A+ A A-

Non si è spenta l’eco del disastro nella galleria Paola Cosenza ed ecco a pochi km un altro problema

Stamattina il treno Intercity 556 diretto a Roma è rimasto bloccato per ore all’altezza di Amantea.

Ci dicono che si è guastato il locomotore tanto che per trainare il treno è dovuto giungere u altro locomotore

E peraltro il guasto del locomotore giustifica la mancanza di riscaldamento.

Sulla vicenda è intervenuto il Codacons:

L’associazione dei consumatori ha annunciato che se Trenitalia non risarcirà in automatico i passeggeri «per i danni morali subiti», scatterà l’azione legale:

«Al di là del ritardo accumulato dal convoglio a causa di un guasto, quello che è davvero inconcepibile è che nel 2017 un treno possa rimanere per ore fermo sulle rotaie, privo di sistemi di riscaldamento, privo di acqua nei bagni e senza fornire le dovute informazioni ai viaggiatori – ha reso noto il vicepresidente nazionale del Codacons Francesco Di Lieto –

Proprio la mancanza di riscaldamenti a bordo e gli evidenti disagi subiti per ore dai passeggeri, per l’impossibilità di utilizzare i servizi igienici, realizzano il diritto degli utenti presenti sul treno ad ottenere un risarcimento per il danno subito, sulla base di precedenti sentenze dei tribunali che, in situazioni analoghe, hanno riconosciuto i diritti dei viaggiatori».

Da qui la richiesta del Codacons di disporre un indennizzo automatico in favore dei passeggeri del treno rimasto bloccato: «Tutti gli utenti presenti sul convoglio possono contattarci – fa sapere il Codacons – per valutare le azioni legali da intraprendere nei confronti dell’azienda nel caso in cui non saranno disposti risarcimenti automatici».

I disagi alla circolazione ferroviaria, intanto, proseguono visto che si è ancora in attesa di un rimorchiatore che conduca il convoglio presso la stazione di Paola.

Purtroppo la Calabria - conclude Di Lieto - continua ad essere gravemente penalizzata dalle condizioni di una rete ferroviaria fatiscente.

Venerdì, 15 Dicembre 2017 13:49

Pubblicato in Primo Piano

italia-nord-sudLa signorina Ceccardi è un Sindaco leghista di un paese medio piccolo toscano, Cascina in provincia di Pisa, l’unico ad essere amministrato dalla Lega Nord. L’altro giorno è intervenuta ad Agorà, il programma di RAI3, e ha provato a spiegare agli altri partecipanti alla trasmissione sul perché i medici che lavorano negli ospedali e nelle strutture mediche del Nord dovrebbero essere pagati più di quei dottori che lavorano nelle strutture mediche del Sud. Ha detto che lei non ce l’ha con i calabresi, però, secondo lei, i medici calabresi sono meno preparati dei medici del Nord. Quelli del Nord meritano uno stipendio più corposo perché non solo lavorano in strutture migliori ma anche perché sono più preparati e più competenti. Addirittura ha affermato, parlando di malasanità, che i medici del Sud lasciano finanche i bisturi negli stomaci della gente. Gli ospiti nello studio televisivo non hanno condiviso quello che il Sindaco leghista ha affermato, la quale, non contenta, ha continuato imperterrita a criticare i medici calabresi e la sanità in Calabria che non è proprio un’eccellenza. Gli altri partecipanti hanno ribattuto che ci sono nel mondo tanti medici calabresi che operano nelle strutture pubbliche e private con grande competenza. Sono stati costretti a lasciare la loro terra perché le strutture in Calabria sono inadeguate non perché incompetenti. Di fronte alle obiezioni dei partecipanti alla trasmissione e del conduttore il Sindaco così ha concluso:- In Calabria, anche per i casi di malasanità, ci sono medici meno bravi che in Emilia Romagna -. In quella trasmissione avrebbe dovuto partecipare qualche medico calabrese per ribattere alle menzogne e alle calunnie di questo sindaco ignorante e razzista in cerca di visibilità e di qualche voto. Le elezioni nazionali sono vicine e forse si sta preparando alla competizione. Ma il Sindaco lo sa che i più grandi scandali della sanità succedono al Nord? E lo sa che molti malati del Sud che vanno a curarsi al Nord in genere ritornano nella propria terra chiusi in una bara?

Questo Sindaco non è nuovo alle provocazioni. Il 13 settembre u.s. si è scagliato contro i ragazzi africani che emigrano nel nostro paese. Ospite nella trasmissione su La 7 “L’aria che tira”, la prima cittadina avrebbe voluto sapere dove questi ragazzi hanno lasciato le madri, le sorelle, le fidanzate, le mogli e perché sono venuti da soli e si è scagliato contro il parroco don Biancaloni che li ha accolti in parrocchia e poi portati a fare i bagni in piscina. Don Biancaloni ha cercato di rispondere ma lei non ha sentito ragione.

Pubblicato in Italia

Praticamente ci sembra di poter affermare che ad Amantea soltanto l’Auser offre agli Over la possibilità di vivere essi stessi una forte emozione, ma, nel contempo, di offrire una analoga forte emozione a quanti amici, parenti ed estranei si intravvedono nella giovinezza ancora viva e pulsante degli Over 50 che salgono sul palco per dedicare a se stessi ed agli altri una canzone amata.

Una prova bellissima la abbiamo già vissuta, una sera, nella Pizzeria “L’Eroe dei due mondi”, dopo le terme Luigiane, quando, accompagnati da Victor Bonanno, molti hanno avuto il battesimo del 2017 .

Ma questa del 13 dicembre è tutta un’altra cosa.

Più bella, elegante, sfarzosa, intensa, provata e riprovata.

È la IV edizione della Manifestazione canora "Cantando over 50".

Sempre organizzata dal Circolo Auser di Amantea guidato dal vulcanico Roberto Aloe .

L'evento che si svolgerà mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 20.00 presso il Campus "F:Tonnara"

Un evento figlio della direzione artistica di Rocco Suriano, davanti al quale giorno 6 dicembre si sono svolte le prove finali.

Dice l’Auser che “Sarà un momento di festa, gratuito e aperto a tutta la cittadinanza, per promuovere la cultura dell'invecchiamento attivo, all'insegna delle emozioni delle canzoni indimenticabili come sono le risorse ed il valore di chi invecchia attivamente trovando nella musica un motivo e uno strumento per esprimere il proprio mondo interiore”.

E c’è da crederci.

Allora Vi aspettiamo mercoledì 13 /12/ 2017 alle ore 20.00 al Campus "F.Tonnara".

Buon divertimento

Ingresso ad offerta libera.

Pubblicato in Primo Piano

Fino a ieri pensavamo di scrivere questo articolo:

“Ma il Carnevale 2108 si farà?

Mancano 73 giorni all’11 febbraio, domenica di Carnevale 2018.

E non siamo riusciti a sapere niente.

Ed il capannone è chiuso.

Non ci sono i ragazzi a tagliare, saldare, incollare, mangiare un pezzo di pizza e bere una birra.

Oh. Tutto è possibile, ma abbiamo forti dubbi sulla realizzazione dei carri carnevaleschi che sono stati, sono e saranno sempre la condizione per la effettuazione del carnevale

Se fosse vero Amantea perderebbe un’ altra delle sue attrazioni.

Forse non si riuscirebbe a completare i carri nemmeno se si cominciasse subito e se si lavorasse anche la notte di Natale!

Ma poi ci sono tante voci in giro”

Poi stamattina uno che è “sempre” bene infornato ci ha riferito che la consigliera Ciccia ha fatto il miracolo!.

Sembra che si intenda approfittare dei possibili finanziamenti regionali per gli eventi storicizzati.

Speriamo che sia così.

Ma qualcuno ci sussurra in un orecchio che sarà difficile e comunque si tratterebbe di un finanziamento con erogazione incerta e sicuramente tardiva rispetto all’evento.

Occorre però evidenziare che se quest’anno il carnevale non si facesse si perderebbe i carattere di storicità

Ed ancora va richiamato il fatto che da qualche tempo si può parlare di “carnevali di Amantea” visto che manca la unicità di gestione.

E tanto a parte gli altri problemi di non facile soluzione ai quali accenneremo in altro articolo

Però occorre dire che recentemente ( il 23 ottobre 2017) il governatore Oliverio ha parlato con i tanti beneficiari dei finanziamenti per l’organizzazione di grandi festival ed eventi dicendo che:

“ Si tratta del più grande intervento di sostegno alle iniziative culturali nella storia della Regione: 30 milioni di euro per tre anni.

Il Bando “Grandi festival, eventi, iniziative e progetti per la qualificazione e il rafforzamento dell'attuale offerta culturale presente in Calabria”, pubblicato il 19 maggio 2017, ha una dotazione finanziaria di 5 milioni e 800 mila euro articolato in tre azioni.

Azione 1:

-tipologia A “Grandi Festival ed eventi internazionali (euro 1.500.000 euro);

-tipologia B “Eventi nazionali e regionali” (euro 2.300.000);

-tipologia C “Eventi regionali” (euro 600.000);

-tipologia D “Eventi non storicizzati” (euro 300.000).

Azione 2: “Rafforzamento sistema museale” (euro 400.000).

Azione 3:

-tipologia A “Valorizzazione cultura musicale” (euro 400.000);

-tipologia B: “Eventi su personalità storiche calabresi (euro 300.000).

Chissà se era stata presentata la necessaria istanza?

Noi temiamo di no! E crediamo di sapere anche i perché!

Nella foto Giangurgolo la maschera carnevalizia calabrese di ci si dice che viaggiasse con un carrozzone da teatro col quale, insieme ad alcuni suoi amici, proponesse spettacoli satirici incitando il popolo alla rivolta.(Scherziamo, evidentemente! Figurarsi il popolo calabrese che fa la rivoluzione!)

Pubblicato in Cronaca

Della serie , cioè, #Nonsenevanno daAmanteai ladria manivuote.

Ed i ladri sembra che dicano “E che scherziamo?

Ma come, facciamo tanta strada, lavoriamo di notte e non ci pagano nemmeno lo straordinario, spendiamo soldi per la benzina, ma davvero pensate che c’è ne andiamo senza niente?. Abbiamo famiglia!”.

Già. Non sarebbe logico, non sarebbe nemmeno da professionisti!

E così dopo aver provato a rubare il furgone ad Acquicella ecco che si ha notizia di un furto riuscito.

Ci riferiscono stamani del furto di un autocarro della Multiservizi.

Un autocarro, ci dicono, addetto alla movimentazione dei cassoni.

La cosa strana è che il furto sarebbe avvenuto nell’Isola ecologica di Acquicella , luogo che, stando sempre alle voci raccolte, dovrebbe essere munito di telecamere.

Ora se abbiano visto e registrato o meno non è dato sapere.

Ne riferiranno, se ne riferiranno, gli investigatori.

Ci riferiscono anche di un altro furto avvenuto stamattina presto ma di questo ne scriveremo appena avremo saputo qualcos’altro.

Ma torniamo al mezzo della Multiservizi.

Ci dicono anche che il mezzo fosse dotato di antifurto, sembra di un localizzatore GPS.

E grazie a questa apparecchiatura si è potuto rilevare che il mezzo si è diretto verso nord ma che , poi, all’altezza di Fiumefreddo il segnale non sia stato più rilevabile.

Forse è stato staccato?

Ma perché aspettare Fiumefreddo, correndo il rischio di essere fermati da una pattuglia delle forze dell’ordine in servizio sulla SS18?

Ma a quell’ora di notte ci sono pattuglie delle forze dell’ordine in servizio sulla SS18?

O piuttosto i ladri hanno svoltato verso Cerisano-Mendicino-Cosenza?

Ovviamente sono in corso ricerche da parte dei carabinieri con la collaborazione del Comando di Polizia Municipale che sta operando alla ricerca di immagini e filmati sulla rete delle telecamere che almeno apparentemente riempiono la cittadina

Noi insistiamo. Amantea ha bisogno di un maggior numero di forze dell’ordine .

Pubblicato in Cronaca

Era il 23 novembre quando il presidente della Giunta Mario Oliverio ha incontrato il personale in mobilità che lavora nel comune di Amantea che a lui si era rivolto per avere una mano nel pagamento delle indennità loro spettanti.

“Anche un solo mese- aveva detto uno di loro- Siamo sotto Natale!”

Oliverio li aveva rassicurato cogliendo anche l’appello fatto dagli amministratori di Amantea che avevano detto che tale personale era indispensabile per il comune.

E il governatore è stato di parola.

La Regione Calabria ha, infatti, reso noto che «a seguito delle interlocuzioni, il Prefetto di Catanzaro, il Ministero del lavoro e l’Inps, quest’ultimo ha autorizzato nella data ieri (lunedì 27 novembre 2017) la Regione a sottoscrivere con l’Istituto di previdenza regionale una convenzione per l’utilizzo di 15 milioni di euro per il pagamento delle indennità di tirocinio riferite alle mensilità rendicontate a tutt'oggi da parte degli enti utilizzatori».

«Ora - è scritto in una nota - si sta provvedendo alla formalizzazione della convenzione, dopodiché il Dipartimento regionale trasmetterà tempestivamente alla direzione regionale dell’Inps la documentazione necessaria per provvedere a liquidare le mensilità richieste dagli enti utilizzatori».

Si apre, così, una speranza per i circa cinquemila tirocinanti ex percettori di mobilità in deroga impegnati prevalentemente negli enti locali calabresi e, in piccola parte, in aziende private.

Buon Natale a tutti loro ed alle loro famiglie.

Pubblicato in Primo Piano

Dopo il tour di inaugurazione della A2 Oliverio compie il tour delle scuole sicure

Giovedì, 23 novembre, sarà la volta del cantiere ‘’Scuole Sicure 500’’, un grande progetto innovativo che sta diventando realtà.

Imponenti le cifre che la Giunta regionale ha investito: 406 milioni di euro per un totale di 500 progetti; 16 i lavori già completati; 90 i cantieri avviati e 300 in corso di definizione.

Il tour del Presidente Oliverio si svolgerà tra Aiello Calabro, Amantea, Falerna e Lamezia Terme.

Nella Città della Piana si terrà la conferenza stampa finale, al Liceo Campanella, dove la Regione ha un programma di investimenti di 6 milioni di euro.

L’iniziativa di giovedì 23 sarà una tappa di avvicinamento ad un convegno regionale sul tema delle scuole sicure che si terrà il primo dicembre prossimo.

“Si tratta – afferma il Presidente Mario Oliverio – del più importante investimento che sia mai stato fatto sul tema della sicurezza nelle scuole. Investire su questo tema, sulla sicurezza dei nostri ragazzi, è assolutamente fondamentale ed è uno dei temi principali che stiamo affrontando in queste settimane. Il nostro è un grande progetto che sta diventando realtà e il sopralluogo nei cantieri di giovedì prossimo, al quale ne seguiranno molti altri, testimonia di come siamo concretamente passati all’attuazione dei progetti di cambiamento della Calabria. Non secondario in questo nostro approccio è anche la ricaduta positiva per l’occupazione e per tutti quei lavoratori che troveranno possibilità di impiego nei cantieri”.

Questo il sopralluogo nei cantieri

23 novembre 2017

Ore 10,00 Aiello Calabro

Scuole primaria “C. Perri Cantafio”, via Nuova

Scuola secondaria di I° grado “C. Arlia”, via Campo

Ore 11,30 Amantea

I.T.C. “C. Mortati”, contrada S.Maria

Ore 12,30 Falerna Scalo

Scuola d’infanzia, viale dei Normanni

Ore 14,30 Lamezia Terme

IPSIA“Leonardo Da Vinci”, via S. Miceli

Ore 16,00 Lamezia Terme

Liceo delle Scienze Umane “T. Campanella”, via Cavallerizza

Nuove regole distacco utenzeAmici miei carissimi, oggi vi voglio parlare di un episodio tragicomico, comico per voi che leggete e tragico per la protagonista. Restate seduti davanti al computer e statemi bene a sentire. Non abbiate paura, non c’è alcun spargimento di sangue e non ci sono morti o feriti. C’è una signora anziana che vive a Prata, un comune della provincia di Pordenone, da pochi giorni rimasta vedova, che si è vista recapitare dall’Audax Energia di Vinovo, azienda che gestisce la fornitura di energia elettrica, una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno che le intimava di saldare il debito con l’azienda entro e non oltre il 3 dicembre p.v. altrimenti le sarebbe stata staccata la corrente. La signora quando si è vista recapitare la raccomandata ha avuto paura. Mamma mia, perché questa lettera proprio ora che mio marito è morto? Mi vogliono togliere la pensione? L’ha aperta con le mani tremanti e il cuore in subbuglio. Legge attentamente la missiva, la data di spedizione, il numero di protocollo, l’oggetto e poi : O paghi quanto dovuto oppure ti togliamo la corrente. La corrente no, incomincia ad imprecare la vecchina. Come faccio senza la luce elettrica? Il frigo e la televisione senza corrente non funzionano. E come faccio a riscaldare la stanzetta senza la stufetta elettrica? Continua a leggere. L’importo da saldare penserà qualcuno sarà di centinaia di migliaia di euro come spesso è accaduto in passato. No, l’importo da saldare, tenetevi forte, è di un solo centesimo. Avete letto benissimo, solo un centesimo, 10 lire di un tempo, neppure il costo di una caramella. Se uno di voi desse ad una persona che chiede l’elemosina un centesimo non solo riceverebbe contumelie a non finire, ma il centesimo vi verrebbe tirato in faccia. Io non accetto l’elemosina da chi osa insultarmi in questo modo. Te lo potresti mettere a quel posto, brutto pezzente. L’episodio è realmente accaduto ed è stato riferito dai giornali quotidiani nazionali: Il Gazzettino, il Corriere della sera, Il Fatto quotidiano. L’azienda della luce interpellata su quanto successo così ha risposto:- Valuteremo l’accaduto-. Ma non c’erano, mi domando, altre modalità di recuperare la somma dovuta? E la lettera raccomandata con ricevuta di ritorno non né costata all’azienda più di un centesimo? Molto, ma molto di più di 7 euro. O forse sarà la signora a pagare le spese nella prossima bolletta mensile sperando che la corrente non le venga tolta? A prendere la difesa dell’anziana signora non solo sono intervenuti tutti i suoi parenti ma anche il Codacons che ha dichiarato di voler denunciare l’Audax Energia per violenza privata. Perla finale. Siccome il costo del pagamento si doveva fare tramite bonifico bancario la banca avrebbe chiesto 5 euro per l’operazione. Chi ha spedito la lettera mi sa che è un ignorante, un incapace, e dovrebbe essere mandato a casa a fare un altro lavoro. Bastava aggiungere un centesimo nella prossima bolletta e chiudere la cosa. Dia l’azienda un buon esempio: gli incapaci, il responsabile della stronzata a casa. Non si possono mandare alle persone per lo più anziane bollette di gas, luce e acqua di importi così ridicoli o esorbitanti per conguagli risalenti a molti anni addietro. E i miei cari amici di Amantea ne sanno qualche cosa quando quest’estate si son visti arrivare bollette dell’acqua di oltre 500 euro. Non per colpa dell’utente ma all’adempimento del fornitore o del distributore che ha omesso di effettuare le letture periodiche dei contatori.

Pubblicato in Calabria

black-friday-loadingI commercianti di Amantea, località turistica del Tirreno cosentino conosciuta ed apprezzata non solo per la qualità delle proprie spiagge e per la bellezza del paesaggio, si sono organizzati per proporre una serie di eventi che possano in qualche modo legare il caldo di luglio e agosto con il clima natalizio di novembre e dicembre. Per dare seguito a questo importante passo hanno cominciato a fare rete e ad agire in maniera sinergica, allo scopo di vivere la città come un unico spazio all’aperto, nel segno della condivisione e della spensieratezza. Nasce così il fine settimana dedicato al “black friday” che mette insieme attrattive, gastronomia, cultura e, ovviamente, la possibilità di acquistare nei tanti negozi del centro a prezzi scontatissimi. Un’ottima occasione, dunque, per anticipare il Natale, con il sorriso e con una mano sul portafoglio.

Il “black Friday” di Amantea, è proprio il caso di dirlo, aprirà le danze venerdì 24 novembre alle ore 15 con una memorabile parata di 135 ballerine che partirà dal Lido Azzurro sul lungomare, per poi percorrere via Margherita, corso Vittorio Emanuele e raggiungere piazza Cappuccini. In questo progetto sono state coinvolte tutte le scuole di danza della città che, eccezionalmente, offriranno questo spettacolo unico e irripetibile in formazione congiunta. I vari gruppi, a partire dalle ore 17, si divideranno in diversi punti per continuare ad allietare i visitatori con musica e balli. Il programma prevede esibizioni in piazza Calavecchia, piazza Mercato Nuovo, piazzetta degli Amanteani nel mondo e la già citata piazza Cappuccini.

Sabato 25 novembre tutti gli ottanta negozi aderenti all’iniziativa saranno aperti a partire dalle ore 15. Su via Margherita e corso Vittorio Emanuele si svolgeranno ben 15 spettacoli diversi, tra animatori, giochi popolari e gruppi musicali. Un percorso entusiasmante, tra vetrine ricche di prodotti scontati e spettacoli da non perdere, fino a tarda sera.

Domenica 26 novembre le attività commerciali faranno orario continuato. Sarà dunque possibile trascorrere una piacevole domenica ad Amantea fin dalla mattina. Alle 8.30, sempre dal Lido Azzurro sul lungomare, partirà il trekking urbano per scoprire le vie del paese passando dal parco della Grotta, dalla chiesa di San Francesco d'Assisi e dal meraviglioso centro storico. Scendendo dalla scalinata di San Bernardino si arriverà direttamente in centro per l'ora di pranzo, dove si potrà gustare la cucina locale, a prezzi speciali, nei vari punti ristorazione aderenti all'iniziativa. Non mancheranno le attrazioni per i più piccoli: giochi gonfiabili gratuiti in piazza Cappuccini e ben 20 mascotte dei cartoni animati che passeggeranno su via Margherita.

Pubblicato in Primo Piano

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota dell’ amministrazione comunale:

“Con missiva del 14 novembre scorso, il Sindaco Mario Pizzino ha formulato al Dipartimento Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali della Regione Calabria la richiesta di proroga di sei mesi per i lavoratori percettori di mobilità in deroga, di cui al Decreto Regionale n.1336 del 09/02/2017.

Anche in considerazione delle difficoltà economiche che soffrono gli Enti locali e, particolarmente, del dissesto finanziario che interessa il nostro Municipio, tale proroga rappresenterebbe un elemento di grande importanza rispetto alla capacità del Comune di porre in essere adeguate politiche concernenti la messa in sicurezza del territorio ed il decoro urbano.

Sinora alcune conseguenze negative dovute alla mancanza di personale, ed all’impossibilità di assumere, sono state in qualche modo attenuate, infatti, proprio grazie all’impiego di questi lavoratori che hanno consentito di gestire servizi fondamentali per la città.

«Come anche altri comuni – ha commentato il Sindaco Pizzino – Amantea soffre della mancanza di personale per la gestione del territorio comunale.

Allo stato attuale, risultano effettivamente in servizio soltanto 4 unità lavorative a tempo indeterminato, di cui 2 unità all’interno degli uffici e altre 2 unità adibite ai servizi esterni.

Tale situazione rischia di penalizzare l’erogazione dei servizi pubblici più essenziali.

Una situazione resa ancora più difficoltosa, oltre che dalla mancanza di personale, anche dalla carenza di risorse finanziarie derivante dai continui tagli nei trasferimenti erariali e dei sempre più stringenti vincoli di spesa imposti.

Ecco perché – ha continuato Pizzino – consentire una proroga significherebbe per il nostro comune un sostegno reale alla gestione dei servizi, in quanto i soggetti in mobilità sono già formati e che( ed) hanno pienamente acquisito le competenze utili all’espletamento delle loro funzioni.

A tal riguardo, preme sottolineare che nel mese di settembre è stata inoltrata la richiesta di pagamento per le spettanze ancora non corrisposte.

L’auspicio – ha concluso il Sindaco - è quello di ricevere un riscontro positivo al quesito posto così che le legittime aspettative dei predetti lavoratori possano contemperarsi con le altrettanto comprensibili necessità dell’Ente comunale.

Una speranza legata alla possibilità di impiegare anche gli altri lavoratori inseriti in graduatoria, che consentirebbero una migliore gestione e attenzione ad un territorio vastissimo come il nostro».”

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 137

I Racconti

Amazon - TV 32 pollici

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy