loading...
A+ A A-

I ladri sono entrati forzando la porta della casa, che non era dotata di impianto di allarme.

Non è chiaro per ora se l’abitazione del professore, situata in una stradina del centro storico, via Gerusalemme. che collega Strada Maggiore con piazza Santo Stefano,

sia stata scelta con cognizione di causa dopo un’attenta azione di sorveglianza dei movimenti del professore o se l’intrusione si avvenuta in modo più casuale.

L’ex premier e la moglie Flavia erano fuori città con una delegazione bolognese recatasi a Roma in visita a Papa Francesco.

E' accaduto venerdì notte e pare che il bottino consista in diversi oggetti preziosi per un valore ancora da stimare: le indagini e gli accertamenti della Polizia e della Digos sono infatti ancora in corso.

E nell’appartamento la Scientifica ha lavorato per ore, fino a notte fonda, per repertare qualsiasi piccola traccia che potesse indirizzare verso gli autori del furto.

Nell’abitazione non ci sarebbe un impianto di videosorveglianza interno, ma la polizia ha già provveduto ad acquisire tutte le immagini registrate dalle telecamere pubbliche e delle attività nelle strade vicine.

La Digos, invece, è intervenuta per verificare se si trattasse di un semplice furto oppure di un atto finalizzato a qualcos’altro, visto che nei primi anni 2000 Prodi, allora al vertice della Commissione europea, finì in più occasioni nel mirino degli anarchici del Fai.

A parte l’oro e gli orologi, però, a quanto pare dall’abitazione del Professore non mancherebbe altro, né ci sarebbero, al momento, elementi che potrebbero far pensare a un episodio legato all’ambiente sovversivo cittadino.

Un articolo de Il Resto del Carlino parla di circa 30 mila euro fra gioielli e orologi. 

Prodi fortemente addolorato ha raccontato che non ci sono stati segni di effrazione sulla porta e di aver trovato aperte le scatole che contenevano molti documenti ed ha detto :” Hanno preso la nostra vita”

«Hanno preso tutto tutto, non molte cose di valore, un bell’orologio di mia moglie, un bell’orologio mio, ma non è quello il problema. Ci hanno portato via i ricordi di una vita, di mia moglie e miei, dalla spilla della sua cresima regalata dalla nonna, a tutte le medaglie, 38 lauree ad honorem, i ricordi della vita politica e personale»

Siamo tutti curiosi di sapere chi è riuscito a rubare a Prodi!

Pubblicato in Italia

I Racconti

Amazon - Sedia

Amazon - Casa delle Bambole

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy