questione sottoposta alla deliberazione del Consiglio (articolo 43 Dlgs 267/2000), e hanno pertanto diritto di ottenere dagli uffici tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del proprio mandato, i regolamenti di contabilità prevedono di regola che la Giunta approva lo schema di bilancio annuale di previsione e lo presenta all’Organo Consiliare unitamente agli allegati. A questi documenti viene allegata la relazione dell’organo di revisione. Solitamente viene fissano il termine per l'emendabilità da parte dei Consiglieri comunali dello schema di bilancio.

Il rapporto tra il termine di presentazione del bilancio e degli allegati all’Organo Consiliare e il termine per la predisposizione, da parte di singoli membri dell’assemblea, di emendamenti è costruito per individuare uno spatium deliberandi necessario e sufficiente allo scopo, in coerenza con il ricordato articolo 174 del Dlgs 267/2000. Tutto questo iter è ignorato dallo stesso regolamento comunale (non aggiornato). Ne consegue che i Consiglieri devono disporre effettivamente di tutta la documentazione finanziaria da esaminare in tempo utile, un tempo congruo (nel silenzio del regolamento) per la predisposizione degli emendamenti, ossia per la individuazione di criticità nelle scelte di programmazione dell’Ente, e dei possibili correttivi da apportarvi. E credeteci molti sarebbero i correttivi da apportare al Vostro bilancio……

Non può e non deve dunque accadere che un documento di evidente essenzialità, quale il parere dei revisori, ancorché il D.L. 113/2016 lo sgancia dal deposito del bilancio, venga messo a disposizione solo 24 ore prime della data fissata per la seduta in prima convocazione.

Una dinamica di questo tipo, infatti, contrasta irrimediabilmente con l’esercizio delle prerogative da parte del Consigliere Comunale, non potendo essere queste compresse sino al punto da manifestarle esclusivamente nella espressione di un voto contrario all’approvazione del bilancio di previsione.

Essendo in gioco la violazione della disciplina regolamentare preordinata a garantire l’esercizio incomprimibile delle prerogative dei componenti l’organo consiliare, e in particolare dei consiglieri di minoranza, i quali devono comunque essere posti nella condizione di esercitare la indispensabile funzione di controllo sull’adeguatezza dell’azione politico amministrativa programmata dalle forze politiche della maggioranza comunale, la conseguenza dell'inosservanza non può che far maturare a questo Consiglio la decisione di rinviare questa seduta, per consentire una discussione informata nell’interesse supremo della nostra comunità.

Considerato che gli atti relativi al suddetto consiglio non sono stati messi a disposizione dei Consiglieri nei tempi previsti dal TUEL e dal regolamento Comunale, gli stessi si ritengono non sufficientemente informati sui punti all’odg e richiedono il rinvio del Consiglio in seduta ordinaria, in modo da acquisire la documentazione necessaria per una discussione informata.   Qualora in questo Onorevole Consesso non si ritenesse utile il rinvio della seduta i Consiglieri di minoranza, per quanto su esposto, sono costretti ad abbandonare i lavori.

Belmonte Calabro 19/04/2017

I consiglieri di Minoranza

Dott. Giancarlo Pellegrino

Dott. Olinda Suriano

Sig. Alessio Furgiuele”

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Meteo - Belmonte Calabro

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy