BANNER-ALTO2
A+ A A-

San-Francesco-di-Paola-MessinaCOSENZA – E’ stata decisa la data ufficiale della chiusura della galleria Santomarco. Il tunnel che collega Paola a Cosenza sarà interdetto al transito dopo la festa di San Francesco di Paola. La data di inizio dei lavori è posticipata al 6 maggio con termine previsto al 23 giugno. Ad annunciarlo una nota inoltrata dalla Regione Calabria al Comitato dei Pendolari Alto Tirreno. «Nella riunione del 21 marzo, in cui uno dei punti all’ordine del giorno era relativo alla prossima chiusura per lavori sulla Galleria Santomarco della linea ferroviaria Sibari-Paola, – si legge nella lettera inoltrata dalla Struttura Speciale dell’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria – era stato affrontato anche il tema della data in cui tale interruzione dovesse avvenire. Era stato richiesto dal Sindaco di Paola che tali lavori fossero effettuati in modo da non intralciare lo svolgimento dei festeggiamenti civili e religiosi relativi al V centenario della canonizzazione di San Francesco di Paola, patrono di Calabria, che avverranno nella settimana tra 29 aprile e 5 maggio, per i quali sono attesi a Paola numerosi turisti provenienti da tutta Italia e anche dall’estero.

L’Assessore Musmanno aveva fatto propria tale richiesta e, dato che nel corso della riunione i rappresentanti di RFI al Tavolo avevano chiarito di non poter prendere una immediata decisione in merito, aveva annunciato ai partecipanti alla riunione la volontà di interessare della questione l’AD di RFI e i dirigenti degli uffici competenti di RFI, MIT e Trenitalia. L’Assessore Musmanno aveva scritto dunque il giorno dopo la riunione una nota ufficiale indirizzata al Direttore Generale per il Trasporto e le Infrastrutture Ferroviarie del MIT, all’AD di RFI, al Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI, al Responsabile sviluppo e commercializzazione territoriale area sud-ovest di RFI, al Direttore circolazione area Salerno-Reggio Calabria di RFI e al Direttore Regionale Calabria di Trenitalia. Nella nota si chiedeva di posporre l’inizio dei lavori subito a valle della suddetta settimana di festeggiamenti. Successivamente l’Assessore Musmanno si era preoccupato di interloquire con alcuni destinatari della citata nota in modo che fosse garantito che la richiesta fosse presa con la giusta e dovuta considerazione. Abbiamo appena ricevuto telefonicamente conferma che la richiesta è stata accolta pertanto la data di inizio dei lavori sulla Galleria Santomarco è posticipata al 6 maggio con termine previsto di tali operazioni pari al 23 giugno».

fonte notizia quicosenza.it

Pubblicato in Cosenza

san francesco«I festeggiamenti rivolti a San Francesco di Paola non hanno messo soltanto in luce il cammino di fede che la comunità di Campora San Giovanni ha tributato con devozione al santo, ma ha anche registrato la presenza di tanti artisti che hanno avuto modo di mostrare la propria passione ad un pubblico quanto mai interessato. In particolare, l’elevatissimo livello qualitativo che hanno espresso i cantanti locali nell’ambito della serata di giorno 2 settembre ne è l’esempio più concreto».

«Troppo spesso non ci concentriamo sulle potenzialità che il territorio esprime, sia dal punto di vista tangibile, sia da quello immateriale. L’evento, programmato perfettamente dal gruppo di lavoro che con costanza e puntigliosità si occupa del complesso iter procedurale della festa, ha consentito di far salire sul palco le eccellenze canore della città: è un elemento che merita un’adeguata riflessione. Mi auguro che questa tradizione, appena inaugurata, possa proseguire nel tempo, diventando un appuntamento fisso nel panorama complessivo delle iniziative che hanno luogo in città. L’entusiasmo di tanti ragazzi che con la loro voce hanno emozionato il numeroso pubblico presente, è difficile da descrivere. Nel corso della serata, presentata da Ortensia Barone, si sono esibiti: Lidia Cuore, Mattia Brusco, Martina Sicoli, Aida Catellino, Ortenzia Guido, Maria Fiorina Cicero, Eugenio Mannarino, Aurora Paradiso e Francesca Pagliaro. Sullo stesso piano, tra bravura e maestria, vanno a collocarsi le performance di Rosa Cappelli, che non scopriamo certo oggi, del balletto della scuola Koreos che ha letteralmente incantato, e della fisarmonica del maestro Francesco Cassano, accompagnato dai Fourfisa. Di uguale spessore artistico, infine, l’esecuzione dell’Orchestra di Fiati Mediterranea che, giorno 1 settembre, ha inaugurato il ciclo dei concerti. Credo dunque sia arrivato il momento di smentire l’adagio “nemo profeta in patria”: come amministratori abbiamo il dovere di incentivare il percorso artistico di questi ragazzi e come cittadini dobbiamo fare in modo di accrescere la loro fama, aiutandoli, supportandoli e sostenendoli».

«Un ringraziamento va rivolto, ovviamente a don Apollinaris Mashughuli per le modalità in cui svolge il proprio mandato. Ma un plauso va rivolto anche al Dipartimento turismo della Regione Calabria che, agendo in sinergia con i volontari del già citato gruppo di lavoro, ha contribuito alla realizzazione del concerto conclusivo di Danilo Sacco, ex voce dei Nomadi. Una perfetta sinergia tra la parte più attiva della popolazione e le istituzioni: un patrimonio da non disperdere».

Pubblicato in Campora San Giovanni

Ecco come Amantea accoglie i turisti. E’ inaccettabile.

Stamattina alcuni turisti mi hanno chiesto indicazioni sulla chiesa di San Francesco d’Assisi, sul castello, e su come visitarli.

 

 

 

Ho indicato esattamente la via da seguire dopo aver premesso indicazioni seppur sintetiche sulla loro storia.

Casualmente li ho rincontrati dopo alcune ore.

Mi hanno guardato in modo strano, quasi sospettoso.

“Ci eravamo illusi di poter vedere questi monumenti e soprattutto il paesaggio che dalla collina si riesce a scorgere “

“Perché illusi” faccio io di rimando?

E loro ancora più sorpresi mi chiedono”Ma come? Lei non sa che c’è un vecchio cancello chiuso con un lucchetto che rende impossibile accedere al viottolo che porta alla chiesa e dopo al castello?

“ Lo conosco il vecchio cancelletto che si trova su tale percorso e che impediva solo l’accesso al cantiere durante i lavori , ma io so che il lucchetto fa bella mostra di sé ma non chiude il cancello. Siete sicuri che non fosse lì solo per mostra ? Avete provato a spingere il cancelletto?”

Ancora sorpresa sui loro volti.

Poi uno di loro sbotta “ SI, ho anche spinto con forza! Inutilmente. E devo dirle tutto il mio rammarico, se non la mia rabbia. E mi chiedo se questo sia il modo di fare turismo. La vostra è una bella cittadina ma se volete davvero fare turismo dovete cambiare. Lei ci ha affascinato con le sue parole , ma non poter vedere Amantea dall’alto, il vostro meraviglioso mare dall’alto, le memorie della vostra storia medievale è letteralmente una vergogna. Non è che vi siete sbagliato dicendoci che era chiuso il cancello dal lato del Palazzo Mirabelli e magari quello era aperto? E comunque scrivetele queste cose, scrivetele..…”

“Lo farò! Non preoccupatevi. E dirvi che quanto successo mi dispiace è il minimo”

Già ma è questo il modo di fare turismo?

Il commissario voglia indagare su chi possiede la chiave, su chi ha chiuso il cancelletto e perché lo ha chiuso.

E voglia disporre la immediata riapertura del passaggio, anche rimuovendo del tutto l’obbrobrioso cancelletto.

Pubblicato in Primo Piano

Nella villa di Campora San Giovanni fa bella mostra di sè la statua di San Francesco da Paola.

 

E’ li da anni sotto il sole, al vento, sotto la pioggia.

Muta, osserva la comunità e coloro che le si avvicinano.

 

 

Ai suoi fedeli offre la benedizione, quella che ieri sera( o stanotte) non è stata sufficiente ad aiutarlo.

Ci hanno inviato le foto della statua di san Francesco mancante di mezza testa.

Qualche vandalo lo ha colpito.

Un atto evidentemente coraggioso.

Ci vuole, infatti, molto coraggio a danneggiare una statua che, come tutte le statue, non può difendersi.

Quello che sorprende è che nessun camporese abbia visto e fermato questi bulli, questi guappi.

 

Sappiamo però che la piazza è monitorata da alcune telecamere.

Non sarebbe male che venissero controllate.

Non solo quelle pubbliche ma anche quelle private.

Ci piacerebbe che i vandali venissero riconosciuti e segnalati alla comunità.

Oltre a pagare i danni, ovviamente.

Se questi comportamenti non vengono sanzionati domani potrà avvenire di tutto!

Pubblicato in Campora San Giovanni

Dopo il successo di Paolo Belli con la sua big band di dodici musicisti, bagno di folla anche per Raf in chiusura della due giorni con la grande musica dal vivo a Paola, la Città di San Francesco.

Oltre quindicimila persone hanno invaso Piazza IV Novembre e

 

tutto il suggestivo centro storico per l’atteso evento predisposto dal Comune per i festeggiamenti di San Francesco, fondatore dell’ordine dei Minimi, nato proprio a Paola.

L’organizzazione è stata curata dalla Show Net di Ruggero Pegna, che ha inserito l’evento in “Fatti di Musica”, la trentunesima rassegna del Miglior Live d’Autore.

In due ore di concerto, Raf ha eseguito tutti i suoi grandi successi, accompagnato dal coro di un pubblico che non si è lasciato intimidire neppure dalla pioggia che ha accompagnato i primi brani del concerto.

Uno dietro l’altro, Raf ha sfoderato tutte le perle della sua ricca discografia che ha all’attivo ben tredici album e innumerevoli hit, da “Self Control” dell’album degli esordi del 1984, all’intramontabile “Cosa resterà degli anni 80’”, da “Battito animale”, con cui si è aggiudicato il Festivalbar 1993”, al successo del Sanremo 2015 “Come una favola”, tratto dall’ultimo album “Sono io”.

Con la cornice scenografica di una parete di led ed effetti luminosi e il sostegno di un’ottima band, Raf ha entusiasmato i suoi fan arrivati da ogni angolo della regione fino alle ovazioni conclusive e ai diversi bis.

Un grande successo di pubblico e partecipazione ha premiato l’impegno dell’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Basilio Ferrari e dal suo vice Francesco Sbano, che ha voluto abbinare ai festeggiamenti religiosi, in corso nello splendido Santuario sito sulla collina paolana, anche due grandi serate di musica dal vivo nel centro storico.

Paolo Belli e Raf hanno incantato, sedotto e trascinato il numeroso pubblico con due concerti strepitosi, impeccabili anche dal punto di vista organizzativo, che resteranno indelebili nella memoria di chi ha partecipato, cantando e ballando.

Una edizione 2017 dei festeggiamenti di San Francesco certamente tra le più riuscite ed apprezzate, in una Città che, insieme all‘inscindibile legame con il suo santo venerato in tutto il mondo, ha riscoperto l’emozione di essere una delle più splendide e accoglienti località turistiche della Calabria.

“Fatti di Musica”, dopo la parentesi paolana, si sposterà allo Stadio San Vito di Cosenza, dove dal 23 al 25 giugno andrà in scena per la prima volta nel capoluogo silano l’originale Notre Dame De Paris, l‘opera dei record.

Pubblicato in Paola

Spari-in-strada-682x445Continua la solita triste cronaca tutta Calabrese, quella che parla di criminalità organizzata, di controllo del territorio, di fazioni, di faide e di contrabbando di stupefacenti.

Di pochi giorni fa la notizia di un arresto da parte delle forze dell’ordine impegnate nella città di Diamante, che avevano sorpreso in una delle strade del centro storico un trentaseienne impegnato a spacciare cocaina a due donne segnalate alla prefettura di Cosenza quali assuntrici di stupefacente.

Adesso tocca alla città di Cetraro, ribaltare alle cronache per il ritrovamento di una ingente quantità di sostanza narcotica rinvenuta tra le mani di due uomini durante un controllo mirato delle forze dell’ordine avvenuto in località Malvitani, sopra la località “San Francesco” a Cetrato appunto.

Si apprende, infatti, che l’operazione, è riuscita grazie all’intelligence dell’Arma, insospettita dai continui spostamenti nella zona del lametino, un buon esempio di combattimento serio al crimine ed al riciclaggio di denaro attraverso lo spaccio per l’appunto.

Il cerchio della cronaca malavitosa si chiudo con la misteriosa, quanto inusuale sparatoria avvenuta in una zona molto trafficata di Paola (Via Nazionale), il tutto in orario pomeridiano di un giorno feriale.

Il tutto infiocchettato per assurdo da uno stile in pieno action movie, con tamponamenti a bordo di fuoristrada e spari in pieno centro, tra il panico generale dei malcapitati cittadini nei pressi della zona.

Una volta raccolte le versioni da parte dei testimoni, le forze dell’ordine sembrano indirizzate all’ipotesi del racket del “pizzo” ed all’ipotesi di una ripresa delle ostilità tra i clan di Paola e Fuscaldo.

Pubblicato in Paola

Festa di San Francesco: Ciò che è successo, ha sia del grottesco che del surreale.
FurtoCorrente

Secondo le informazioni raccolte infatti, nei giorni scorsi alcune soffiate giunte alla caserma dei carabinieri di Amantea raccontavano di alcuni venditori ambulanti (un paio a quanto ci risulta) che in vista dei preparativi per la festa di San Francesco in corso presso la frazione di Campora San Giovanni avrebbero tentato di collegarsi alla rete elettrica pubblica, cercando di camuffare il tutto con teli di fortuna.

I due, raggiunti ieri in mattinata dagli uomini dell’arma, sono infine stati denunciati per “tentato furto”. All'arrivo dei carabinieri sul posto indicato è risultato evidente l’allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.
Un plauso va fatto alle forze dell'ordine per questa ennesima dimostrazione di attenzione a quanto accade sul nostro territorio

Pubblicato in Primo Piano

lecce

Piccola guida su cinque cose da non perdere in vacanza a Lecce

Da qualche tempo a questa parte, forse grazie anche alla crisi economica, gli italiani hanno iniziato a porre maggiore attenzione al proprio paese e alle attrattive innumerevoli che contiene. Storia, arte, bellezze naturali vengono di anno in anno sempre più valorizzati da novità ed eventi culturali, organizzati non solo per sedurre i turisti stranieri, ma per far al contempo riscoprire agli italiani un patrimonio a lungo dimenticato.

Fra le molte città d’arte, quella di Lecce occupa un posto non di poco conto; patria del barocco leccese, non manca tuttavia di opere d’arte e architettoniche d’epoche risalenti all’età greco-romana: il primo, infatti, s’impose a Lecce solo nel ‘600, con la dominazione spagnola, soppiantando lo stile classico che prima imperava e lasciando aperte le poste alla creatività, all’armonia e alla fantasia: e fu così che il dorato colore del calcare leccese, caldo e avvolgente, s’arricchì nelle molteplici fogge conferitegli dagli scalpelli di abili mani artigiane, in decori sgargianti che abbelliscono gli edifici del centro storico.

Benché la località meriti almeno tre giorni di sosta, per esser ben goduta, qualora si fosse costretti ad una visita “mordi e fuggi”, sarebbe comunque consigliabile non perdere le vere e proprie perle della città, da vedere assolutamente:

1) Il Duomo di Lecce

Se si è appassionati d’architettura o, più semplicemente, s’apprezzano le atmosfere barocche, allora non si deve assolutamente perdere un giro per le vie del centro storico di Lecce, la Signora del Barocco.

Entrando attraverso Porta Napoli, voluta da Carlo V, si accede alla città vecchia, fatta di vicoli suggestivi e botteghe artigianali, circondati da guglie, portali, chiese e monumenti dal fascino elegante e suggestivo. E certo, il Duomo di Lecce spicca fra tutte le possibilità: luogo assai scenografico, è da sempre stato il cuore pulsante della vita civile e religiosa della città, con la Cattedrale di Maria SS. “Assunta”, edificata nel 1144 e poi ricostruita nel 1659 da Giuseppe Zimbaldo. In occasione di questa ricostruzione, lo stesso architetto leccese fece edificare anche la torre campanaria di cinque piani sulla cui sommità fu posta la statua di Sant’Oronzo, protovescovo e patrono della città, affiancato dai compatroni S. Giusto e S. Fortunato.

Annessi alla Cattedrale vi sono poi le altre due grandi strutture ecclesiastiche, il quattrocentesco Palazzo Vescovile e il Palazzo del Seminario, del 1700, oggi adibito a Museo diocesano dell’Arte Sacra nonché Biblioteca Innocenziana e Archivio storico diocesano.

2) L’anfiteatro romano

L’anfiteatro romano è probabilmente la più importante testimonianza di epoca romana presente a Lecce, assieme al teatro romano.

L’edificio, che ai tempi del suo fasto poteva ospitare fino a 2000 spettatori, fu realizzato nel secondo secolo d.C. e poi sepolto interamente dalle macerie prodotte dai vari terremoti e devastazioni che colpirono la città nel corso del tempo. Riportato alla luce agli inizi dello scorso secolo, a seguito di minuziose operazioni di recupero, oggi è visibile solo per un terzo della sua dimensione complessiva, mentre il resto rimane sepolto e celato al disotto di piazza Sant’Oronzo.

L’architettura dell’Anfiteatro, tipicamente romana, è caratterizzata dalle arcate che ne sorreggono gli spalti nella consueta struttura autoportante e i bassorilievi e le statue (tra cui la statua della dea Minerva) sono oggi esposte presso il Museo Castromediano.

Con la sua riscoperta e ristrutturazione, l’anfiteatro romano di Lecce ha ripreso vita e ad oggi ospita rappresentazioni teatrali ed eventi artistici.

3) Piazza Sant’Oronzo

L’antica piazza del mercato di Lecce, oggi Piazza Sant’Oronzo, è la piazza principale della città nonché una delle più antiche, come testimoniano i numerosi edifici che la circondano, figli d’epoche e stili fra loro differenti ma armoniosamente disposti. Nel 1656 fu dedicata a Sant’Oronzo qual gesto di gratitudine nei suoi confronti poiché, dice la storia, fu lui a salvaguardare la popolazione leccese dalla pestilenza che si era abbattuta sul Regno di Napoli. A memoria della grazia ricevuta, la popolazione pose sulla quale un’alta colonna nella piazza poi pose la statua bronzea del santo che, con gesto benedicente, ricorda ai cittadini la sua costante vigilanza e protezione.

Sempre presso la piazza, come già accennato, si rovano i resti visibili dell’anfiteatro romano, ed il Palazzo Sedile (o semplicemente Sedile), ex palazzo municipale oggi adibito a centro espositivo, e due chiese, la Chiesa di San Marco e la Chiesa di Santa Maria della Grazia. Al centro della piazza, poi, la pavimentazione è ornata da un grande mosaico raffigurante lo stemma della città: una lupa sotto un albero di leccio sormontato da una corona a cinque torri.

4) Il Castello di Carlo V

Sempre nei dintorni di Piazza Sant’Oronzio si trova il Castello di Lecce, voluto da Carlo V nel 1539.

Fondato su due costruzioni preesistenti (abbattute durante l’edificazione del castello) si compone di due strutture concentriche separate da un cortile interno e quattro bastioni (due dei quali dedicati rispettivamente alla Santa Croce e alla Santa Trinità, cui precedentemente erano dedicate il Monastero e la Cappella fatte abbattere per la costruzione del forte).

Il castello per molto tempo svolse un importante ruolo di difesa e protezione del territorio, divenendo poi luogo adibito alla rappresentazione di spettacoli musicali e teatrali e poi ancora riacquistò funzione militare divenendo una caserma e distretto militare.

Oggi il castello è proprietà del Comune e sede dell’Assessorato alla cultura ed utilizzato come centro espositivo per mostre e manifestazioni.

5) Basilica di Santa Croce e Abbazia di Santa Maria di Cerrate

In fine, non bisogna perdersi uno dei complessi maggiori della città, autentico simbolo del barocco leccese: la Basilica di Santa Croce con l’annesso Convento dei Celestini.

Decorazioni opulente sulla facciata principale e nell’interno delle sue navate, sono opera di tre architetti, i più grandi architetti salentini, che vi lavorarono tra XVI e il XVII secolo, riuscendo a fondere armoniosamente, come mai prima di allora, elementi rinascimentali con la ricchezza del barocco, regalando alla città il suo gioiello architettonico principale.

La facciata principale, bellissima, è divisa in tre livelli: la parte inferiore è di stile rinascimentale, presentante l’arcata maggiore col grande portone d’accesso, e quelle laterali sulle cui sommità si trovano gli stemmi dell’ordine celestino e della Santa Croce, mentre sul portale maggiore spicca lo stemma di Filippo III di Spagna.

La seconda parte del frontone, invece, è dominata dal grande rosone centrale in stile romanico affiancato dalle statue di San Celestino e San Benedetto.

Sulla sommità, in fine, è posto il timpano con il trionfo della croce, cui la basilica è dedicata.

All’interno della basilica, inoltre, di grande rilievo è la cappelletta dedicata a San Francesco, riccamente decorata con affreschi riguardanti episodi della vita del santo e ritenuta una delle massime espressioni del barocco leccese.

Al pari della Basilica è l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate. Di qualche secolo più antica rispetto la Basilica, l’Abbazia fu eretta nel XII secolo per volontà di Tancredi d’Altavilla nel luogo in cui ebbe una visione della Vergine tra le corna d’una cerva (da qui il nome di Cerrare, da Cervate).

Dopo esser stata saccheggiata nel 1711 e lasciata all’abbandono, è stata poi ripresa e restaurata in torno alla fine degli anni ’50 del secolo scorso, e pur privo delle bellezze che la ornavano, non ha mai perso però il suo fascino, grazie anche alla presenza degli affreschi duecenteschi che ne decorano gli interni.

Pubblicato in Mondo

camporaFelicità per come si sono svolte le celebrazioni in onore di San Francesco di Paola, ma anche tempo di bilanci per un’estate che ha visto in prima linea le associazioni e i comitati cittadini.

L’assessore Gianluca Cannata mostra la propria soddisfazione non solo per l’affluenza di gente che ha caratterizzato la tre giorni di festa dedicata al Santo Patrono della Calabria, ma anche l’intera stagione che tra luglio e agosto non ha lesinato di certo emozioni.

«La comunità di Campora San Giovanni – spiega Cannata – ha mostrato nuovamente compattezza e spirito di aggregazione. Le associazioni ed i comitati hanno lavorato fianco a fianco programmando un calendario di eventi complementare a quello del capoluogo che ha completato l’offerta ludica della città. Il plauso più grande va ai volontari dell’Aquilone, della Pro loco di Campora San Giovanni, dell’Aics no limits e di Vivo alternativo. Ognuno di loro non ha soltanto rinunciato ad una parte rilevante del proprio tempo libero, ma ha fatto in modo che le nostre risorse turistiche, gastronomiche e commerciali venissero veicolate al meglio tra la gente e con la gente. L’Aics ha riscosso successo e consenso con lo spettacolo di cabaret degli Arteteca e le performance di Mimmo Cavallaro e Nello Iorio; la Pro loco ha organizzato al meglio il Festival della cipolla rossa, collaborando al meglio con il consorzio che ne tutela la qualità; l’Aquilone ha saputo coinvolgere i collezionisti ed i curiosi con il mercatino settimanale delle pulci; Vivo alternativo, infine, ha proposto la propria edizione della Notte bianca. Ha svolto al meglio la propria funzione sociale la nuova piazza, dedicata proprio a San Francesco, che è stata inaugurata di recente e che ha accolto tutti in un immenso abbraccio. Un ringraziamento particolare va rivolto anche al comitato organizzatore delle celebrazioni religiose di inizio settembre che ha saputo coinvolgere al meglio l’amministrazione comunale, gli esercenti e soprattutto i fedeli».

«La riuscita dell’estate camporese – aggiungono all’unisono i consiglieri Linda Morelli, Elena Arone e Adelmo Mannarino – testimonia quanto sia importante parlarsi e soprattutto ascoltarsi. La buona politica nasce dal confronto. Tutte le associazioni ci hanno prospettato le proprie aspettative ed esigenze e ci siamo adoperati per favorire il più possibile il loro lavoro. Certamente le cose da migliorare non mancano e faremo tesoro dell’esperienza accumulata quest’anno. Ma è importante comprendere il fatto che l’intero esecutivo ed il sindaco Monica Sabatino, è a completa disposizione di tutte le componenti della città

Comunicato comune di Amantea.

Pubblicato in Campora San Giovanni

E’ andata bene.

Davvero è andata bene pensando che si stanno effettuando i lavori di recupero e messa in sicurezza della antica chiesa trecentesca di san Francesco d’Assisi.

Come si vede nella foto, infatti, un grosso masso si è staccato ed è scivolato sulla cengia sottostante senza ribaltarsi.

E soprattutto senza fare danni alle persone che oggi lavorano proprio su questa cengia.

Ci sembra l’ennesima dimostrazione della fragilità della rocca del castello.

Una rocca che si spacca, si frantuma ed incombe su quanto sottostante.

Una fragilità che ci sembra fortemente sottovalutata dalla Pubblica amministrazione.

C’è un castello che diruto rischia di crollare sulle abitazioni sottostanti

Una torre angioina che abbandonata da tutti sta per essere persa e con essa una parte della nostra storia.

C’è la parte ad est della rocca del castello che continua a frantumarsi ed è pronta a nuovi piccoli e grandi crolli

C’è la parte nord della rocca che impressiona tanto è spaccata e ricca di elementi che additano a crolli di ogni tempo

C’è infine la parte ad ovest che presenta forti rischi.

Parliamo del masso caduto pochi anni fa dietro la casa del vecchio sindaco Alecce

Parliamo dei distacchi nella zona da casa Mirabelli alla chiesa di San Francesco

Parliamo del crollo di rocce sulla vecchia chiesa di San Francesco che ha spaccato il muro dietro l’abside.

E parliamo di questo ultimo distacco di pochi giorni fa.

L’assurdo è che il masso era stato chiodato per tenere la rete paramassi.

Ma come è possibile, ci chiediamo, usare per tenere una rete paramassi una roccia che non si tiene nemmeno da sola?

E senza dimenticare le famose “Case Sciollate” che sono da tempo l’emblema di una amministrazione disattenta se non omissiva ed il simbolo della stessa disattenzione al territorio.

Manifestiamo la nostra preoccupazione perché il crollo è avvenuto su una cengia che deve diventare un percorso pedonale da tanti auspicato e che sarà usato per raggiungere proprio la trecentesca Chiesa e la Torre angioina.

Ci permettiamo di chiedere all’amministrazione ed ai tecnici direttori dei lavori specifiche dichiarazioni su quanto faranno sul problema appena esposto

Troppo bello e troppo caro il nostro centro storico per essere dimenticato dall’amministrazione.

Troppo comodo pensare che con qualche spaghetto alla mollica e qualche monacella si possa salvare un centro storico che muore!

Pubblicato in Primo Piano
Pagina 1 di 2
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy