A+ A A-

Il 26 luglio 2017 sul sito ilcalabresedoc ha postato questa foto e questo articolo:

 

“L’incredibile foto che vi mostriamo arriva da Paola, in provincia di Cosenza. La foto è stata scattata precisamente in una strada di campagna a Paola.

Riguardo a ciò che rappresenta c’è poco da dire: è ben evidente un banco di nubi organizzato in modo da formare l’immagine di due mani che si apprestano a congiungersi, come nell’atto di una preghiera. Le “mani di dio”, così sono state chiamate, sono state fotografate da alcuni passanti. Il fenomeno, raccontano, è durato solo per qualche minuto, le nuvole si sono presto dissolte come spazzate dal vento e hanno assunto una conformazione normale.

 

Numerosi sono i testimoni e non ci sono neanche molti dubbi sull’autenticità della foto: non si tratta di un fotomontaggio a regola d’arte.

La signora Maria F., raggiunta dai giornalisti sul luogo, ha dichiarato “Stavo aspettando l’autobus per andare a Cosenza. Ero in compagnia di un ragazzo, anche lui aspettava il pulman come me. E’ stato lui, a un certo punto, a richiamare la mia attenzione. L’ho visto immobile e spaventato, mentre fissava il cielo. Voltandomi nella stessa direzione ho visto delle enormi mani che ci sovrastavano. Mia figlia mi ha regalato uno smartphone, ma non ho avuto la lucidità e la prontezza di tirarlo fuori per scattare una fotografia. Sono contenta che, invece, qualcuno abbia avuto la freddezza di fotografare il cielo. Sono ancora profondamente colpita. Ricordo che mi si raggelò il sangue”

 

Come la signora Maria tanti altri hanno riportato la propria esperienza.

Tutte le impressioni, e ovviamente la foto, sono adesso al vaglio di alcuni esperti. Un fenomeno del genere non si era mai verificato, o comunque non c’è alcuna documentazione al riguardo. Un paio di decenni fa, a Compostela, un gruppo di persone giurò di aver visto delle mani di Dio in cielo, ma nessuno fece delle foto e l’evento passò in sordina. Stavolta invece ci sono le prove. Gli esperti, dicevamo, hanno acquisito il materiale, ma non sanno dare una spiegazione. Qualcuno ha proposto che si sia trattato solo del caso, un allineamento fortuito delle nuvole, una clamorosa coincidenza, che ha ricreato un’immagine netta e così mistica. A prova di tale tesi sarebbe stata proposta la mutevole condizione delle pressioni atmosferiche della zona, cambiamenti di pressione particolarmente spiccati in questi ultimi giorni. Le nuvole, spostandosi in continuazione, creerebbero infinite immagine, e può capitare che qualcuna si avvicini a qualcosa di più dettagliato. Eppure questa giustificazione sembra troppo poco convincente. “Le mani di Dio” sono troppo evidenti e, sicuramente, la scienza non confermerà mai ciò che realmente sembrerebbe essere: un miracolo!”

 

NO! Non è un miracolo ma una bufala!

Già si poteva intuire dallo sfondo sulla foto che non appartiene a Paola.

E poi per capire che ci troviamo di fronte fotomontaggio, basta osservare la mano di sinistra che risulta sgraziata e non armonica nelle sue forme, come se fosse stata disegnata a mano.

 

Le dita hanno tutte la stessa lunghezza!

La foto è stata realizzata utilizzando l’effetto “burn tool” di Photoshop come un pennello ed aggiungendo altri filtri e livelli.

Ed infatti è bastato un giro sul web ed abbiamo scoperto che il 16 dicembre 2016 sul sito by bufalepertuttiigusti c’era la stessa identica foto!

A Cinisello Balsamo!

E perfino lo stesso testo:

La differenza è che a Paola la signora si chiamava Maria F. ed a Cinisello si chiamava Giovanna L:!

Che non siano due politiche? Controllate gente, controllate.

Pubblicato in Paola

L'ex sindaco di Paola, Basilio Ferrari in relazione alla notizia relativa alle indagini sulla potabilità dell’acqua del comune tirrenico cosentino portate avanti dalla Procura di Paola chiarisce:

 

Scrivo in merito all'articolo sulle indagini della Procura di Paola relative alla gestione del servizio idrico integrato al fine di fornire alcuni chiarimenti.

Tanto perché il sottoscritto non è in alcun modo coinvolto in vicende che riguardano i reati contestati invece a vario titolo ad altri soggetti per quanto attiene il su menzionato servizio idrico.

In realtà infatti ciò che mi riguarda è relativo alla emanazione di una ordinanza di non potabilità delle acque per la quale ho fornito gli opportuni chiarimenti.

Va da se' che si tratta di episodi distinti e distanti che non possono essere in alcun modo accomunati. mentre forse dal tenore complessivo dell'articolo non emergeva in maniera sufficientemente evidente.

Basilio Ferrari

Sempre sulla medesima notizia leggiamo che l’avvocato Pierfrancesco Perri legale di fiducia dell’ingegner Giosafat Vigliotti chiarisce che :

L’ingegner Vigliotti Giosafat non è mai stato assunto dalla società Lao Pools srl (circostanza, peraltro, non contestata dalla Procura della Repubblica di Paola), mai ha lavorato o mai ha ricevuto incarico professionale o di altra natura da parte della predetta società.

Tra le parti – dunque – non vi è mai stata, come non vi è, alcun tipo di rapporto contrattuale.

Avvocato Pierfrancesco Perri

Pubblicato in Paola

A Paola circola la voce sulla ineleggibilità di Roberto Perrotta legata al dissesto finanziario.

 

La coalizione smentisce con forza.

Si tratta di una “Notizia assolutamente falsa e tendenziosa soprattutto in merito ad articoli di legge che vengono malamente indicati e riportati in una maniera tale da condizionare l'opinione dei lettori e degli elettori.

Tali articoli prevedono in effetti la non eleggibilità degli amministratori a seguito di dissesto ma, se e solo se, gli stessi siano stati ritenuti responsabili di aver contribuito con dolo o colpa grave al dissesto finanziario dell'ente”.

Poi sostiene che “le scelte discrezionali restano comunque insindacabili e, soprattutto, che qualsiasi responsabilità è esclusa se gli atti esaminati sono vistati e registrati dai competenti organi di controllo comunali, i cui responsabili sarebbero parimenti colpevoli qualora avessero asseverato atti ritenuti a posteriori illegittimi”.

Inoltre scrive la Coalizione di salute pubblica “La nostra priorità è perciò quella di fare chiarezza. Ebbene, la situazione relativa al dissesto è stata per anni al vaglio della competente magistratura, e la verità è che, a distanza di un tempo lunghissimo, la stessa non ha inteso in alcun modo avviare processi di alcun genere nei confronti di Roberto Perrotta e di altri amministratori.

 

È la stessa Corte dei Conti a stabilire in un numero infinito di sentenze che per esservi responsabilità degli amministratori, il dissesto deve dipendere esclusivamente o in larghissima parte da scelte personali degli stessi, effettuate con dolo o colpa grave, e sempre e comunque, la responsabilità eventuale deve essere valutata in termini di utilità per la comunità delle scelte effettuate e in termini di deterioramento della situazione economico-sociale che a Paola, in quegli anni, è stata fortissima.

Alla luce di queste considerazioni non si può in alcun modo nemmeno pensare che vi siano problemi di eleggibilità per Roberto Perrotta che, in una situazione economica difficilissima nella quale a Paola si verificava la perdita di centinaia di posti di lavoro nel comparto ferroviario, nella quale avanzava la crisi economica italiana, nella quale vi era difficoltà per le famiglie anche a nutrirsi quotidianamente, ha scelto, come testimoniato dalle varie relazioni sul tema, di continuare a mantenere intatti i servizi di base, i servizi sociali, quelli socio-assistenziali.

Quei servizi, ignorati dall'attuale amministrazione, che sono alla base del diffuso dissenso nei confronti del sindaco uscente”.

Pubblicato in Paola

Leggiamo su Quicosenza.it

Sorical scopre allaccio abusivo nel comune di Paola: perdita di rete di oltre il 60%

Sorical, evitando di adire le vie legali per il danno subito, ha chiesto allì’ufficio tecnico di provcedere in va bonaria alla chiusura immdiata dell’allaccio abusivo.

PAOLA (CS) – Sorical, ha scoperto a Paola un allaccio abusivo su rete di adduzione; ribadisce tuttavia che non c’è in atto alcuna riduzione di portata al Comune di Paola.

Dai controlli eseguiti i tecnici della società hanno riscontrato una riduzione di fornitura solo dalla sorgente Scaglillo causata, sicuramente, da un allaccio abusivo trovato in un pozzetto di sfiato a monte del partitore Scaglillo per la zona di S. Miceli.

Sorical, evitando di adire le vie legali per il danno subito, ha chiesto ieri all’ufficio tecnico manutentivo del Comune di Paola, retto dal dirigente, Ing Fabio Pavone, di provvedere in via bonaria alla chiusura immediata dell’allaccio abusivo.

La società, inoltre, ricorda che in tutta la Calabria il servizio di erogazione dell’acqua avviene attraverso gli acquedotti regionali compatibilmente alla capacità di alimentazione di ogni singolo schema idrico e fino ai serbatoi di consegna.

Resta in capo ai Comuni il compito di sorveglianza e manutenzione delle opere di distribuzione interna.

Sorical non ha alcuna responsabilità rispetto all’utilizzo improprio dell’acqua da parte del Comune dei cittadini.

La società eroga al Comune di Paola in media 2,5 milioni di metri cubi di acqua a cui si aggiungono 0,66 metricubi da fonti comunali.(?????? all'anno?????)

L’acqua in uscita alle rete domestiche fatturare, come da atti del Comune, risulta essere di 1,2 milioni di metri cubi, con una perdita di rete di oltre il 60%.

E poi leggiamo su da Il Vibonese 23 giugno 2017.

Nicotera. Bypass al contatore per rubare l’acqua : denunciato l’imprenditore.

I controlli della polizia municipale e dei carabinieri proseguiranno nei prossimi giorni nei confronti di altre strutture del territorio

Su rinnovato input della Commissione straordinaria del Comune, la polizia locale – diretta da Gregorio Milidoni - congiuntamente alla Stazione dei Carabinieri di Nicotera Marina ed alla Delegazione di spiaggia di Nicotera ha proceduto al controllo dei lidi ubicati nella frazione marina del comune.

I controlli sono stati principalmente indirizzati al fine di verificare la corretta occupazione di suolo demaniale marittimo e il corretto utilizzo dell’acqua comunale da parte degli stabilimenti balneari e/o ricettive.

A seguito di tali controlli, è stato deferito alla Procura di Vibo Valentia il gestore di un noto lido balneare, il quale è accusato di aver rubato l’acqua attraverso un bypass al contatore, al fine di eludere il pagamento del canone dovuto. L’imprenditore è stato pertanto denunciato per il reato di furto aggravato. I controlli sui lidi di Nicotera Marina proseguiranno senza soste da parte delle forze dell’ordine, al fine di garantire il rispetto delle regole da parte di tutti gli operatori commerciali.( da Il Vibonese 23 giugno 2017)

Ma in Calabria il furto dell’acqua è si o no un reato?

Ed allora perché la Sorical non ha denunciato l’esecutore dell’allaccio abusivo?

E può la Sorical perdere soldi e non chiamare ai danni chi si allaccia abusivamente?

Chi paga così i costi? La collettività?

Pubblicato in Alto Tirreno

Il nuovo procuratore capo della Repubblica di Paola sarà il dr Pierpaolo Bruni.

Egli subentra al dr Bruno Giordano che ha lasciato Paola per Vibo.

 

La cerimonia è prevista nel Palazzo di Giustizia per la mattinata di venerdì 16 giugno intorno alle ore 11.30.

C’è molta attesa per il nuovo procuratore capo della Procura della Repubblica di Paola.

Molta attesa anche per gli obiettivi del suo mandato soprattutto perché il neo procuratore è stato applicato alla DDA di Catanzaro ed ha maturato quella esperienza necessaria ed utile per le opportune indagini sulle cosche del tirreno cosentino.

 

 

Con l’arrivo del dr Bruni ci si aspetta un nuovo corso per la procura tirrenica.

E soprattutto nuova attenzione verso i reati della e nella pubblica amministrazione.

Ci si attende, in buona sostanza, che non ci sia alcun cedimento nella lotta alla criminalità ed in particolare nella lotta alla produzione, consumo e spaccio delle droghe, ma senza tralasciare l’obiettivo della tutela dell’ambiente e soprattutto quello della lotta corruzione e ai reati legati alla pubblica amministrazione, che è la vera piaga dei nostri giorni e del nostro territorio.

 

Taluni comportamenti erronei della pubblica amministrazione anche se non determinano reazioni da parte della comunità comunque determinano disparità che disorientano i comportamenti sociali.

Peraltro la risposta dei tribunali amministrativi, a parte i costi finanziari, non induce a comportamenti diversi da parte dei politici e soprattutto dei funzionari e dirigenti.

E’ da ritenere che il problema della dirigenza non escluda nemmeno le procure:

Lamezia terme docet.

Pubblicato in Paola

Su face book si è vista la scena di un topo che impaurito corre sul marciapiedi mentre si sentono esagitate grida di persone impaurite.

Effetto della musofobia( o se volete murofobia o muridofobia o surifobia) che è un particolare tipo di fobia, consistente nella paura nei confronti dei topi o dei roditori in generale.

Chi soffre di questa fobia ha terrore e ripulsione dinanzi ad animali specifici, come le pantegane e i topi, anche se in alcuni casi la paura si estende a tutti i roditori , come le talpe, i criceti e perfino gli scoiattoli.

La ripulsione talvolta si scatena anche soltanto vedendo una foto o un’immagine in televisione, non solo la visione dal vero.

“La musofobia rappresenta solitamente una caratteristica stereotipata delle donne, come noto da numerosi libri, cartoni animati, programmi televisivi e film dell’era pre-femminista che ritraggono le donne isteriche che urlano e saltano sulle sedie o sui tavoli quando vedono un topo.

Ma, in realtà, al di là dei ritratti stereotipati di genere, la musofobia in Occidente colpisce entrambi i sessi”.

E’ una risposta condizionata socialmente indotta.

Non sembra infatti un disordine psicologico reale.

Istinto non ragionamento, quindi.

Le persone che vivendo in campagna sono abituate a vedere i topi ne hanno meno paura essendo diventati abitudinari nella loro vita ed avendo potuto ripetutamente valutare il reale pericolo della loro presenza

In realtà sono i topi ad avere più paura e scappano al primo rumore e si nascondono.

La differenza è che intanto non salgono sulle sedie e, supponiamo, non abbiano crisi isteriche e non gridino, anche se forse provino la stessa ansietà degli uomini come sembra provato dal fatto che si accartoccino al punto quasi da scomparire.

Pubblicato in Paola

Un furgone rubato con all’interno capi di abbigliamento del valore complessivo di circa 20 mila euro è stato ritrovato sul lungomare nord di Paola, nel cuore della notte, alle ore 03:00 circa, dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza.

Gli autori del furto stavano effettuando operazioni di trasbordo della merce rubata, dal furgone alle autovetture, quando alla vista delle Fiamme Gialle di Paola, in servizio di controllo economico del territorio, sono fuggiti abbandonando il veicolo.

La presenza di un’altra automobile, ferma a pochi metri di distanza dal furgone e con all’interno una persona – sul sedile passeggeri –, ha subito insospettito i Finanzieri che hanno proceduto al controllo dei documenti del soggetto – risultato essere un cosentino pluripregiudicato per reati specifici contro il patrimonio, nonché all’ispezione del mezzo, rinvenendo nel bagagliaio oggetti atti ad offendere ed arnesi idonei allo scasso (cd. piedi di porco, chiavi, grimaldelli, cacciaviti e seghetti).

Entrambe le autovetture sono risultate prive di copertura assicurativa e sono state quindi sottoposte a fermo dai Finanzieri calabresi.

All’esito delle indagini, scattate immediatamente, il citato pluripregiudicato – risultato uno dei malviventi – è stato denunciato all’A.G. per furto aggravato, porto di armi od oggetti atti ad offendere e possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

Nella stessa notte, inoltre, è stato fermata un’altra persona trovata in possesso di 15 grammi di marijuana, sottoposta a sequestro.

Il detentore è stato segnalato alla Prefettura di Cosenza.

Pubblicato in Paola

E’ difficile mestiere di Pubblico Ministero.

Difficile ed importante. In ogni ordinamento giudiziario.

Ed importante è ancor più la sua posizione rispetto agli altri poteri statali.

Per esempio negli USA il titolare della carica è elettivo;

in altri dipende dal Governo (ad es. Francia, e Italia prima della Costituzione repubblicana);

in altri ancora viene parificato ai giudici (ad es. Italia oggi);

Probabilmente potrebbe essere ragionevole un pubblico ministero che sia una autorità indipendente, rigorosamente separata anche dall'ordine giudiziario.

In Italia la giurisprudenza e la dottrina si chiedono da un lato come garantire la indipendenza dei Pubblici Ministeri, dall’altra come evitare che i magistrati non abusino del loro potere.

La registrazione di Antonio Miceli, nell’ambito della operazione Crisalide, che afferma :” Matematico che ci arrestano. Me lo ha detto uno della Procura” pone anche un altro problema.

Chi difende il PM dalla fughe delle notizie riservate , magari quelle relative ai prossimi arresti, che possono concorrere al fallimento della sua azione giudiziaria?

Apparirebbe, così, normale che il PM, quando egli arriva in una nuova Procura, si ponga come primo obbiettivo di valutare la correttezza degli storici collaboratori del suo ufficio oltre che degli investigatori di cui si avvale, ed in uno di valutare la qualità della azione giudiziaria che lo ha preceduto, scegliendo egli stesso eventuali nuovi primari obbiettivi, alla luce della reale situazione del territorio nel quale dovrà operare.

Sarà così? Sembra certo di si!

Tanto, anche considerato che il magistrato parte dalla sua esperienza di sostituto procuratore distrettuale antimafia di Catanzaro e che le DDA oggi sono la punta di diamante della giustizia.

Pubblicato in Politica

Clima teso e incandescente.

 

Cinque i candidati a sindaco:

-Basilio Ferrari, del centrodestra.

-Roberto Perrotta, socialista, ex sindaco della città, che rappresenta anche il PD.

-Enzo Limardi e Pino Falbo, che fanno riferimento comunque al “giro” del centrosinistra paolano.

-Carmelo Meo del M5S.

 

Quattro le liste a sostegno di Ferrari, capeggiate dalla Grande Paola della capolista Maria Pia Serranò, moglie del celeberrimo Lucio Sbano e mamma del vicesindaco uscente Francesco Sbano. Ai nastri di partenza anche il PRI, con capolista Emira Ciodaro, compagna dell’ex consigliere regionale Sergio Stancato.

Sei le liste presentate a sostegno di Roberto Perrotta. Quella del PD è capeggiata da Graziano Di Natale. Non manca l’Italia del Meridione di Orlandino Greco oltre alla lista di riferimento di Perrotta, che è il Partito Socialista.

Quattro le liste che sosterranno Pino Falbo

Due per Enzo Limardi

Una per il candidato del M5S Carmelo Meo.

 

Queste le liste a sostegno di Ferrari

Grande Paola

Maria Pia Serranò
Francesco Serpa
Emilio Perfetti
Mauro Cuzzocrea
Carmela detta Carmen Novello
Anna Perrotta
Mattia Marzullo
Massimiliano Antonicelli
Vittorio Sangineto
Emilio Corno
Giuseppina Monfrecola
Loredana Soria
Luigi Manes
Raffaele Vommaro Marincola
Daniel Spensierato
Tiziana Serpa

 

Comunità Paolana

Rossana Romanello

Maurizio Serpa
Francesco detto Checco Lanzillotta
Luca Soria
Debora Portaluppi
Lorenzo Garritano
Italia Acri
Ilaria Cortese
Andrea Ippolito Cavatorti
Vincenzo D’Acunzo
Gilda Vienna Cribari
Federico Maraniello
Luigi detto Franco Marcone
Paola Malfitano
Ornella Curioso
Carmine Curatolo

 

Moderati per Paola

Giovanni detto Stefano Mannarino
Silvio Buono
Antonio detto Totanno Lo Gatto
Domenico detto Mimmo De Rosa
Paolo Romagno
Pietro detto Piero Borsani
Ramona Bruno
Sergio Cassano
Francesca Cupello
Aldo Lattuca
Francesca Mellone Mannarino
Angela Maria Francesca Marcelli
Marco Presta
Alessia Francesca Scopelliti
AnnaFrancesca Stella
Carmen Eliana Viteri

 

Partito Repubblicano Italiano

Emira Ciodaro
Paolo Siciliano
Aldo Chiappetta
Francesco Cinelli
Catia Alì
Carlo Gentile
Alessandro Chiappetta
Eugenia Mannarino
Pasquale Storino
Camillo Gabriele Fiorito
Valeria Giugnatico
Daniel Sorace
Maria Liliana Minniti
Francesco Novello
Mario Soria
Roberta Chiappetta

Queste le liste a sostegno di Roberto Perrotta

 

Partito socialista

Rosangela Cassano
Roberto Cataldo
Cinzia Palma Coscarella
Giuseppe D’Andrea detto Pino
Domenico Eboli
Riccardo Ferrari
Massimo Florita
Cristina Serena Lo Feudo
Elisabetta Manes detta Betta
Ivan Ollio
Stefano Perrotta
Giovanni Politano
Ida Presta detta Francesca
Mariana Clementina Saragò
Carmelo Trotta
Italo Vanzillotta

 

Un’idea per la città

Fabio Francesco Sorace
Franca Belfiore
Maria Teresa Buffone
Emanuele Carnevale
Daniela Cilento
Frederic Cupelli
Massimo Francesco Curcio
Francesca Maria Rosaria Fiorito
Catia Maritato
Consuelo Mafalda Martello
Filomena Fabiola Misereri
Antonella Provenzano
Francesco Ramunno
Giuseppe Rugiano
Antonietta Santoro
Salvatore Vommaro

 

Centro Democratico

Giuseppe Crupillo detto José
Grazia Surace
Antonella Bruno
Giovanni Cataldo
Manuel Condino
Alessandro Corno
Anna Di Matteo
Paola Garbano
Mirella La Cava
Piera Lattuca
Giovanni Lo Gatto
Ivan Malgeri
Salvatore Mandaliti
Vincenzo Risoli
Anna Rita Soria
Giovanna Vivace

 

Partito Democratico

Graziano Di Natale

Rosa Abramo

Alessandro Argirò

Francesca Paola Basile

Santo Brillantino

Giuseppina Cappadona detta Pina

Massimiliano Chiappetta

Maria Grazia Colò

Giovanni De Luca

Paola Di Blasi

Chiara Donato

Gianluca Mari

Francesco Maria Pierri

Francesco Santoro

Barbara Sciamarella

Daniela Servadio

 

LIBERAMENTE PER PAOLA

Emilio Mantuano

Alessandra Albano

Anna Anselmo

Eugenio Barca

Lucia Marino Baroni

Michele Calvano

Stefania Catalano

Gaetano Cerchiara

Jessica Coscarella

Mario Fedele

Gianluigi Filippo

Sonia Mannarino

Stefania Mirafiori

Pasquale Pinnola

Salvatore Romito

Daniela Serpa

 

IDM

Francesco Aiola

Concetta Cardamone

Ida Cupello

Elide De Cesare

Francesco Gigliotti

Fortunato Laganà

Daniela Luciano

Renato Mirafiore

Graziano Patera

Eleonora Rosalba

Pino Santoro

Pasquale Storino

Michele Trebisacce

Benedetta Vommaro

Francesco Zicarelli

Santo Chianello

 

LISTE A SOSTEGNO DI PINO FALBO

Paola che Vorrei

Francesco Sarpa

Antonello Carnavale

Francesca Martello

Pompeo Perri

Maria Antonietta Maddalena

Maria Sammarro

Anna Chiara Santonocito

Davide Calabria

Alessandra Mandarini

Mario Carnevale

Caterina Paschetta

Mario Rizzo

Federica Serpa

Luigina Di Lorenzo

Graziella Mannarino

Fabio Di Leo

 

I Riformatori

Barbara Abbruzzo

Elisabetta Caruso

Daniel Chiappetta

Katia Chiappetta

Giorgio Corrado

Ferruccio Fedele

Salvatore Marco Focetola

Marco Mandaliti

Noemi Marinello

Lorena Martello Panno

Domenico Molinaro

Armando Nucci

Camilla Pellegrino

Andrea Santoro

Filomena Siciliano

Maria Francesca Sottile (detta Chicca)

 

Prospettiva Comune

Emilio Pastore

Luca D’Angelo

Giuseppe Gattuso

Francesca Sarpa

Rossella Manfredi

Roberta Vita

Angelo Carnevale

Marta Cinelli

Stefania Troncone

Ida Vilardi

Gisella Luana Moira Pulice

Simone Ramunno

Concetta Cappone

Carmela Desiderato

Giuseppe Arturi

Alessandro Malito

 

Azione Democratica

Aldo Aloe

Anna Antonucci

Filomena Baglivo

Eleonora Bottino

Salvatore Guida

Cristian Maffei

Antonella Meliadò

Claudio Oro

Gianfranco Parenti

Francesca Parisi

Daniela Anna Pizzini

Fiorella Samà

Rosa Maria Sammarco

Domenico Scagliola detto Mimmo

Alessia Villani

Marco Zupo

 

LISTE A SOSTEGNO DI ENZO LIMARDI

Cambia Paola

Perrotta Marta

Concettina Condino

Eva De Luca

Stanislao Focarelli Barone

Roberto Imbroinise

Leone Leonida

Boris Litrenta

Simone Meo

Roberto Pennestrì

Carmine detto Carmelo Perrotta

Antonella Provenzano

Carmelo Romano

Vincenzo detto Enzo Ruis

Angelina Saporito

Simone Stefano

 

Rete dei Beni Comuni

Gianpaolo Calabrò

Gianluca Carnevale

Giuliana Cassano

Vincenzo Cundari

Ilaria Ganeri

Marta Gaudino

Francesco Giglio

Maria Giuseppina Brigida Giordano

Alberto La Neve

Vincenza detta Cinzia Lattari

Emma Lo Bianco

Salvatore Manes

Maria Teresa Mantuano

Salvatore Mantuano

Franco Melchionda

Olga Minervino

 

LISTA A SOSTEGNO DI CARMELO MEO

Movimento 5 stelle

Barbara Guida

Maria Carmela Pugliese

Cristina Di Santo

Davide Novello

Diana Filippo

Emanuela D’Amico

Gaetano Lai

Giuseppe Di Blasi

Guglielmo Minervino

Luigi Puntoriero

Marco Iaccino

Marco Sabatini

Pietro Dieli

Pina Molinaro

Tina Cilento

Pubblicato in Alto Tirreno

Paola L’Anas comunica che, a causa di un grave incidente, la strada statale 18 "Tirrena Inferiore" e' provvisoriamente chiusa al traffico all'altezza del km 319,500, nel territorio comunale di Paola, in provincia di Cosenza.

Per cause in corso di accertamento, l'incidente ha coinvolto due autovetture, provocando il ferimento di tre persone.

Il traffico e' provvisoriamente deviato sulla viabilità locale, con indicazioni sul posto.

Sul luogo dell'incidente e' intervenuto il personale del 118 e l'elisoccorso e sono presenti le squadre di Anas, Polizia Stradale e Vigili del Fuoco per la gestione della viabilità e per rimuovere i mezzi incidentati, al fine di ripristinare la circolazione il prima possibile.

Due ragazze del luogo sono rimaste ferite nello scontro tra una Smart ed una Merdeces, avvenuto alle ore 11,45.

Una delle due giovani, C.F., di 24 anni, di Cosenza, è rimasta incastrata nelle lamiere e per liberarla si sono dovuti attivare i vigili del fuoco di Paola con divaricatori e cesoie.

Per assistere la ragazza è stato necessario l'intervento dell'Elisoccorso per il trasporto all'Ospedale Cosenza dove è stata ricoverata nel reparto di rianimazione.

L’altra ragazza è politraumatizzata ed è ricoverata al San Francesco di Paola.

G.M. di anni 26 ha invece riportato varie contusioni.

Altri tre feriti sono giunti in ospedale con auto private.

Pubblicato in Paola
Pagina 1 di 14
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy