A+ A A-

Ecco il comunicato stampa di Concetta Veltri e Emma Pati:

«Cooperazione tra gli assessorati, ma soprattutto un approccio sistemico che considera Amantea e Campora San Giovanni come un’unica realtà e non come due entità separate.

 

Il primo esecutivo a firma Mario Pizzino, dopo la ratifica avvenuta in consiglio comunale, si è messo al lavoro per rispondere alle istanze della collettività che non sono di certo poche.

Un compito reso ancora più complesso dal coincidente avvio della stagione estiva: sinonimo di un periodo denso di arrivi e partenze per la presenza di turisti e vacanzieri che, se da un lato garantiscono un indotto economico quanto mai rilevante, dall’altro mettono a dura prova i servizi comunali».

«In questa prima fase è quanto mai importante assicurare una perfetta pulizia delle spiagge, cercando di risolvere nel contempo le problematiche legate alla carenza idrica.

Sulla base di questo presupposto, in qualità di assessori con delega al settore manutentivo (Emma Pati) e turistico (Concetta Veltri), abbiamo avviato di concerto la sistemazione dell’arenile, evitando le distinzioni operative tra Amantea e Campora San Giovanni, consentendo dunque una velocizzazione delle procedure.

 

Un piano operativo che sarà mantenuto anche per arginare il deficit di acqua potabile che il caldo e la bassa piovosità purtroppo acuisce».

«Da questo punto di vista siamo impegnate per recuperare il tempo perduto, con la consapevolezza che una volta passata questa fase emergenziale sarà necessario programmare il territorio per renderlo più appetibile dal punto di vista turistico.

Le possibilità e le ipotesi di rilancio, nonostante le ristrettezze di bilancio, sono a portata di mano. Serve chiaramente il supporto di tutti: solo remando nella stessa direzione i frutti potranno essere raccolti, nell’interesse esclusivo della collettività».

 

L’assessore Veltri, inoltre, ha già avviato i contatti per la realizzazione del programma estivo, valutando le ipotesi già presentate all’attenzione dell’ente e valutando il da farsi con gli organizzatori degli eventi storicizzati.

Anche su questo aspetto le novità dovrebbero giungere entro breve tempo.

Con il comunicato stampa delle ore 10.19 di oggi 27 giugno svelato il mistero di tutte le deleghe conferite dal sindaco Pizzino a tutti gli assessori ed a tutti i consiglieri (meno Caterina Ciccia).

 

Ovviamente non possiamo non notare che un quotidiano locale ha postato già stamattina tutte le deleghe.

Questa volta non possiamo parlare di discriminazione vera e propria perché potrebbe anche essere che la giornalista ieri sera fosse nella affollata ed accaldata sala consiliare che non riusciva ad accogliere le persone che o stavano sulle scale od andavano via, o che, qualcuno, le ha partecipato le stesse così da poterle pubblicare..

 

Segnaliamo la cosa perché se anche nelle sedute successive dovesse verificarsi la stessa condizione si imporrà per la salute della comunità amanteana che siano autorizzate le dirette streaming, nelle forme e modalità decise dal consiglio comunale.

 

Comunque sia ecco le deleghe distinte tra deleghe legittime e le altre:

 

Mario Pizzino: sindaco, con delega ai lavori pubblici e alla Polizia Municipale. Il sindaco ha conservato a sè due deleghe importanti e difficili.

Andrea Ianni Palarchio: vice sindaco, assessore all’ambiente, alle attività produttive, all’area Pip, al porto turistico, all’igiene ed alla sanità. Un bel po’ di deleghe per il primo eletto della lista che ha vinto le elezioni.

Concetta Veltri: assessore all’agricoltura, al turismo, agli spettacoli, ai beni archeologici, ai prodotti tipici locali. Niente di particolare per la seconda eletta della liste vincente.

Luca Ferraro: assessore al commercio, all’artigianato, all’urbanistica ed ai rapporti con l’Inps. Da notare che mancano, forse inspiegabilmente, i rapporti con l’Istat, l’Inail, le casse mutue, il ministero del Lavoro, eccetera.

Emma Pati: assessore alla pubblica istruzione, alla mensa, al trasporto scolastico, ai servizi tecnologici e manutentivi. Non si comprende se nella dizione Pubblica istruzione sia da ricomprendere anche l’asilo nido. Diversamente la competenza resta in testa al sindaco

Rocco Giusta: assessore al bilancio con delega ai tributi, edilizia scolastica, Gruppo azione costiera, contenzioso, caccia e pesca, carnevale, Gruppi di azione locale. E’ un altro super assessore. Intanto per il bilancio. Una cosa strana è la dizione “con delega ai tributi”come se i tributi fossero una “cosa del bilancio”. L’altra cosa ancora più strana è che manca la delega più importante e difficile del comune di Amantea quale è la lotta all’evasione tributaria. Resta un mistero così se non vogliono farla, se non la ritengono importante, se non vogliono litigare con gli evasori, se non vogliano distribuire i tributi tra tutti i cittadini o conservarli solo tra i “soliti noti”. Si tratta probabilmente di una mera dimenticanza alla quale sicuramente si darà risposta.

 

Seguono le deleghe ai consiglieri comunali.

Pubblicato in Politica

Sono anni che i giovani amanteani non hanno tante opportunità di prestare servizio civile.

 

Ecco i 48 posti disponibili tutti nel comune di Amantea:

 

A cura dell’ Associazione FUTURA centro di Studi politici, culturali, economici, sociali e giuridici:

-          Progetto Antonio Ammaturo                                    posti 6

-          Progetto Giuseppe Saragat                                       posti 6

-          Progetto io Mi ricordo                                              posti 6

-          Progetto San Francesco d’Assisi                              posti 6

 

A cura della Project Cooperativa sociale- Onlus

-          Progetto Uniti per il nostro ambiente                       posti 20

Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Onlus

-          Volontari in App 2.0- Cosenza                                 posti 3

 

Avis in Calabria

-          Un anno con Avis in Calabria                                  posti 1

 

Per tutti i progetti la scadenza per la partecipazione è fissata al 26 giugno ore 14.00

Pubblicato in Primo Piano

Nel consiglio comunale di Amantea ci sono 2 partiti.

Quello di Amantea e quello di Campora San Giovanni.

 

Se dovessimo avere riferimento alle residenze dovremo dire che 9 sono i residenti del capoluogo ed 8 quelli di campora San Giovanni

In realtà poi non è proprio così.

Per esempio Francesca Sicoli del M5s ha preso molti più voti ad Amantea che a Campora SG dove risiede la sua famiglia originaria

Per esempio Luca Ferraro camporese doc ha preso molti più voti d Amantea che nella sua frazione.

 

Comunque questa la ripartizione teorica.

Quella reale l vedremo in consiglio man mano che si voterà sui punti all’ordine del giorno.

 

Amantea                     Tommaso Signorelli                             Una città nel cuore

                                  Francesca Menichino                            M5s

                                  Mario Pizzino                                     Lista Azzurra

                                  Robert Alosio                                    Lista Azzurra

                                  Caterina Ciccia                                  Lista Azzurra

                                  Vincenzo Giacco                               Lista Azzurra

                                  Rocco Giusta                                     Lista Azzurra

                                 Emma Pati                                         Lista Azzurra

                                 Francesca Policicchio                         Lista Azzurra

 

Campora                   Alessandro Salvatore                         Una città nel cuore

                                Eleonora Gagliardi                             Una città nel cuore

                                Francesca Sicoli                                 M5s

                                Ianni Palarchio Andrea                      Lista Azzurra

                                Veltri Concetta                                  Lista Azzurra

                                Marcello Socievole                             Lista Azzurra

                                Monica Mastroianni                           Lista Azzurra

                                Luca Ferraro                                      Lista Azzurra

La stranezza dipende dal fatto che i votanti di Campora SG sono 4471 cioè solo il 32% dei 14005 di tutta Amantea.

Insomma 4471 votanti esprimono 8 consiglieri(uno ogni 559) e 9534 votanti ne esprimono “solo” 9 ( uno ogni 1059).

Troppi i candidati di Amantea ? Forse.

La delegazione per il ponte sul savuto

Pubblicato in Primo Piano

Ecco il nuovo consiglio comunale.

 

Maggioranza: 12 componenti

Sindaco Mario Pizzino

 

Eletti per ordine di voti ottenuti

Andrea Ianni Palarchio

Concetta Veltri

Luca Ferraro

Emma Pati

Rocco Giusta

Caterina Ciccia

Francesca Policicchio

Marcello Socievole

Vincenzo Giacco

Robert Aloisio

Monica Mastroianni

 

Minoranza Lista Una Città nel cuore 3 componenti:

Tommaso Signorelli

Rosella Ferraro

Alessandro Salvatore

 

Minoranza Movimento 5 stelle 2 componenti:

Francesca Menichino

Francesca Sicoli

Pubblicato in Primo Piano

TerzaaChi vince? E’ la domanda che ripetono con insistente ripetitività?

 

Dribblo. Sempre e sostenendo che la migliore previsione è sempre quella fatta dopo elezioni.

Ed è vero. Affatto, vero.

Ma non sono il solo a supporre che chiunque vinca avrà grossi problemi da affrontare.

E’ ovvio che ogni candidato sindaco tenta di semplificare i problemi della città, sostenendo che basta un pò di buona volontà per risolverli e che, tutto sommato, la situazione non è di impossibile soluzione.

Insomma è come chi nella precedente amministrazione sosteneva che il dissesto non esisteva( ne riparleremo)

Non solo, non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire, ma anche che non c’è peggior imbecille di chi non vuole capire.

 

E così tra crediti inesigibili, debiti fuori bilancio e debiti, addirittura, nascosti, la situazione è realmente difficile.

Ed allora c’è qualcuno che comincia a sospettare che, ben al di là della buona volontà, che pur è indispensabile, chiunque vada al governo del paese avrà brutte gatte da pelare e si arriverà, a breve, a prossime elezioni

E ci si comincia a preparare

Oddio! Non è che si stia facendo già una lista, ma si comincia a parlarne.

Nel senso che si comincia a valutare la situazione ed a creare le prime ed elementari condizioni per una lista innovativa e trasversale che riesca a vincere facile, ma avendo nello schieramento tutte le qualità per una giunta capace di riuscire a governare.

Almeno così sembra osservando che politici di varie origini si incontrino e si lascino fotografare.

Un caso? Può essere.

Ma forse non è esattamente così.

Manca solo il popolo diM5s. Gli altri ci sono.

Un po’ di centro destra, un po’ di centro sinistra, un po’ di qualunquismo….. Forse la giusta miscela.

O forse è solo una discussione per fare una partita a tressette?

Buh! Vedremo durante o dopo questa difficile estate 2017!

 

Pubblicato in Cronaca

ASSESTIAMO LA CITTA' - Questo il nome della conferenza stampa organizzata dal Movimento 5 Stelle, che lancia ufficialmente la campagna elettorale per il Comune di Amantea.

 

“Assestiamo la città” è il titolo della conferenza stampa con cui la candidata sindaco di Amantea (Cs) del Movimento 5 stelle, Francesca Menichino, presenta la lista, gli obiettivi e le prospettive di governo.

 

L'appuntamento con i giornalisti si terrà sabato 20 maggio, alle ore 18 nella centrale piazza Calavecchia.

Menichino annuncia di indicare da subito il nome del futuro assessore al Bilancio e poi l'intera giunta prima del termine della campagna elettorale,«come atto dovuto alla comunità e come prova di una futura gestione credibile, affidabile e nemica degli “accorduni” degli altri candidati».

 

«Il dissesto – aggiunge Menichino – di 48milioni, che probabilmente saranno di più, si deve a responsabilità politiche di Franco La Rupa, Tommaso Signorelli, Monica Sabatino e tutti i soliti nomi ancora presenti nelle liste, appartenenti a un unico sistema politico e ora intenzionati, direttamente o per vie traverse, a restare a galla per completare l'opera di affossamento del municipio.

 

Costoro ci hanno consegnato un'eredità pesantissima, un avvenire difficile e faticoso».

«Per questo – conclude Menichino – è fondamentale tagliare ogni ponte con politici e personaggi che hanno dissanguato Amantea.

Dobbiamo fermare l'emigrazione, soprattutto dei più giovani.

Per colpa dei vecchi noti ci attendono tempi durissimi, che potremo affrontare con una sana compartecipazione dei cittadini al governo, ma soltanto garantendo indipendenza e trasparenza».

portoIl TAR Calabria, con sentenza n.763/2017 depositata oggi, ha annullato l’avviso di pagamento emesso dall’Agenzia del Demanio, con cui era stato richiesto il pagamento della somma di ben 4.058.302,37 € al Comune di Amantea, per occupazione di suolo demaniale marittimo, relativamente al porto turistico di Campora San Giovanni già oggetto di sequestro penale ad istanza della Procura della Repubblica di Paola, e di successivo provvedimento di dissequestro disposto dal Tribunale della Libertà di Cosenza e poi confermato anche dalla Suprema Corte di Cassazione. 

 

In particolare, il TAR Calabria, accogliendo le tesi dell’avvocato Nicola Carratelli, lo stesso legale che, su incarico dell'allora sindaco Monica Sabatino, aveva difeso il Comune di Amantea per ottenere il dissequestro dell’area portuale, ha annullato l’avviso di pagamento sul presupposto che l’occupazione della predetta area non poteva ritenersi abusiva, per come erroneamente ritenuto dall’Agenzia del Demanio, che aveva sostenuto  che l’occupazione dell’area demaniale nell’ambito della zona portuale, avvenisse dal 1998, senza valido titolo.

 

Nel corso del giudizio dinanzi TAR l’avvocato Nicola Carratelli ha evidenziato come il Comune di Amantea ebbe ad adottare valide e legittime concessioni demaniali per l’uso della struttura portuale, con previsione ed indicazione dei relativi canoni, in conformità alla normativa in materia, sicché non poteva trattarsi di occupazione abusiva, e tale tesi è stata pienamente recepita dai giudici amministrativi.

La sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria evita, dunque, al Comune di Amantea di subire un gravissimo nocumento patrimoniale che avrebbe ulteriormente pregiudicato la già precaria situazione finanziaria dell’Ente.

Pubblicato in Politica

“Venivano soffi di lampi da un nero di nubi laggiù” , si legge ne "L'assiuolo" di Pascoli.

 

Lo stesso negativo presagio che si coglie ancor nella poesia di Fabrizio Bregoli “Nella tempesta” quando si legge “Cupi presagi ad oriente, schiera di nere nubi raccolte, fatue flotte di spettri.

Scroscia la pioggia, dirompente sui tetti tentenna, poi tace. Eco di lampo fonde terra e cielo.

Grido disperato di tuono svanisce lontano”.

Sensazioni, presagi o, se volete, intuizioni.

Sembra che intense nubi nere stiano per giungere ad Amantea, inseguendosi l’un l’altra, e ,man mano addensandosi ed incupendosi, vibrando di forti tuoni che le scuotono mentre orribili lampi le squarciano mostrando il loro passato ed il loro futuro.

E gli uomini amanteani con la testa rivolta verso nord sembrano sostare in attesa della pioggia o forse della grandine.

Sanno che la pioggia, o grandine che sia, non farà male, od almeno non dovrebbe farne, anzi bagnerà i campi, laverà le strade portando a mare di tutto.

Temono solo il rumore dei tuoni, quello che impaurisce come il suono delle sirene della Polizia e dei Carabinieri, ed ancora più come quelle della guerra che anticipano gli attacchi aerei o navali.

E temono ancora più i lampi dirompenti e terrificanti che possono uccidere, e che da sempre impauriscono ancora oggi come impaurivano i nostri avi nascosti nelle caverne senza difese, lasciandoli scossi e paurosi nel silenzio successivo.

Sono state presentate le liste elettorali e fra un mese ci saranno le elezioni.

 

La prima parte delle competizioni successive alla caduta anticipata della giunta Sabatino si è compiuta come un disegno fatto di immagini e colori, non tutti chiari, qualcuno è sopravvissuto, qualcuno non ha avuto futuro.

Il passato non dimentica.

L’approssimazione e gli errori riemergono prepotenti dal fondo nel quale sono caduti ed ora che stanno per venire fuori non sappiamo che botto faranno e soprattutto quanti ne trascineranno dal fango del fondale.

Uno, due , tre ?

E quanti politici?

Uno, due , tre ?

 

Forse uno solo. Forse presente anche nelle recenti liste consegnate oggi 13 maggio.

Magari senza colpe o grandi colpe, magari con responsabilità molto minori di chi lo ha trascinato giù , sul fondo buio.

Difficile che le nubi ancora una volta, con complicità o meno, passino sulle cose di Amantea e sugli uomini di Amantea come avvenuto troppo spesso ed ingiustificatamente

Vedremo cosa deciderà il GIP.

Pubblicato in Campora San Giovanni

Riceviamo e pubblichiamo:

“Sembrava una lontana profezia, riconducibile alla capacità divinatoria di pochi eletti eppure è vero. La nostra previsione era esatta:

 

Eppure tre anni fa ci avevano tacciato di diffondere previsioni sbagliate e la politica della poltrona aveva continuato a diffondere proclami e a costruire disastro.  

Per anni si sono messi a bilancio entrate virtuali (impossibili da riscuotere) e creata cultura dello sperpero del denaro pubblico, come se mai nessuno dovesse pagare.

Una gestione allegramente demenziale che arriva da previsioni sbagliate, da spese fuori controllo, da pletore di consulenti, da laute mance elettorali, da clientele neanche troppo nascoste, da spese correnti per stipendi, luce, acqua, telefoni, da incapacità di esigere crediti, far pagare tasse e servizi, dal costo per mutui contratti per opere pubbliche di dubbia o nulla utilità, dal ricorso continuo e massivo ad anticipazioni di cassa con aggravio di costi e interessi, da un contenzioso crescente fatto solo per rimandare spese dovute, ecc ecc ecc.

 

Eppure ancora oggi l’irresponsabilità della stessa politica che ha portato l’Ente a questo stato di cose, tenta di sminuire la portata del disastro, presentando il dissesto come un ostacolo facile da superare, o ancora peggio come fosse colpa di tutti e quindi di nessuno.

Ma mentre la giustizia farà il suo corso, questa politica dovrà spiegare ai cittadini contribuenti che pagheranno l’aliquota massima di Imu, Tasi e Tari, che anche pagando, i servizi saranno tagliati.

 

E nonostante lo “sversamento” di responsabilità e di giustificazioni le conseguenze del disastro non saranno evitabili.

Il dissesto ha un cammino delineato dalla Legge, che lascia poco spazio a giochi di prestigio, e che è anche difficile da sintetizzare per le misure eccezionali che la Legge impone:

Chi avanza soldi dal Comune non potrà intraprendere azioni esecutive, i pignoramenti non potranno essere eseguiti, e i debiti non pagati non produrranno interessi; non si possono contrarre nuovi mutui ( MENO MALE...neanche per opere urgenti...)

Non si possono impegnare per ciascun intervento somme superiori a quelle previste nell’ultimo bilancio approvato (sempre nei limiti delle entrate accertate); i pagamenti non possono superare il limite di un dodicesimo delle somme impegnabili;le imposte e tasse locali vengono innalzate al limite massimo consentito (DA NOI ANCORA NON RAGGIUNTO) e mantenute per ben cinque anni.

La tassa sui rifiuti dovrà, essere modulata in modo da coprire integralmente i costi di gestione del servizio, e così anche l’acqua

Risparmi forzati sulla spesa corrente, sui servizi, sulla manutenzione delle strade, sugli asili, sull'illuminazione, sul personale negli uffici, meno scuolabus, meno servizi sociali, meno acquisti di libri per la biblioteca.

Addizionale Irpef all'aliquota massima consentita.

Aumento delle rette della mensa scolastica e di quelle dell'asilo.

 

Lacrime e sangue, dunque, che dovranno patire i cittadini costretti a pagare anche debiti che si accumulano sulla testa di ogni cittadino da qui a trent'anni.

Inoltre dalla procedura di dissesto potrebbero scaturire esuberi di personale che dovrà essere posto in mobilità.

E chissà cosa accadrà al personale delle Cooperative Sociali e a quei lavoratori che anche prestando opera per il Comune per anni, non sono mai stati stabilizzati.

Non sappiamo se le previsioni della legge rispetto alle incandidabilità degli amministratori riconosciuti colpevoli del dissesto potrà ripagare la Città del danno subito.

Certo è che gli accadimenti di queste ultime settimane che precedono la formazione delle liste non lasciano presagire nulla di buono; i metodi sono sempre gli stessi e questo certo non fa ben sperare.

 

Di tutto si parla nella caccia al candidato, tranne che della Città e di quello che si potrà e dovrà fare. Per convincere chiunque a candidarsi, gli astanti proclamano il certo successo della loro lista, senza preoccuparsi minimamente della sorte della nostra Città, e senza spiegare ai futuri consiglieri quali saranno le loro responsabilità.

Come al solito si pensa a come poter vincere ma non si pensa assolutamente ad amministrare.

Anche i buoni propositi e le spinte ideali proclamate dal partito locale, sono state sacrificate all’altare del volere degli onorevoli vacanzieri...che potranno così esibire nei loro congressi qualche consigliere comunale da inserire nella propria corrente...per poi ottenere incarichi e prebende.

In questo panorama desolante è assolutamente escluso il nostro impegno diretto nella competizione elettorale, mentre assicuriamo alla Città e a chi vorrà spendersi in maniera disinteressata per la collettività il nostro impegno nel continuare a costruire una indispensabile cultura che possa far crescere responsabilità politico amministrativa e spirito di servizio, di cui Amantea ha bisogno per poter guardare con fiducia e speranza al futuro

Amantea 7 Maggio 2017                              

Associazione di impegno Sociale Politico Culturale

                                                     “Insieme Costruiamo...Bene Comune”

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 17
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy