BANNER-ALTO2
A+ A A-

118Erano da poco passate le 19:00 quando a Paola, sulla strada statale 18, difronte Marcelli Revisioni, l’elisoccorso é dovuto atterrare per soccorrere un giovane ragazzo, insieme alla consueta ambulanza del 118.

Non sono chiare dinamiche e cause che hanno reso necessario l’intervento del soccorso aereo, ma sarebbe al momento, da escludere alcun tipo di incidente stradale. Potrebbe ipotizzarsi un malore, o un grave trauma, probabilmente riportato sul posto di lavoro.

Sul posto sono presenti gli agenti della Polizia di Stato. Traffico bloccato in entrambi i sensi.

Seguono aggiornamenti

Fonte notizia pillamaro.it

Pubblicato in Paola

San-Francesco-di-Paola-MessinaCOSENZA – E’ stata decisa la data ufficiale della chiusura della galleria Santomarco. Il tunnel che collega Paola a Cosenza sarà interdetto al transito dopo la festa di San Francesco di Paola. La data di inizio dei lavori è posticipata al 6 maggio con termine previsto al 23 giugno. Ad annunciarlo una nota inoltrata dalla Regione Calabria al Comitato dei Pendolari Alto Tirreno. «Nella riunione del 21 marzo, in cui uno dei punti all’ordine del giorno era relativo alla prossima chiusura per lavori sulla Galleria Santomarco della linea ferroviaria Sibari-Paola, – si legge nella lettera inoltrata dalla Struttura Speciale dell’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria – era stato affrontato anche il tema della data in cui tale interruzione dovesse avvenire. Era stato richiesto dal Sindaco di Paola che tali lavori fossero effettuati in modo da non intralciare lo svolgimento dei festeggiamenti civili e religiosi relativi al V centenario della canonizzazione di San Francesco di Paola, patrono di Calabria, che avverranno nella settimana tra 29 aprile e 5 maggio, per i quali sono attesi a Paola numerosi turisti provenienti da tutta Italia e anche dall’estero.

L’Assessore Musmanno aveva fatto propria tale richiesta e, dato che nel corso della riunione i rappresentanti di RFI al Tavolo avevano chiarito di non poter prendere una immediata decisione in merito, aveva annunciato ai partecipanti alla riunione la volontà di interessare della questione l’AD di RFI e i dirigenti degli uffici competenti di RFI, MIT e Trenitalia. L’Assessore Musmanno aveva scritto dunque il giorno dopo la riunione una nota ufficiale indirizzata al Direttore Generale per il Trasporto e le Infrastrutture Ferroviarie del MIT, all’AD di RFI, al Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI, al Responsabile sviluppo e commercializzazione territoriale area sud-ovest di RFI, al Direttore circolazione area Salerno-Reggio Calabria di RFI e al Direttore Regionale Calabria di Trenitalia. Nella nota si chiedeva di posporre l’inizio dei lavori subito a valle della suddetta settimana di festeggiamenti. Successivamente l’Assessore Musmanno si era preoccupato di interloquire con alcuni destinatari della citata nota in modo che fosse garantito che la richiesta fosse presa con la giusta e dovuta considerazione. Abbiamo appena ricevuto telefonicamente conferma che la richiesta è stata accolta pertanto la data di inizio dei lavori sulla Galleria Santomarco è posticipata al 6 maggio con termine previsto di tali operazioni pari al 23 giugno».

fonte notizia quicosenza.it

Pubblicato in Cosenza

francesco-paolaStanti le indiscrezioni emerse in merito alle tempistiche riservate ai lavori di cui sarà oggetto la galleria ferroviaria “Santomarco”, pare che la Regione Calabria abbia predisposto un iter diverso da quello paventato in precedenza.

In questa seconda “programmazione”, la pausa prevista per consentire il collegamento su binari tra il tirreno cosentino e l’entroterra durante i giorni riservati ai Solenni Festeggiamenti di San Francesco di Paola (di cui quest’anno ricorre il cinquecentenario della Canonizzazione), non sarebbe più garantita, perché le opere di manutenzione seguirebbero un altro tipo di calendario.

La data di inizio dei lavori precedentemente stabilita da Rfi, era stata fissata all’8 di Aprile ma, dopo un intervento della Regione, sarebbe stata spostata sul finire dello stesso mese, senza mettere in conto alcuna pausa funzionale a garantire il tradizionale afflusso di pellegrini che, dall’hinterland e dal capoluogo, giungono annualmente in massa nella città del Santo. Messa al corrente della notizia, l’Amministrazione Comunale di Paola si è rivolta immediatamente ai diretti interessati, facendo partire una richiesta di incontro urgente rivolta sia all’assessorato regionale alle infrastrutture, sia alla direzione territoriale “RFI Calabria”, anticipando «sconcerto per la decisione assunta» e indisponibilità «a fornire alcun tipo di collaborazione in merito, senza una preventiva consultazione tra le parti».

fonte notizia

Pubblicato in Paola

paolaPaola-Sabato16 Febbraio, alle ore 18:00 nell'aula consiliare "F.Lo Giudice" del complesso Sant’Agostino, lo scrittore paolano Carmelo Olivella presenterà il suo nuovo libro dal titolo "NELLE TASCHE DEGLI UOMINI"
Il libro,edito dalla casa editrice romana "PAV EDIZIONI", narra le vicende fantastiche di alcuni oggetti presenti nelle tasche degli uomini di alcuni decenni fa.
Oggetti a cui l’autore da’ voce e sentimenti regalandogli una vita ed una storia.
L’introduzione al libro è del giornalista e scrittore Martino Ciano.
  Lo stesso Ciano interverrà sabato 16, insieme agli editori romani, al sindaco di Paola, Roberto Perrotta ed al sociologo Cosimo De Tommaso.
La presentazione del libro di Olivella sarà presentata e coordinata dal giornalista Alessandro Pagliaro.

Pubblicato in Paola

Paola-Cetraro. Operava le ritenute alla fonte per i propri lavoratori e collaboratori, ma non le versava all'Erario.

Per questo, un imprenditore della provincia di Cosenza è stato denunciato per il reato di omesso versamento di ritenute dovute o certificate, con il conseguente sequestro di 471mila euro.

In azione i finanzieri della Compagnia di Paola e della Tenenza di Cetraro che hanno eseguito il sequestro preventivo, anche per equivalente, di beni emesso dal gip di Paola, Rosamaria Mesiti, su richiesta del procuratore Pierpaolo Bruni e del sostituto Maurizio De Franchis.

E' stato scoperto che una società attiva nel settore medico, sebbene nel 2014 operasse le ritenute per i propri lavoratori e collaboratori, poi non provvedeva a versarle al Fisco, determinando così un'evasione fiscale.

Ndr La GdF comincia a toccare il settore medico che nasconde i più grandi evasori. Un buon segno, ma c’è ancora tanto da scoprire….

Dice Luigi Rubino: “Abbiamo fatto una guerra contro i photored di Amantea che, se è vero, portavano utili economici al comune, disabituavano, però, i nostri storici ed affezionati utenti commerciali a venire il più possibile nella nostra città ed a servirsi del nostro sistema commerciale.

 

Anzi, del “loro” sistema commerciale, visto che Amantea ha sempre avuto fortissima attenzione e grande ospitalità per i propri clienti ed operato perché non perdessero la bellissima abitudine ed il piacere di venire a fare acquisti nella nostra cittadina.

Avevamo totalmente ragione.

Piano, piano, infatti i nostri utenti si sono stancati di pagare le salate contravvenzioni per ogni lieve disattenzione nel rispetto delle indicazioni semaforiche.

Bastava una frazione di secondo.

Ed ora tutto il sistema economico amanteano, ad iniziare da quello commerciale, ne paga le conseguenze.

Fatta eccezione, in qualche modo, per il sabato e la domenica, Amantea non è più ricercata dai clienti cosentini, lametini, paolani per la innegabile qualità dei suoi prodotti commerciali, per l’ottimo rapporto qualità prezzo, per i suoi servizi di ristorazione, per il suo centro storico e per gli altri innegabili attrattori.

Ed in gran parte tutto questo è stato dovuto ai photored.

Ed ora che sono stati tolti è difficile riabituare alla frequentazione della città e del suo sistema commerciale.

Ed Amantea sta morendo, i suoi negozi stanno chiudendo o soffrono fortemente.

La stessa cosa sta per succedere a Paola per colpa dei Tutor che se portano utili economici al comune, disabituano, però, gli Amanteani e gli utenti del Basso Tirreno cosentino a frequentare la città del Santo.

Stanno arrivando centinaia di contravvenzioni agli automobilisti amanteani.

Quello che fa rabbia è che la gran parte di loro è gente che viaggia in direzione dell’ospedale di Paola e che si vede poi arrivare la contravvenzione magari per aver superato di pochissimo l’incomprensibile ed inaccettabile limite di settanta kmh, anche quando la strada è totalmente libera.

Invitiamo il comune di Paola ad eliminare i tutor, l’Anas a revocare la autorizzazione al loro impianto, il Prefetto a prendere atto che tutor piazzati poco prima dell’ospedale non appaiono certamente una cosa giusta per chi sta andando a trovare i propri cari per portare loro aiuto.

E poi sono di una disparità inaccettabile per la utenza che abita a nord di Paola.

Perché i tutor sono stati piazzati a sud e penalizzano solo chi viene da Amantea?

Non finisce qui.....

Pubblicato in Amantea Futura

E’ arrivato a Paola oggi 18 ottobre il Venerato Quadro Pellegrino della Madonna del Rosario di Pompei, un evento questo molto atteso per la devozione che i paolani nutrono nei confronti della Madre Celeste.

Il quadro che è giunto direttamente dal Santuario di Pompeied è arrivato alle ore 16.30, accolto in Piazza del Popolo

 

La organizzazione è stata messa in atto dalla comunità parrocchiale Santa Caterina V. M. e dal parroco Bruno Di Domenico.

Il quadro della Madonna è stato accompagnato dall’arcivescovo di Pompei Tommaso Caputo che ha trovato ad accoglierlo l’Arcivescovo di Cosenza Francesco Nolè ed il sindaco della città di Paola, Roberto Perrotta.

Subito dopo la cerimonia d’arrivo l’effigie della Madonna è stata portata in processione nella vicina Chiesa del Rosario per la celebrazione della Santa messa presieduta dai due arcivescovi.

L’effigie rimarrà in Paola fino a domenica 21 ottobre

Durante la sua permanenza saranno celebrate una serie di funzioni religiose, preghiere, e concerti che inizieranno dalle ore 8 del mattino fino a tarda sera.

La macchina organizzativa messa in piedi per l’occasione da don Bruno Di Domenico ha divulgato il programma che i fedeli potranno visionare direttamente in chiesa e nelle bacheche della città oppure sulla pagina Facebook della chiesa del Rosario di Paola.

Nel mirino della Guardia di Finanza una società attiva nel settore pubblicitario, che non avrebbe dichiarato quattro milioni e mezzo di euro di ricavi, evadendo le imposte per oltre un milione e 300mila euro

Due persone sono state denunciate dai finanzieri di Paola

 

che hanno scoperto una società attiva nel settore pubblicitario che avrebbe evaso il Fisco, non presentando dal 2013, alcuna dichiarazione dei redditi pur avendo conseguito ricavi per 4,5 milioni di euro.

L’impresa “fantasma”, dopo essere stata particolarmente attiva nel territorio cosentino ed aver cambiato negli anni diversi amministratori e sede, spostando quest’ultima da una città ad un’altra, dall’anno 2013 non ha più presentato le dichiarazioni fiscali ed è stata posta in liquidazione, così evadendo rilevanti imposte a danno dell’Erario pari ad oltre 1,3 milioni di euro.

Negli ultimi tre anni la società ha fatto anche importanti investimenti, tra cui l’acquisito di un immobile e di diverse autovetture, alcune di rilevante valore.

Nonostante la scarsa documentazione amministrativa e contabile a disposizione, i Finanzieri hanno ricostruito, grazie ad una mirata serie di riscontri effettuati nei confronti di numerosi operatori commerciali del settore, la reale posizione fiscale del contribuente, le vendite effettuate e gli utili conseguiti.

Al termine della verifica fiscale è stata rilevata, quindi, la mancata dichiarazione di ricavi per 4,5 milioni di euro e sono state calcolate imposte evase per oltre 1,3 milioni di euro.

Inoltre sono state denunciati due amministratori all’Autorità Giudiziaria, per la commissione dei reati di “Omessa dichiarazione” e “Occultamento o distruzione di documenti contabili”, i quali ora rischiano anche la reclusione fino a sei anni.

Pubblicato in Alto Tirreno

La Compagnia della Guardia di Finanza di Paola (CS) ha scoperto un evasore, che dal 2012 non ha presentato alcuna dichiarazione dei redditi pur avendo conseguito ricavi per oltre 250 mila euro.

I finanzieri hanno smascherato la società “fantasma”,

 

operante nella provincia di Cosenza ed attiva nel settore della “fabbricazione di porte e finestre in legno”, grazie all‘individuazione “mirata“ del soggetto economico attraverso l’attività di controllo del territorio e l’utilizzo delle banche dati a disposizione della Guardia di Finanza, che complessivamente hanno consentito di sviluppare una specifica analisi di rischio e di rilevare significativi elementi di pericolosità sotto il profilo fiscale, originando una preordinata attività di controllo.

L’attività ispettiva è stata resa particolarmente difficoltosa a causa della parziale esibizione e consegna della documentazione contabile, da parte del contribuente sottoposto a controllo.

Ciononostante, anche attraverso riscontri effettuati nei confronti di numerosi operatori commerciali del settore, le Fiamme Gialle calabre hanno ricostruito la reale posizione fiscale della società, le vendite effettuate e gli utili conseguiti.

Nel corso del controllo, inoltre, è emerso che la società aveva svolto anche l’attività commerciale di “vendita di prodotti per la casa, l’igiene intima, detersivi, etc.”, la quale però non era stata dichiarata al Fisco.

Le fatture di vendita acquisite hanno consentito di calcolare anche i ricavi derivanti da quest’ultima attività “nascosta”.

Al termine del controllo fiscale è stata rilevata, quindi, la mancata dichiarazione di ricavi per 250 mila euro e sono state calcolate imposte evase per circa 67 mila euro. Inoltre, l’amministratore e legale rappresentante della società è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria, per la commissione del reato di “Occultamento o distruzione di documenti contabili” ed ora rischia anche la reclusione fino a sei anni.

Prosegue l’attività da parte della Guardia di Finanza calabrese a tutela dei cittadini e degli imprenditori onesti, al fine di evitare sleali ed illecite concorrenze che sfruttano e si basano su comportamenti illeciti per avvantaggiarsi sul mercato a scapito degli operatori corretti.

Pubblicato in Paola

Incidente senza particolari conseguenze ieri a Paola.

Grazie al tempestivo intervento del macchinista di turno sul treno merci 78861 diretto da Paola a San Ferdinando è stato scongiurato il peggio.

 

 

Uno dei vagoni infatti intorno alle 7:20 è fuoriuscito dai binari dopo essere partito dalla stazione ed aver percorso pochi metri.

Ad evitare che il deragliamento potesse ingolfare il traffico ferroviario o nell’ipotesi più pessimistica provocare feriti, è stato il macchinista che ha interrotto immediatamente la corsa.

Il recupero del convoglio finito fuori dalle rotaie ha comportato diverse ore di lavoro ed è terminato intorno alle 12:00 senza però influire sulla regolare circolazione dei treni in quanto si trovava in un binario a sé stante.

Intanto è ancora in corso l’inchiesta diretta dalla Procura di Paola con a capo il procuratore Pierpaolo Bruni sullo svio del treno regionale Paola – Cosenza con a bordo 100 persone avvenuto lo scorso dicembre nella galleria Santomarco.

Pubblicato in Paola
Pagina 1 di 17
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy