BANNER-ALTO2
A+ A A-

La Temesa sepolta della quale resta “Quel nulla di inesauribile segreto”

Vota questo articolo
(0 Voti)

Così scriveva Ungaretti nel suo Porto sepolto “Mi resta Quel nulla Di inesauribile segreto”

Temesa è lontana ed è sepolta.

Non solo fisicamente ma anche nella memoria.

Gli abitatori dell’antico territorio temesiano per la gran parte ne ignorano la grandissima storia.

Volutamente, scientificamente, culturalmente, socialmente.

Sono abitatori che amano le feste ed i selfie, le sagre e la musica.

 

Molto pochi gli altri, quelli che tentano di scoprire la misteriosa storia di Temesa.

La Temesa ausonica(1),la Temesa greca, la Temesa romana, la Tempsa bizantina.

Eppure ogni giorno ne esce una parte sconosciuta

Parliamo del secondo tempio rinvenuto dai pochi amanti della storia locale nella zona di Imbelli

Un secondo tempio rinvenuto quasi 25 anni dopo il primo

Era il 1992 quando il geometra comunale Pino Curcio Avvertiva segni di scavi e temendo un fabbricato abusivo avvertiva del fatto l’allora comandante della Polizia Municipale Spinelli Amerigo.

Durante il successivo sopralluogo sul posto rinvenimmo una pila quadrata abbandonata sicuramente da scavatori clandestini.

Non solo ma con una lunga bacchetta di ferro si rinvenne uno scavo profondo

Qualcuno avverti gli scavatori.

I Carabinieri fecero il resto.

E quasi subito la Soprintendenza archeologica diede luogo a cavi sistemativi condotti da Gioacchino Francesco La Torre, e che portarono alla grande scoperta in quel sito del tempio

Poi la sabbia ricoprì la zona ed avvolse nel silenzio la scoperta.

La stessa cosa successe per la villa romana del II secolo a.C. portata alla luce da dal gruppo guidato dal professor Francesco Gioacchino La Torre, insieme all’archeologo Fabrizio Mollo con la collaborazione del Gruppo Archeologico Alybas, guidato dall’ingegner Franco Froio.

Anche qui la sabbia ricoprì la zona ed avvolse nel silenzio la scoperta.

Qui i testimoni sono solo le cipolle dolci che la invadono e che vengono piantate su un prato di cocci.

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy