A+ A A-

Emanata l‘ordinanza sindacale sull’inquinamento acustico. Forti dubbi sulla sua legittimità

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il problema del rispetto dei limiti di inquinamento acustico è reale e fortemente attenzionato dalla società amanteana che si divide tra i “tolleranti”, favorevoli alle attività economiche sorrette dalla musica che attira clienti, come la luce le falene, ed “intolleranti”, che ritengono ingiustificato ed asociale l’insufficiente se non il il mancato rispetto della normativa sull’inquinamento acustico.

Come sempre la risposta è duplice.

Da un lato la indicazione dei limiti , da cui il regolamento di Polizia Urbana( che ad Amantea-città delle mancate regole- manca) o lì ennesima ordinanza sindacale , e dall’altro la indicazione di chi deve controllare il loro rispetto.

Un pò come il 115 dei Vigili del fuoco quando c’è un incendio!

E sensibile alle regole come è il sindaco Pizzino non poteva mancare di emanare una nuova ordinanza.

E’ la n 77 del 25 luglio 2017

Ma ancora una volta non possiamo non notare la “solitudine” del sindaco e la difficoltà di operare da sindaco in un ente che ha un apparato tecnico amministrativo anche numericamente insufficiente

In queste condizioni antiche ed orai abitudinarie i rischi di errori sono altissimi e possono giungere a responsabilità anche penali

A parte le pessime figure che si rischia di fare quando non si usa l’ italiano, come segnala lo stesso sindaco che è costretto a correggere verbi e congiunzioni sbagliati.

Questa volta però ci sembra che l’ordinanza sindacale abbia limiti palesi.

L’ordinanza non cita il Piano di zonizzazione acustica del comune di Amantea, donde la impossibilità di rilevare il rispetto delle sue indicazioni obbligatorie, ben oltre, quindi, la ordinanza( ma esiste?)

Ma soprattutto l’ ordinanza non riporta il decreto legislativo 17 febbraio 2017, n. 41 contenente “ Disposizioni per l'armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico con la direttiva 2000/14/CE e con il regolamento (CE) n. 765/2008, a norma dell'articolo 19, comma 2, lettere i), l) e m) della legge 30 ottobre 2014, n. 161” pubblicato sulla GU n.79 del 04-04-2017ed entrata in vigore il 19.4.2017.

Ed ancor più non richiama il decreto legislativo 17 febbraio 2017 n. 42 contenente “Disposizioni in materia di armonizzazione della normativa nazionale in materia di inquinamento acustico, a norma dell’articolo 19, comma 2, lettere a), b), c), d), e), f)e h)della legge 30 ottobre 2014, n. 161.”, anche esso pubblicato sulla GU n.79 del 04-04-2017ed entrata in vigore il 19.4.2017.

E poi la ordinanza manca della indicazione obbligatoria della possibilità del ricorso al TAR Calabria.

Né viene indicato chi chiamare per farla rispettare ma che sia dotato di fonometro( che fine ha fatto quello che aveva un tempo il comune?).

Il Comando di Polizia Municipale, il comando stazione Carabinieri, l’Asp?.

Altri dubbi, per ultimo, sulle sanzioni comminabili che ci pare non rispondano alla legislazione corrente, né alla 689/1981, né al dlgs 42/2017.

Dai! Amantea è altro!

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy