A+ A A-

Poverini!

Mamme e figlio avevano lavorato per ore per raccogliere le pesche

Sotto il sole, sudando.

Poi le avevano caricate sull’auto.

Infine erano ripartiti.

Ma appena usciti dal campo ecco la Guardia di Finanza

I finanzieri vista l’auto così appesantita hanno allora chiesto cosa portassero

E’ bastato aprire il cofano e trovare ben 460 kg di pesche( che fame?)

Difficile dire che il campo di pesche era loro, difficile dire che le pesche le avevano prese per il loro fabbisogno alimentare.

Ed allora non è rimasto altro che dire la verità

Le avevano rubate

Allora ai militari non è rimasto altro da fare che arrestarli

Le due persone non sono nuove a furti del genere.

Le pesche, circa 460 chilogrammi, sono state restituite al legittimo proprietario.

Pubblicato in Cosenza

E’ vero i truffatori sono sempre dietro l’angolo

Tutti dobbiamo tutelarci dai falsi dentisti ma anche dai falsi avvocati.

 

Uno di essi tale A.S., 51 anni è stato denunciato dai Finanzieri della Compagnia di Paola per i reati di truffa, falso, millantato credito, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi.

 

Allora il consiglio prima di rivolgervi a un avvocato di controllare se il suo nome si trova nell’elenco dell’ordine è un consiglio altamente valido.

Un falso avvocato del tirreno cosentino si spacciava per avvocato e prometteva assistenza e trattamenti di favore a persone che avevano debiti con l’Erario.

La Guardia di Finanza ha scoperto che negli anni dal 2013 al 2014 non ha presentato alcuna dichiarazione dei redditi pur avendo conseguito compensi per 170mila euro proprio grazie a una serie di truffe perpetrate ai danni di oltre 20 persone.

L’uomo in particolare, sceglieva le sue vittime fra quanti avevano posizioni debitorie (anche verso l’Erario) o che necessitavano di assistenza in pratiche di ”concessioni pubbliche” in diversi settori statali e si presentava loro come avvocato, millantando crediti e conoscenze di vario tipo presso Tribunali o altri Enti.

Prometteva quindi la risoluzione delle varie problematiche dietro lauti compensi che percepiva ovviamente senza effettuare la relativa (illecita) prestazione, truffando i malcapitati.

 

Per le sue truffe, si serviva anche di timbri ufficiali e documenti intestati a Giudici o Cancellieri realmente esistenti e dietro lauti compensi prometteva la risoluzione delle varie problematiche.

L’esame dei flussi finanziari e le dichiarazioni delle vittime hanno permesso alle Fiamme Gialle calabresi di ricostruire l’ammontare dei proventi annui illecitamente percepiti dal professionista, che sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate per i recuperi a tassazione, in applicazione della normativa che disciplina la ”tassazione dei proventi illeciti”

Pubblicato in Paola

Ma Cosenza è una capitale della droga?

Sembrerebbe dimostrarlo il fatto che mentre la Squadra Mobile di Cosenza metteva a segno sette arresti bloccando un'organizzazione dedita allo spaccio di droga, la Guardia di Finanza, sempre coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza, metteva a segno una seconda operazione, applicando un'ordinanza del Giudice per le indagini preliminari di Cosenza, denominata "Ovuli itineranti" nei confronti di un gruppo di persone ritenute responsabili, a vario titolo, di usura, spaccio di sostanze stupefacente e furti.

Una operazione che ha portato all’esecuzione di 4 misure cautelari personali e di varie perquisizioni locali, effettuate con l’ausilio delle unità cinofile del Corpo

Ma già nei mesi scorsi erano stati arrestati ( lo scorso mese di marzo), due spacciatori che avevano ingerito ovuli imbottiti di eroina.

Le indagini sono partite da un usuraio appartenente alla malavita cosentina che applicava interessi annuali pari al 120 % della somma prestata usuraie ai danni di una vittima, che versava in condizioni di difficoltà economica.

Le fiamme gialle hanno ricostruito i rapporti d’interesse tra l’usuraio ed altri soggetti dediti principalmente allo spaccio di droga, destinata al consumo locale, ed ai furti di accessori di autoveicoli, rivenduti nel mercato parallelo per occultarne la provenienza.

Gli spacciatori, secondo quanto ricostruito dalla Finanza, per rifornirsi della droga stipulavano accordi preliminari con i fornitori, situati nella zona di Casal di Principe, e incaricavano del trasporto altre persone che ingerivano ovuli contenenti eroina, all’interno del proprio corpo, e ricevevano un compenso solo se la consegna andava a buon fine.

Ad insospettire i finanzieri è stato il comportamento di alcuni individui che si recavano frequentemente nella città di Cosenza, simulando visite di cortesia nei confronti di amici o conoscenti, mentre nei fatti operavano come veri e propri corrieri umani di droga.

Il monitoraggio di questi comportamenti ha permesso di selezionare due uomini, provenienti dalla zona del casertano, che sottoposti ad esami diagnostici risultavano aver ingerito un considerevole quantitativo di “eroina bianca”, caratterizzata dall'elevata purezza, con cui si sarebbero potute realizzate oltre 700 dosi.

Provvidenziale si è rilevato l’arresto di uno dei due soggetti, gravato da precedenti specifici, che aveva programmato, nei giorni immediatamente successivi, l’esecuzione di una rapina in un ufficio postale situato nella provincia di Cosenza.

Le tecniche di trasporto occulto attraverso l'ingestione di ovuli, particolarmente difficile da individuare in occasione dei controlli di polizia, risultano molto pericolose per la salute dei soggetti che le praticano poiché li espongono al rischio di rottura degli ovuli e alla diffusione diretta della sostanza stupefacente nell’organismo.

Pubblicato in Calabria

Le Fiamme Gialle di Melito Porto Salvo, con l'ausilio degli elicotteri della sezione aerea della Guardia di Finanza di Lamezia Terme, hanno individuato e successivamente sequestrato una piantagione di marijuana in un terreno nel Comune di Bianco.

Le piante, in ottime condizioni, erano ben nascoste all'interno di un fitto roveto, in alcune parti alto più di 5 metri.

Si tratta di oltre 300 piante che avevano un'altezza media superiore ai due metri e mezzo.

Una piantagione di cannabis del tipo Skunk Parliamo di un quantitativo sequestrato che ammonta ad oltre mezza tonnellata, circa 508 chilogrammi.

Il tipo Skunk è una una qualità di cannabis ottenuta fondendo le linee genetiche native del Messico, della Colombia e dell'Afghanistan.

Oltre allo stupefacente è stato sequestrato l'intero impianto di irrigazione costituito da tubi in gomma Pvc per un totale di circa 800 metri.

Sequestrati anche attrezzi agricoli e i fertilizzanti utilizzati per la coltivazione.

Le indagini sono tutt'ora in corso alla ricerca dei responsabili.

Pubblicato in Reggio Calabria

L’uomo ha percepito indebitamente la pensione sociale perché emigrato in America latina.

 

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza ha sequestrato beni per un valore di circa 100.000 euro nei confronti di una persona che, omettendo di comunicare all’I.N.P.S la sua emigrazione in uno Stato estero, ha percepito indebitamente assegni sociali a favore di cittadini in difficoltà economiche che abbiano compiuto 65 anni e siano residenti stabilmente in Italia.

In particolare i Finanzieri, analizzando posizioni sospette, hanno smascherato una persona di fatto emigrata in America Latina che, tuttavia, risultava fittiziamente residente in un Comune dell’Alto Tirreno cosentino.

 

I meticolosi controlli hanno permesso di appurare che il beneficiario degli assegni sociali, al compimento dei 65 anni, era rientrato volutamente in Italia dal Venezuela per richiedere la provvidenza, era restato nel nostro Paese per pochi mesi al fine di acquisire una residenza ad hoc, e aveva presentato all’I.N.P.S. la documentazione occorrente per l’ottenimento del beneficio.

 

Tutto apparentemente in regola, ma raggiunto lo scopo ed ottenuto il riconoscimento dell’assegno sociale, l’uomo è ripartito per l’estero per fare ritorno nel Paese dell’America Latina.

Per tale motivo è stato denunciato all’A.G. per i reati previsti dagli articoli 81 e 640 del Codice Penale (truffa continuata), in quanto di fatto ha aggirato i requisiti richiesti dalla Legge 335/1995 per ricevere specifici contributi erogati dall’I.N.P.S., ossia la dimora effettiva sul territorio nazionale

L’attività investigativa delle Fiamme Gialle ha consentito, innanzitutto, di bloccare l’erogazione indebita ma, soprattutto, ha portato al sequestro preventivo su disposizione del Giudice per le Indagini preliminari, di una serie di beni, di valore equivalente alle somme illecitamente percepite. Sono state sequestrate disponibilità liquide depositate su un conto corrente, una polizza vita nonché un’autovettura di pregio, per un importo complessivo di circa 100.000 euro.

La tutela della spesa pubblica nazionale rappresenta uno dei primari obiettivi della Guardia di Finanza, al fine di consentire la destinazione di risorse alle reali persone che ne necessitano e che hanno i requisiti per l’accesso a tali misure di assistenza.

Pubblicato in Cosenza

Un furgone rubato con all’interno capi di abbigliamento del valore complessivo di circa 20 mila euro è stato ritrovato sul lungomare nord di Paola, nel cuore della notte, alle ore 03:00 circa, dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza.

Gli autori del furto stavano effettuando operazioni di trasbordo della merce rubata, dal furgone alle autovetture, quando alla vista delle Fiamme Gialle di Paola, in servizio di controllo economico del territorio, sono fuggiti abbandonando il veicolo.

La presenza di un’altra automobile, ferma a pochi metri di distanza dal furgone e con all’interno una persona – sul sedile passeggeri –, ha subito insospettito i Finanzieri che hanno proceduto al controllo dei documenti del soggetto – risultato essere un cosentino pluripregiudicato per reati specifici contro il patrimonio, nonché all’ispezione del mezzo, rinvenendo nel bagagliaio oggetti atti ad offendere ed arnesi idonei allo scasso (cd. piedi di porco, chiavi, grimaldelli, cacciaviti e seghetti).

Entrambe le autovetture sono risultate prive di copertura assicurativa e sono state quindi sottoposte a fermo dai Finanzieri calabresi.

All’esito delle indagini, scattate immediatamente, il citato pluripregiudicato – risultato uno dei malviventi – è stato denunciato all’A.G. per furto aggravato, porto di armi od oggetti atti ad offendere e possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

Nella stessa notte, inoltre, è stato fermata un’altra persona trovata in possesso di 15 grammi di marijuana, sottoposta a sequestro.

Il detentore è stato segnalato alla Prefettura di Cosenza.

Pubblicato in Paola

Un territorio deve essere tutelato, aiutato, difeso da tutto lo Stato, sia esso rappresentato dall’ente comune che dalle forze del’ordine.

 

E’ il caso di Praia a Mare che non ha solo un bel paesaggio e tante ricchezze naturali, ma anche una organizzazione ambientale tale da meritare la bandiera Blu ma nel quale la Guardia di Finanza trova una discarica abusiva di rifiuti speciali.

 

Già! La Guardia di Finanza fa sul serio come avvenuto a Praia a Mare.

Qui ha trovato e sottoposto a sequestro una discarica abusiva di rifiuti con materiale edile di scarto, in particolare vetro, alluminio e guaine bituminose in avanzato stato di decomposizione.

 

Un totale di 58 tonnellate di rifiuti speciali abbandonati in un terreno di una società immobiliare.

E per scoprire i responsabili degli abbandoni sono stati effettuati appostamenti, anche in orari notturni, fino a che è stato individuato il soggetto, che, ripetutamente e tramite alcuni mezzi di trasporto, raccoglieva rifiuti e resti di attività industriali ed edili abbandonandoli illecitamente nel terreno.

 

L'area è stata posta immediatamente sotto sequestro e il responsabile delle violazioni contestate è stato denunciato all'autorità giudiziaria per "Attività di gestione di rifiuti non autorizzata".

 

Ora la società immobiliare che non ha controllato il suo terreno sarà tenuta a effettuare le operazioni di rimozione, di recupero, smaltimento dei rifiuti, nonché di bonifica e di ripristino dello stato dei luoghi.

Ovviamente in con il responsabile dell'illecito abbandono dei detriti.

Le operazioni necessarie a ciò saranno disposte con un'ordinanza del sindaco del Comune interessato che fisserà il termine entro cui provvedere, decorso il quale si procederà all'esecuzione in danno dei soggetti obbligati.

L'autore del reato rischia l'arresto da uno a tre anni e un'ammenda fino a 52.000 euro.

 

NdR.

Ma nessuno ha visto questi mezzi che trasportavano rifiuti? Nessuno li ha fermati per verificare se erano autorizzati al trasporto di rifiuti?. Nessuno accede ai cantieri edili per chiedere dove vengono inviati rifiuti? Forse c’è qualcosa da rivedere!

Sarebbe bastato seguire una sola volta uno degli automezzi e si sarebbe evitato un abuso continuato.

Pubblicato in Alto Tirreno

Questa la fortissima denuncia della deputata Dalila Nesci e della candidata a sindaco Francesca Menichino, entrambi del Movimento 5stelle.

“Sapere che resta la Guardia di Finanza è una garanzia, anche in considerazione degli appetiti della criminalità organizzata, che, come noto, cerca sponde politiche e punta ad alterare l’imparzialità della pubblica amministrazione”

Una affermazione che non lascia spazio alcuno a chi si trova dall’altro lato:

La conferma anche nelle altre parole «Il mantenimento definitivo della Guardia di Finanza ad Amantea è un bene per tutta la comunità e ne conferma il ruolo fondamentale sul territorio».

Nella nota il M5s rivendica che : «Con atti specifici e mediazioni politiche, il Movimento 5stelle ha fatto la sua parte per assicurare la presenza dei finanzieri sul posto.

A riguardo nei mesi scorsi, anche insieme al senatore 5stelle Nicola Morra, abbiamo dialogato con più vertici istituzionali, con questi mantenendo uno spirito di aperta collaborazione pur davanti ad alcune visioni divergenti».

Poi l’invito agli amanteani «La città di Amantea deve trovare nuovo coraggio per affrontare i problemi causati da un lungo dominio politico e da gestioni che hanno prodotto dissesto finanziario, diseguaglianze ed emigrazione».

Poi la conclusione : «Oltretutto come insegnano, tra gli altri, i procuratori Nicola Gratteri, Federico Cafiero De Raho e Pierpaolo Bruni, oggi la criminalità si annida spesso nelle amministrazioni pubbliche, attraverso appoggi di palazzo.

In un’area come quella di Amantea, in attesa di risposte forti, è allora indispensabile il lavoro dei finanzieri.

Servirà pure una convinta aggregazione civile al fine di costruire un percorso di concreta emancipazione politica e sociale»

E’ vero! La notizia è certa anche se ancora ufficiosa.

La Guardia di Finanza resta ad Amantea.

 

La notizia ci è arrivata da due fonti.

La prima dal comune che sembra abbia ricevuto una formale rassicurazione da parte degli uffici del comando provinciale.

La seconda da Francesca Menichino, candidata alle elezioni amministrative con il simbolo del Movimento 5 Stelle.

 

Niente da parte dei (grandi) politici che pur si sono tanto vantati di aver operato perché Amantea conservasse questo importante presidio di legalità e di sicurezza.

Un fatto importante e favorevole non solo per Amantea ma anche per i comuni di Aiello Calabro, Cleto, Lago, Longobardi, Belmonte Calabro, San Pietro in Amantea, Serra D'aiello che insieme ad Amantea rientrano nel territorio di competenza della Guardia di Finanza di Amantea.

Ricordiamo che Francesca Menichino Sante Mazzei, Concetta Veltri, Miriam Bruno, Sergio Ruggiero, Sergio Tempo e Alessandro Salvatore firmarono la richiesta di un consiglio comunale aperto e urgente sul futuro della Guardia di Finanza di Amantea e delle altre forze dell'ordine nell'area di riferimento.

Consiglio che non si tenne per via dello scioglimento della giunta Sabatino.

Al consiglio avrebbero dovuto partecipare sia il colonnello della Finanza Marco Grazioli , sia il comandante dei Carabinieri, Fabio Ottaviani, «al fine di comprendere in che modo verrà garantita la legalità sul territorio”

Ieri come oggi, la sicurezza e il controllo del territorio di Amantea sono fondamentali e irrinunciabili.

Per sostenere l'economia, infatti, occorre una tutela forte della legalità e degli interessi dei cittadini.

Paola. Anche Rolex tra gli ottocento capi contraffatti o pericolosi per la salute del consumatore sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza nel corso della Fiera di San Francesco a Paola.

 

Gli articoli sequestrati sono stati realizzati con materiali di scarsa qualità e sono risultati pericolosi poiché gli acquirenti, utilizzandoli, sarebbero stati esposti al rischio di contrarre infezioni cutanee.

 

I finanzieri hanno anche emesso 70 verbali per la mancata emissione di scontrini fiscali e denunciato un immigrato clandestino.

Come detto tra i beni sequestrati figurano borse, occhiali, orologi (fra i quali "Rolex") ed altri capi d'abbigliamento recanti illegittimamente marchi registrati e griffe di note case produttrici, e prodotti tenuti in violazione del Codice del consumo in quanto sprovvisti delle etichette contenenti le indicazione sulla composizione merceologica e sul produttore. (Ansa)

 

Questi i risultati del “Dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti provinciale” attuato dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Cosenza.

Con l’obiettivo di rendere maggiormente proiettata sul territorio litoraneo paolano l’azione del Corpo mirata alla prevenzione e al contrasto ai traffici illeciti, in particolare la commercializzazione di beni contraffatti.

Un dispositivo strategico quello posto in essere dalla Guardia di Finanza iniziato attraverso controlli esterni presso i “punti strategici”, ovvero svincoli stradali, autostazioni e stazione ferroviaria della Città di Paola

 

E successivamente con controlli interni all’area interessata dalla tradizionale Fiera di San Francesco.

Pattuglie automontate ed appiedate,quindi, sono state impiegate in servizi di appostamento, perlustrazione, osservazione e attuazione di posti di controllo

Nel corso delle attività è stato altresì individuato, fra i commercianti, un immigrato risultato essere clandestino, il quale è stato denunciato all’A.G. e segnalato alla questura di Cosenza per gli adempimenti di competenza.

Ed i risultati si vedono!

Pubblicato in Paola
Pagina 1 di 8
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy