A+ A A-

Le cose viste da lontano spesso appaiono mitiche e se ne parla in modo incantato

Altre volte invece la mancanza di conoscenza ne porta a parlare solo per sentito dire

Della Calabria per una negativa abitudine si parla od eccessivamente bene, come nel caso del clima

e della gastronomia, od eccessivamente male; addirittura, come ricorda Augusto Placanica nella sua “ Storia della Calabria: dall'antichità ai giorni nostri”,sostenendo che Giuda fosse calabrese!.

Ma a cosa peggiore è che talvolta a parlar male della Calabria siamo anche noi calabresi!

Meno male che c’è chi come l’Auser, e poche altre associazioni, fanno tanto per farla conoscere.

Lo fa l’Auser di Amantea portando i soci (e non solo in soci) a girare la Calabria alla ricerca delle sue( nostre) cose più belle.

E ieri sabato 13 ottobre un intero pullman di Amanteani è partito alla volta di Cirò.

Un viaggio per conoscere un ottimo vino calabrese, il Librandi, per conoscere una eccezionale azienda agricola, vanto di tutta la regione, per conoscerne i titolari, persone che, come il socio fondatore Nicodemo, accolgono come amici i loro ospiti, nel segno della ospitalità vera e profonda di noi Calabresi, per vedere la moderna cantina, il museo agricolo aziendale ricco di attrezzi e storia, dalle anfore greche trovate negli scavi fatti sui terreni aziendali, agli antichi aratri in legno e ferro ed alle tante attrezzature usate per la vinificazione…

Un viaggio all’insegna della conoscenza della nostra terra.

Un viaggio di amicizia e di incontro.

Perle di questa giornata l’assaggio dei favolosi vini e del mitico passito Librandi.

E poi il pranzo nell’agriturismo della azienda. Una piacevole sorpresa per i buongustai .

Ad accogliere il presidente Roberto Aloe ed i soci dell’Auser, come detto, Nicodemo Librandi che ha ringraziato Amantea che grazie ad Arturo Pucci è ogni anno presente nella azienda.

Un ringraziamento esteso tramite il sindaco Mario Pizzino e la presidentessa consiglio comunale Caterina Ciccia che hanno voluto visitare l’azienda e conoscere i fautori di questa bella realtà dell’economia regionale.

Una giornata diversa accompagnata dalla fisarmonica del giovane Luca, che, come gli epici aedi greci, ha arricchito la giornata delle musiche e dei canti calabresi.

Una buona giornata trascorsa in lietezza ed in allegria.

Un grazie agli organizzatori.

Pubblicato in Cronaca

L'ex responsabile della Regione Calabria per la trasparenza e anti corruzione Maria Gabriella Rizzo, di 57 anni, ora al dipartimento turismo, è stata arrestata per corruzione e falsità ideologica insieme all'imprenditrice turistica vibonese Laura Miceli, di 67 anni.

Le donne sono state poste ai domiciliari. Dalle indagini, condotte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico - finanziaria di Catanzaro e coordinate dalla Procura, sarebbe emerso come la dirigente comunicava all'imprenditrice informazioni non divulgate su bandi non pubblicati fornendo anche attività di "consulenza".

In un caso, consapevole che la Miceli non avrebbe potuto partecipare ad un bando, avrebbe promosso la partecipazione dell'impresa che gestisce il villaggio e che, seppure formalmente intestata a terzi, era riconducibile alla Miceli.

La Rizzo ed i propri familiari, in cambio, avrebbero usufruito, a spese della Miceli, di un soggiorno a Firenze, di uno nel villaggio di Ricadi nonché di pranzi e di donazioni di vino.

Redazione ANSA CATANZARO 09 ottobre 2018

Pubblicato in Calabria

La Guardia di Finanza di Castrovillari ha eseguito un sequestro preventivo per equivalente di beni per un valore di due milioni e 300 mila euro nei confronti di un commerciante di automobili di Altomonte, indagato per evasione fiscale ed occultamento di documenti contabili.

Il provvedimento con cui é stato disposto il sequestro é stato emesso dal Gip di Castrovillari su richiesta della Procura della Repubblica.

L'indagine che ha portato al sequestro è stata avviata sulla base di un controllo fiscale effettuato dai militari della Compagnia di Castrovillari delle fiamme gialle nei confronti dell'azienda di cui é titolare l'operatore economico destinatario del sequestro, che svolge un'attività di commercio di autoveicoli in prevalenza di grossa cilindrata.

Dal controllo, che ha riguardato gli anni 2011, 2012 e 2013, l'imprenditore è risultato evasore totale, non avendo mai dichiarato ricavi per oltre sette milioni di euro ed evadendo imposte per oltre 2 milioni.(ansa 09 ottobre 2018)

Pubblicato in Calabria

Questi i torrenti e fiumi inquinati da escherichia coli: torrente Lumio e vallone Pordolo Paraporto di Terravecchia, torrente Laurenzano di Bocchigliero, fiume Coriglianeto di Corigliano Calabro, fiumi Trionto e Coserie e Vallone Cuponi a Rossano,

 

fiume Nikà e vallone Culitello a Campana ed infine bacino idrico del fiume Colognate e Vallone Maranigo a Paludi.

I valori registrati hanno certificato un alto tasso di tossicità dei corsi fluviali dovuta alla contaminazione provocata dalla mancata depurazione dei reflui fognari.

Questi gli imputati:

ex sindaco di Bocchigliero Luigi De Vincenti e responsabile dell’Ufficio Ambiente comunale Domenico Filippelli dopo il sequestro del depuratore di località Duno,

ex sindaco di Caloveto Francesco Pirillo e responsabile dell’Ufficio tecnico comunale Valeria Baraldi dopo il sequestro del depuratore di località Santa Maria Tre Scaloni,

ex sindaco di Campana Pasquale Manfredi e responsabile dell’Ufficio tecnico comunale Giuseppe Pedace dopo il sequestro del depuratore che si trova nel centro abitato del paese,

ex sindaco di Corigliano Calabro a Giuseppe Geraci, responsabile del settore Manutenzione comunale Antonio Giorgio Durante e rappresentante legale della Impec Costruzioni Achille Taglialella dopo il sequestro dell’impianto in località Ciciriello,

ex sindaco di Rossano Giuseppe Antoniotti, dirigente comunale del settore Ambiente Giuseppe Graziani, il dirigente del settore Tutela territorio Salvatore Le Pera e al responsabile della cooperativa Futura Lavoro Salvatore Rugiano dopo il sequestro dell’impianto in località Foresta insieme al responsabile del procedimento Gaetano Spataro e tecnico comunale Natale Passerino per il mancato trattamento delle acque del depuratore di località Seggio,

ex sindaco di Paludi Antonio Aurelio Cesario e responsabile dell’area Tecnica comunale Giovanni Cesario dopo il sequestro dell’impianto di località Paranilo,

ex sindaco di Terravecchia Mauro Santoro e responsabile della ditta Acri Alfonso Arcudi Acri per la cattiva gestione dell’impianto di località Lumio e del depuratore di località Lombardo Pordolo,

ex sindaco di Longobucco Luigi Stasi al gestore dell’impianto di località Acqua dei Santi Vincenzo Malomo e legale rappresentante della Giseco Italo De Martinis.

Queste le condanne emanate dal giudice Francesca Marrazzo:

Giuseppe Pedace a 4 mesi di detenzione,

Luigi De Vincenti a 6 mesi di detenzione,

Achille Taglialatela a 6 mesi di detenzione,

Salvatore Rugiano a 6 mesi di detenzione,

Giuseppe Graziani a 8 mesi di detenzione,

Salvatore Lepera a 8 mesi di detenzione,

Gaetano Spataro a 6 mesi di detenzione, Natale Passerino a 6 mesi di detenzione,

Mauro Santoro a 8 mesi di detenzione,

Alfonso Vincenzo Acri Arcudi a 8 mesi di detenzione,

Vincenzo Malomo a 6 mesi di detenzione,

Giovanni Cesario a 6 mesi di detenzione e

Valeria Beraldi a 4 mesi di detenzione.

Assolti invece Francesco Pirillo, Domenico Filippelli, Italo De Martinis e Luigi Stasi .

Pubblicato in Cosenza

Un ragazzo, S.S., di 20 anni di Vibo, è stato accoltellato sabato, dopo le 23.30, da un 15enne di nazionalità romena, nei pressi dei giardinetti pubblici “Villa Gagliardi”.

La vittima, al termine della serata trascorsa con gli amici, stava facendo rientro a casa

 

accompagnato da un ex compagno di scuola quando, all’improvviso e senza un ragionevole motivo, è stato aggredito con un coltello all’altezza della clavicola sinistra da parte di uno sconosciuto.

L’aggressore è stato messo in fuga dall’intervento di passanti.

Immediatamente allertati, i Carabinieri del Comando Provinciale di Vibo hanno da subito attivato un massiccio dispositivo di ricerca dell’accoltellatore che a seguito della descrizione fornita dalla vittima è stato identificato seppur non ancora rintracciato.

Il ferito è stato trasportato al Pronto Soccorso del capoluogo dove è stato dimesso poco dopo con una prognosi di dieci giorni salvo complicazioni.

Continuano senza sosta invece le ricerche dell’aggressore che, affetto da disturbi psichici - come d’altronde dimostrato dalla madre convocata presso il Comando Stazione Carabinieri di Vibo Valentia - non ha fatto rientro a casa dopo il fattaccio rendendosi di fatto irreperibile.

Pubblicato in Vibo Valentia

In sintesi i territori con minore presenza di imprenditori ambulanti nati in Italia sono le province di Catanzaro (solo il 20,2% rispetto al totale), Reggio Calabria (21,5%) e Pisa (23%).

 

La media italiana è ben più alta.

Fra i territori al disotto della soglia del 50% di imprenditoria autoctona del commercio ambulante si incontrano poi le province di Aosta (44,2%), Vercelli (46,3%), Alessandria (48%) e Savona (48,8%).

L’analisi territoriale svela però un’Italia dai profili molto variegati, con province in cui la quota di ambulanti italiani è assolutamente schiacciante rispetto a quella dei colleghi stranieri.

Non solo ad Enna (dove i locali sono l’86,5%), Brindisi e Bari (entrambe oltre il 75%) ma anche a Torino, dove gli ambulanti italiani sono il 67,3%.

All’altro estremo, i territori con minore presenza di imprenditori ambulanti nati in Italia sono le province di Catanzaro (solo il 20,2% rispetto al totale), Reggio Calabria (21,5%) e Pisa (23%).

L’altro aspetto che caratterizza il settore è quello legato alla forte presenza di operatori stranieri tra gli imprenditori (di poco superiore alle 100mila unità, il 56% del totale).

Tra i paesi di provenienza degli ambulanti stranieri, quello che presenta di gran lunga il maggior numero di imprenditori è il Marocco (39mila) che assomma quasi il 40% degli stranieri operanti nel settore a livello nazionale.

Seguono a distanza Senegal e Bangladesh, con consistenze analoghe (circa 15mila imprese).

La distribuzione degli ambulanti a livello territoriale dimostra che la Campania, con 30mila realtà al 30 giugno scorso, presenta il maggior numero di imprese nel comparto, ma numerose risultano anche in Lombardia (22.429 imprese registrate) e in Sicilia (19.726).

In queste tre regioni ha sede quasi il 40% delle imprese del commercio ambulante della Penisola. Calabria, Sardegna e Toscana (tutte sopra il 25%) sono invece le regioni con l’incidenza percentuale maggiore di imprese ambulanti considerando il totale delle realtà appartenenti del commercio al dettaglio.

L’articolazione per settore vede un peso significativo di quello non alimentare ed in particolare il comparto abbigliamento che, nelle sue diverse suddivisioni, rappresenta il 38,4% delle imprese del commercio ambulante.

Al secondo posto, staccata di alcuni decimi di punto, viene la categoria “altri prodotti” (tra cui fiori, cosmetici, detersivi, chincaglieria) con quasi il 38% delle attività, e solo al terzo posto il settore alimentare, il cui contributo si ferma al 18,4% di tutti gli esercizi ambulanti (con prevalenza della componente legata ai prodotti ortofrutticoli).

Il commercio ambulante viaggia verso quota 200mila ma uno su cinque parla straniero

Una impresa commerciale su 5 è ambulante.

Ma la cosa importante è che gli immigrati “occupano” abusivamente aree pubbliche e mettono in scacco i comuni.

“ Sono sempre lì. Niente e nessuno li smuove. Mandati via ritornano, allontanati non demordono e invadono quella che considerano la loro strada”.

E nessuno di loro rilascia mai uno scontrino.

Sono legittimamente evasori come sono legittimamente abusivi!

Ad Amantea operano sul lungomare senza alcuna autorizzazione e nessun controllo!

Già. Dimenticavo che siamo in Italia dove si può spacciare anche droga senza timore di essere arrestato e posto in carcere!

Pubblicato in Cronaca

Riceviamo e pubblichiamo:

“Gentile Direttore/ Redattore, chi le scrive è una cittadina crotonese che ieri ha letto la notizia dell’increscioso episodio verificatosi nel reparto di ginecologia dell’ospedale di Crotone.

Lungi da me sobillare alla violenza ma, approfitto di lei perché faccia da megafono alla mia voce, ogni caso va esaminato nel contesto in cui si verifica.

Circa due mesi fa ho avuto modo di disapprezzare proprio il reparto coinvolto che mi ha vista protagonista quasi diretta (accompagnavo mia sorella per degli accertamenti) di quanto poco rispetto e quanta poca professionalità impera in quel reparto, a cominciare dal medico che, in fase di ecografia, chiamava il primario per invitarlo la mattina successiva ad essere presente perché aveva “sottomano un qualcosa di mai visto”.

L’amore per la scienza (sic) ha dunque prevalso sull’etica professionale causando un ulteriore trauma psicologico alla paziente (mia sorella, ribadisco, ed in mia presenza) che in quel momento si vedeva diagnosticare un cistoma ovarico di oltre 30 centimetri di diametro.

Subito dopo ci siamo scontrate con altri episodi poco edificanti per un ospedale, tipo il confondere (da parte di una delle infermiere) un farmaco antistaminico con il liquido di contrasto per la risonanza magnetica prescritta alla paziente, per passare (e salto tanti altri passaggi che mi hanno costretta ad impormi con toni roboanti) al momento di eseguire la risonanza, quando l’addetto ha “pregato” che la paziente (mia sorella) riuscisse ad entrare nel “tubo” visto il volume dell’addome (un cistoma ovarico di oltre 30 cm è come un feto cresciuto troppo nel grembo della madre…).

Finita la fase di accertamento diagnostico siamo state invitate dal primario del reparto per definire il modus procedendi, e qui sorvolo sulle continue interruzioni, che ha passivamente subito lo stesso da parte di inservienti alquanto irrispettose, durante il colloquio finale.

In considerazione dei tanti fattori esposti sia dai medici che dalle circostanze si decide di affidarsi all’ospedale vicino più qualificato per il tipo di intervento richiesto e la scelta ricade sull’ospedale “Annunziata” di Cosenza che vanta la presenza di una valida equipe medica oncoginecologica guidata dal primario Dr. Morelli.

La riuscita dell’intervento ha confermato la buona fama dell’equipe ma…anche qui c’è un ma, e questo “ma” vorrei fosse chiaro a chi parla per sentito dire o per il gusto di disprezzare il proprio perché se è vero che da noi ci sono pecche (non sottovalutabili) non è detto che gli altri ne siano immuni.

Dunque, dicevo, superato l’intervento è arrivata la fase piu’ delicata: il post operatorio.

Una fase che ci ha messo di fronte all’arroganza ed al menefreghismo del 90% del personale infermieristico, basti pensare che nei 9 giorni di ricovero di mia sorella io sono rimasta con lei 24 ore su 24 per 9 giorni poiché non aveva assistenza e, quando richiesta, arrivava dopo ore e con le lamentele e, spesso, le parolacce e la voce grossa degli addetti.

Il parossismo è stato raggiunto al momento della “liberazione dal catetere”, che ha provocato una paresi vescicale che stava per portare all’arresto renale e, dopo 8 ore (dico 8 ore) di dolori atroci e sorrisini sardonici da parte delle infermiere e del medico di turno quel pomeriggio, ha trovato la soluzione perché io (mia sorella era troppo debilitata per alzare la voce) mi sono imposta minacciando di rivolgermi ai Carabinieri.

Fortunatamente e grazie alla mia “maleducazione” il tutto si è risolto ma se non fossi stata “maleducata”?

La cosa peggiore è che in quel di Cosenza ho riscontrato un’usanza che (ahimè) esiste anche a Crotone (ed in altri ospedali): chi è valido viene boicottato, viene deriso e viene ostacolato nello svolgimento di quella che io definisco una missione, questo per dire che gli angeli esistono anche in mezzo ai demoni e l’angelo che abbiamo conosciuto ha il viso dolcissimo di una ragazzina ma appartiene ad una donna (infermiera) che vive il suo lavoro come una missione, ascoltando le pazienti e cercando di alleviarne i disagi.

Ma è sola e non fa numero.

Concludo questo mio “sfogo” ricordando a tutto il personale sanitario che opera negli ospedali che se una persona si trova a dove ricorrere al servizio ospedaliero lo fa perché ha un problema di salute e non certo perché non sa dove passare la giornata, per cui ci vuole umanità nella stessa misura della preparazione, ci vuole pazienza ed amore per il prossimo perché un sorriso aiuta spesso più di un farmaco e perché un ammalato è una persona fragile e timorosa.

Grazie per l’attenzione, Paola Turtoro – cittadina crotonese.

Pubblicato in Calabria

anticoDomenica 24, in Via Spadolini dalle 8.00 alle 20.00

CROSIA (Cs) – Giovedì, 21 Giugno 2018 – Al via il Mercatino del Riuso e dell’Hobbistica. Una novità esclusiva che si basa sulla vendita o sullo scambio da parte di privati e associazioni, di oggetti, anche da collezione, usati o di propria produzione.

Domenica 24 Giugno, dalle ore 8.00 alle ore 20.00, in Via Spadolini l’evento promosso dal Comune di Crosia - Assessorato alle attività produttive, diretto da Simona Stasi.

Chiunque fosse interessato a prendere parte al Mercatino del Riuso e dell’Hobbistica, che avrà luogo ogni Domenica del mese dovrà presentare formale istanza al Comune rivolgendosi allo sportello municipale del Commercio e delle attività produttive, contattando il centralino del Palazzo di Città allo 0983.405016. È importante il riscontro partecipativo dei cittadini, in quanto dipende dalla loro volontà di partecipare che si determinerà la buona riuscita dell’iniziativa. Al mercatino possono partecipare anche i non residenti a Crosia.

Il mercatino non è destinato a forme imprenditoriali ma solo ad un commercio di tipo occasionale che esclude, ovviamente, qualsiasi attività di commercio su area pubblica. E pertanto non è soggetta alle normative fiscali di settore.

Pubblicato in Calabria

Per anni i politici ed i super burocrati calabresi hanno “falsato” le verità circuendole di un alone che è servito a lasciar credere fatti non veri.

Per farlo, grazie alla stampa guidata ed indotta, hanno offerto vergognose falsità, fatte di selfie e di dati bugiardi.

Ma ora sembra che quelli che non si lasciano guidare, indurre, comprare, cominciano a svelare alcune verità.

Attenti però!

Prima delle prossime elezioni regionali li vedrete tantissimo in giro per la Calabria a fare film, foto, ad abbracciare, a promettere, a prendere in giro sindaci, assessori, consiglieri comunali, cittadini.

Ma voi non vi fate prendere in giro! Anzi registrate le loro promesse ed inviate il tutto alla procura di Catanzaro…..

Ma ecco le prime verità: «Record sui fondi Ue? Macché, è un flop» di D. Gattuso* e M. Olivieri**

“No, la Calabria non è la prima regione al Sud per capacità di utilizzazione dei fondi comunitari e non è neppure tra le regioni più virtuose d’Italia quanto a capacità di spesa.

A quanti tentano ancora di confondere le acque, parlando addirittura di “miracoli” ad opera dell’attuale giunta regionale, o millantano presunti successi nello stato di avanzamento della spesa comunitaria 2014/20, non possiamo che richiamare quanto affermato nel recente rapporto di Banca d’Italia sull’economia calabrese, pubblicato il 14 giugno scorso, secondo cui «le risorse impegnate in progetti avviati, o in fase di avvio, ammontano al 40,8 % della dotazione totale, un dato inferiore alla media nazionale».

Tale percentuale si riferisce all’ultima rilevazione effettuata dalla Commissione Europea ed è aggiornata a dicembre 2017.

Di questa cifra – continua la Banca d’Italia – la spesa effettivamente realizzata sui fondi Ue 2014/20 «risulta ancora ridotta» e ferma al 5,8 % della dotazione.

In altre parole, c’è un restante 60% dei fondi comunitari che ad oggi non si è ancora deciso come spendere.

Si tratta di cifre che aumentano la distanza della Calabria dal resto d’Italia e la tengono lontanissima dalla media europea.

Considerato che il solo Programma Operativo Regionale (POR) della Calabria, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dal Fondo Sociale Europeo (FSE), prevede una dotazione complessiva di circa 2,4 miliardi di euro, e che ad oggi risulta un residuo del 33,4% di spesa da certificare entro il 31 dicembre 2018 se si vuole scongiurare il disimpegno automatico delle risorse, questo significa che le spese ancora da certificare ammontano a circa 149 milioni di euro su un totale di 446 milioni.

La speranza, è che tutti i pagamenti effettivi (cioè i soldi effettivamente fluiti nell’economia calabrese) possano essere regolarmente certificati.

Ma, come si diceva, al momento non vi è alcuna certezza.

Peraltro se la capacità di spendere è un indicatore significativo ai fini della valutazione dell’efficacia delle politiche regionali in materia di fondi comunitari, restano molti dubbi sulla qualità della spesa, ovvero sulla reale capacità di produrre effetti virtuosi in termini di crescita economica, maggiore occupazione stabile, migliori indici di qualità della vita, ecc. Gli impatti, ad oggi, sono inconsistenti.

I dati della Banca d’Italia – a dir poco imbarazzanti per il governo regionale – sono quelli ufficiali forniti dalla Commissione Europea, e pertanto spiace dover tornare per l’ennesima volta sull’argomento, al solo scopo di rettificare le mirabolanti dichiarazioni di qualche consigliere regionale, che ama dipingere scenari fiabeschi che nulla hanno a che fare con la dura realtà delle cose. Se lo facciamo è solo per amore della verità, poiché riteniamo che si stia cercando di carpire la buona fede dei calabresi, ipotecando le loro speranze in un futuro migliore. La verità è che stiamo assistendo negli ultimi 5 anni ad un periodo di crescita fittizia senza occupazione stabile e di qualità; i dati contabili sulla crescita del Pil tendono a mascherare la diminuzione del Pil pro-capite (accertata dall’ultimo rapporto Svimez, di pochi mesi fa), nonostante lo spopolamento in atto della nostra regione.

Gli ultimi dati Istat di pochi giorni fa, ci informano infatti che – nel solo 2017 – la Calabria ha perso altri 9.000 abitanti. In questo quadro, l’intera programmazione comunitaria della Regione Calabria non sta portando nessuno dei risultati sperati e tanto strombazzati da chi governa.
Nel frattempo, si continua a consumare in silenzio un vero e proprio crimine ai danni dei calabresi e soprattutto delle categorie sociali più svantaggiate, a causa dell’insipienza di un’amministrazione regionale che non solo non è in grado di programmare e gestire proficuamente la spesa comunitaria, ma che addirittura pretende di autoassolversi, giudicando se stessa degna di potersi sedere al tavolo delle regioni virtuose.

La verità è che a soli due anni di distanza dalla scadenza naturale della programmazione comunitaria, la giunta Oliverio non è in grado di presentare risultati degni di nota.

Si continuano a presentare pillole indorate, puntando solo ad ingrossare le fila di clientele interessate. Come altrimenti spiegare i ritardi, le continue rettifiche, le incessanti integrazioni, e i differimenti dei termini che colpiscono sistematicamente tutti i bandi finora pubblicati dalla Regione Calabria?

Un caso su tutti: il bando sull’offerta turistica a valere sul Fondo Fesr (Azione 3.3.4).

Nonostante sia stato pubblicato a settembre 2017, a giugno 218 non è stato ancora aggiudicato. Per una regione che dovrebbe vivere di turismo tutto l’anno si tratta di una vera tragedia.

Verrebbe da chiedersi cosa facciano tutto il giorno gli amministratori regionali ed i relativi dirigenti generali. Ma di ciò nessuno gradisce parlare, e ci si attarda invece su narrazioni romantiche di una Calabria dipinta come meta turistica d’eccellenza, che – per la verità – esiste solo nelle fantasie di chi governa.
Paradossale, quindi, appare la situazione politica calabrese, caratterizzata da un Consiglio Regionale improduttivo e contraddistinto dalla sostanziale assenza di opposizione dialettica. Le tradizionali connotazioni partitiche di destra e di sinistra sono sparite e ci si trova di fronte ad un’informe, scolorita ed impreparata classe politica, lontanissima dai paradigmi di una classe dirigente di cui la Calabria avrebbe davvero bisogno.

Non è un caso che si registrino di questi tempi prove di inciucio, in parte sperimentate in territorio cosentino con la vicenda della Metro, e in corso di sperimentazione a Catanzaro con maldestri accordi su “grandi opere” di mediocre levatura; prove indirizzate, probabilmente, all’esclusivo obiettivo di mantenere poltrone, ormai traballanti.

Il deciso cambio di passo chiesto dalla società civile calabrese al Presidente della Regione non c’è mai stato e, anzi, per molti aspetti si ha l’impressione di essere tornati indietro, sia nei risultati amministrativi che sul piano politico, visto che la giunta regionale è arenata nel goffo tentativo di difendere quel che resta della casta politica e burocratica calabrese, ormai indifendibile.

*docente Università Mediterranea 
**economista

Pubblicato in Calabria

Riceviamo e pubblichiamo una poesia di FABIO STRINATI(* vedi biografia in fondo all’articolo)

Grazie a questo giovane poeta abbiamo l’occasione di ricordare uno sconosciuto eroe calabrese.

 

 

“Onesto fino in fondo

come la primavera che arriva lesta

e nei campi pronti e dormono intorno,

ancora gli eleganti gigli

come grilli ai confini di una notte pesta

che arriva in fretta come serpenti

viscidi, nell’ombra del peggior inganno...,

come la morte maligna che lavora sempre,

senza riposo nemmeno quando il sole presta

quel suo raggio alla domenica in festa,

e le campane, che rintoccano il tuo nome buono

senza chiederti nemmeno

un soldo di mazzetta!”

Ecco chi è Rocco Gatto:

“L’Omicidio.

Il 6 novembre 1976 il capoclan Vincenzo Ursini rimane ucciso in un conflitto a fuoco con i carabinieri e la 'ndrina pensa ad un'esecuzione quindi reagisce violentemente e impone il coprifuoco in tutto il paese in onore del boss defunto. Vennero rispediti a casa i commercianti ambulanti giunti fino a Gioiosa Ionica per il mercato e venne imposta la chiusura di tutti gli esercizi commerciali, ma Rocco Gatto non ci sta e si ribella nuovamente denunciando il tutto con nomi e cognomi ai carabinieri e alla magistratura. La 'ndrangheta però non tollera il suo operato e il 12 marzo 1977 si muove violentemente. Rocco era alla guida del suo furgone di lavoro lungo la strada provinciale per Roccella Ionica; i killer lo attendono sotto un ponticello e al suo passaggio gli sparano tre colpi di lupara uccidendolo.

Il sostegno della società

All'omicidio seguirono numerose manifestazioni di piazza contro la 'ndrangheta, il padre di Rocco portò avanti la sua battaglia di civiltà e nel 1978 venne creato un murale a Gioiosa Ionica in piazza Vittorio Veneto da militanti del PCI di Milano e da artisti locali in onore di Gatto e di tutte le vittime delle cosche. Il murale è stato restaurato nel 2008 grazie al contributo finanziario della Provincia di Reggio Calabria su proposta del consigliere provinciale di Rifondazione Comunista Omar Minniti, in risposta ad un appello lanciato dal Comitato pro-murales di Gioiosa Ionica e dall'Associazione daSud. In questa occasione si sono ritrovati gli stessi artisti che lo realizzarono a dar gli stessi colori sull'angolo del Cinema di allora e "Teatro Gioiosa" oggi.

« Alto è l'esempio che ha dato questo cittadino contro questo male che serpeggia nell'Italia meridionale. Il coraggio di questo calabrese deve essere d'esempio per tutti, per resistere alla mafia che rappresenta un affronto per il popolo calabrese. »

(Il Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini alla consegna della medaglia d'oro al valore civile a Rocco Gatto

Il processo

Per l'omicidio di Rocco Gatto vengono indagati e rinviati a giudizio Mario Simonetta e Luigi Ursini ('ndrina Ursini) accusati di omicidio ed estorsione aggravata ma il 22 luglio del 1979 vengono assolti per insufficienza di prove dalla Corte d'assise di Locri, in Appello il 6 maggio 1986 vengono nuovamente assolti dall'accusa di omicidio per insufficienza di prove ma condannati per Estorsione aggravata Mario Simonetta a sette anni di reclusione e Luigi Ursini a Dieci anni di reclusione più due milioni di lire di multa, sentenza che viene confermata dalla Corte Suprema di Cassazione il 14 aprile 1988.

Onorificenze

Medaglia d'oro al valor civile

«Pur consapevole dei pericoli cui andava incontro, non esitava a collaborare ai fini di giustizia nella lotta contro la mafia e a reagire con audacia alle intimidazioni di cui era fatto oggetto. Cadeva sotto i colpi d'arma da fuoco in un vile e proditorio agguato tesogli da due appartenenti alla suddetta organizzazione. Mirabile esempio di spirito civico e di non comune coraggio.»
— Contrada Armo di Gioiosa Jonica, 12 marzo 1977

(*)Biografia di Fabio Strinati ( Esanatoglia 1983 ) Poeta, artista, e compositore.

Sue poesie sono state tradotte in romeno e in spagnolo.

È inoltre il direttore della collana poesia per Il Foglio Letterario e cura una rubrica poetica dal nome Retroscena, proprio sulla Rivista mensile del Foglio Letterario, dove ogni mese, ospita poeti di fama nazionale ed internazionale.

Strinati è uno studioso dell’olismo, della patafisica, della poesia visiva, sonora, elettronica e concreta.

Pubblicato in Calabria
Pagina 1 di 25

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy